Creato da sergiococchi il 27/09/2008
Appunti dal mondo dei segugististi e della caccia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Ultime visite al Blog

nellocolomargherita2009valef_88giorgio.zauli47sdenn69sergiococchiterry835gialinfsa10pianofrida.onerovesti1965marina.valdinocifranc.2giordi120zira5
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« IL COMPLEANNO DI WILLY E...AL LUPO AL LUPO. STAVOLT... »

FERMIAMO IL PIANO DI PRELIEVO DEI CAPRIOLI

Post n°22 pubblicato il 20 Gennaio 2011 da sergiococchi

E' iniziato a Gennaio il piano di abbattimento deei caprioli,ma non ci sono obbiettivamente le condizioni,scaturite dai censimenti del marzo 2010. Di animali in giro se ne vedono veramente pochi,quali le cause? gia da qualche anno si era evidenziata una malattia con evidente dissenteria,che portava alla magrezza i soggetti,fino a portali alla morte. Pare che ciò fosse dovuto al fatto che nei momenti di grande siccità estiva i caprioli andassero ad abbeverarsi in fosi di scolo di liquami. Oltre a ciò,questi animali sono sempre stati colpiti da una forte parassitosi da zecche.Oggi si dice vi sia anche un incremento del lupo,che ne avrebbe fatto diminuire la popolazione.

Di certo credo si possa affermare che la malattia è stata sottovalutata e a nessuno è venuto in mente di fare abbattere ai selettori i soggetti visibilmente ammalati. Anche l'abbatimento dello scorso anno,di circa 8000 animali è sembrato a molti una esagerazione,ma per riscontro,si è dovuto prendere atto che i dati dei censimenti erano tutti gli anni al di sotto delle reali consistenze. Non ci hanno capito niente i biologi preposti? Sembrerebbe proprio di si,così la Provincia stanca di tutte le lamentele degli agricoltori per i danni causati,stanca di tutte le richieste di risarcimento danni per incidenti stradali,ha pensato di dimuinuire drasticamente la poplazione dei caprioli.

In parte si potrà anche capire,ma,la situazione oggi è cambiata drasticamente,dove prima vedevi 30 animali,oggi ne vedi due, continuare con la situazione attuale di scarsa presenza di animali,si rischia di arrivare alla eradicazione. Mi chiedo perchè i cacciatori non si ribellino a questa situazione,rifiutandosi di abbattere i caprioli loro assegnati,in fondo in gioco vi è anche la nostra credibilità di selecontrollori,figure volute dalla legge regionale,per contrallare queste speci,allora adesso è proprio giunto il momento di dire agli amministratori,che non ci stiamo a distruggere il patrimonio di caprioli della nostra provincia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog