Un blog creato da prolocoserdiana il 22/02/2010

SAL&ALLEGRABAND

Fra noi e voi

 
 
 
 
 
 

IL MIO MONDO, LA MIA REALTA'

Il mondo a colori di Sal&Mary...
Pelosetti compresi...

 
 
 
 
 
 
 

NON MI ABBANDONARE

IMMAGINE

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Vitamina D, indispensabi...I “bambini valigia” dell... »

Rischio infarto: trovato il marchio nel sangue

Post n°1300 pubblicato il 15 Maggio 2019 da prolocoserdiana
 

immagine

Esiste un “marchio” nel sangue che consente di capire chi corre maggiormente il rischio di avere un infarto.
A svelarlo una ricerca italiana apparsa sulla rivista Plos One, che compie un enorme passo avanti nella prevenzione e nella cura dell’infarto. Secondo gli studiosi infatti nel nostro Dna è presente un marcatore genetico fondamentale per indicare la predisposizione a questo problema.
Il “marchio” trovato dagli esperti consente di individuare chi potrebbe avere un attacco cardiaco e, di conseguenza, di intervenire con maggiore velocità in caso di necessità. Ereditarietà e stile di vita: sono questi i due fattori che portano alle sindromi coronariche che colpiscono, ogni anno, milioni di persone. La ricerca guidata da Giuseppe Novelli, direttore del Laboratorio di Genetica Medica del Policlinico di Tor Vergata, e Francesco Romeo, direttore della Cardiologia dell’Università di Tor Vergata, ha avuto come obiettivo proprio quello di capire se nel nostro Dna esiste un marcatore in grado di segnalare un possibile infarto.
A finire sotto osservazione sono stati i microRNA, ossia RNA non codificante che si trova nel sangue. Queste molecole operano come degli interruttori, regolando processi biologici importanti fra cui lo sviluppo di tumori, la proliferazione cellulare e il metabolismo dei grassi. L’analisi molecolare ha consentito di scoprire, fra 84 differenti microRNA, un comportamento differente. La molecola miR-423 infatti era presente in livelli bassi nelle persone che avevano appena subito un infarto rispetto a chi invece soffriva di una malattia coronarica stabile. Ciò, secondo gli studiosi, indica che la sua espressione identifica l’evento acuto.
“Non è il primo biomarcatore dell’infarto finora identificato – ha spiegato all’Ansa, il professor Novelli – ma è il più importante. Consente, infatti, di individuare in un gruppo di soggetti a rischio, quelli più esposti al pericolo infarto e che necessitano di interventi terapeutici e preventivi immediati. Pertanto apre le porte alla medicina personalizzata o di precisione”.

immagine

Un mio amichevole consiglio da cardiologo: non sottovalutate mai nessun sintomo che vi possa apparire del tutto innocuo e fate un conrollo periodico annuale. Buona serata. Gaetano.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

neopensionataaramar1959nagi51saverio.anconablaskina88prolocoserdianaaaaamante0monellaccio19dolphinbluereturnfrancy71_12Marilena63soltanto_unsognoambradistelleflaviomei1942
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom