Un blog creato da prolocoserdiana il 22/02/2010

SAL&ALLEGRABAND

Fra noi e voi

 
 
 
 
 
 

IL MIO MONDO, LA MIA REALTA'

Il mondo a colori di Sal&Mary...
Pelosetti compresi...

 
 
 
 
 
 
 

NON MI ABBANDONARE

IMMAGINE

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Adolescenza tardiva, sempre più comune

Post n°1230 pubblicato il 18 Marzo 2019 da prolocoserdiana
 

immagine

Nel mondo attuale, l’età delle persone sembra avere un peso sempre minore. A un certo punto si scopre che la vita non corrisponde necessariamente agli schemi teorici che ci vengono forniti nel corso della nostra esistenza. A prova di ciò, abbiamo il fenomeno dell’adolescenza tardiva, una realtà sempre più frequente.
Per prima cosa, bisogna ricordare che l’adolescenza è quella tappa della vita che fa da ponte tra l’infanzia e l’età adulta. Si tratta di un periodo caratterizzato da una grande instabilità emotiva e dalla disperata ricerca di una propria identità. Buona parte degli alti e bassi tipici di questa fase dipende dai molteplici cambiamenti corporei che si verificano. Arriva il periodo della maturità sessuale, e con essa un’attività ormonale particolarmente “tempestosa”.
Il concetto di adolescenza tardiva ha due connotazioni. La prima, indica il periodo che corrisponde agli ultimi anni dell’adolescenza; ovvero quando tutti i cambiamenti sono giunti al termine e il giovane è pronto per entrare a tutti gli effetti nell’età adulta. L’altra connotazione riguarda quelle fasi della vita in cui i tratti tipici dell’adolescenza sembrano riaffiorare.
Nel primo caso si tratta di un termine tecnico, mentre nel secondo è semplicemente una creazione della “psicologia popolare”.
L’adolescenza tardiva è una fase caratterizzata da una maggiore stabilità rispetto alle fasi precedenti. L’identità è molto più definita, prevale un grande idealismo e un’enorme capacità di crearsi illusioni riguardo il futuro. A volte si presentano delle crisi in ragione delle nuove responsabilità che i giovani adulti sono chiamati ad assumersi. L’adolescente non sempre si sente pronto per affrontare tutto ciò.
Spesso e volentieri sono proprio i genitori a non volere che il figlio adolescente cresca. Al di là del legame affettivo, a spingerli a comportarsi in questo modo può essere proprio la loro paura di invecchiare o di farsi carico della propria vita. Questi genitori fanno in modo che la dipendenza economica, affettiva e psicologica dei loro figli permanga nel tempo.

immagine

 

L’adolescenza è il permesso della società di combinare la maturità fisica con l’irresponsabilità psicologica. – Terri Apter-
Sorriso, bye Sal

 
 
 

Amicizie sane, legami che aiutano a crescere

Post n°1229 pubblicato il 18 Marzo 2019 da prolocoserdiana
 

immagine

Ogni amicizia è un mondo popolato da persone che le danno forma e dalla loro relazione. Ci sono quelle che si ritrovano, altre a cui il tempo o le circostanze mettono fine e quelle che aiutano a crescere perché donano forza e appoggio. Queste ultime sono le amicizie sane.
Le amicizie sane si riconoscono dal fatto che chi le costruisce ci mette amore, rispetto e fiducia. Sono gli artigiani dei momenti belli, compagni nei momenti brutti e ispirano il sorriso.
Le amicizie sane ci incoraggiano a crescere e a evolvere, ci motivano. Funzionano come quell’impulso di cui a volte abbiamo tanto bisogno, ma anche come ascolto che ci fa sentire capiti e valorizzati.
Le amicizie sane sono, quindi, autentiche. Ci permettono di mostrarci come siamo davvero. In questo modo ci fanno sentire liberi: è la base per poter condividere momenti indimenticabili. Questo non significa che non esistano i contrasti, ma che davanti a una divergenza di opinioni viene prima il rapporto e non la necessità di convincere l’altro.
È incredibile quanto possano fare bene le amicizie sane. Poter contare su di esse aiuta anche a invecchiare bene. È quanto affermano anche le ricerche. Le reti e i meccanismi psicosociali che costruiamo nel corso della vita giocano un ruolo importante nell’invecchiamento.
Infine, un aspetto altrettanto importante è la capacità, tipica di alcuni amici, di agire come analgesico o antidoto alle nostre paure e angosce. Non ci aiutano solo a superare le difficoltà grazie al sostegno che offrono, ma favoriscono letteralmente il nostro benessere.

immagine

Sereno inizio settimana con sorriso...Io? Per tutta la giornata mi leccherò le ferite per la sconfitta del mio Milan nel derby di ieri contro i cugini " carogne " dell'Inter...Della serie: non sempre si può vincere...Ciaooooo, Sal

 
 
 

BUONA DOMENICA CON SORRISO

Post n°1228 pubblicato il 17 Marzo 2019 da prolocoserdiana
 

IMMAGINE

Sebastian soffre di un particolare disturbo intestinale notturno, a causa del quale scoreggia a più non posso. La povera moglie si sveglia sempre di soprassalto e gli dice ogni volta: - Una volta o l'altra ti usciranno tutte le budella dal sedere... E lui continua imperterrito a petare. Volendosi vendicare la moglie va dal macellaio e compra due chili di budello. Una notte mentre il marito, a letto, è girato dall'altra parte e scoreggia come non mai, gli mette il budello dietro al sedere. La mattina dopo si sveglia prima del marito e comincia a sbrigare le faccende domestiche. Ad un certo punto sente dei lamenti provenire dalla stanza da letto: - Aiiiii uuuuhhhhh aiiiii... Corre allora dal marito: - Che ti succede? - Avevi ragione sai! A forza di scoreggiare mi sono uscite le budella dal sedere! - Ma ti hanno fatto male? - Ad uscire no... AZZ...MA A RIMETTERLE DENTRO...

Sal entra in uno di quei bar di paese frequentati dalle solite facce. Dopo aver bevuto il suo caffè al banco si gira, ed appoggiando i gomiti sul bancone si rivolge ai gruppi di persone che stavano chiacchierando e giocando a carte, urlando: - Alla mia destra vedo una manica di stronzi... alla mia sinistra vedo una manica di cretini! Detto questo esce dal bar lasciando stupiti e sorpresi i presenti. Il giorno dopo Sal si ripresenta e dopo aver bevuto il suo caffè si rivolge nuovamente ai soliti, urlando: - Alla mia destra vedo una manica di stronzi... alla mia sinistra vedo una manica di cretini! I presenti vorrebbero intervenire per dargli una lezione, ma anche per questa volta lasciano correre pensando che sia matto. Il terzo giorno Sal si ripresenta nel bar e dopo avere bevuto il solito caffè si rivolge nuovamente ai presenti: - Alla mia destra vedo una manica di stronzi... alla mia sinistra vedo una manica di cretini!! Questa volta si alza il solito armadio tutto muscoli e sollevando Sal a 50 centimetri da terra, gli dice con tono furioso: - Ehi amico... guarda che io non sono uno stronzo!!! Sal sentito questo, con tono arrabbiato gli risponde: - E allora che cazzo ci fai lì??? VAI DALL'ALTRA PARTE NO?!?

Lele e Mirko si incontrano al solito bar.
Uno è elegantissimo tutto in nero, ma con il vestito strappato e sporco.
Lele gli chiede: "Come sei elegante ma dove sei stato?"
Mirko: "Sono stato a seppellire mia suocera"
Lele: "Ma come mai hai il vestito sporco e rovinato?"
Mirko: "Sai.. lei non voleva"

Sabrina sta cercando di posteggiare una 126. SBRANG! Batte di dietro. SPUM!! Contro la macchina davanti. Intanto si ferma un signore che la guarda interessato. CRASH!! Contro il lampione sul marciapiede. Sabrina esce dalla macchina ed urla al passante: - Insomma, sono qui che sto combinando un disastro, potrebbe almeno aiutarmi invece di stare lì impalato!!! - Vede signora, è molto semplice, ora le spiegherò la cosiddetta manovra a CULO DI GATTO... - E come sarebbe? - Semplicemente tutto il contrario di quella a CAZZO DI CANE che sta facendo lei!!

immagine

Serena e allegra domenica, bye Sal

 

 
 
 

Mi piace la gente che non inganna mai

Post n°1227 pubblicato il 16 Marzo 2019 da prolocoserdiana
 

immagine

Mi piace la gente che non inganna. Mi piacciono le persone che restano, che non decontestualizzano, che non drammatizzano, che non deludono. Mi piacciono perché con loro imparo ad amarmi quando le paure cominciano a farsi sentire e le debolezze controllano la mia vita. Mi piacciono perché ci sono sia nei giorni di sole che in quelli di pioggia, perché mi hanno dimostrato che in loro posso sempre trovare un bell’abbraccio e che c’è ancora qualcuno a questo mondo che resta al tuo fianco.
Ci sono persone che sono belle ogni giorno dell’anno, che ci aiutano a capire con la melodia più incantevole che ciò che è emanato dal cuore ci innalza e ci fa sentire l’odore di casa, perché la casa sta dentro di loro.
C’è anche un’altra realtà nelle persone che ci circondano. Ci sono le persone che ci deludono, che ci rendono ingiustamente diffidenti nei confronti della brava gente, che ci fanno credere che l’onestà, la sensibilità e il rispetto siano assenti in questo mondo di matti.
Sono quelle persone che preferiscono non parlarci più, piuttosto che chiederci scusa per un loro errore. Sono quelle che si allontanano per il semplice fatto che la relazione con noi non è più di loro interesse o perché lasciano che i malintesi minino emozioni prima stabili.
La delusione ci lascia orfani, ci stordisce e ci fa sentire nudi e indifesi. Tuttavia, grazie a ciò, potremo valorizzare le vere gioie, che sono quelle che allontanano le pene.

immagine

 

Non è facile abbracciare senza paura quando abbiamo subito un brutto colpo, una botta che ci ha zittiti, che ci ha creato un nodo alla gola, che ha aperto in noi una ferita, che ci ha fatto rabbrividire. Tuttavia, grazie a quest’esperienza, ora sappiamo cosa siano l’amore incondizionato, la bontà infinita, l’umiltà, l’onestà, la gentilezza, il rispetto e l’affetto sincero. Ora sappiamo che dobbiamo allontanarci dall’egoismo, dall’amarezza, dall’ipocrisia e dalla superbia.
Un sorriso per un sereno fine settimana, sal&allegraband che si sono riuniti nella loro fantastica storia di vera amicizia. Sal

 
 
 

Amore platonico e uso errato di questo concetto

Post n°1226 pubblicato il 15 Marzo 2019 da prolocoserdiana
 

immagine

A chi non è mai capitato di sentire o di usare l’espressione “amore platonico” per riferirsi a una persona per la quale si sente una pulsione romantica, ma che viene considerata irraggiungibile? Un sentimento di amore non corrisposto e idealizzato sul quale si fantastica. Ma in effetti, cosa c’entra questo tipo di amore con Platone? È stato Platone a parlare di questo famoso amore platonico di cui parliamo oggi?
La risposta è no. Platone non ha mai parlato di un concetto di amore che facesse riferimento a una persona irraggiungibile. Quello che oggi chiamiamo amore platonico è solo una variante del concetto espresso da Platone. Nonostante l’evoluzione del termine sia per certi versi comprensibile, è importante saper fare una distinzione tra l’amore platonico moderno e l’amore platonico di cui parlava Platone.
Platone, come accade per tutta la sua filosofia, fa una distinzione tra mondo delle idee e mondo terreno. Nel mondo delle idee è possibile trovare la conoscenza pura, mentre nel mondo terreno esiste solo una conoscenza imperfetta, che cerca di imitare il mondo perfetto delle idee.
Secondo Platone, vale lo stesso per l’amore. L’amore platonico non ha niente a che vedere con l’amore puramente fisico, riguarda piuttosto la ricerca del bello. L’amore per ciò che è bello viene inteso come concetto supremo di amore, che è possibile trovare solo nel mondo delle idee. Conoscere il bello in tutto il suo splendore è l’obiettivo dell’amore. La bellezza come concetto puro e astratto è il significato che Platone dà all’amore. Un amore fatto di contemplazione e ammirazione.

immagine


Una curiosità per concludere: l’espressione “amore platonico” è stata usata per la prima volta nel XV Secolo, quando Marsilio Ficino si riferì all’amore per l’intelligenza e per la bellezza del carattere di una persona.
In seguito, l’espressione è diventata di uso comune grazie alla pubblicazione dell’opera Platonic Lovers del poeta e drammaturgo inglese William Davenant, che condivideva la concezione di amore di Platone.
Sereno, sorridente e allegro weekend, By Sal

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

c.mazzella_1935soltanto_unsognochannelfyfleurbleu17blaskina88z123454das.silviasaverio.anconales_mots_de_sableprolocoserdianaassociazioneaniopamonellaccio19inno.danielabarbara.stanga
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom