Creato da: laura561 il 04/02/2009
Blog personale
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Area personale

 

introduzione caso sandro marcucci

Tutto quanto qui pubblicato è scritto da Laura Picchi che ne ha l'esclusiva responsabilità.

 

 

Ultimi commenti

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

laura561dolcesettembre.1sens.azioniwanted_2013oranginellabach1962alex_sailGorFaneric65vE03Coralie.frSeiprofumo_dellavitaUnfogettablemaxnine
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi di Aprile 2019

 

CASO CIANCARELLA TARDIVO IL RICORSO COME DICE IL CONSIGLIO DI STATO? di Laura Picchi

Post n°2049 pubblicato il 23 Aprile 2019 da laura561

CASO CIANCARELLA TARDIVO IL RICORSO COME DICE IL CONSIGLIO DI STATO? SI E' IN GRADO DI PRODURRE LA LETTERA DI CIANCARELLA DEL 1984 AL GENERALE TONINI ALLORA COMANDANTE DELLA 46A AEROBRIGATA IN CUI CHIEDE DI SANARE LA PROPRIA POSIZIONE. CIANCARELLA NON E' NE' ACQUIESCENTE NE' HA FATTO RICORSO TARDIVO. CON LA SUA FAMIGLIA HA SUBITO UN ABOMINIO DI MALAGIUSTIZIA LAURA PICCHI

55048 TORRE DEL LAGO, OTTOBRE 1984

 

AL COM.TE DELLA 46^ AB

GEN. TONINI UGO

AEROPORTO MILITARE

V. ASMARA, 21

56100 PISA PI

 

EGREGIO COMANDANTE,

A "PRO-MEMORIA" DI QUANTO EMERSO NEI CORDIALI COLLOQUI CHE HA GENTILMENTE

CONCESSO A MIA MOGLIE ED A ME NEL MESE SCORSO, LE SOTTOLINEERO' DI SEGUITO GLI

ASPETTI PREMINENTI DELLA SITUAZIONE CHE SI VORREBBE RIUSCIRE A SANARE.

 

1. SANZIONE DI STATO

A. L'ATTO DI NOTIFICA DELLA DECISIONE MINISTERIALE NON SEMBRA RISPONDERE AL

REQUISITO FONDAMENTALE DEL PROVVEDIMENTO CHE SI INTENDEVA ADOTTARE.

ESSO INFATTI SI RIFERISCE AD UN DECRETO MINISTERIALE E NON AD UN DECRETO DEL

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.

SI LEGGE FRA L'ALTRO SUL BOLLETTINO UFFICIALE A.M. (DISP. 4^ DEL 15.02.84 PAG.

135): "(...) INCORRE NELLA PERDITA DEL GRADO DI RIMOZIONE, AI SENSI DELL'ART. 70

NR. 4 L. 113/1954 A DECORRERE DALL' 11.10.83 (...) ( D.M. 11.10.83, REGISTRATO

ALLA CORTE DEI CONTI ADDI' 11.01.84, REGISTRO DELLA DIFESA NR. 1 FOGLIO 393)"

B. MA LA L. 113/54 NEL CASO CHE MI RIGUARDA E' ESPLICITA:

- IL GRADO E' CONFERITO CON DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA (ART. 4)

- LA PERDITA DEL GRADO E' DISPOSTA CON DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

(ART. 71).

C. DA SOTTOLINEARE CHE, DI CONTRO, LA L. 599/1954 PER I SOTT.LI PREVEDE

ESPRESSAMENTE (ARTT. 4 E 60-61) CHE IL GRADO SIA CONFERITO E SI PERDA CON

DECRETO MINISTERIALE. NE' E' POSSIBILE SOSTENERE LA TESI DI UNA "IDENTITA'

PRATICA" TRA I DUE POSSIBILI PROVVEDIMENTI POICHE' E' NOTO IL PRINCIPIO CHE

"QUOD LEX VOLUIT, DIXIT" E VICEVERSA.

D. OGNI ATTO DELL'AMMINISTRAZIONE, COMUNQUE, DEVE ESSERE NOTIFICATO NELLA FORMA

PREVISTA PER TALI ATTI E SECONDO LE PROCEDURE RELATIVE.

L'AMMINISTRAZIONE HA COMPIUTAMENTE RISPETTATO TALI OBBLIGHI FORMALI E

PROCEDURALI NEL CASO AD ESEMPIO DEL S.M. DE BIASI (SENZA CON QUESTO ENTRARE NEL

MERITO DEL PROVVEDIMENTO IMPUGNATO DALL'INTERESSATO).

LE ALLEGO AL PROPOSITO COPIA DELLA COMUNICAZIONE INOLTRATA AL DE BIASI, CHE EBBI

GIA' MODO DI MOSTRARLE DURANTE I NOSTRI COLLOQUI, ESSENDONE AUTORIZZATO

DALL'INTERESSATO.

E. TANTO SOPRA LAMENTO COME INIBIZIONE AL CORRETTO GODIMENTO DEL DIRITTO DI

IMPUGNAZIONE NELLE SEDI COMPETENTI DEGLI ATTI ADOTTATI. E' D'ALTRA PARTE IL

SENSO DELLE QUESTIONI POSTE NELLA RACC. A.R. NR. 2679 DEL 24.11.83 CHE INOLTRAI

ALLA S.V., NON ESAURITE CERTAMENTE, A FRONTE DI QUANTO SOPRA, DAL GENERICO

RICHIAMO "A NORMA DI RIFERIMENTO E MOTIVAZIONE" DELLA "VIGENTE LEGGE DI STATO"

CONTENUTO NELLA RISPOSTA DELLA DIREZIONE GENERALE, COMUNICATAMI IN DATA

06.12.83. NE', COME BEN VEDE, L'AVVERBIO "INTEGRALMENTE" RIFERITO ALLE NORME CHE

SAREBBERO STATE CONTENUTE NELLA COMUNICAZIONE DEL PROVVEDIMENTO, RIESCE A

GIUSTIFICARE LA MANCATA ADOZIONE E NOTIFICA DEL PREVISTO E NECESSARIO D.P.R.

D. ULTIMA E NON MENO IMPORTANTE OSSERVAZIONE, DERIVA DALL'ATTENTA LETTURA DELLA

L. 113/54, OVE:

- "LA PERDITA DEL GRADO DECORRE DALLA DATA DEL D.P.R. NEI CASI DI CUI AI NUMERI

(...) 4 DELL'ART. 70" (ART. 71)

POICHE' TALE CASO E' QUELLO CHE MI RIGUARDA, COME SI LEGGE ANCHE NEL CITATO

B.U., SONO OVVIE LE CONCLUSIONI NEL CASO SEMPRE PIU' PROBABILE CHE IL D.P.R. NON

SIA STATO ANCORA E MAI FIRMATO.

 

2. SOSPENSIONE CAUTELARE.

A. IL PERIODO TRASCORSO IN TALE POSIZIONE, PROTRATTOSI PER OLTRE TRE ANNI, VA A

QUESTO PUNTO ATTENTAMENTE VALUTATO PER LE CONSEGUENZE SULLE DETERMINAZIONI

AMMINISTRATIVE DI CUI SI DIRA' AVANTI.

B. E' GIA' STATA IMPUGNATA IN SEDE AMMINISTRATIVA LA PERMANENZA DELLA

SOSPENSIONE OBBLIGATORIA (EX ART. 29 L. 113/54) DISPOSTA IN RELAZIONE AL MANDATO

DI CATTURA. INFATTI LA CONCESSIONE DELLA LIBERTA' PROVVISORIA COMPORTA LA

DECADENZA AUTOMATICA DEL PROVVEDIMENTO OBBLIGATORIO, SALVA LA FACOLTA' DELLA

AMMINISTRAZIONE DI EMETTERE UN NUOVO PROVVEDIMENTO FACOLTATIVO CHE SOGGIACCIA

ALL'OBBLIGO DI MOTIVAZIONE (GIUR. COST. DEL C.S.: V. SEZ. VI NR. 308 27.04.71 IN

C.S. 1971/1/856). COSI' ESPLICITAMENTE PREVISTO ANCHE NEL D.P.R. 374/55 TITOLO

I, CAPO I, LETTERA B, REGOLAMENTO CHE, QUANTUNQUE RIFERITO ALLA LEGGE DI STATO

PER I SOTT.LI, VIENE ESTESO IN ANALOGIA AGLI UFF.LI IN MANCANZA DI PROVVEDIMENTO

SPECIFICO IN MATERIA. (V. PREMESSE AD INTERROGATORIO DEL 10.03.83 DELL'UFFICIALE

INQUIRENTE AL SOTTOSCRITTO).

C. COSTITUENDOSI DAVANTI AL T.A.R. TOSCANA, L' AVVOCATURA DI STATO NON

GIUSTIFICA IL PERDURARE DELLA SOSPENSIONE OBBLIGATORIA DECADUTA A SEGUITO DELLA

CONCESSIONE DELLA LIBERTA' PROVVISORIA. MA DIVERSAMENTE ARGOMENTANDO - FINO A

RICHIAMARSI AL PROVVEDIMENTO DI RIMOZIONE "NON IMPUGNATO" (IN CONTRASTO CON LA

POSIZIONE DEL SOTTOSCRITTO SOPRA ESPOSTA) - GIUSTIFICA IL PERDURARE DELLA

SOSPENSIONE CAUTELARE SUCCESSIVAMENTE ALLA SENTENZA PENALE GIUDICATA, AFFERMANDO

L'ESISTENZA DI UN NUOVO PROVVEDIMENTO SOSPENSIVO CON D.M. 28.01.83.

ORA, COME LEI STESSO HA DOVUTO CONVENIRE, NON E' MAI STATO NOTIFICATO AL

SOTTOSCRITTO, IN ALCUNA FORMA, QUESTO EVENTUALE PROVVEDIMENTO.

D. LA STESSA AVVOCATURA, IN RIFERIMENTO ALLA SOSPENSIONE OBBLIGATORIA, POTEVA

SCRIVERE "TALE SOSPENSIONE, PARTECIPATAGLI DAL COMANDO DELLA 46^ AB DI PISA, CUI

EGLI APPARTENEVA, IL 06.10.80" (COME RISULTA INFATTI DALLA MIA FIRMA PER PRESA

VISIONE IN CALCE ALLA COPIA DELLA NOTIFICA DEL PROVVEDIMENTO); MA NULLA PUO'

DIRE CIRCA UNA QUALCHE FORMA DI NOTIFICA RELATIVA A QUESTO "NUOVO"

PROVVEDIMENTO.

E. DA RILEVARE CHE, A SEGUITO DELLA SENTENZA GIUDICATA, IN DATA 27.11.82 IL

SOTTOSCRITTO, CONSAPEVOLE DEL SUO OBBLIGO - DERIVANTE DALLA LEGGE - DI PRESTARE

COMUNQUE SERVIZIO IN ASSENZA DI UN NUOVO PROVVEDIMENTO SOSPENSIVO, CHIEDEVA CON

LETTERA RICEVUTA DALLA SEGRETERIA DEL COM.TE IL 29.11.83 DI ESSERE AUTORIZZATO

PERLOMENO A RIENTRARE PER MOTIVI DI STUDIO E RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE.

TALE RICHIESTA RIMASE INEVASA.

F. SEMPRE IN RELAZIONE ALL'OBBLIGO DI SERVIZIO IL 04.10.82 ERA STATA INOLTRATA

AL COMANDO DELLA II R.A. UNA RICHIESTA URGENTE DI RAPPORTO. IN DATA 25.01.83

VENIVA COMUNICATO L'ESITO NEGATIVO DELL'ISTANZA.

G. INFINE IL 04.05.83 INOLTRAVO AL COM.TE COL. GIUNCHI UNA CIRCOSTANZIATA

LETTERA SULLE DIVERSE QUESTIONI PERSONALI ANCORA IRRISOLTE. L'ASPETTO DELLA

SOSPENSIONE CAUTELARE E DEL PROVVEDIMENTO CHE NE CONFERMASSE IL MANTENIMENTO

ERANO ESPOSTI AL PUNTO 2.d.(4). MA NEPPURE QUESTA LETTERA EBBE RISPOSTA ALCUNA,

COME PURE IL SUCCESSIVO SOLLECITO INOLTRATO CON RACC. A.R. 831 DEL 17.09.83.

H. E' EVIDENTEMENTE NECESSARIO GIUSTIFICARE A LEI, ED A QUANTI POTREBBERO

RICEVERE LA PRESENTE PER CONOSCENZA, QUESTO ATTEGGIAMENTO DI RICHIESTA COSTANTE.

"LA SOSPENSIONE CAUTELARE IRROGATA IN PENDENZA DI GIUDIZIO PENALE CESSA DALLA

DATA DELLA DEFINITIVA ASSOLUZIONE, SE LA AMMINISTRAZIONE NON FA LUOGO AD UNA

NUOVA SOSPENSIONE, IN PENDENZA DI GIUDIZIO DISCIPLINARE. (CFR. C.S. SEZ. VI NR.

1, 17.01.55 PRES. DE MARCO, EST ROEHRSSEN, IN 1955/1/77)"

DALLA SENTENZA SOPRA RIPORTATA, E DALLA CONCORDE GIURISPRUDENZA, DERIVA AL

DIPENDENTE DELLO STATO L'OBBLIGO DI PRESTARE COMUNQUE SERVIZIO, SALVO CHE NE SIA

DOCUMENTALMENTE IMPEDITO. (IN TAL CASO SARA' POI LA CORTE DEI CONTI A VALUTARE

LE RESPONSABILITA' DEI FUNZIONARI). INFATTI:

"COL PASSAGGIO IN GIUDICATO DELLA SENTENZA (...) LA QUALE ASSOLVEVA (...) PER

INTERVENUTA AMNISTIA E (...) PER INSUFFICIENZA DI PROVE, VENIVA A CESSARE "DE

JURE" LA SOSPENSIONE CAUTELARE DISPOSTA (...)

L'AMM.NE, AVVALENDOSI DELLA FACOLTA' (...) SOTTOPOSE (...) A PROCEDIMENTO

DISCIPLINARE AI FINI DI UNA VALUTAZIONE SOTTO TALE PROFILO DEI FATTI CHE AVEVANO

DATO LUOGO AL PROCEDIMENTO PENALE; TUTTAVIA L'AMM.NE NON RITENEVA DI ESERCITARE

AL TEMPO STESSO LA FACOLTA' (...) DI SOTTOPORRE IL PROPRIO DIPENDENTE AD UNA

NUOVA SOSPENSIONE CAUTELARE. (...) EMISE IL DECRETO DI REVOCA DAL SERVIZIO (...)

A DECORRERE (...), DATA DI INIZIO DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE.

CON LO STESSO DECRETO (ART. 1) VENIVA REVOCATA LA SOSPENSIONE A TEMPO

INDETERMINATO (...). TALE DETERMINAZIONE NON ERA ALTRO CHE LA FORMALE CONFERMA

DELLA REVOCA INTERVENUTA "DE JURE", PER EFFETTO DEL PASSATO IN GIUDICATO DELLA

SENTENZA ASSOLUTORIA (...).

MALGRADO CIO' (...) HA RITENUTO DI DISPORRE IL RECUPERO DEGLI ASSEGNI DI

ATTIVITA' INDEBITAMENTE CORRISPOSTI AL TITOLARE DAL (DATA DI INIZIO DELLA

SOSPENSIONE A SEGUITO DEL PROCEDIMENTO PENALE AVVIATOSI NDR)." (TALE

PREOCCUPAZIONE IN ORDINE ALLA POSSIBILE RETROATTIVITA' DEL PROVVEDIMENTO DI

REVOCA SUGGERI' DI FATTO E VENIVA CHIARAMENTE ESPRESSA NELLA CITATA LETTERA DEL

MAGGIO 1983) "OSSERVA IL COLLEGIO CHE TALE PROVVEDIMENTO E' MANIFESTATAMENTE

ILLEGITTIMO IN QUANTO, NON ESSENDO STATO EMESSO UN NUOVO PROVVEDIMENTO DI

SOSPENSIONE CAUTELARE, ALL'ATTO DEL DEFERIMENTO DELL'INTERESSATO ALLA COMM.NE DI

DISCIPLINA, AL SUDDETTO IMPIEGATO SPETTAVANO GLI EMOLUMENTI PER IL PERIODO

(INIZIO SOSPENSIONE - PASSAGGIO IN GIUDICATO DELLA SENTENZA ASSOLUTORIA NDR)

PER QUANTO RIGUARDA (PERIODO RELATIVO AL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE FINO AL

PROVVEDIMENTO DI REVOCA DAL SERVIZIO NDR) IL COLLEGIO RITIENE CHE IL RECUPERO

DISPOSTO DALL'AMM.NE SIA LEGITTIMO. INFATTI L'IMPIEGATO, A SEGUITO DELLA

SUDDETTA SENTENZA, ERA TENUTO (...) A PRESTARE SERVIZIO, A MENO CHE NON NE FOSSE

STATO IMPEDITO DALL'AMM.NE, DEL CHE L'INTERESSATO HA DATO ALCUNA PROVA CERTA."

(CFR. C.S. SEZ. IV NR. 531, 28.04.59, PRES. D'AVINO, EST. CUOCIA, IN

1959/1/527).

E' DUNQUE ANCOR PIU' INCOMPRENSIBILE CHE, A FRONTE DELLE RIPETUTE RICHIESTE DEL

SOTTOSCRITTO SI SIA OMESSO DI GIUSTIFICARE IL PERDURARE DELLA SOSPENSIONE,

OMISSIONE ANCORA PIU' GRAVE SE IL PROVVEDIMENTO ERA STATO POI DI FATTO EMANATO.

CIO' POTREBBE INDURRE PIUTTOSTO A PENSARE AD UNA TARDIVA DETERMINAZIONE -

ORIGINATA FORSE DAGLI STESSI SOLLECITI - LA CUI DATA SIA STATA OPPORTUNAMENTE

ADATTATA E CHE PERTANTO NON POTEVA COMUNQUE ESSERE PIU' NOTIFICATA. MA TRATTASI

DI IPOTESI ALLA CUI ATTENDIBILITA' RIFIUTO ANCORA DI CREDERE.

RESTA COMUNQUE LA GRAVITA' DI UNA PRASSI DELLA AMM.NE CHE MI HA DI FATTO

PENALIZZATO ENORMEMENTE ANCHE DAL PUNTO DI VISTA PROFESSIONALE ED ECONOMICO,

RENDENDO DI FATTO INUTILIZZABILE - SENZA ALCUNA MOTIVAZIONE DOCUMENTATA - UNA

QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE, QUALE QUELLA DI PILOTA, CHE AVREBBE POTUTO APRIRMI

A BEN DIVERSE SOLUZIONI DI LAVORO CHE NON QUELLA ATTUALE.

 

3. ATTI AMMINISTRATIVI.

A. LAMENTA LA AMM.NE LA MANCANZA DI MIE RISPOSTE AI SOLLECITI RELATIVI A FORNIRE

I DATI NECESSARI ALLA LIQUIDAZIONE DELLA INDENNITA' SUPPLEMENTARE DELLA CASSA

UFFICIALI.

B. FERMA RESTANDO L'INCERTEZZA SULLA VALIDITA' ED OPERATIVITA' DEL PROVVEDIMENTO

DI PERDITA DEL GRADO, E' PROPRIO IL COMANDO DELLA 46^ AB CHE AVREBBE DOVUTO

NOTIFICARE AL SOTTOSCRITTO TANTO IL PROVVEDIMENTO STESSO CHE LA DETERMINAZIONE

RELATIVA ALLA LIQUIDAZIONE, IN QUANTO IMPUGNABILE COME SI E' VISTO NELLA

SENTENZA SOPRA RIPORTATA, E CHE PERCIO' STESSO NECESSITA DI UNA NOTIFICA

MOTIVATA.

INFATTI:

"IL DECRETO DI CESSAZIONE DAL SERVIZIO VIENE COMUNICATO ALL'ENTE PERIFERICO,

ANCHE SE IN VIA DI PERFEZIONAMENTO, AFFINCHE' PROCEDA ALLA LIQUIDAZIONE DEL

TRATTAMENTO." (COMB. DISP. EX ARTT. 154-156 D.P.R. 1092/1973); E

"ALL'ATTO DELLA CESSAZIONE DAL SERVIZIO COPIA DEL DECRETO DI LIQUIDAZIONE E'

CONSEGNATA DAL CAPO DELL'UFFICIO ALL'INTERESSATO CHE NE RILASCIA RICEVUTA".

(COMB. DISP. EX ARTT. 155 E 156 U.C. D.P.R. 1092 CIT.)

C. INOLTRE ALLA S.V. E' NOTO CHE NELLA TRASMISSIONE ALL' INPS DEI DATI RELATIVI

AL SERVIZIO DEL SOTTOSCRITTO (PER LA RICOSTITUZIONE DELLA PRATICA PENSIONISTICA

DI UNO STATALE CHE ABBIA CESSATO DAL SERVIZIO SENZA MATURARE IL DIRITTO A

PENSIONE - EVIDENTE DIMOSTRAZIONE DELLA AMM.NE DI VOLER PROCEDERE ALLA SOLA

LIQUIDAZIONE DELLA "UNA TANTUM" PREVISTA DALLA LEGGE -) LA 46^ AB AFFERMA CHE IL

TITOLARE SAREBBE CESSATO DAL SERVIZIO NEL SETTEMBRE 1980, E NON DA QUELLO

11.10... CHE RISULTA INEQUIVOCABILE DA TUTTI GLI ATTI CON CUI SI PRESUME DI AVER

DATO CORSO AL PROVVEDIMENTO DI PERDITA DEL GRADO.

QUESTO GRAVE FALSO, SMENTITO INOLTRE DALLE RICEVUTE DI PAGAMENTO DEGLI

EMOLUMENTI FINO AL CITATO OTTOBRE 1983, E' EMERSO DA UNA VISITA DEL SOTTOSCRITTO

ALL'UFFICIO RAGIONERIA DELL' INPS DI LUCCA PRESSO IL QUALE HO POTUTO PRENDERE

VISIONE DELLE TABELLE CHE NON ERANO STATE ALLEGATE ALLA COPIA DI TRASMISSIONE

INVIATAMI PER CONOSCENZA.

D. VIENE ALLORA DA CHIEDERSI, COME FECI NEI NOSTRI COLLOQUI, SE UNA CORRETTA

VALUTAZIONE DEL SERVIZIO SVOLTO, COMPRENSIVO DELLE RIVALUTAZIONI DETERMINATE DA

QUANTO ESPOSTO AL PUNTO 2. DELLA PRESENTE, NON AVREBBERO POTUTO DETERMINARE

L'APPLICABILITA' DELLE IPOTESI PIU' FAVOREVOLI DEL CITATO D.P.R. 1092 CHE, NEI

CASI IN CUI LA REVOCA DAL SERVIZIO SIA DETERMINATA DA APPREZZAMENTI

DISCREZIONALI DELL'AMM.NE, PREVEDE IL TRATTAMENTO PENSIONISTICO.

IL SILENZIO, LE OMISSIONI, LE ALTERAZIONI TENDONO SEMPRE PIU' A CONFORTARE

QUESTA IPOTESI.

D'ALTRA PARTE IL D.P.R. 1092 CITATO, "TESTO UNICO DELLE NORME SUL TRATTAMENTO DI

QUIESCENZA DEI DIPENDENTI CIVILI E MILITARI DELLO STATO", SEMBRA SUPERARE OGNI

DIFFICOLTA' DI INTERPRETAZIONE QUANDO AFFERMA: "LA CESSAZIONE DAL SERVIZIO DEL

PERSONALE MILITARE (...) NONCHE' PER TUTTE LE ALTRE CAUSE DI CESSAZIONE DAL

SERVIZIO DEI DIPENDENTI STATALI, SIA CIVILI CHE MILITARI, RESTANO REGOLATE DALLE

NORME CONCERNENTI LO STATO GIURIDICO" E LA L. 113/54 PER GLI UFF.LI NON SEMBRA

LASCIARE ADITO A DUBBIO ALCUNO.

 

4. CONCLUSIONI

MI SPIACE DOVER INVESTIRE LEI DI PROBLEMI LA CUI RESPONSABILITA' ERA DI ALTRI,

MA NON POSSO FARNE A MENO DI FRONTE AD UNA EVIDENTE VOLONTA' DI NEGAZIONE

DELL'AMM.NE, COME LEI STESSO HA POTUTO VERIFICARE.

IL SILENZIO UFFICIALE DOPO I NOSTRI INCONTRI E LE RISPOSTE, MOLTO VAGHE PER LA

VERITA' (PRASSI VIGENTE, LEGGE VIGENTE, ED ALTRE INFORMAZIONI CHE POSSONO ESSERE

LETTE DIRETTAMENTE SUL FOGLIO DEL BOLLETTINO UFFICIALE), COMUNICATEMI VIA

TELEFONO DAL CAP. VARANI, MI COSTRINGONO AD UFFICIALIZZARE CON LA PRESENTE

QUANTO ESPRESSOLE VERBALMENTE.

D'ALTRA PARTE, A QUESTO PUNTO, TORNANO IN BALLO PRATICAMENTE TUTTI GLI ASPETTI

DELLA MIA VICENDA, IVI COMPRESA L'INDEBITA TRATTENUTA DELL'INDENNITA' DI

AERONAVIGAZIONE PER DUE ANNI IN CONTRASTO CON LE STESSE DISPOSIZIONI DELLO S.M.

A.M., NELLA MAI TROPPO CITATA CIRCOLARE F3-1/522/TR2-445 CON CUI VENIVA

TRASMESSO AGLI ENTI PERIFERICI "PER OPPORTUNA CONOSCENZA E NORMA" IL DISPACCIO

AD1/12/0/003 DEL 13.01.81. RICORDO CHE TALE CIRCOLARE, NELL'ESAMINARE IL REGIME

DELLA INDENNITA' DI AERONAVIGAZIONE A SEGUITO DI UN PARERE SPECIFICO DEL C.S.,

DICEVA AL PUNTO E.(2):

"E' APPENA IL CASO DI SOGGIUNGERE CHE:

(...) GLI IMPORTI DELLE INDENNITA' STESSE DEVONO ESSERE SOSPESI O RIDOTTI IN

CASO DI SOSPENSIONE O RIDUZIONE DELLO STIPENDIO";

E CHE INVECE PROPRIO IN CONCOMITANZA CON TALE NORMA, (CHE MILITARMENTE VUOL DIRE

ORDINE, SE BEN RICORDO), LA INDENNITA' DI AERONAVIGAZIONE MI FU NEGATA FINO AL

1983.

MA ANCORA PIU' IMPORTANTI DIVENGONO ALTRI ASPETTI TRA I QUALI UNA DECISIONE DI

"SCIOGLIMENTO DEL CRAL", CHE SEMBREREBBE ADOTTATA DALLA DIREZIONE GENERALE DEL

MINISTERO IN DATA 10.01.84 CON EFFETTO RETROATTIVO ALL' 01.09.80, DATA DELLA

DECISIONE ASSEMBLEARE DI SCIOGLIMENTO NELLA QUALE I SOCI MI DELEGARONO CON ALTRI

A SVOLGERE LE INCOMBENZE DI LIQUIDAZIONE.

CIO' SMENTIREBBE LE DEPOSIZIONI FATTE SOTTO GIURAMENTO DAL GEN. MALCANGI, DAL

COL. SCANO NELLA FASE ISTRUTTORIA E DURANTE IL DIBATTIMENTO PROCESSUALE, SECONDO

I QUALI IL CRAL ERA STATO GIA' SCIOLTO DAL MINISTERO, ALLO SCOPO DI APRIRE UNA

COOPERATIVA AVIERI SECONDO LE NUOVE NORMATIVE (V. RAPPORTO ALLA PROCURA DEL

FEBBRAIO 1982) E CHE IO MI SAREI OPPOSTO A TALE SCIOGLIMENTO. COSI' PURE OVE SI

LEGGE NELLA INTIMAZIONE DI SFRATTO DEL GEN. NARDI, NELLE PREMESSE, CHE

L'ORGANISMO AVREBBE OCCUPATO SENZA TITOLO I LOCALI CONCESSI IN PRECEDENZA

ALL'ORGANISMO CRAL. PREMESSA CHE SOTTINTENDE DUNQUE UN AVVENUTO SCIOGLIMENTO DI

QUELL'ORGANISMO CUI I LOCALI ERANO STATI CONCESSI, MENTRE OGGI SI VERREBBE A

CONFERMARE CHE TALE ORGANISMO AVEVA ANCHE PER IL MINISTERO PIENA LEGITTIMITA' SE

HA RITENUTO DI DOVERNE FORMALIZZARE, ORA PER ALLORA, LO SCIOGLIMENTO.

SEGUONO POI ALTRI ASPETTI, PREOCCUPANTI PER LO MENO, INERENTI LE ALTRE ACCUSE DA

CUI MI SON DOVUTO DIFENDERE E CHE, IN SEDE DISCIPLINARE, NON SI VOLLE CHE

FOSSERO ASSOLUTAMENTE INDAGATI.

MI RISULTA INFATTI CHE LA PROCURA DI LA SPEZIA, NELLA PERSONA DEL G.I., ABBIA

APERTO UNA INDAGINE, ESSENDO STATO CONVOCATO COME TESTE D'ACCUSA.

EBBENE IL TELEGRAMMA DI STATO CON CUI VENIVO CONVOCATO "PER RAGIONI DI GIUSTIZIA

MILITARE", SEBBENE TIMBRATO DALL'UFFICIO POSTALE INTERNO ALL'ARSENALE MILITARE,

NON E' MAI STATO INOLTRATO SUI CANALI DELLE PP.TT. E NON E' MAI STATO

RECAPITATO.

RICEVUTANE COPIA FIRMATA IN UNA SUCCESSIVA OCCASIONE DALLA STESSA PROCURA, HO

POTUTO CHIEDERE CONTO DEL MANCATO INOLTRO ALLE DIREZIONI POSTALI LOCALI CHE, SE

CHIAMATE A GIUSTIFICARE LA GRAVISSIMA OMISSIONE, POTRANNO CHIARIRE E DIMOSTRARE,

COME HANNO FATTO A ME, CHE TALE TELEGRAMMA NON E' MAI STATO INSERITO SUL

CIRCUITO POSTALE DALL'UFFICIO DI LA SPEZIA. AI PERCHE' NON STA A ME RISPONDERE.

POTREBBE INOLTRE ESSERE APPROFONDITA LA RAGIONE PER CUI NON SIA STATO DATO

SEGUITO ALLE CONCLUSIONI DELLA COMM.NE DI INCHIESTA, CHE FINALMENTE HO POTUTO

VEDERE, E CHE OLTRE A CONFERMARE OGNI PUNTO DEL MIO RAPPORTO INCRIMINATO,

SOLLECITANO ANCHE INCHIESTE PARTICOLARI E SPECIFICHE IN ALCUNI SETTORI,

CONTRADDICENDO TUTTE LE DICHIARAZIONI DI ACCUSA.

COSI' COME POTREBBE ESSERE APPROFONDITA LA RAGIONE PER CUI SEMBRA CHE TESTI

MILITARI SIANO STATI ACCOMPAGNATI DA ESPONENTI DEI SERVIZI DURANTE

INTERROGATORI. OPPURE COME MAI IN OCCASIONE DEGLI ATTENTATI DI PISA,

CONTRARIAMENTE ALLA SUA PERSONALE E DECISA VOLONTA' E DETERMINAZIONE NELLA

INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI, LE INDAGINI ABBIANO POTUTO ESSERE INDIRIZZATE

DAGLI STESSI SERVIZI ANCHE NEI MIEI DIRETTI CONFRONTI (COSA CHE, AL DI LA' DELLE

TESTIMONIANZE DIRETTE DI CHI FU AVVICINATO IN TAL SENSO, LEI STESSO NON HA

POTUTO CHE CONFERMARE A MIA MOGLIE ED A ME); E QUINDI COME MAI I SUOI

PREDECESSORI DOPO AVER SUGGERITO TALE IPOTESI RITENNERO DI CHIUDERE LE INDAGINI

- CHE AVREBBERO POTUTO DARE I RISULTATI POSITIVI CHE ELLA AVREBBE POI OTTENUTO -

ARRIVANDO A PREMIARE PUBBLICAMENTE COLORO CHE SI SAREBBERO POI RIVELATI I VERI

COLPEVOLI. ED INFINE POTREBBE ESSERE DIVERSAMENTE VALUTATA LA CIRCOSTANZA PER

CUI E' STATA INSABBIATA DAL T.M. DI PADOVA UNA DEPOSIZIONE, RESA DURANTE UN

INTERROGATORIO CHE MI VEDEVA IMPUTATO MA CHE VENNE SVOLTO IN ASSENZA DI AVVOCATO

DAL GIUDICE ROSIN, IN CUI SI SEGNALAVANO LE STRANE INIZIATIVE DEI MEDESIMI

SERVIZI NEI MIEI CONFRONTI E DI ALTRI MILITARI CHE SI RICONOSCEVANO NEL

MOVIMENTO DEMOCRATICO DEI MILITARI, ARRIVANDO A MILLANTARE MANDATI DELLA

PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA MAI RICEVUTI (CAP. NOBILI E M.LLO MARCUCCI),

MINACCIARE (CAP. BARLESI A NOME DEL CAP. NOBILI), OFFRIRE DOCUMENTAZIONI

RISERVATE CHE AVREBBERO DOVUTO ESSERE POI RESE PUBBLICHE (NOMI E FATTI RIVELATI

AL GIUDICE E SEGNALATI AL M.LLO DEI C.C. IPSALE) ED INFINE INOLTRARE

DOCUMENTAZIONI ANONIME APPARENTEMENTE RISERVATE MA EVIDENTEMENTE ALTERATE.

NON ABBIA PREOCCUPAZIONE SE QUESTE NECESSARIE NUOVE PRESE DI POSIZIONE (MA OLTRE

IL DANNO NON PUO' ESSERE SOPPORTATA ANCHE LA BEFFA), LE IMPEDISSERO DI

ATTRIBUIRMI LA MEDAGLIA DEL TRENTENNALE CHE, COME ERA NELLE SUE INTENZIONI DI

CUI VOLLE RENDERE PARTECIPE MIA MOGLIE E ME, AVREBBE VOLUTO CONSEGNARMI SEPPURE

IN VIA PRIVATA, A CAUSA E NONOSTANTE PARERI CONTRARI. LA CAPIREMMO

PERFETTAMENTE.

NON MI RESTA CHE SALUTARLA, RIMANENDO IN ATTESA DI OGNI SUA EVENTUALE

COMUNICAZIONE RELATIVA AI PROBLEMI ECONOMICI ED AMMINISTRATIVI POSTI. VIVE

CORDIALITA'.

 

CIANCARELLA MARIO

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

vigna di mauro biani perfetta per il caso Ciancarella con la quale vi auguro Buona Pasqua

Post n°2048 pubblicato il 20 Aprile 2019 da laura561

vigna di mauro biani perfetta per il caso Ciancarella con la quale vi auguro Buona Pasqua

L'immagine può contenere: testo
il manifesto

Post via Crucis.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

tesina strage di ustica laura picchi

Post n°2047 pubblicato il 08 Aprile 2019 da laura561

qui trovate pubblicata la mia tesina sulla strage di Ustica.laura picchi

strageustica.altervista.org

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso