Creato da ramio49 il 27/03/2010

food and health

Cucina Alimentazione e Salute

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

 

DIARIO DI UNA DIETA

Post n°15 pubblicato il 24 Maggio 2011 da ramio49
 

Diario di una dieta

Ovvero:

come ho perso 27 kili in 30 settimane

e come cercherò di non riprenderli più

 

Ottobre 2010

 

Ho 60 anni sono alto 1 metro e 73 centimetri e peso 109 kili.

Oggi ho ritirato le analisi del mio checkup annuale: un disastro! Colesterolo e trigliceridi ben sopra la norma e poi uricemia e ipertensione arteriosa. Come se non bastasse acciacchi vari mi tormentano quotidianamente: faccio fatica a fare le scale, mi fanno male le ginocchia e la schiena, e almeno due volte l’anno degli attacchi improvvisi di gotta mi costringono all’immobilità per giorni, tormentandomi con dolori lancinanti da far piangere.

 

Esteticamente sono inguardabile e sono anni che non mi piaccio più; e se non mi piaccio io figuriamoci se posso piacere agli altri! Che fatica vestirsi in modo presentabile: niente di quello che compro mi calza in modo adeguato e per quanto spenda il mio aspetto è sempre e comunque trasandato.

 

Inevitabilmente tutto questo pesa enormemente sul mio stato psichico. Sono depresso, sempre insoddisfatto, irascibile e, data la mia natura introversa, sempre più solo.

 

Mia moglie nonostante tutto mi vuole bene ed a modo suo cerca di spronarmi a ché io cerchi una soluzione a questo status, ma lo fa rimproverandomi continuamente e questo non fa che peggiorare le cose: “non mangiare questo”, “non mangiare quello”.. “sei un porco; fai schifo!”.

 

Basta!

 

Perché sono grasso ? Non ho disfunzioni ormonali né patologie cliniche che giustifichino il mio sovrappeso, dunque il motivo è uno solo: mangio troppo e male ed inoltre mi muovo veramente poco.

 

Ma quanto sono “ciccione” ? Internet è la mia salvezza: c’è da studiare e tanto sull’argomento dieta e salute e così decido di iniziare proprio studiando. Adotto un metodo empirico ma efficace nel ricercare articoli e documentazione, ovvero leggo su uno stesso argomento estratti da vari siti e filtro le informazioni prendendo in considerazione solo quelle più ricorrenti e qualificate, soprattutto evito i siti che vendono prodotti dietetici perché ritengo che il loro scopo sia vendere e la salute di che legge è solo un elemento secondario.

 

C’è un calcolo semplice ed universalmente riconosciuto che mi può dare un’indicazione attendibile sulla mia obesità: Si chiama BMI (acronimo inglese del termine Body Mass Index) o, nel corrispondente italiano IMC (Indice di Massa Corporea). Il BMI si calcola molto semplicemente da peso ed altezza in questo modo:

               Peso (Kg)

BMI   =    ----------------------

                    Altezza (metri)2

 

Nel mio caso, dunque: BMI = 109 / (1,73)2 = 36,4

 

Vediamo che cosa dicono le tabelle; ne trovo due: la prima mi fornisce anche un fattore di rischio di malattie cardiovascolari in funzione del BMI e del giro vita

 

tabella del BMI erelazione giro vita - rischio malattie cardio vascolari

 

La seconda è una sorta di abaco che da il risultato in forma grafica. Ovviamente il risultato non cambia: il mio 36,4 di BMI mi pone tra gli obesi di secondo grado ed il mio giro vita di ben 122 cm. Tra le persone a rischio molto alto di malattie cardiovascolari

 

Grafico del BMI

 

 

E come se non bastasse, anche la mia aspettativa di vita, in queste condizioni, è ridotta di circa 7 anni rispetto alla media

 

aspettativa di vita

 

Che dire ! Non è terrificante ?

 

Ma può il solo BMI essere indicativo di uno stato di forma fisica ? Il dubbio è legittimo perché, estremizzando gli esempi per rendere più comprensibile il ragionamento, un atleta e un impiegato di banca possono avere lo stesso BMI (anche stessa altezza e stesso peso) e risultare in sovrappeso o addirittura in leggera obesità ? Certamente si; il primo concentra il suo peso in una massa muscolare sviluppata e concentrata negli arti e nel tronco, il secondo, invece, presenta una quantità in eccesso di grasso concentrato intorno alla vita.

 

E’ evidente che bisogna andare oltre nello studio e così scopro il concetto di “massa grassa” definita come la percentuale di peso corporeo costituita dal solo grasso. Uomo e donna ideali hanno masse grasse differenti ed assai maggiore è quella della donna. Negli adulti, l’età poco influenza i valori teorici di massa grassa, tuttavia nell’anziano la percentuale di grassi corporei è decisamente superiore rispetto a quella dei ventenni.

 

Non è stato facile trovare dati che mettessero in relazione età e massa grassa ma alla fine, dopo aver analizzato formule e tabelle, ho estrapolato questi diagrammi distinti per uomo e donna.

massa grassa donne

massa grassa uomini

 

Questi diagrammi si riferiscono a soggetti medi ossia persone che conducono una vita praticando una moderata attività fisica.

 

E’ stato facile determinare il mio valore ideale di percentuale di massa grassa che, nel mio caso, è risultato compreso tra il 18 ed i 20%; ben più difficile è stato invece risolvere il problema della determinazione del mio stato. Quanta massa grassa ha il mio corpo ? Come faccio e determinarla ?

 

La bibliografia mi chiarisce subito che ho due sole alternative: il calcolo e la misurazione. Ovviamente il calcolo è l’approccio più semplice ed è per questo che opto almeno inizialmente. Scopro subito che un algoritmo basato sulla determinazione di fattori fisici facilmente misurabili quali dimensioni e pesi parte da un presupposto non necessariamente sempre valido, ossia che la massa grassa in eccesso tende ad accumularsi negli uomini intorno all’addome e nelle donne all’altezza dei glutei. La formula matematica che permette di calcolare la massa grassa più attendibile che ho trovato è la seguente:

 

Uomini FM (%) = 495 / (1.0324 - 0.19077 (Log(vita-collo)) + 0.15456 (Log(statura))-450

 

Dove Log è il logaritmo in base 10, vita collo e statura sono dimensioni espresse in cm.

Per il calcolo occorre una calcolatrice scientifica o più semplicemente un foglio di calcolo tipo excel. Applicando alla formula le mie misure attuali ottengo una percentuale di massa grassa pari al 37,5% !!

 

Valutazione

Uomini

Donne

Peso minimo, pericolo per la salute

2% - 4%

10% - 12%

Forma atletica

6% - 13%

14% - 20%

Buono stato di fitness

14% - 17%

21% - 24%

Al di sopra della media

18% - 25%

25% - 31%

Obesità

> di 26%

> di 32%

 

La tabella qui sopra indica come valutare i risultati; considerata l’età e la curva precedente un valore per me accettabile dovrebbe essere compreso tra il 16 ed il 19%

 

 
 
 

Prof. Cappello: i conti non tornano

Post n°14 pubblicato il 26 Settembre 2010 da ramio49
 
Foto di ramio49

Oggi voglio parlare di diete ed in particolare della NEC, Nutrizione Enterale Chetogena, realizzata dal dott. Gianfranco Cappello, professore di Chirurgia generale all’Università La Sapienza di Roma.

Non voglio in questa sede esprimere un giudizio ma manifestare le mie perplessità che mi portano a concludere l'asserzione fatta nel titolo di questo post: I CONTI NON TORNANO.

Sono partito dalla conclusione del mio ragionamento, ma ora voglio procedere nel giusto ordine. Innanzi tutto faccio una brevissima premessa per chi non conoscesse l'argomento, illustrando brevemente in cosa consiste la dieta.

La dieta NEC si basa sulla chetogenesi,  il fenomeno che si verifica nell’organismo quando lo si priva degli zuccheri necessari. In queste condizioni, l’organismo è costretto a bruciare grassi e dunque a dimagrire.
Partendo da questo presupposto, il Dott. Gianfranco Cappello ha elaborato un liquido da bere per 10 giorni che va portato in uno speciale zainetto dotato di sondino naso gastrico da indossare sempre. Il liquido altro non è che una soluzione nutrizionale composta da calcio, potassio, fosforo, sodio,  sieroproteine del latte e magnesio. Durante i 10 giorni di somministrazione, si può ingerire solo acqua, tè e caffè senza zucchero e camomilla.
I risultati sembra siano miracolosi. Si parla di una perdita di peso dell' 1% al giorno che per una persona di 100 Kg di peso corporeo corrispondono a circa 10 kg.!!!

Non voglio entrare in merito ai risvolti clinici ed alle conseguenze sul fisico che la dieta, suggerisce. Molti illustri nutrizionisti, medici ed esperti di ogni genere hanno espresso la loro opinione e non sono mancate le voci che nel coro si sono schierate tra i contrari.

Aggiungerò la mia voce a quella degli scettici argomentando con un ragionamento che solo marginalmente è tecnico e che tutti sono in grado di comprendere.

Come tutti sappiamo, il nostro corpo necessita di energia ed ogni giorno ne richiede una quantità variabile in funzione di numerosi fattori. Questa energia per cosuetudine la misuriamo in Kcalorie. Al cibo che quotidianamente ingeriamo per fornire questa energia attribuiamo la stessa unità di misura. Gli elementi del cibo che contribuiscono all'apporto calorico sono sostanzialmente tre: i lipidi - o grassi, le proteine ed i carboidrati.

Teniamo bene in mente questo assioma: perchè il nostro organismo "lavori" normalmente, tanto consuma, tanto dobbiamo reintegrare. Se "integriamo" in eccesso si ingrassa, nel caso contrario, si dimagrisce.

Ed ora vengo al punto.

Prendiamo ad esempio un soggetto di sesso maschile, peso corporeo 100 kg., altezza 175 cm, circonferenza dell'addome 110 cm, normotipo, 50 anni di età.
Questa persona è decisamente obesa: il suo peso ideale dovrebbe essere di 73 Kg, ossia ben 27 Kg. in meno; il suo indice di massa corporea è di 32,6 (normale sarebbe 22) e la percentuale di massa grassa è di oltre il 30% (normale sarebbe del 19%). Questo nostro signore di mezza età fa una vita piuttosto sedentaria e per tutto questo richiede un'alimentazione che apporti al suo organismo un'energia pari a 2290 Kcal possibilmente suddivise tra l'equivalente di 305 gr. di carboidrati, 143 gr. di proteine e 62 gr. di grassi.

Il nostro dott. Cappello afferma che la sua dieta brucia solo i grassi preservando i muscoli. Ed allora partiamo da un'asserzione totalmente assurda.

Supponiamo che, senza alcuna conseguenza per il proprio organismo, il nostro signore nell'esempio, non mangi assolutamente nulla per 10 giorni, e che pur continuando la sua normale attività sedentaria, miracolosamente perda 9,6 Kg del suo peso ossia l'1% al giorno. Stiamo supponendo una situazione ben peggiore di quella proposta dalla dieta in quanto l'apporto calorico giornaliero è ZERO.

Ed ora i conti: 9,6 Kg di grasso corrispondono in energia a 87.360 Kcal ossia a 8.736 Kcal al giorno (1 grammo di grasso apporta 9,1 Kcal di energia all'organismo)

Come fa, caro professore, un organismo che richiede solo 2.290 kcal a consumarne quasi il triplo ? Un febbrone da vavallo ? Un metabolismo impazzito ? Grassi che spontaneamente si disciolgono e sono evaquati ?

NO CARO PROFESSORE: I CONTI PROPRIO NON TORNANO !

Il nostro soggetto nella stessa assurda ipotesi appena fatta non può perdere più di 2 Kg e 1/2 - sempre che la salute lo sostenga !!

 
 
 

ROMA sposa le tradizioni della Sicilia

Post n°13 pubblicato il 12 Settembre 2010 da ramio49
 
Foto di ramio49

 

FARFALLE CON ZUCCHINE CAPPERI OLIVE E PECORINO (MARIO)

---------------------------------------------

ingredientiper 4 persone:

- 400 gr. di pasta di semola tipo farfalle

- 4 zucchine verdi romanesche

- 50 gr di pecorino romano

- 8 olive verdi piccanti

- una manciata di prezzemolo

- uno/due spicchio di aglio

- qualche cappero sotto sale

- sale

- pepe

- peperoncino

- olio extra vergine di oliva

---------------------------------------------

Un piatto semplice ma di grande carattere e dai sapori decisi.

Iniziamo con il preparare le zucchine. La loro cottura dovrà essere tale da ben colorarle di bruno ma devono rimanere abbastanza croccanti.zucchine romanesche

Per questo motivo elimineremo dall'ortaggio le sue parti più ricche d'acqua.

Tagliate le zucchine longitudinalmente partendo da uno dei bordi; icon quattro tagli dovrete ricavare un nocciolo a sezione quadrata completamente bianco perchè tutto il verde dovrà rimanere nelle quattro parti tagliate.

Gettate pure via questo nocciolo perchè è poverissimo di sapori e costituito per la maggior parte d'acqua.

Tagliate le zucchine a bastoncino di spessore 3 o 4 millimetri diagonalmente rispetto ai pezzi preparati; dovrete ottenere dei fiammiferi di 2-4 cm di lunghezza.

In una padella con olio caldo fate rosolare due spicchi d'aglio vestito e del peperoncino fresco. Eliminate l'aglio quando avrà preso colore ed aggiungete le zucchine, qualche cappero dissalato e le olive denocciolate e tagliate in piccoli pezzi.

Farete saltare le zucchine in padelle fino a farle dorare.

Nel frattempo mettete a cuocere la pasta. Questa dovrà essere di ottima qualità e con tempi di cottura prossimi o superiori ai 15 minuti.farfalle

Preparate pure un trito finissimo con il prezzemolo e con il pecorino che taglierete a coltello in piccolissimi pezzi. Dovrete scegliere rigorosamente un pecorino romano (crosta nera) di qualità e abbastanza morbido da risultare docilissimo al taglio.pecorino romano

Quando la pasta avrà raggiunto i 2/3 del suo tempo di cottura (10 minuti) aggiungetela alle zucchine e fate continuare la cottura nella padella dove, con cura e pazienza, manterrete umida la salsa con l'aggiunta di acqua calda di cottura.

Alla fine aggiungete alla padella il trito di pecorino e prezzemolo e subito spegnete la fiamma.

Ancora un minuto saltandola in padella e la pasta sarà pronta.

Servitela in un ampio piatto piano e cospargetene il solo bordo con pepe nero macinato al momento. Il pepe farà sentire il suo profumo ma non entrerà nella pasta.

 

 

 
 
 

PASTA PAZZA ALL'ACQUA PAZZA

Foto di ramio49

PASTA PAZZA ALL'ACQUA PAZZA
---------------------------------------------
Ingredienti per 4 persone:
- 400 g pasta mista spezzata di Gragnano
- 1 lt fumetto di pesce
- 12 pomodori datterini
- olio extra vergine di oliva
- peperoncino rosso fresco
- 1 scalogno
- sale
- prezzemolo
---------------------------------------------
Il fumetto di pesce è sempre abbondante e ne avanza quasi sempre. Perchè gettarlo via! Si conserva bene qualche giorno in frigorifero e allora usiamolo per un primo piatto veloce e poco impegnativo, ma assai, assai gustoso.
Nella padella calda mettete l'olio il peperoncino e lo scalogno tritati e quasi subito i pomodori datterini tagliati in quarti. Aspettate qualche minuto che i pomodori inizino a rapprendersi ed a questo punto aggiungete qualche cucchiaio di fumetto e salate.
Ora mettete in padella la pasta cruda e pian piano allungate con un mestolo di brodo fino a portarla a cottura. Dovrete cuocerla quasi come fosse un risotto avendo cura che sia sempre molto fluida e che solo alla fine si addensi un poco. Il consiglio è quello di scegliere una pasta di ottima qualità in quanto questo tipo di cottura lo esige. La pasta mista spezzata ha la caratteristica che, una volta cotta, risulterà al palato disomogenea in consistenza, ma questò è proprio l'effetto voluto.
Prima di impiattare spolverate con prezzemolo tritato direttamente in padella, girate un paio di volte e servite subito.

Ed ora, per chi non avesse familiarità con il fumetto di pesce, eccovene un esempio:

FUMETTO DI PESCE
---------------------------------------------
ingredienti per 4 persone:
- 1000 g  teste e lische di pesce vario
- 1  carota
- 1 costa  sedano
- 1  cipolla piccola
- olio d'oliva (o burro)
- sale
- pepe in grani
---------------------------------------------
-
E' un brodo di pesce concentrato. In una casseruola insaporite con una noce di burro o un po' d'olio le verdure tagliate a pezzetti, salate e unite qualche grano di pepe. Dopo alcuni minuti aggiungete un litro d'acqua tiepida, le lische e le teste dei pesci. Coprite, portate a bollore e schiumate se occorre. Abbassate la fiamma e fate sobbollire per circa 45 minuti. Il liquido deve ridursi della metà. Ritirate dal fuoco, lasciate intiepidire e filtrate al colino. Il fumetto serve per rafforzare il sapore dell'acqua di cottura del pesce bollito, dei risotti ai frutti di mare, di un sugo, di una salsa o di una zuppa di pesce. Lo si può realizzare con pochissima spesa ogni qualvolta si dispone di scarti di pesce acquistato per altre preparazioni.

 
 
 

Fettuccine con triglie mela verde ed erbe aromatiche

Post n°11 pubblicato il 29 Luglio 2010 da ramio49
 
Foto di ramio49

Questo piatto è nato per caso. Passando davanti al banco della pescheria i filetti pronti di triglia mi hanno subito attratto e senza sapre come le avrei cucinate le ho subito comprate.

La triglia è un pesce dal gusto deciso ma raffinato al tempo stesso. Subito ho pensato di realizzarne un primo piatto e per questo mi sono posto il problema di addolcire un poco quel leggero retrogusto amaro tipico della triglia. La mela era quello che faceva per me e ho lavorat su questa idea per comporre il piatto

Questo è quanto sono riuscito a produrre. Provatelo, vi assicuro che è fantastico !

FETTUCCINE CON TRIGLIE MELA VERDE ED ERBE AROATICHE (MARIO)
---------------------------------------------
ingredientiper 4 persone:
- 400 gr. di fettuccine all'uovo
- 600 gr. di fileti di triglia
- una mela verde
- una manciata di prezzemolo
- uno spicchio di aglio
- qualche foglia di basilico
- un poco di rosmarino verde
- qualche foglia di maggiorana
- 2 zucchine verdi
- sale
- pepe
- peperoncino
- olio extra vergine i oliva
- 1/2 bicchiere di vino bianco
---------------------------------------------
Fate un trito finissimo con l'aglio il peperoncino e tutte le erbe aromatiche.
Portare il trito in padella con olio extra vergine di oliva caldo e fate soffriggere debolmente.
Ancor prima che imbiondisca l'aglio aggiungete la mela mondata e tagliata in piccolissimi cubetti e la parte verde della zucchina tagliata come la mela.
Continuate ancora per uno o due minuti a soffriggere e qindi aggiungete il vino bianco e e fate sfumare.
Infine agiungete i filetti di triglia ai quali con cura avrete tolto tutte le spine.
Scolate molto al dente le fettuccine e portatele in padella ancora un minuto facendole saltare con la salsa.
Servite il piatto caldo decorandolo con pepe nero.

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

simpatico772MALAIKA75RedRamontetodsscavcioraffaella.liver2010pinuccia08rosamaria.arcuritrapani1iJMarty80gessica.sperandiogiovanni.picerni77geome0massimo.largonialex.esposito
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

TAG