Creato da: paperino61to il 15/11/2008
commenti a caldo ...anche a freddo..

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 88
 

Ultime visite al Blog

paperino61toacer.250cassetta2elyravnomadi50rbx1dglg1b9zoppeangelom12ps12DoNnA.Skaren_71fcasula45bellinas0QuartoProvvisorio
 

Ultimi commenti

Già :( è triste ... condoglianze
Inviato da: elyrav
il 22/02/2024 alle 13:01
 
Direi di si cara Roberta, buona giornata bacioni
Inviato da: paperino61to
il 22/02/2024 alle 10:14
 
Sovente lo è purtroppo...ciao buona giornata baciii
Inviato da: paperino61to
il 22/02/2024 alle 10:13
 
Grazie Angelo buona giornata
Inviato da: paperino61to
il 22/02/2024 alle 10:13
 
Purtroppo Giovanna non tocca ai figli o nipoti dei Ladroni...
Inviato da: paperino61to
il 22/02/2024 alle 10:13
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Serata Douglas SahmPer Sbaglio è Servizio Pubblico »

Bravi si ma fessi no

Post n°2836 pubblicato il 25 Ottobre 2021 da paperino61to

 

Abolita! Cancellata! Ricordate questi aggettivi usati dal Barabba leghista per parlare della Legge Fornero? Ovviamente nulla di tutto questa era vero, ma purtroppo migliaia di lavoratori ci hanno creduto e non solo quelli che seguono il loro Capitano( quest'ultimi sarebbero pazienti perfetti per Freud e soci).

Ora come sempre di questo periodo torna ala ribalta la questione della riforma sulle pensioni, come ogni pessimo governo che si rispetti arriva puntuale la mannaia sui lavoratori che si vedranno aumentare l'età lavorativa.

Entro il 31 dicembre se il governo non vara la solita Riforma indegna, i suddetti interessati andranno dovranno lavorare per 4/5 anni in più. E allora il Grande Genio nonchè Grande Inquisitore che fa? Introduce quota 102 o quota 104. 

Età anagrafica più gli anni di contributi lavorativi, la somma deve fare 102 o 104. Peccato che come quota 100, l'età parte dai 60 anni in su, penalizzando fortemente chi ha iniziato preocemente a lavorare. Inoltre, la pensione sfruttando questa opzione è abbassata del 10%, e visto che le pensioni dopo 42 anni di lavoro sono da morti di fame e ovvio che molta gente ci ha rinunciato. 

Opzione donna dovrebbe riessere riconfermata, anche qui con tutta la decurtazione se tu vai prima in pensione. 

La Legge Fornero indica a 67 l'uscita dal mondo del lavoro, poi se ci esci con i piedi per terra o in avanti a lei e non solo a lei poco importa ( solo l'altro ieri ennesimo morto sul lavoro, aveva 66 anni!).

Tempo addietro avevo fatto un post sulla piagnucolona Fornero dove dicevo chiaramente che lei era la pistola e il mandante dei lavoratori morti con età da pensione era il governo e i politi di allora, che tra l'altro sono ancora questi di adesso in maggior parte.

Purtroppo accade perchè i diretti interessati per ignoranza, stupidità,per paura o perchè aspettano sempre il Masaniello di turno non fanno nulla. 

"I sindacati non fanno niente" è il refrain solito.

Certo, ma per fare qualcosa devi avere alle spalle la forza, ovvero la gente. So per esperienza che se scendi in piazza con 4 gatti non vai lontano, e ricordiamo bene che Cisl e Uil da anno sono filo governativi, e che la Cgil prima che riesca a recuperare il disastro della Camusso quando era segretaria ne passeranno di anni.

In ogni caso cari lavoratori quando sentirete il Barabba leghista o qualcuno dei suoi parlare che hanno Abolito, Cancellato la Fornero e se ne attestano il merito, forse sarebbe il caso di prenderli a pedate, perchè come dice un proverbio: Bravi si ma fessi no!! Meditate...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/scontro/trackback.php?msg=15728545

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
alberto.gambineri
alberto.gambineri il 25/10/21 alle 11:23 via WEB
Caro Marco, se fossimo in un paese ricco ti darei ragione; ma non è così e bisogna che la gente questo aspetto se lo tenga sempre a mente; poi…, si potrebbe discutere su come il denaro pubblico viene speso dai governi, e, lo sai bene, sarebbero chiacchiere gettate al vento; quanto più uno stato come il nostro manda in pensione, tanto più è costretto a reperire fondi per pagarla, visto che la parte contributiva accantonata è ben poca cosa nel computo delle quote pensionistiche mensili; le casse statali non sono affatto strapiene, né i fondi provenienti dall’EU sono destinati alla spesa pubblica; mi sai dire come si fa a sostenere un esodo dal lavoro così massiccio senza che il bilancio ne risenta paurosamente?? Lo so che c’è gente che ha cominciato molto presto a lavorare, ma so anche che 2 o 3 anni in più o in meno non cambiano nulla nel percorso di un soggetto che ha già speso una vita in fabbrica o in ufficio; d’altra parte, non dimentichiamoci mai che molti campano di precariato o di lavoro nero ed una pensione non l’avranno mai, né presto né tardi; il segretario della Lega aveva promesso cose irrealizzabili, secondo politiche propagandistiche nelle quali eccelle ma che il cittadino saggio dovrebbe sempre guardare con distacco e sospetto; un principio è inamovibile: le tasse non possono essere abolite, dovrebbero essere eque e finalizzate all’implementazione di servizi sempre più efficienti per le persone, ma non si può prescindere da esse; Draghi è capace ma non ha la bacchetta magica, pressato com’è da un EU che continuamente spinge per una patrimoniale, per la tassa sulla casa, per l’istituzione di un sistema pensionistico basato solo sulla contribuzione.
(Rispondi)
 
 
paperino61to
paperino61to il 26/10/21 alle 09:03 via WEB
Caro Alberto prova a dirglielo a chi fa lavori gravosi e a chi arriva a un passo per svegliarsi un mattino e ritrovarsi a dovere rincorrere quella data fatidica di uscita. Dici bene sul precariato, ma basterebbe che usciti i "vecchi" entrassero i giovani, il cosiddetto cambio generazionale, e invece caso strano non si fa. Qui il Comune si sta svuotando, e come credi che si ritroveranno i cittadini tra un pò di anni? Che facciamo tutto online, dove funziona poco e male?.Il lavoro in nero, diciamo che basterebbe avere pene severe per chi lo propone. Io sono sempre dell'idea che si deve ritornare ai 35/37 anni in determinati lavori.
(Rispondi)
 
g1b9
g1b9 il 25/10/21 alle 15:37 via WEB
Concordo con ogni parola che ha scritto il signore qui sopra, la sua visione del panorama politico italiano è identica alla mia. Un paese quando non ha soldi e in più ha debito come il nostro, difficilmente può fare miracoli. Una cosa sola farei per sollevare le spese, abolirei il reddito di cittadinanza, che è un invito a non lavorare, privilegiando certi ammortizzatori sociali. Ma intanto il mio è un pour parler, semplicemente. Ciao Marco, buona settimana!
(Rispondi)
 
 
paperino61to
paperino61to il 26/10/21 alle 09:05 via WEB
Cara Giovanna la risposta è la stessa che ho dato a lui. Se non hai soldi li vai a prendere da chi li ha: in sintesi lotta SERIA all'evasione Fiscale e patrimoniale...quest'ultima era fissata a 500 mila...e non credo che la maggior parte di noi abbia quella cifra...e anche tu cara madamigella prova a parlare con chi lavora in fabbrica, edilizia,cantiere ecc...se sono contenti della risposta che gli dai :-) smack
(Rispondi)
 
 
 
alberto.gambineri
alberto.gambineri il 26/10/21 alle 10:52 via WEB
Non è questione di far contenta la gente, Marco… Sicuramente molti non lo sono e la loro delusione è comprensibile; ma la realtà in cui ci troviamo non può cambiarla nessuno, e bisogna fare i conti con essa continuamente; tu citi l’evasione fiscale a ragione, ed io sono d’accordo che occorra metter mano a questo aspetto scandaloso del nostro paese, prima o poi; però, ci vuole tempo e, comunque, anche la lotta all’evasione costa molto, se si vuol recuperare somme ingenti e non solo spiccioli; nel frattempo, c’è un’EU che non smette di starci col fiato sul collo per via del debito smisurato che abbiamo (e che si è ulteriormente accresciuto durante qs ultimi due anni…) e non solo quello; loro ci hanno dato (o meglio, promesso) molti soldi per ammodernare il paese…, ci lodano sui giornali e nelle assemblee ufficiali per la ripresa dell’economia…, ossequiano il nostro premier e la sua opera…, ma non smettono mai di osservarci di sbieco facendo subito la faccia scura non appena sentono odore di abbassamento dell’età pensionabile o di aiuti di stato a carrozzoni fatiscenti come Alitalia e MPS; chi sperava di andare in pensione prima se ne farà una ragione…; essenziale per un governo è non dare l’impressione che il denaro, che potrebbe venir devoluto a spesa sociale, sanità, scuola, servizi al cittadino, vada sprecato in operazioni demenziali come le “missioni di pace” in giro per il mondo (tanto per lisciare il pelo agli amici americani…) oppure la TAV, con la quale si fa un favore solo agli ex-paesi dell’est (apprendo alle loro merci una via ferroviaria veloce verso Francia, Spagna) mentre costoro non ci danno una mano con i migranti; ecco, i delusi della pensione dovrebbero, a mio parere, informarsi meglio sullo stato precario dell’Italia, al quale, se vogliamo essere onesti, ciascuno di noi, nel suo piccolo, ha contribuito.
(Rispondi)
 
elyrav
elyrav il 26/10/21 alle 07:56 via WEB
Teoricamente i soldi che mi vengono tolti dalla busta paga servono per la MIA pensione. Teoricamente. Ma qui da noi lavori per mantenere le pensioni dei politici fino a non so che grado di parentela. Quindi figuriamoci.
(Rispondi)
 
 
paperino61to
paperino61to il 26/10/21 alle 09:06 via WEB
Verissimo quello che dici, la realtà è che da anni si da colpa ai lavoratori, tra l'altro nessuno si domanda: ma uno a 60 anni cosa può ancora dare? buona giornata
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963