Creato da sergiococchi il 27/09/2008
Appunti dal mondo dei segugististi e della caccia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Ultime visite al Blog

nellocolomargherita2009valef_88giorgio.zauli47sdenn69sergiococchiterry835gialinfsa10pianofrida.onerovesti1965marina.valdinocifranc.2giordi120zira5
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« QUALIFICHIAMO IL PRELIEV...GLI ATC DI REGGIO EMILIA... »

UN VENTO NUOVO STA SOFFIANDO SUL SEGUGIO ITALIANO

Post n°26 pubblicato il 15 Giugno 2012 da sergiococchi

 

Un vento nuovo sta soffiando impetuoso verso il segugio italiano

 

Alcuni recenti articoli,pubblicati su alcune riviste specializzate,dimostrano l'insoddisfazione,e le profonde divisioni che regnano tra i segugisti,ormai schierati su versanti opposti: una parte in difesa della razza italiana più tipica,dall'altra,lo schieramento dei sostenitori del segugio definito migliorato.

 

La data del 27 Novembre del 1989, viene ricordata da molti segugisti, come un giorno nefasto per il nostro segugio italiano. Infatti il consiglio dell'ENCI,su proposta della società italiana pro segugio, approva la divisione della razza segugio italiano in due razze: una a pelo forte ed una a pelo raso. Modifica il regolamento, elevando la taglia a 60 cm.

Delle pagine de” I Segugi “ un'autorevole figura del mondo segugista,ha suo tempo già presidente Sips, nel suo articolo” il meraviglioso”lancia una serie di pesanti accuse nei confronti dell'allora dirigenza,della pro segugio. colpevole di avere storpiato la razza ,sia nella morfologia che nel lavoro, solo perchè, infatuati dal fascino delle mute francesi. Anche il corpo giudicante viene accusato di silenzio assordante.

Nell'ultimo numero di “ Cani da seguita” un altro interessante articolo a firma di Giuseppe Vercesi, un vecchio segugista,come egli si definisce. Egli, tra le altre argomentazioni, pone il problema dell'azione spontanea e personale di alcuni allevatori,che di fatto hanno creato una razza nuova. Mai si legge, deve essere modificato lo standard di lavoro di una razza. Ancora, se una razza non piace non si deve costruirne un'altra sulla falsariga di quella preferita,ma dotarsi di soggetti appartenenti alla razza gradita. Chi non rispetta le regole,si pone fuori dalle stesse. Le impronte di razza,in senso generale e nei particolari debbono essere ben pretese

Si è di fatto lasciato fare agli allevatori ciò che hanno voluto ,al punto che alle prove di lavoro,assistiamo a valutazioni che hanno dell'incredibile. Vengono premiati con Cac, soggetti smaccatamente francesizzati: unghie rosse, orecchie pesanti, rotonde e accartocciate,non vengono notate dai giudici,che nemmeno si accorgono di giogaie, e di giudicare segugi che invece di scagnare ,ululano. Sembra scontato che scagno e ululo,siano la stessa cosa...

Durante le semifinali del trofeo Fidasc,svoltosi nelle maestose terre,che furono di Matilde di Canossa, mentre il giudice valutava a fermo una muta blasonata, abbiamo sentito i cani emettere un verso lugubre, continuo,che sembrava un monito di avvertimento per la percezione di una imminente calamità naturale, che i cani sono in grado di anticipare. Fortunatamente ciò non avviene,è solo un'anticipazione di ciò che ascolteremo a muta sciolta.

L'azione di lavoro si rileverà esasperata nel metodo,tanto da disegnare passo dopo passo il percorso effettivo ,fatto dalla lepre. Il triplo di voce nel collegamento tra i soggetti,non viene considerato e valutato,dai giudici,come espressione tangibile di ibridismo,con evidente e smaccatamente dichiarata immissione di sangue francese. Così può accadere che un soggetto tipicamente italiano,con orecchie a triangolo, attaccate sulla linea dell'arcata zigomale, possa ottenere nei 50 punti previsti in tipicità, un punteggio minore, rispetto ai soggetti sopra enunciati, perché nel corpo giudicante,sembra essere ormai stabilito il concetto ,che il segugio italiano è questo. Quello modernamente concepito dopo gli anni 50,con tutte le nefandezze compiute a danno della razza,e oggi denunciate.

In tutta questa confusione, risulta evidente che il corpo giudicante,ha le sue responsabilità, o quantomeno,non ha ricevuto indicazioni precise,dal comitato tecnico scientifico della Pro Segugio,e dall' Enci., dai quali dipendono.

Continuare in questo modo, significa permettere colpevolmente di distruggere completamente il nostro segugio italiano tipico.

E' ora di correre ai ripari,prima che sia troppo tardi. Bene fanno gli articolisti che denunciano la gravità della situazione. Bene fanno anche quei gruppi,come : “il segugio italiano tipico”,che sulle pagine di Facebook, dibattono costantemente il problema,pubblicando e valorizzando fotografie dei migliori soggetti tipici,che sono rimasti in circolazione .

In un altro gruppo che si richiama al segugio italiano,si dibattono invece le ragioni,di questo nuovo soggetto,che molti ritengono meraviglioso. Siamo alle opposte fazioni.

Nessuno vuole mettere in discussione.le qualità venatorie di questi soggetti,ma non corrispondono alle linee generali e particolari ,tipiche della razza segugio italiano.

Insomma,qualcosa bolle in pentola,soffia finalmente un vento nuovo,che chiede a gran voce di rivedere i regolamenti e riportarli agli standard antecedenti alla quella riunione del 1989.

Bisogna abbassare la taglia nelle femmine a 48-50,e nei maschi a 55. Rivalorizzare l'orecchio triangolare,la voce squillante e soprattutto premiare e favorire l'iniziativa.

Figure nuove,non più allevatori,ma semplici appassionati, fuori dal bissnes, li troviamo oggi ai vertici delle classifiche, nelle prove di lavoro ,si propongono in modo nuovo, con un linguaggio diverso,elegante e signorile, e sportivo, dettato soprattutto dall'amore verso il nostro segugio italiano.

Che poi il prestigioso trofeo Fidas, sia stato vinto proprio dalla muta più tipica, dimostra che era possibile allevare in modo diverso,rispettando gli standard.

Abbiamo oggi un patrimonio zootecnico non indifferente,che ci permette di portare ordine e di scrivere finalmente la storia del segugio italiano.

Mi rendo conto,che per molti sarà difficile condividere ed accettare una simile eventualità,ma è urgente e necessario tornare indietro sulle caratteristiche di razze originarie.

Coloro che si saranno spinti troppo avanti e saranno esclusi,dal ritorno al vecchio regolamento,si potrà sempre aprire l'iter e il percorso previsto per il riconoscimento di una nuova razza italiana,quale in effetti è ,quella dei migliorati.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
DANY2301
DANY2301 il 15/06/12 alle 12:18 via WEB
Buongiorno Sig. Cocchi, ho letto con interesse ciò che ha scritto. Sinceramente io credo che all'interno del mondo cinofilo vi siano colpe che tutti stiamo pagando e che pagheremo ma fino a che ci si lamenta del passato non si guarda al futuro, ma soprattutto non si guarda al presente. Il nostro presente cosa ci offre? Segugi italiani migliorati (tanti), segugi italiani tipici (pochi), segugi dell'appennino VERI (pochi) e tanti cani spacciati per l'una o per l'altra razza.. erroneamente... I soggetti bravi alle prove ci sono.. ma a quale razza appartengono?
(Rispondi)
 
sergiococchi
sergiococchi il 15/06/12 alle 12:27 via WEB
Hai ragione Dany,la confusione che regna nelle prove di lavoro è davvero alla portata di tutti.Le prove erano nate per favorire, la selezione della razza segugio italiano,oltre ovviamente a divulgarne l'immagine. Come anche tu hai notato,vengono presentate razze,che tali non sono,sia nell'espressione morfologica che nel lavoro,tuttavia si continuano ad assegnare eccellenti e cac. Addirittura,durante la prova il canettiere spesso si sostituisce al cane,utilizzandolo come fosse un cane da ferma.Per il bene della razza segugio italiano,dobbiamo impegnarci per il futuro e salvaguardare quello che di meglio abbiamo,esigendo regole chiare e il rispetto di esse.
(Rispondi)
 
 
DANY2301
DANY2301 il 15/06/12 alle 12:41 via WEB
Sono assolutamente in linea con il suo pensiero anche se ad essere sincera non vedo un futuro roseo. Iniziamo da chi si occupa della selezione. E' da 25 anni che vedo sempre e solo le stesse facce e, mi dispiace dirlo, so già ad ogni prova o esposizione chi sarà il favorito... e non è bello, dico davvero. Appassionati e disinteressati sono ormai soggetti più unici che rari in questo ambiente e.. se ne vedono i frutti! Con questo non voglio schierarmi con una razza o con l'altra ma leggendo certi commenti che passano sul web mi accorgo di quanta gente elogi segugi italiani che di italiano non hanno neppure "la lingua" o segugi dell'appennino che sono semplicemente scarto di segugio italiano... e non va bene!
(Rispondi)
 
 
 
sergiococchi
sergiococchi il 15/06/12 alle 15:33 via WEB
Dany,sono sorpreso per la sintonia del pensierto comune. Insieme ad un amico,Andrea,abbiamo dato vita ad un gruppo che si chiama segugio italiano tipico. siamo diventati una famiglia numerosa e abbiamo come obbiettivo di modificare lo stato attuale delle cose,perchè non vieni a dare anche tu il tuo contributo? che vedo molto profondo e utile al miglioramento del cose che dicevamo.
(Rispondi)
farolp
farolp il 15/06/12 alle 22:37 via WEB
ho visto il commento di Poggi, dice che vendi bastardini e che parli per altri, penso meriti una risposta. Ciao
(Rispondi)
 
sergiococchi
sergiococchi il 16/06/12 alle 11:54 via WEB
Mi dispiace farolp,ma quello che dice e pensa Poggi,non mi appartiene. Questo signore è un fresco segugista,ha comprato un cane,che pare avesse una nonna lepraiola(se vero,sarebbe anche un merito)prima si dedicava ai pointer. mi confronto con tutti,ma con chi sa ciò che dice e per esperienza vissuta,io ormai sono 40 anni che vivo con i segugi. Per cui,i miei bastardini hanno una lunga storia,anche di lepri scovate in carriera......
(Rispondi)
DANY2301
DANY2301 il 18/06/12 alle 09:39 via WEB
Signor Cocchi la ringrazio molto. Conosco il gruppo e lo seguo.. diciamo.. da "dietro le quinte" non avendo un mio profilo facebook. Non credo di essere in grado di poter dare un buon contributo ma mi ha fatto molto piacere me lo abbia chiesto. Purtroppo tra i miei difetti c'è quello di dire sempre ciò che penso e mi creerei nemici tra gli amici e non è quello che intendo fare. Comunque faccio i complimenti a chi come lei, come Andrea, come anche il mio papà ha fatto per anni si batte per dare al segugio ciò che E' del segugio. La metodologia del lavoro, la voce, la struttura, l'espressione.. col passare degli anni sono cose che si stanno perdendo. E le colpe sono del sistema. Sarebbe tutto da rivedere. Ma noi italiani, si sa, abbiamo la strana capacità di rovinare sempre tutto..
(Rispondi)
sergiococchi
sergiococchi il 19/06/12 alle 16:04 via WEB
Cara Dany,sono io che ringrazio te. credo che ci accomuni un autentico pregio,quello di dire sempre quello che pensiamo,anche a scapito di diventare a volte anche antipatici....Se risulto simpatico,mi fa piacere,se il mio pensiero è condiviso,come nel tuo caso,mi riempie di gioia,tuttavia ho un mio credo che non sono tanto disponibile a modificare,anche perchè l'età mi ha fatto vivere e conoscere tante cose:dico la mia,magari lo facessimo tutti per il bene del nostro segugio. Non conosco tuo papà dany,ma da come ti esprimi tu,sulla situiazione dei nostri segugi,hai un padre molto in gamba,sicuramente preparato,al punto che ti ha trasmesso una bella preparazione,porgilgi il mio saluto e il mio senso di stima. ciao sergio
(Rispondi)
jorke88
jorke88 il 04/12/14 alle 10:32 via WEB
Hé, je ne l'ai pas, c'est quand je suis allé à un an et demi yastores . Les Japonais ont à payer pour exactement comme il a été écrit, dit le restaurant à imiter que léché contre (japonais plutôt que a) je ne pense pas que vous pouvez pardonner, mais bien sûr, les touristes japonais ne paient pas du tout d'autre part, la puce Je me demande si c'est aussi une très forte hausse. Au cours des dernières années, je ne serais pas accepter certaines coutumes étrangères Mercurial Victory , groupe de vieux japonais comme beaucoup de bizarre. Pour impressionné a aidé à organiser le guide japonais juste pour nous! Tout le monde est &#29190; &#30561; voiture de bus était à l'explication historique en japonais confondre autre. Pour déterminer l'aide visage triste pour moi Nous tous, mais parce qu'il s'agit de voyager traitement préférentiel avec elle. Et pourquoi était-05h00 tous les matins, est différente de celle des touristes qui sont venus après votre étude, parce que je voulais venir. Or, dans un sac à provisions. Une urgence Bellagio. Fumin acheter une bague dans la première Hermes ici. Il s 'autre que des chaussures non-cuir est en train de faire le moonwalk de Michael Jackson, mais depuis il semble y avoir pas beaucoup de rapport ici pour diapositives dos Eh bien, il n'a pas d'importance trop de poids Nike Retro , car elle ne dépend pas du tout sur le pied pour mieux retomber Prenez note de la façon, mais ce sont les chaussures, mais ils disent que moonwalk comme les diapositives et bonne Nike Air Force en général. Vous ne pouvez pas en dire trop parce qu'il n'a pas fait dans la Force aérienne pour moi Oh Nike5 , mais c'est aussi la raison pour laquelle vous dites marques de mode que vous dites si bien, au moins pour la qualité, en plus Tiempo , c'est parce que le fabricant de votre chemin si le problème pourtant je pense. Peut-être le temps de le Bronx, tels que le choc électrique Chomolungma Corps a commencé à apparaître, ils n'ont pas de raison pour laquelle je portais comme un Super Star serrures de pause et devrait être chaussures assez bon marché suffisantes Nike Mercurial Vapor IX TF Rose Mauve dans d'autres chaussures de mots qui se glissent aussi longtemps que le désir Eh bien, je Je suis entre parenthèses UGA? En fait, quand je danse, il semble bon superstar.
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.