Creato da vegasrome72 il 18/12/2008

Rod Morris

Musica, poesia, fotografia.

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ROD MORRIS

Oh my love 

 

.

Rod Morris

Autumn rain

 

Rod Morris

  MoonShiver

 

Rod Morris

Starry night

 

Rod Morris

JOY

 

Rod Morris

Love on Jupiter

 

 

Musica

Post n°46 pubblicato il 11 Febbraio 2009 da vegasrome72
 
Tag: morris, rod

.

.

.

.

.

Ascolta e scarica gratis AUTUMN RAIN

.

.

.

.

.

 
 
 

Molassana alta

Post n°45 pubblicato il 09 Febbraio 2009 da vegasrome72
 

In precario equilibrio

sul sottile filo del silenzio

m’affaccio con gli occhi

oltre il limite dell’invisibile,

in compagnia delle mie parole

che mute e d’inchiostro son

fedeli compagne delle mie emozioni

e di tutti i pensieri che mi affollano.

Audace continua ascesa è la vita

ed io pioniere mi bagno nel suo inconfondibile tepore.

.

Genova, 8 Febbraio 2006.

 
 
 

A chi

Post n°44 pubblicato il 07 Febbraio 2009 da vegasrome72
 

Rod Morris - Autumn rain

.

.

A chi mi legge con disattenzione, a chi pensa di poter trovare una facile soluzione a tutto, a chi passa e lascia una traccia della sua esistenza, a chi mi tenta col meteorismo asincrono, a chi mi legge e innalza lo sguardo delle mie parole, a chi pensa di aver già letto tutto ma non ha mai niente da dire, a chi non si prende il lusso di un’autocritica rilassata, a chi sogna di fuggire a Capo Nord tra le gobbe di un cammello, a chi consacra Il Bello la democrazia e le sue profonde crepe, a chi resta indietro perchè non se la sente proprio di andare avanti, a chi paga in contanti, a chi si affida al prossimo e si preclude se stesso, a chi è sano ma è fesso, a chi abita in un luogo comune, a chi leggendomi si sentirà inutile, a chi ruminerò le mie strofe, il folle caos delle mie parole.

Genova, 5 Luglio 2007.

 
 
 

Parole sparute in preda a deliri di omnisaccenza.....

Post n°43 pubblicato il 04 Febbraio 2009 da vegasrome72
 

.

.

.

.

.

.

Trafitto nel cuore da pallottole di fiele, notturni di lampi, freddo nelle ossa e vento che fischia, germoglio nel cuore il silenzio di certe parole, stridore di luce che come acqua non ha dighe ed alberga con ozio nelle stanze degli uomini, luce che scolpisce volti fin troppo simili su sagome di cartone, spavantapasseri di plastica a cavallo del tempo...... ora me ne vado, sto subendo una forte contaminazione, qualcosa che mi è difficile controllare e per evitare contagi, vi abbandono alle righe che seguono.

E’ stato previsto tutto, no perditempo ed affini, ai ricercatori delle verità nascoste e agli incalliti della distruzione: un formale invito ad andare a pascolare altrove....( i puntini di sospensione a salvarti la libertà dell’immaginazione ) ai restanti presenti un inchino e una strofa dedicata: le mie parole per gratificare la vostra lettura, la mia scultura d’inchiostro.

Il consumismo è lo stile di vita di tutti, per alcuni è l'elemento indispensabile per vivere come potrebbe essere respirare, bere o mangiare a prescindere dall'esigenza reale soggettiva, per altri è più semplicemente un elemento fruibile che risponde ad un bisogno concreto indispensabile.

E del culmine della notte esser sogno, passeggiar di passo in passo sulle vie del tempo e come un sasso delimitarne il ciglio, pietra miliare dei giorni cangianti, onda d’urto chiamata emozione, riflesso incondizionato, come un fulmine planar tempesta, placar il silenzio con tutte le parole rubate all’assordante sibilo del vento, esser voce latente, delirio nel tormento, tepore dell’anima.

Avere un sacco sulle spalle, una zavorra fatta e colma di tutte le parole liberate nel tempo breve di una esistenza, parole estrapolate al cuore, parole figlie della razionalità della mente, parole da riempimento e parole di contorno, parole per tessere trame inesistenti, parole determinanti o parole insignificanti, parole per il gusto di parlare, parole per vestire l’oscenità del silenzio, parole scritte a matita o più semplicemente pennellate sull’ingrato corpo della risacca, parole per la presunzione di dar voce ad un tramonto, parole per confezionare altra spazzatura nociva alla scogliosi della nostra schiena.

..... e tra le rime spoglie d'un andirivieni sulla tastiera esordisco in letizia alla trama dell'occhio che mi scruta, m'insinuo sotto forma d'inchiostro ed è un attimo ciò che mi divide dai tuoi occhi, l'infinitesimale ritardo d'un lampo al tuono, d'un respiro ad un battito, la strizzata di un occhio, il battito d'una ala bianca, l'esordio primordiale dell'occhio che nasce e vive in ciò che vede.

Ad ogni angolo del tempo, senza soggetto ed in petto ad un mero complemento oggetto, tra le strofe eclissate dall'altisonanza, nel silenzio dell'onda che in un abbraccio si addormenta in riva al mare, ad ogni bivio del destino, privo di segnaletica e schivo di parole, tra le rime dell'impervio cammino dell'universo immerso negli occhi, immobile in una litania autodefinitasi sinfonia, genuflesso alla fragranza della rosa che schiusa al cielo ogni sorte spazza via, grato all'inchiostro che d'ogni posto mi è testimone fedele.

A certe notti manca solo Chopin, a certi incroci un po’ di prudenza, a certe case manca un padre.ad altre una madre, a certe facce manca solo una fedina penale, a certi sogni, fondamentalmente, un po’ di realta, a certi giorni manca la voglia di sorridere... ad altri il tempo di decidere, a certi pensieri manca solo la parola, a certe emozioni la consapevolezza di certe altre delusioni, a certi amori manca solo la realizzazione, a certe parole l’incoscienza di una presa di coscienza, a certi sospiri manca solo un vivido respiro, a certi tramonti un orizzonte sul quale lasciare addormentare il sole.

L'amore è due cuori e una condanna, l'amore è il compenso di una emozione, l'amore è ritrovarsi nella perdizione, l'amore è il silenzio che collima in un orgasmo, l'amore è la breccia che si apre oltre l'orizzonte di un arcobaleno, l'amore è una parola alla quale tutte le altre possono solo girare intorno, l'amore è vivere nell'alba e non conoscere tramonto, l'amore è.

 
 
 

Dimentica

Post n°42 pubblicato il 03 Febbraio 2009 da vegasrome72
 

 

Dimentica queste parole, non portarle altrove, segui il mio consiglio e fai finta di non averle mai lette, dimentica queste parole, queste insane grammatiche e queste scabre chele di prosa, dimentica tutto ciò che il tempo vuole ricordare, dimentica queste parole, non parlarle altrove, dammi retta..... approfitta del punto e fuggi via.

 

Genova, 23 Giugno 2007.

 
 
 

Aforismi

Post n°41 pubblicato il 02 Febbraio 2009 da vegasrome72
 

.

.

.

.

Il silenzio è l'amplesso di ogni parola.

(VegasRome)

.

.

.

.

 
 
 

Un pensiero e le sue parole.....

Post n°40 pubblicato il 01 Febbraio 2009 da vegasrome72
 

 

Foto di VegasRome

.

.

.

Pensare all'infinito e l'infinito chiudere in un cassetto piccolo, in un pensiero, un rifugo antico, pensare senza dire nulla alle parole, tacer all'inchiostro la voce del silenzio, in apnea in un dissesnso, pensare ed esistere in quanto padri e figli di una ragione, pensare all'infinito e all'infinito perdersi in un pensiero e nelle sue parole.

Genova, 31 Gennaio 2009.

 
 
 

Le parole e i loro silenzi.....

Post n°39 pubblicato il 31 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

Capita d'aver parole inabissate nel pozzo dei pensieri, di sentirne l'odore senza riuscirne a carpire il viso, capita d'aver poco da dire, molto da capire, abbracciate al silenzio ristorano le parole, si lasciano desiderare, intravedere, capita che ciò che non riesci a intingere nell'inchiostro s'appesantisce dentro formando una torre di carta bianca, fardelli di silenzi, capita che non riesci a trasformare in parole ciò che il pensiero non riesce a intendere, ad afferrare, capita che forse avresti qualcosa da dire che dimentichi nel suo divenire, come qualcosa di poca importanza, qualcosa che puoi viverne senza, dissolvenza.

Genova, 31 Gennaio 2009.

 
 
 

A me le parole

Post n°38 pubblicato il 30 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

A me gli occhi e il sipario s'alza, vengano le parole, si facciano avanti con rigogliose strofe, lo spettatore incombe, il passante, a me gli occhi e a me le parole, teatrate la noia dello scrittore, romanzate la follia e non badate a chi legge..... chi legge non pone la stessa attenzione di chi scrive, nessuno vi può capire meglio di me.....

Genova, 28 Gennaio 2009.

 
 
 

IO E I MIEI DELIRI

Post n°37 pubblicato il 30 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

Io e le mie litanie un pessimo affare, ormai saturo delle mie parole i pensieri fan festa altrove, io e il mio inchiostro un legame inossidabile, un'avventura impareggiabile, io e i miei deliri, l'inapprendibile immaginazione ed ogni parola diventa un invito, un tappeto rosso che s'inchina all'incedere dell'oblio.

Genova, 17 Gennaio 2009.

 
 
 

Post N.36

Post n°36 pubblicato il 26 Gennaio 2009 da vegasrome72

Foto di VegasRome

 
 
 

Pensiero interrotto sull'equilibrio della follia superflua.....

Post n°35 pubblicato il 22 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

Non chiedo scusa e non cerco perdono, la mia natura (fortunatamente)non dismette mai i suoi panni, mi piace scrivere e non devo chiedere il permesso a nessuno per farlo, forse, lo ammetto, mi piace molto l'idea di essere letto, anche se penso sia prerogativa tipica di chi scrive.....

comunque, dicevo.....

ah sì, quasi lo dimenticavo.....

non c'è nulla e nessuno da comprendere da questa parte,

ci sono io, le mie parole.....

equilibriste teatranti su un piedistallo di carta,

d'inchiostro i miei pensieri, le mie intenzioni.....

e tu?

perchè stai continuando a leggermi? 

non temi follia?

Genova, 21 Gennaio 2009.

 
 
 

Post N.34

Post n°34 pubblicato il 21 Gennaio 2009 da vegasrome72

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 
 
 

Post N° 33

Post n°33 pubblicato il 21 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

.

.

.

.

"Tutte le strade portano nel futuro."

(VegasRome)

.

.

.

.

 
 
 

Post N° 32

Post n°32 pubblicato il 19 Gennaio 2009 da vegasrome72

.

.

.

le mie parole

.

.

.

.

.

.

 
 
 

Post N° 31

Post n°31 pubblicato il 19 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

Eppur qualcosa

.

Eppur qualcosa da scrivere rimane sempre, l'inchiostro perpetuo fiorisce tra le sue stesse parole, generoso e mai sazio di carta, eppur qualcosa di non considerato improvviso viene a galla, bolla d'aria attratta dal canto di sirena della superficie, eppur la vita offre spunti interessanti, riflessioni e monologhi asfissianti, qualcosa da scrivere rimane sempre, l'inatteso, l'inaspettato, l'irrefrenabile istinto di lasciar impronte alle  esistenze che verranno..... chissà cosa penseranno!

.

Genova, 17 Gennaio 2009.

 
 
 

Post N° 30

Post n°30 pubblicato il 18 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

Ogni giorno che passa

.

Ogni giorno che passa porta con sè un nuovo giorno da scrivere, un giorno nuovo da vivere, ogni giorno che passa è un dono inestimabile, una fortuna incalcolabile, ogni giorno che passa porta con sè un nuovo tempo da spendere, un tempo nuovo in cui evolvere, ottimizzando emozioni, tutelando le buone intenzioni, ogni giorno che passa ha il sapore di petali in fiore, di mare in tempesta, ogni giorno che passa è una conquista, la sfida lanciata alla fune dall'equilibrista, una rampa di lancio, ogni giorno che passa profuma di vita preziosa, di primavera rigogliosa, ogni  giorno che passa è una nuova occasione, una vita nuova che nasce e con occhi colmi di speranza vive senza riserve il suo tempo.

.

Genova, 17 Gennaio 2009.

 
 
 

Post N° 29

Post n°29 pubblicato il 17 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

Brivido caldo

.

E come quiete notturna trasudano di sogni i miei occhi, rigogliosi di parole se ne vanno lungo il sentiero dell'immaginazione, elgantemente sobri incedono con passo calmo, curiosi ed incuriosti come bambini immersi in un favola..... e intanto che il giorno si ritaglia uno scorcio d'alba si tingono d'inchiostro le parole, una boccata di sole e il cuore si bagna di luce, canterino e ballerino, un respiro profondo che profuma di cielo terso, l'universo racchiuso in uno sguardo, un brivido caldo, un orgasmo nell'anima.

.

Genova, 11 Gennaio 2009.

 
 
 

Post N° 28

Post n°28 pubblicato il 16 Gennaio 2009 da vegasrome72
 

Mi piacerebbe scrivere.....

.

.

Mi piacerebbe scrivere e dare un senso ai miei pensieri, cercare nelle parole ulteriori ragioni per alimentare i miei silenzi, mi piacerebbe scrivere parole che non appartengono ai pensieri di nessuno, parole scritte dall'inchiostro delle mani, parole campate in aria ed in aria dissolte come luce al crepuscolo, mi piacerebbe scrivere il rigoglioso divenire ed in seno all'arte attingere con occhi affamati, con voce arsa, pender dalle labbra di un sogno e di un sogno raccogliere le stelle all'imbrunire, mi piacerebbe scrivere senza dar peso ai miei pensieri.

.

.

Genova, 16 Gennaio 2009.

 
 
 

Post N° 27

Post n°27 pubblicato il 15 Gennaio 2009 da vegasrome72

Avere forma, aver parvenza, fumo, sostanza,

avere voce, aver fame, fame di conoscenza,

avere forma, avere trasparenza, occhi, apparenza,

avere vento, essere danza, luce in abbondanza,

ambire a se stesso, non temer confronto, rifiutar lo scontro,

avere forma, occhi, pensieri, srotolare arcobaleni,

strade in salita, incroci, sentieri,

seguire i passi, le emozioni,

AVERE FORMA, ESSERE VITA,

AVERE VITA, ESSERE ARTE.

Genova, 21 Aprile 2007.

 

 
 
 
Successivi »
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ginozangrandomercanti55rimainvolontariastreet_bikestellamail2010sono_promezioluca.ferraziblictangoargentino_bsgiacciogennarojupiter.lovebrunopittimaj70giumor54
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 
 

AVVISO AI PASSANTI:

Mi riservo di rendere pubblici in questo spazio i vostri messaggi.