Creato da: paperino61to il 15/11/2008
commenti a caldo ...anche a freddo..

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 88
 

Ultime visite al Blog

cassetta2rbx1dglelyravnomadi50g1b9paperino61tozoppeangelom12ps12DoNnA.Skaren_71fcasula45bellinas0QuartoProvvisorioangelafavilli
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Serata Garon'Serata calypso »

Ci vuole un prete

Post n°3127 pubblicato il 05 Dicembre 2023 da paperino61to

Quando arriva un prete a dire certe cose è perchè come si suol dire alla frutta o abbiamo raschiato il barile o ancora alla canna del gas. 

Il prete in questione è l'Arcivescovo di Torino, dove a muso duro domanda a Stellantis cosa vuole fare a Mirafiori: "Volete investire o chiudere?".

Una domanda semplicissima ma che purtroppo la coppia Cip e Ciop(sindaco di Torino e Presidente di Regione) non pongono preferendo farsi belli alle inaugurazioni o alla sagre di paese. Non la pongono chi governa sia in questo momento(purtroppo) nè tantomeno quelli che gli hanno preceduti, anzi peggio ancora hanno fatto, visto che a fondo perduto gli hanno regalato un barca di soldi con la promessa( stracciata di investire in Italia) vero caro Conte?.

A Torino due fabbrieche stanno chiudendo lasciando a breve centinaia di lavoratori a spasso, ambedue sono legate alla automotive e dato che purtroppo per loro hanno sempre lavorato per Fiat e poi FCA ora è facile immaginare come siano messi.

Dal 2011 che l'azienda prende in giro, anche i sassi lo hanno capito, e caso strano da un paio di anni(dopo la morte del futuro beato Marchionne) i Servi firmatari si accorgono che il quadro investimenti è labile, che di modelli in produzione futura per ora sono solo sulla carta e se non lo sono la produzione avverrà fuori dai confini italici. 

Come dico da anni e voi lo sapete, la colpa non è solo delle isituzioni locali e non, che certamente sono gravi, non è la vendita ai francesi da parte del rampollo di casa Agnelli, la colpa la dò ai tanti ex colleghi che nel 2011 al giorno del ricatto referendario hanno votato Si, consegnando di fatto nelle mani del futuro beato la consegna del loro destino, un destino che fin da subito si era capito che era nefasto per i lavoratori non solo di Mirafiori ma dell'intero comparto dell'automotive. 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/scontro/trackback.php?msg=16726009

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
nomadi50
nomadi50 il 05/12/23 alle 16:14 via WEB
Che tristezza in Italia non esiste più una casa automobilistica , rimane solo la Brembo per i freni e la Marelli per le batterie , ma questa è in mano al fondo americano KKR che pensa di chiudere , tutto grazie a Marchionne il grande manager , poi i vari governi politici o tecnici hanno scavato la fossa , lasciamo perdere quelli di oggi che stanno mandando in chiusura pure l'Ilva .
(Rispondi)
 
 
paperino61to
paperino61to il 06/12/23 alle 10:37 via WEB
Vedi che anche tu la pensi come me, il male parte dall'assunzione di Marchionne, se i giornalisti fossero stati meno lacchè lo avrebbero capito da tempo. La politica se ne è sempre fregata dell'industria privata ed eccoci alla svendita totale del paese che parte da Draghi quando negli anni 90' e come un pollo Prodi c'è cascato...ciao
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963