Creato da sadness83 il 23/02/2007
diario di un' amante

Area personale

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultime visite al Blog

 
costanzatorrelli46picchio1960franco_cottafavigiulio.pelonichristian704bagninosalinarobarbaracostantinoannalisaguanoludo_dancealetremamanu.rossanacassetta2lelaelelapoeticjusticepetruzzimichela
 

Ultimi commenti

 
Ciao amante, finalmente sono uscita da questa...
Inviato da: sadness83
il 10/09/2012 alle 12:26
 
grazie per quello che dici queen...si riprender˛ a...
Inviato da: sadness83
il 10/09/2012 alle 12:24
 
Ho scoperto questo blog solo ora. E' un vero peccato....
Inviato da: Queen zit
il 11/03/2012 alle 23:32
 
mai come ora ... una bella visita .....brava condivido...
Inviato da: anonimo
il 15/01/2012 alle 18:13
 
Sai, ho letto per caso te e vedo me... Non per la reccita...
Inviato da: amante1
il 15/02/2011 alle 23:30
 
 
 
 

angoscia

 
 

 

 
 

 

 
« 16 agostoDecisioni »

Piangente e disperata

Post n°158 pubblicato il 16 Luglio 2010 da sadness83

A volte cerco ancora tra le pieghe delle mie lenzuola, qualche emozione dimenticata.

Cerco nella mente il ricordo di quando ti addormentavi al mio fianco

biasimo me stessa per non averci dato il peso dovuto.

Non sapevo che ti avrei perso

Quando la mia mente finiva dentro quei pensieri, subito li scacciavo

Mi dicevo :  Il vostro amore non può finire, sei stata fortunata ad averlo, non lo perderai per nessun motivo al mondo.

E invece ho mentito a me stessa. Come hai fatto tu. Ho mentito perchè dentro di me la paura recondita di perderti era diventata un'angosciosa sensazione. Come un film di cui conosci la fine già a metà della storia.

E così ti ho perso. Ti ho supplicato di non lasciarmi, ma sei stato severo come un genitore che lascia il figlio all'asilo disperato e urlante. Che anche se gli vuoi bene, la pena non è più forte dell'egoismo che ti nasce in quel momento dentro. Il lavoro, le cose da fare, non puoi riprendertelo, devi lasciarlo li.

E così hai fatto. Mi hai lasciato piangente e disperata. Adesso devo solo aspettare che tu torni.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog