Un blog creato da prolocoserdiana il 22/02/2010

SAL&ALLEGRABAND

Fra noi e voi

 
 
 
 
 
 

IL MIO MONDO, LA MIA REALTA'

Il mondo a colori di Sal&Mary...
Pelosetti compresi...

 
 
 
 
 
 
 

BEVERE NON E' FACILE

BENITO URGU: BEVERE NON E' FACILE

 
 
 
 
 
 
 

INDUSTRIA CASEARIA ARGIOLAS DOLIANOVA

Il Caseificio di mia moglie Mary e
mio cognato Antonello. Provate
i loro formaggi e poi mi direte...

 
 
 
 
 
 
 

NON MI ABBANDONARE

IMMAGINE

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Il sesto senso: la voce ...REGIONALI. FINISCE 3-3 M... »

La dittatura della (finta) bellezza al tempo di Instagram

Post n°1748 pubblicato il 21 Settembre 2020 da prolocoserdiana
 

immagine

È boom di effetti visivi in rete, che le lenti della tecnologia esaltano grazie a filtri spesso originali e giocosi, altre volte unicamente estetici, che si possono applicare a foto e video su diverse piattaforme, direttamente dalla fotocamera. Labbra carnose, visi dalle simmetrie perfette, capelli lucidi e folti, corpi allenati si moltiplicano sul web tra pose e stories di milioni di donne di tutte le età, spinte a fornire un’immagine di sé che sia la più attraente possibile, confrontandosi ossessivamente con scatti di star dello spettacolo, influencer e personaggi famosi, la cui bellezza è spesso visibilmente altrettanto ritoccata.
Un universo nel quale la grafica, capace di eliminare difetti e ringiovanire volti, diventa un’alleata, virtuale, pari al botulino: è così che nasce la “distorsione digitale”. «Una finzione pericolosa», hanno tuonato praticamente a ogni latitudine psicologi e sociologi, medici, rappresentanti del mondo della cultura, operatori nel campo della bellezza e della moda. Tutti schierati contro una tendenza ormai imperante e globalizzata per la quale l’aspetto estetico, soprattutto per le giovanissime, sta diventando una fonte di ansia e non di fiducia. Approccio che sta impegnando ovunque nei confronti delle donne anche le istituzioni politiche, al di là degli schieramenti, perché bisogna agire contro l’idea, dannosa, di una “bellezza irreale”.
I primi effetti di questa presa di posizione che invoca una nuova sensibilità hanno imposto un’inversione di rotta al popolarissimo Instagram che, dalla fine del 2019, sta rimuovendo tutti i filtri di realtà aumentata che raffigurano o promuovono la chirurgia estetica ; sarebbero vietati, in particolare, gli effetti che simulano iniezioni riempitive alle labbra o lifting. Una scelta dettata anche da una ricerca che ha fatto rumore, pubblicata a settembre dello scorso anno dall’American Medical Association: le conclusioni dello studio suggeriscono che l’uso di alcuni social media e applicazioni di fotoritocco può essere associato a una maggiore predisposizione a ricorrere alla medicina estetica. I risultati, tuttavia, tardano ad arrivare, e le buone intenzioni annunciate non sembrano poi concretizzarsi granché, a guardare la mole di filtri “estetici” che continua a imperare.

immagine

Poi si lamentano e ci piangono sopra!!! Ma un cervello ce l'hanno? Sereno inizio settimana, bye Sal

 

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

immagine

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

aramar1959blaskina88deliaemmedaunfiorebrunobearnagi51volami_nel_cuore33prolocoserdianagatta433remavi26dile.corbeg1b9decesaerosatino.scremin
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom