Creato da elomem10 il 16/11/2006
una capanna?

Poesia

Creatura Deliziosa

 

Sei una creatura così deliziosa,

che anche la vanitosa rosa,

sarebbe nel giardino, di te gelosa.

Così elegante che ogni stella

Sposando la notte, ti vorrebbe damigella

Così leggera che il borioso vento,

ti vorrebbe farfalla e compagna di danza,

così rara che se solo un tuo sorriso

si posasse sul mio cuore,

saprei finalmente cos’è l’amore.

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

patrizia.prizzidora.compagnocampasulnicoletta.zeollalisy80ltant.cardFrankone37vipeer82nick055SelleLCRacingarch.rosadicriscioAlessandraBaliceFomboelvissacconleomonika
 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Area personale

 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

I LIBRI PREFERITI

immagine 

immagine

 

 

« PARENTI SEEEEERPENTIPRIMA O POI TORNO..... »

C'ERA UNA VOLTA...

Post n°131 pubblicato il 29 Maggio 2008 da elomem10

Le Campanelle

C'era una volta un bambino, molto piccolo di statura che si chiamava Mezzoculè.
Nel paese dove abitava c'era anche un Orco, cattivo e prepotente e molto molto ricco.

Il primo giorno d'inverno l'orco aveva l'abitudine di mettere sul proprio letto una coperta di lana con attaccate ai bordi tantissime campanelline d'oro.

Tutto il paese era a conoscenza di questa coperta, ma nessuno aveva coraggio di avvicinarsi al castello dell'Orco, anche se la fame straziava tutti gli abitanti, salvo nessuno.

Un giorno, Mezzoculè stanco di vedere la propria famiglia, i propri fratelli ecc..ecc.. soffire la fame, prende coraggio e decide di rubare la coperta all'orco. Ma come? Non poteva toccarla, altrimenti le campanelle avrebbero suonato e l'orco se ne sarebbe accorto.....

Così la notte successiva, mentre l'orco dormira e russava rumorosamente, entrò nella sua camera da letto e riempì ogni campanellina di ovatta... e piano piano riuscì a sfilarla, proprio sotto il naso dell'orco! Appena il tempo di scavalcare la finestra e cominciare a correre che ecco l'Orco che si affaccia urlando:

"mezzoculèèèè, quanno rivièèèè?" (mezzoculè, quando torni?)

e lui rispose : "di quell'anno non se sa quando!"

La pianta d'oro

C'era una volta un bambino, molto piccolo di statura che si chiamava Mezzoculè.
Nel paese dove abitava c'era anche un Orco, cattivo e prepotente e molto molto ricco.

L'orco aveva una pianta bellissima, d'oro di un valore inestimabile che metteva fuori dalla finestra solo durante la prima nevicata dell'anno.

Mezzoculè decise che era ora di rubare questa pianta all'Orco, per aiutare tutto il paese a sopravvivere all'inverno...Ma come fare? non era ancora tempo di neve, e non si poteva aspettare altro tempo!

Così la mattina seguente va al castello dell'Orco, si arrampica sulla finestra e comincia a far scendere borotalco... L'orco, convinto che fosse la prima nevicata, corre a prendere la pianta d'oro e la mette sul davanzale.... Il tempo di chiudere la finestra che ecco Mezzoculè prendere la pianta, scendere veloce e cominciare a correre per scappare. E l'Orco, affacciato alla finestra cominciò ad urlare:

"Mezzoculèèèè! Quanno rivièèè?'

 e lui rispose : "di quell'anno non se sa quando!"

Dunque... queste due favole me le raccontava mia nonna quando ero piccola, non so' da dove provengono, quale sia la loro storia, se sono favole da "paese" o se anche in altri parti di Italia esistono, magari un po' modificate... però questa mattina ci stavo pensando, è incredibile il fatto che anche se sono ANNI che non le sentivo più raccontare, mi sono tornate alla mende chiare e limpide....

Non so', se volete anche voi tornare indietro nel tempo, provare la sensazione piacevole di quando si era bambini, questo è il momento, per raccontare a tutti la vostra favola del cuore!!

Così, tra qualche anno, ogni sera avrò una favola diversa da raccontare al mio futuro erede!

E vissere tutti felici e contenti.

P.S. ma quest'orco quanto era rincoglionito????????

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/semola/trackback.php?msg=4793023

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Fayaway
Fayaway il 09/06/08 alle 14:58 via WEB
Uhm.... mi hai dato l'idea per un post! Se lo farò ti linkerò, altrimenti ti racconterò semplicemente una favola ;) Comunque, riguardo al post precedente, è per questo che al mio matrimonio non voglio nessuno :P Tanto si lamenteranno in ogni caso!!!!
(Rispondi)
 
elomem10
elomem10 il 10/06/08 alle 16:44 via WEB
ok, aspetto con ansia che mi racconti una fiaba... sperando che non mi porti ad addormentarmi sulla scrivania dell'ufficio!! P.s. in riferimento al post precedente ti dico che è impossibile fare un matrimonio senza nessuno, almeno lo sposo ci deve stare!!! scherzo.... a meno che non parti per un isola e ti sposi senza dire niente a nessuno....
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963