« Maria Antonietta, vittim...AIDA, ALLA SCALA UN KOLO... »

Agostiniani, 750 anni di cultura dello spirito

Post n°11 pubblicato il 11 Novembre 2006 da eleperci
 

Semplicità, moderazione e amore per lo studio i motivi del “successo” di uno degli ordini più diffusi al mondo

di ELENA PERCIVALDI

«Il motivo essenziale per cui vi siete insieme riuniti è che viviate unanimi nella casa e abbiate una sola anima e un sol cuore protesi verso Dio. Attendete con alacrità alle preghiere nelle ore e nei tempi stabiliti. Domate la vostra carne con digiuni ed astinenza dal cibo e dalle bevande, per quanto la salute lo permette.  Il vostro abito non sia appariscente; non cercate di piacere per le vesti ma per il contegno.  Si obbedisca al superiore come ad un padre, col dovuto onore per non offendere Dio nella persona di lui. Ancor più si obbedisca al presbitero che ha cura di tutti voi.  Liti non abbiatene mai, o troncatele al più presto; altrimenti l'ira diventa odio e trasforma una paglia in trave e rende l'anima omicida. Così infatti leggete: “Chi odia il proprio fratello è un omicida”». Poche, semplici direttive quelle dettate da sant’Agostino, ma che avrebbero segnato un’impronta indelebile nella storia della spiritualità dell’Occidente cristiano, fatte proprie da uno degli ordini religiosi più diffusi in tutto il globo, gli Agostiniani.

Correva più o meno l’anno 400 e Agostino, già vescovo di Ippona, da tempo era impegnato a chiarire e difendere i princìpi fondamentali della fede cristiana contro le dilaganti eresie che percorrevano il secolo. Erano tempi cupi, quelli, per la i cristiani e per Roma: manichei, donatisti e pelagiani negavano i principali dogmi del Cristianesimo, i barbari premevano alle porte dell’impero, di lì a poco l’Urbe sarebbe stata invasa e devastata dai goti di Alarico, un evento-choc  che avrebbe dato un volto alla crisi e reso per la prima volta davvero tangibile il senso dell’imminente fine di un’epoca.

Così, tra gli ultimi bagliori di un impero sull’orlo del precipizio (la fine ufficiale sarebbe giunta nel 476), Agostino dalle coste africane cercava, papiro e calamo alla mano, di salvare il salvabile tracciando in trattati, sermoni ed epistole, le linee guida per combattere il nemico. Primo, mettere ordine nel seno stesso della comunità cristiana. Già poco tempo dopo la sua conversione, avvenuta a Milano per merito di Ambrogio, era tornato nella natia Tagaste, l’odierna Suq-Ahras in Algeria, per iniziare una vita improntata alla preghiera, allo studio e alla contemplazione. Diventato presbitero, nel 391 era riuscito ad ottenere un terreno dove ospitare una comunità laica che condivideva i suoi stessi scopi: non un vero e proprio ordine religioso, ma un gruppo di persone che sceglievano liberamente di vivere secondo i princìpi dei primi cristiani di Gerusalemme. A questi, dunque, egli si rivolse in vari scritti – il “De opere monachorum”, i Sermoni 355, 356 e 423, e l’Epistola 211 -  nei quali, ispirandosi all’ideale della “fuga mundi”, la rinuncia cioè ai legami con i beni terreni, li esortava a riunirsi in comunità onde potersi aiutare spiritualmente a vicenda e superare insieme le tentazioni del secolo.

Nominato vescovo di Ippona, Agostino continuò ad ispirare le scelte dei chierici che vivevano con lui,  fondando in seguito anche un monastero femminile e dando così vita ad un modello tripartito di vita religiosa - maschile laicale, maschile clericale e femminile - che avrebbe avuto immensa fortuna nei secoli a venire. A decretare il successo della “regola agostiniana” (nel V secolo in Africa i monasteri agostiniani erano già 35) contribuì l’esodo di massa di monaci e sacerdoti (come Quodvultdeus, che da Cartagine si stabilì nei pressi di Napoli, o San Fulgenzio da Ruspe, arrivato in Sardegna) che, incalzati in Nordafrica dai Vandali, fuggirono sul Continente europeo portando ovunque i precetti dettati dal Santo. A favore della loro diffusione giocarono vari fattori, la semplicità innanzitutto, ma anche l’assenza di grandi mortificazioni imposte: il cibo, frugale, era però sempre sufficiente e gli abiti (tunica e mantello), per quanto modesti, erano comunque simili a quelli della stragrande maggioranza della popolazione dell’epoca. Niente a che vedere con gli eccessi degli eremiti del Vicino Oriente, che per umiliare i sensi e tenere a bada le tentazioni vivevano vestiti di cenci e mangiando locuste in remote grotte nel deserto, oppure facevano trascorrere i giorni abitando in cima a una colonna, restando esposti alle intemperie.

Figura chiave del sistema agostiniano era l’abate, vero e proprio “padre spirituale” della comunità – e infatti il termine deriva dall’aramaico “ab”, padre -, che aveva il compito di guidare i monaci, a lui vincolati dall’obbedienza, vigilando sulla loro osservanza della castità e della povertà. Compito preminente di ciascun membro era la preghiera, lavorando all’occorrenza, ognuno secondo le proprie possibilità, per il sostentamento della comunità.

La grande quantità di codici che conservano la “Regola di Sant’Agostino” mostra quanto essa fu diffusa e applicata per tutto il Medioevo, nonostante la “concorrenza” di altri regole monastiche, benedettina in primis. Ad essa guardarono molte comunità che, in epoca carolingia, la utilizzarono come base organizzativa. Ad essa si ispirarono, nel clima di riforma che si respirava subito dopo il Mille, monasteri e capitoli di cattedrali in tutta Europa, dai canonici di San Vittore a Parigi ai Premostratensi, ai canonici del Laterano. E ad essa si conformarono,  Cluniacensi e Cistercensi, i nuovi ordini religiosi che videro la luce nell’Europa del XII e XII secolo.

A farla propria in tutto e per tutto, però, furono gli Eremitani, ordine mendicante che, richiamandosi alla vita che aveva saputo condurre  Sant’Agostino, cercarono di conciliare la vita in comune con la pratica eccellente degli studi. Eruditi di fama straordinaria, si diedero da fare non solo per custodire il patrimonio spirituale e culturale ereditato dai Padri della Chiesa, ma anche per tramandare l’eredità classica ai posteri. Il loro primo atto di nascita viene fatto risalire alla bolla “Incumbit nobis” promulgata il 16 dicembre del 1243 da papa Innocenzo, che conteneva l’invito alla comunità di eremiti della Tuscia a riunirsi per costituire un unico ordine religioso secondo, appunto, la regola di Sant’Agostino, eleggendosi un priore generale e redigendosi le proprie costituzioni. Nel marzo del 1244, gli eremiti celebrarono un capitolo di fondazione a Roma sotto la guida del cardinale Riccardo degli Annibaldi, dando così vita all’Ordine degli Agostiniani.

La data però forse più importante è quella del 9 aprile 1256, quando papa Alessandro IV, con la bolla “Licet Ecclesiae catholicae”,  confermava l'unione degli Eremiti della Tuscia con quelli di Giovanni Bono, di San Guglielmo, di Brettino, di Monte Favale  e di altre congregazioni minori, tutte destinate a prendere il nome collettivo di Ordine degli Eremitani di Sant’Agostino sotto il priorato del milanese Lanfranco Settala. In questo modo si poneva fine – in un processo iniziato già da Innocenzo III agli inizi del Duecento – al proliferare incontrollato dei gruppi  religiosi (che sovente si spingevano anche ai limiti dell’ortodossia), foriero di confusione e persino di sgomento nel seno della Chiesa.

Gli Eremiti agostiniani -  forti di 180 conventi tra Italia, Austria, Germania, Svizzera, Paesi Bassi, Francia, Spagna, Portogallo, Ungheria, Boemia e Inghilterra -  entravano così, con francescani e domenicani, nel novero degli ordini mendicanti.  Ma la loro identità, lungi dall’essere definita una volta per tutte, si sarebbe di lì a poco manifestata in tutta la sua complessità frammentandosi in una miriade di congregazioni, caratterizzate ora dalla predilezione per la vita austera, ora dall’amore per lo studio, ora dall’apostolato missionario, dando anche, in Estremo Oriente come nella Spagna della Guerra Civile,  numerosi martiri. Agostiniani furono santi come Nicola da Tolentino e Rita da Cascia, teologi come Gregorio da Rimini. E agostiniano fu anche Martin Lutero, oscuro monaco originario della Turingia, destinato, avviando  la Riforma che avrebbe preso il suo nome, a cambiare  per sempre il corso della Storia.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

IL MIO ULTIMO LIBRO

E' uscito il mio nuovo libro. Si tratta dell'edizione, con traduzione, testo latino a fronte, commento e ampia introduzione, della "Navigatio sancti Brendani", testo anonimo del X secolo composto con molta probabilità da un monaco irlandese e che narra la peripezie di san Brandano e dei suoi monaci alla ricerca della "Terra repromissionis sanctorum", la terra promessa dei santi.
Un classico assoluto della letteratura medievale. Prefazione di Franco Cardini.

Anonimo del X secolo
La Navigazione di san Brandano
A cura di Elena Percivaldi
Prefazione di Franco Cardini
Ed. Il Cerchio, Rimini
pp. 224, euro 18


PER GLI ALTRI LIBRI, SCORRI LA PAGINA E GUARDA LA COLONNA A DESTRA

 

NE PARLANO:

GR2 (RAI RADIO 2): INTERVISTA (9 gennaio 2008, ore 19.30) Dal minuto 20' 14''
http://www.radio.rai.it/radio2/gr2.cfm#

ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIA MEDIEVALE
http://medioevo.leonardo.it/blog/la_navigazione_di_san_brandano.html

IL SECOLO D'ITALIA 12 dicembre 2008 p. 8 - SEGNALAZIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2008/12-dicembre/081214.pdf

IL SECOLO D'ITALIA  01 gennaio 2009 p.8 - RECENSIONE
http://www.alleanzanazionale.it/public/SecoloDItalia/2009/01-gennaio/090110.pdf

ARIANNA EDITRICE
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=23436

 LA STAMPA
http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=248&ID_articolo=21&ID_sezione=&sezione

 GRUPPI ARCHEOLOGICI DEL VENETO, p. 12-13:
http://www.gruppiarcheologicidelveneto.it/VA129.pdf

IRLANDAONLINE:
http://www.irlandaonline.com/notizie/notizia.asp?ID=1231329012

 

 

Contatta l'autore

Nickname:
Se copi, violi le regole della Community Sesso:
Età:
Prov:
 

FACEBOOK

 
 

ON THE AIR

IL MIO INTERVENTO A RADIO RAI nella trasmissione NUDO E CRUDO, in onda su RADIO 1 a proposito di Halloween e dei Celti:

1 novembre, Europa tra sacro e profano

1 novembre, Europa tra sacro e profano. Ne hanno parlato al microfono di Giulia Fossà: Elena Percivaldi, giornalista e studiosa di storia antica e medievale; Flavio Zanonato, sindaco di Padova; Marino Niola, Professore di Antropologia Culturale all'Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa di Napoli; Sonia Oranges, giornalista de 'Il Riformista'; Alberto Bobbio, capo della redazione romana di 'Famiglia Cristiana'; Ennio Remondino, corrispondente Rai in Turchia. La corrispondenza di Alessandro Feroldi sulle politiche dell'immigrazione a Pordenone.

ASCOLTA: http://www.radio.rai.it/radio1/nudoecrudo/view.cfm?Q_EV_ID=230636

 

Ultime visite al Blog

abzolutcrizigclaudio20171marinabavettaoriana47maurodellavecchiaXboniestempora_neatizi1957memole83dglchiaroby0elepercireconalexiar0orientestella
 

I MIEI LIBRI / 1

ELENA PERCIVALDI, "I Celti. Una civiltà europea", 2003, Giunti (Firenze), pagine 192, euro 16.50

ACQUISTALO CON IL 10% DI SCONTO:
http://www.giuntistore.it/index.php3?SCREEN=libro&SCHEDA=1&sid=w5BNJSuwLwowzuxLJX4wizNrpOYnniok&TIPOCM=55215R

TRADOTTO IN TEDESCO (ED. TOSA)


E IN SPAGNOLO (ED. SUSAETA)

 

I MIEI LIBRI / 2

ELENA PERCIVALDI, I Celti. Un popolo e una civiltà d'Europa, 2005, Giunti, pagine 190, euro 14.50

immagine

***

Elena Percivaldi, GLI OGAM. Antico Alfabeto dei Celti, Keltia Editrice, formato 150x230 -pagine 176, euro 15
brossura, con xx tavole fuori testo in b/n
ISBN 88-7392-019-5


Il libro è il PRIMO saggio COMPLETO in italiano sull'argomento.

L'alfabeto ogamico è un originalissimo modo di scrivere che fu inventato presumibilmente intorno al IV secolo d.C. Il nome "ogam" è stato collegato a quello di un personaggio chiamato Ogme o Ogmios: per i Celti il dio della sapienza. Nella tradizione irlandese del Lebor Gàbala (Libro delle invasioni), Ogma è un guerriero appartenente alle tribù della dea Danu (Tuatha Dé Danann). Un testo noto come Auraicept na n-éces (Il Manuale del Letterato), che contiene un trattato sull'alfabeto ogam, dice: "al tempo di Bres, figlio di Elatha e re d'Irlanda (...) Ogma, un uomo molto dotato per il linguaggio e la poesia, inventò l'Ogham.”

COMPRALO:
http://www.keltia.it/catalogo/albiziered/ogam.htm

 

TUTTI I LIBRI SU IBS

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

 

MEMBERSHIPS

AICM - ASSOCIAZIONE ITALIANA CRITICI MUSICALI
http://www.criticimusicali.it/

AICA - INTERNATIONAL ASSOCIATION OF ART CRITICS
http://www.aica-int.org/

SOCIETA' STORICA LOMBARDA (fondata nel 1873)
http://www.societastoricalombarda.it/

I.I.C.E. - ISTITUTO ITALIANO PER LA CIVILTA' EGIZIA
http://www.archaeogate.org/iice/

SOCIETA' STORICA PER LA GUERRA BIANCA
http://www.guerrabianca.it/indexmap.asp

SOCIETA' FRIULANA DI ARCHEOLOGIA
http://www.archeofriuli.it/

AISSCA - Associazione italiana per lo studio dei santi, dei culti e dell'agiografia
http://www.flashinlabs.eu/aissca/index.php

 

IL LIBRO DEL GIORNO

Tibet. Land of exile
di Patricio Estay
Skira Editore
pp. 224, euro 39

Volti, cerimonie rituali, frammenti di vita in seno ai templi delineano attraverso la fotografia i segni del ritratto di un mondo in cui le difficoltà morali, il fervore spirituale e la profondità d’animo vanno di pari passo con la gentilezza, l’allegria e l’immensa generosità.  Le suggestive immagini in bianco e nero, fortemente spirituali, della prima parte del volume si contrappongono alle intense fotografie a colori dedicate alla realtà di tutti i giorni (centri commerciali, prostitute) pubblicate nella seconda parte. Il libro è introdotto da un accorato messaggio di pace del Dalai Lama che pone l’accento sulla grande forza d’animo con cui il popolo tibetano affronta continuamente ardue prove nel tentativo di continuare a perpetuare l’affermazione delle proprie idee e della propria spiritualità.

 

UN MITO

 

DA GUARDARE

Excalibur
di John Boorman
(1980)

 

DA ASCOLTARE

 

Giuseppe Verdi
Messa da Requiem
  
 
Orchestra del Teatro alla Scala 
Victor De Sabata 
Elisabeth Schwarzkopf 
 Giuseppe Di Stefano 
 Cesare Siepi 
 Oralia Dominguez
Naxos

 

immagine