Creato da: liliasansone il 11/03/2011
almeno una possibilita'

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Parte del materiale pubblicato può essere stato prelevato da Internet, quindi valutato di pubblico dominio. Qualora i soggetti interessati o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al gestore del blog che provvederà prontamente alla rimozione dei testi e delle immagini utilizzate. Si sottolinea inoltre che ciò che è pubblicato sul blog è a scopo di discussione, approfondimento, studio e comunque non di lucro.

 

 

 

 

E' SEMPRE AVVELENATO

 

chi passa lacia un sospiro

 

RESTIAMO UMANI

 

Area personale

 

Tag

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

alf.cosmosormaliberamauriziocamagnail_tempo_che_verrasaverio.anconalubopofederico70_2017living_artAngelaUrgese2012maristella0109madriddgl1mabartocMonicaMauriCarloPedronroby.m78
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 

aprite....anzi spalancate le porte.............

"...Aprite , anzi spalancate le porte a Cristo,

i sistemi economici come quelli politici

i Consigli degli Stati,........"

 

riporto fedelmente

riporto fedelmente dal sito

http://spazio.libero.it/ROBERT62VR/profilo.php?ssonc=647028148

IO  MANGIO POCA CARNE DA ANNI ,
IN SEGUITO AD UN TRAUMA SOFFERTO
DURANTE IL PRELIEVO DI UN VITELLO
PER IL MACELLO .
SUA MADRE ERA SFUGGITA ALLA
SORVEGLIANZA DEGLI AGRICOLTORI
E SI E' AFFRETTATA , PAZZA DI DOLORE ,
DIETRO IL CAMION CHE STAVA PRENDENDO
IL SUO BAMBINO .
QUELLA POVERA MADRE SI MISE A
CORRERE , CORRERE URLANDO
DISPERATAMENTE DIETRO IL CAMION .
DOPO UN LUNGO MOMENTO PERSE
IL CAMION E SVANI' NELLA CAMPAGNA .
GLI AGRICOLTORI L ' HANNO TROVATA
STESA PER TERRA , MORTA DI ARRESTO
CARDIACO , MENTRE CORREVA , COME
QUALSIASI MADRE AVREBBE FATTO PER
DIFENDERE IL SUO PICCOLO .
QUEL GIORNO , MI RESI CONTO CHE LE
MUCCHE ( MA NON SOLO LORO ) AMANO
LA LORO PROLE QUANTO GLI ESSERI
UMANI AMANO I PROPRI FIGLI .
SMETTERO' PRESTO DI MANGIARE
ANCHE QUELLA POCA CHE ATTUALMENTE
CONSUMO , LO CONSIGLIO.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 


       

 

 

 
« evergreen e vintage tut...la Musica Italiana che v... »

CRONACA DI UN SOGNO

Post n°64 pubblicato il 08 Novembre 2011 da liliasansone

 

 

Procedeva ricoperta da un mantello liso rosso scuro, con passo regale ma affaticato, percorrendo quel sentiero in lieve salita come se stesse scalando una montagna.

Il suo sguardo triste, dimesso e stanco, scrutava l'orizzonte ed i suoi occhi colore del mare trasudavano tristezza.Ogni tanto accennava  appena un sorriso  e nel suo sguardo passavano dei lampi, come di una improvvisa gioia procurata da mesti  e lontani ricordi passeggeri.

 

Al' iimprovviso si fermo', e si appoggio' ad  un antico bastone nodoso, all'angolo della strada Io che le passavo accanto le chiesi :"Signora sta male? Mi rispose "mi sono persa" e mentre parlava i miei occhi si persero nei suoi e naufragano nella sua anima.

 

Quale tristezza negli abissi del suo cuore...........temevo le sue risposte, ma coraggiosamente continuai e le chiesi :- cosa le e' accaduto Signora?-

 

Il viso, sfiorito stanco e sporco di terra, era ancora di una bellezza mesta che lascia interdetti., ci penso' un attimo e poi rispose:- sono stata violentata e depredata; io che vengo da una ricchezza d'arte e di talenti, da una bellezza di immagini colori e profumi, che ho quasi dimenticato, sono stata violentata, rapinata e depredata da una   mala progenìe.

Sono stata derisa usata avvelenata sventrata e quasi uccisa, ed allora sono fuggita per salvare cio' che ancora di bello rimane in me; salvarlo e conservarlo per i miei figli, quelli che pur amandomi tanto, nulla  ancora riescono a fare per me.........per difendere quel poco che rimane di me.

 

Mentre parlava la commozione montava nel mio cuore e le lacrime mi pungevano gli occhi : stranamente la sentivo vicina, quasi parte di me...volevo sapere a tutti i costi il suo nome non potevo lasciarla andare così ed allora le chiesi:- come si chiama Signora?-

Lei mi rispose:-IO SONO L'ITALIA-

by liliasansone

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog