Creato da: psicologiaforense il 14/01/2006
finchè vita non vi separi
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 794
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Contatta l'autore

Nickname: psicologiaforense
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 59
Prov: PD
 

umorismo e satira

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 794
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 
« PASQUA 2010, CURIOSITA'...SANTI LICHERI, PASQUA 2... »

PASQUA INFELICISSIMA, BERGAMO, MALA SORTE, MORTI VIVENTI, FARMACI, MOBILITA', DISOCCUPAZIONE, BUROCRAZIA IDIOTA

Post n°3967 pubblicato il 04 Aprile 2010 da psicologiaforense

PASQUA 2010: perde il lavoro, gli negano i farmaci salvavita, risulta deceduto

 

MARIO PELUCCHI, CITTADINO DI BERGAMO,  HA TRASCORSO UNA PASQUA DAVVERO SINGOLARE

A Bergamo un uomo nell'arco di poche ore è stato prima messo in mobilità al lavoro, poi gli sono stati negati dei medicinali perché... era morto. Si tratta di un errore della burocrazia sanitaria che avrebbe potuto avere gravi conseguenze per Mario Pelucchi che, con quella morte scritta sui documenti, aveva perso il diritto all'acquisto dei farmaci salvavita. All'errore è stato posto rimedio poco dopo, senza conseguenze.
La moglie del protagonista involontario di questa storia, quando è andata in farmacia a ritirare le medicine per l'uomo, e alla farmacista è apparso sul computer che il malato non aveva più diritto ai medicinali perchè deceduto è rimasta a dir poco sbigottita. Nel frattempo la giornata per Mario Pelucchi era iniziata male visto che dall'azienda gli avevano comunicato che lo avevano messo in mobilità per i venti mesi che lo separano dalla pensione.
Per questo l'uomo si era rivolto alla Asl e aveva scoperto che  per errore era stata disattivata la sua sua carta regionale dei servizi in quanto defunto.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog