Un blog creato da prolocoserdiana il 22/02/2010

SAL&ALLEGRABAND

Fra noi e voi

 
 
 
 
 
 

IL MIO MONDO, LA MIA REALTA'

Il mondo a colori di Sal&Mary...
Pelosetti compresi...

 
 
 
 
 
 
 

BEVERE NON E' FACILE

BENITO URGU: BEVERE NON E' FACILE

 
 
 
 
 
 
 

INDUSTRIA CASEARIA ARGIOLAS DOLIANOVA

Il Caseificio di mia moglie Mary e
mio cognato Antonello. Provate
i loro formaggi e poi mi direte...

 
 
 
 
 
 
 

NON MI ABBANDONARE

IMMAGINE

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Donne e Covid-19, molto ...POVERA ITALIA OSTAGGIA D... »

La vita che sboccia: il “Ramo di mandorlo fiorito” di Vincent van Gogh

Post n°1854 pubblicato il 13 Gennaio 2021 da prolocoserdiana
 

immagine

La vita che sboccia, sulla tela e nei giorni bui di Vincent van Gogh. Il 31 gennaio 1890, mentre l’artista lotta contro i suoi fantasmi interiori, giunge una splendida notizia: è nato il piccolo Vincent Willem, figlio dell’amato fratello Theo e della moglie Johanna Borger. Così, dall’ospedale psichiatrico di Saint-Rèmy dove è recluso, Vincent mette per un attimo da parte i suoi dolori e i quadri che ritraggono quel triste soggiorno e si dedica ad un’opera nuova, un dipinto da regalare al nuovo nato e ai suoi genitori: un Ramo di mandorlo in fiore.
Non è difficile immaginarlo alle prese con tela e colori, mentre con dolcezza e speranza si getta a capofitto in quello che sarà, forse, il gesto d’amore più intimo e puro. In una delle sue lettere scrive: Ho iniziato subito una tela per il figlio di Theo da appendere nella loro camera da letto, una tela azzurro cielo, sulla quale si stagliano grandi fiori di mandorlo bianchi. Il ramo di mandorlo è, forse, il dipinto migliore che ho fatto, quello a cui ho lavorato con più pazienza e con più calma.
Tanto amore può essere spiegato solo con la gratitudine che Vincent prova per quel caro fratello Theo, sempre così presente nella sua vita, porto sicuro nel quale approdare ogni volta che le tempeste lo trascinano alla deriva. Quel Ramo di mandorlo in fiore, simbolo di speranza e di nuova vita, è l’unico dono che van Gogh può fare per ricambiare lo spiraglio di luce che la nascita del piccolo Vincent gli ha fatto intravedere, un augurio per un avvenire felice e spensierato.
Lo splendido ramo sembra fluttuare in un azzurro cielo di primavera, con i suoi petali bianchi così delicati ma, al tempo stesso, fatti di pennellate pastose, come se con il loro vigore volessero tenersi saldamente legati alla loro base: una sorta di filosofia che ci suggerisce di tenere la testa verso il cielo, ma i piedi saldamente legati alla terra.

immagine

Sento una chiarezza spaventosa in quei momenti in cui la natura è bellissima. Non sono più sicuro di me stesso, e i dipinti mi appaiono come sogni. V.Van Gogh
Sereno e allegro mercoledi bye Sal

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 

immagine

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

blaskina88gardenia8flayng0408prolocoserdianaPeppe_le_48everbicg1b9giovanni.rossi20giorgio.teresitafleurbleu17davide.russielloanopnimosaverio.anconaambradistelle
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom