Creato da: roy_14 il 12/07/2006
il mondo non può ascoltare

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

ctthsoelottershE.v.a_K.a.n.tfalco58dglcasabatteriabixythedrowninggirlshadows_on_hudson
 

Ultimi commenti

ictaluridae, whipparee, levitra los angeles cinetoplasm,...
Inviato da: ctthsoe
il 25/03/2009 alle 05:35
 
cavernoscopy, sclerose, cheap generic levitra without...
Inviato da: lottersh
il 25/03/2009 alle 05:35
 
grazie!
Inviato da: roy_14
il 13/07/2006 alle 08:46
 
"26.900" lire e "l'amore dura tre anni" tutti e due di...
Inviato da: thedrowninggirl
il 13/07/2006 alle 01:41
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

di tutte le cose che non potrò più...

Post n°15 pubblicato il 04 Agosto 2006 da roy_14
 
Tag: spine

Andare, o sorella, o fanciulla,
come sarebbe dolce,
laggiù andare (ci pensi?)
a vivere, tu e io!
Amare a sazietà
amare e morire
nel paese che ti rassomiglia!
I soli inumiditi
di quegli inquieti cieli pel mio spirito
hanno l’incanto così misterioso
dei tuoi occhi ingannevoli,
splendenti tra le lacrime.

Tutto, laggiù, è ordine e bellezza,
lusso, calma e voluttà.

Decorerebbero la nostra camera
mobili rilucenti
levigati dagli anni; e i fiori
più rari, che mischiano i loro
profumi ai sentori
vaganti dell’ambra.
I ricchi soffitti,
gli specchi profondi
e lo splendore orientale, tutto
parlerebbe in segreto alla nostra anima
la sua dolce lingua natìa.

Tutto, laggiù, è ordine e bellezza,
lusso, calma e voluttà.

Guarda: vedi su quei canali
vascelli dormire,
di umor vagabondo.
Perché sia pago perfino
Il minimo tuo desiderio
sono venuti in capo al mondo.
I soli declinanti
rivestono i campi, i canali,
la città intera di giacinto e d’oro.
Il mondo s’addormenta
In una calda luce.

Tutto, laggiù, è ordine e bellezza,
lusso, calma e voluttà.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

serata da star

Post n°14 pubblicato il 19 Luglio 2006 da roy_14
Foto di roy_14

Sono stato tra i primi ad arrivare.

Il parcheggio era ancora vuoto, solo tre o quattro macchine
erano arrivate prima della mia. Ero nervoso. Come sarebbe stata la prima volta
che lo vedevo dal vivo? Come sarebbe stato sentirlo cantare dal vivo?

Avevo una paura fottuta di rimanere deluso. Sarebbe crollata
una parte fondamentale della mia adolescenza, stiracchiata in questa attesa
fino a ieri? Si, perché finché non l’avessi visto dal vero sarebbe rimasto un
sogno, un’illusione, una promessa...

Ho visto un sacco di gente strana, tra i cinquanta e i
vent’anni, ma questo me l’aspettavo. Qualcuno, però, a vederlo/a così era
veramente strano/a, anche per me che di solito non mi formalizzo…

Sul palco un telone trasparente con la stampa del viso di
Oscar Wilde la dice lunga sulla moderazione del Nostro, comunque ci sta.

La cornice anche era appropriata. La villa cinquecentesca di
Codroipo abbraccia nel modo più consono la poesia che ha reso celebri tante
ballate e tanti pezzi quasi rock.

L’attesa, lunga, il ritardo, il concerto che non iniziava
più… C’è chi si fa la foto davanti al palco, chi fa un giro a prendere un paio
di birre, chi saluta chi, chi guarda il cielo che promette fulmini. Sul palco
una ragazzina spennacchiata che urla nel microfono pestando sulle tastiere,
accompagnata da un batterista, cercano di riscaldare un’atmosfera la cui
temperatura, per quanto mi riguardava, era già a livello di guardia.

Ad un certo punto un po’ di gente che un attimo prima stava
tranquillamente chiacchierando e scattando foto, si è letteralmente fiondata
addosso al palco urlando. Non ce l’ho fatta a rimanere seduto. Anzi, non ho
fatto neanche in tempo a pensare di rimanere seduto, in fondo, alla mia età,
non posso mica lasciarmi andare a scene d’isterismo tardo adolescenziale, no?
Niente, sono scattato in piedi, ho fatto un salto! Ma tutto troppo presto, non
era ancora uscito.

Mi sono visto, ero ridicolo, come una di quelle ragazzine
bionde e oche (non ho niente contro le bionde né, tanto meno, contro le oche,
sante, avercene…) che urlano isteriche ed eccitate al concerto dei Take That
(dico loro perché non so oggi chi sia di moda…) saltando per acchiappare al
volo una goccia di sudore dal loro idolo sul palco….

Eppure ero io.

La folla attorno al palco non ci pensava nemmeno a tornare a
sedere, finché, complice il buio che iniziava a calare, le luci che aumentavano
di intensità, i pezzi di sottofondo che inneggiavano ai vecchi tempi – cover
degli Smiths cantate molto bene da non so chi (in fondo sono molto ignorante) –
dietro al palco si è iniziata a percepire la concitazione dell’imminente
inizio.

Vederlo salire sul palco è stata veramente una bella
emozione. Pantaloni neri, camicia gialla, i capelli bianchi che si vedono anche
da qualche fila indietro, era lui, che ringraziava la “folla” per non essere
rimasta seduta sulle sedie di plastica, l’unica cosa che veramente stonava in
tutta l’ambientazione.

Quando, come seconda canzone in scaletta, ha intonato le
prime note di Panic sono definitivamente saltato in piedi, affanculo tutti
quelli che mi guardano e vaffanculo me che mi vergogno e non dovrei, a cantare
a squarciagola…

È incredibile, ho cantato Panic con Morrissey. Non credevo
che sarebbe successo. Se avessi potuto avrei agguantato io quella camicia
gialla, intrisa di sudore, lanciata sulle braccia tese davanti al palco.

È stato grande. Grande.

Durante tutto il concerto, ho cantato, ho riso e alla fine mi
sono commosso quando ha detto, prima di intonare l’ultima canzone: “Remember me
this way”.

Il concerto è durato un’oretta e un quarto, un’oretta e
mezza, non molto. Ma quando è finito sono tornato alla macchina galleggiando.
Ero sconvolto.

Non mi immaginavo che mi avrebbe fatto quest’effetto.

Morrissey dal vivo – non ci credo ancora di averlo visto
live – si è rivelato una sorpresa. Un personaggio da palcoscenico. Ed io che mi
immaginavo una caricatura… niente affatto. Un artista, con voce e talento
scenico. Forse sto esagerando, qualcuno mi ridimensiona, please? Davvero,
tecnicamente mi ha fatto un’ottima impressione, anche a mente fredda, con quel
suo bel daffare a far fare il serpente al cavo del microfono, frustando il
palcoscenico a destra e a sinistra come un torero con la sua muleta. Un grande.

Grande. La parola che mi viene più naturale è “grande”.

Caro Morrissey, ti ho conosciuto e amato ai tempi degli
Smiths, ho continuato ad ascoltarti e a leggerti durante tutti questi anni, e
ti ricorderò così.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

we

Post n°13 pubblicato il 14 Luglio 2006 da roy_14

stasera, quindi, morrissey.
domani e domenica umbria jazz festival
lunedì riposo
martedì si torna al lavoro, w the job...

...


Sweet dreams are made of this

Who am I to disagree?

I travel the world

And the seven seas

Everybody's looking for something.

il domani non si promette a nessuno

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

neanche qui

Post n°12 pubblicato il 14 Luglio 2006 da roy_14

neanche questo è il mio posto
dov'è, quindi?
tic, tac, tic, tac...
è veramente tutta roba mia?
è veramente tutta colpa mia?
e se neanche tu mi sorridi
non è forse meglio così?
neanche questo è il mio posto
qual'è, quindi?
tic, tac, tic, tac...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

 

Post n°11 pubblicato il 13 Luglio 2006 da roy_14

ho finito il libro,
raccontato in un nordest perbenista e
altolocato, assuefatto ai vizi e colluso in intrighi politicomafiosi
che non conosco e non riconosco, probabilmente perchè la mia
'condizione sociale', forse l'autore l'avrebbe definita così,
non mi ha mai permesso di raggiungere certi 'livelli'. meno male.

non mi è piaciuto.

passiamo oltre.

sono
stato in libreria, ieri, durante la pausa pranzo, per cercare qualcosa di
nuovo... mi sarebbe piaciuta qualche novità, qualcosa di fresco,
ma non ho saputo scegliere. alla fine ho comprato un libro - me ne sono accorto subito dopo aver pagato - dal
quale è stato tratto un film già qualche anno fa film che ho visto almeno già tre volte. appena
mi sono accorto di che libro era, ho detto cazz.... e dopo aver
mangiato il toast al bar l'ho lasciato intenzionalmente lì sul
banco. mi sembrava vecchio, anche se avevo appena speso 8€ per
comprarlo. che palle.

qualche volta mi succede. spesso. ho comprato due
volte il dvd di ocean's twelve, non mi ricordavo più di averlo
già comprato...
mi succedeva più spesso quando
noleggiavo i film al videonoleggio: una volta ho noleggiato un film del
quale adesso - ovviamente - non mi ricordo più il nome, e che
non mi era proprio piaciuto. bene, dopo un mese l'ho ri-noleggiato: continuava a non piacermi.
appena dopo averlo inserito nel lettore e
dopo aver visto la sigla, anche quella volta, ho detto cazz....
però c'è anche un lato buono, in questa faccenda: i film che mi piacciono, poi mi ri-piacciono!
lo so, non è una gran storia...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963