Creato da: liliasansone il 11/03/2011
almeno una possibilita'

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. Parte del materiale pubblicato può essere stato prelevato da Internet, quindi valutato di pubblico dominio. Qualora i soggetti interessati o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo al gestore del blog che provvederà prontamente alla rimozione dei testi e delle immagini utilizzate. Si sottolinea inoltre che ciò che è pubblicato sul blog è a scopo di discussione, approfondimento, studio e comunque non di lucro.

 

 

 

 

E' SEMPRE AVVELENATO

 

chi passa lacia un sospiro

 

RESTIAMO UMANI

 

Area personale

 

Tag

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

alf.cosmosormaliberamauriziocamagnail_tempo_che_verrasaverio.anconalubopofederico70_2017living_artAngelaUrgese2012maristella0109madriddgl1mabartocMonicaMauriCarloPedronroby.m78
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 

aprite....anzi spalancate le porte.............

"...Aprite , anzi spalancate le porte a Cristo,

i sistemi economici come quelli politici

i Consigli degli Stati,........"

 

riporto fedelmente

riporto fedelmente dal sito

http://spazio.libero.it/ROBERT62VR/profilo.php?ssonc=647028148

IO  MANGIO POCA CARNE DA ANNI ,
IN SEGUITO AD UN TRAUMA SOFFERTO
DURANTE IL PRELIEVO DI UN VITELLO
PER IL MACELLO .
SUA MADRE ERA SFUGGITA ALLA
SORVEGLIANZA DEGLI AGRICOLTORI
E SI E' AFFRETTATA , PAZZA DI DOLORE ,
DIETRO IL CAMION CHE STAVA PRENDENDO
IL SUO BAMBINO .
QUELLA POVERA MADRE SI MISE A
CORRERE , CORRERE URLANDO
DISPERATAMENTE DIETRO IL CAMION .
DOPO UN LUNGO MOMENTO PERSE
IL CAMION E SVANI' NELLA CAMPAGNA .
GLI AGRICOLTORI L ' HANNO TROVATA
STESA PER TERRA , MORTA DI ARRESTO
CARDIACO , MENTRE CORREVA , COME
QUALSIASI MADRE AVREBBE FATTO PER
DIFENDERE IL SUO PICCOLO .
QUEL GIORNO , MI RESI CONTO CHE LE
MUCCHE ( MA NON SOLO LORO ) AMANO
LA LORO PROLE QUANTO GLI ESSERI
UMANI AMANO I PROPRI FIGLI .
SMETTERO' PRESTO DI MANGIARE
ANCHE QUELLA POCA CHE ATTUALMENTE
CONSUMO , LO CONSIGLIO.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 


       

 

 

 

evergreen e vintage tutto ciò che proviene dagli anni cinquanta.

Post n°63 pubblicato il 05 Novembre 2011 da liliasansone

Con il termine di pin-up si indicano generalmente le ragazze - solitamente procaci, ammiccanti e sorridenti - fotografate in costume da bagno le cui immagini, durante il secondo conflitto mondiale, iniziarono a diffondersi su molte riviste settimanali degli Stati Uniti.

Questo fenomeno attirò in maniera sempre maggiore l'attenzione soprattutto dei lettori uomini, e in particolare registrò un incredibile successo fra i soldati impegnati al fronte, che usavano appendere le fotografie di queste ragazze nei loro armadietti o nelle loro tende di accampamento.

Questa categoria di sex-symbol venne identificata col nome di pin-up, e appunto stava a indicare una categoria di splendide ragazze, sensuali e affascinanti, prive di quell'alone di mistero che aveva caratterizzato le "dive" degli anni trenta, elemento che contribuì di certo a conferire loro il favore del pubblico.

Erano tipiche bellezze americane, dalle gambe lunghe, seno prorompente e naso all'insù, quindi prosperose ed attraenti ma dallo sguardo sereno, quasi fanciullesco, ed armonioso. Erano delle "dive" private del classico "divismo": l'ampia diffusione delle loro storie sulle riviste concorse a conferire loro un carattere comune agli occhi del pubblico.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

l'intelligenza degli animali.......

Post n°61 pubblicato il 01 Novembre 2011 da liliasansone

 

Gatineau (Canada), 31 ott. (LaPresse/AP) - I poliziotti canadesi che in un video su YouTube sparano a due vacche fuggite mentre venivano portate al mattatoio hanno dovuto agire perché gli animali costituivano una minaccia per il pubblico. Il video ha già totalizzato quasi 150mila visualizzazioni su YouTube. Il proprietario delle vacche le aveva date per perse dopo che erano fuggite la scorsa settimana in Quebec dal camion che le stava portando al mattatoio, approfittando di una sosta al semaforo. Pierre Lanthier, portavoce della polizia di Gatineau, ha dichiarato oggi che gli animali avevano caricato la polizia. Lanthier ha poi spiegato che, poiché le vacche erano vicino a una scuola, avrebbero potuto uccidere un bambino. Il proprietario degli animali, non potendo controllarli, ha dato alla polizia il permesso di abbatterli. Stando alle informazioni date da Lanthier, gli agenti che hanno sparato hanno tentato almeno tre volte di ricondurre le vacche sul camion prima di aprire il fuoco.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

POVERE NOI

Post n°60 pubblicato il 30 Ottobre 2011 da liliasansone

Alcune religioni e filosofie sono state considerate come caratterizzate da elementi misogini, che in taluni casi sono stati in effetti riconosciuti dai loro stessi seguaci che ne hanno fatto pubblica ammenda

Il10 luglio 1995 papa Giovanni Paolo II in una lettera destinata «ad ogni donna», chiedeva perdono per le ingiustizie compiute verso le donne nel nome di Cristo, per la violazione dei diritti femminili e per la denigrazione storica delle donne. Un concetto che ripeté durante il giubileo del 2000 quando, tra le sette categorie di peccati commessi nel passato dalla chiesa e per i quali faceva pubblica ammenda, nominò anche quelli contro la dignità delle donne e delle minoranze

Ma non e' un problema del passato.Molti sono i misogini nel genere maschile in cui ogni donna si imbatte nella propria vita lavorativa e non solo. E puo' capitare purtroppo di ritrovarseli come compagni o peggio in posizioni direttive nell'ambiente di lavoro; allora li' iniziano i guai, (per le donne naturalmente), mentre i maschietti ne beneficiano a tuttotondo.

Il misogino ha "semplicemente" dei pregiudizi contro tutte le donne, ed in conseguenza se dirige un'azienda relega le donne, nell'organizzazione interna del lavoro, ai compiti piu' onerosi, faticosi, scomodi e marginali.

Esse sono comunque forzosamente condannate al silenzio per non peggiorare il proprio quotidiano.

Nelle sue decisioni, il misogino (in genere isterico ed estremamente irritabile) ha sempre un atteggiamento arrogante ed organizza  variazioni di assetti interni per giustificare il mero utilizzo della lavoratrice, senza un briciolo di umanita',e dove fa piu' comodo.

Costui considera le donne meri oggetti la cui utilità consiste unicamente nell'essere usate per risolvere i problemi organizzativi. E' tipico che il misogino non riconosce a nessuna i propri attibuti culturali usando l'appellativo "signora" in maniera dispregiativa, anche se si trova di fronte a donne colte e laureate. Anzi, in tal caso, studia ed applica strategie denigratorie per umiliarle, perche' i sensi di colpa rendono piu' docili.

Egli non tollera  ancor piu' le donne che hanno una intelligenza brillante ed uno spessore culturale, riservando a queste ultime un trattamento ancor piu' arrogante e dispregiativo.

Quando una donna, oltre ad essere colta ed intelligente, e' anche bella, fascinosa e di classe, il misogino, diventa ancor piu' cattivo e persecutorio. E diventa una lotta quiotidiana. Un corpo a corpo a coltello, soprattutto quando, nonostante richiesta, piu' o meno esplicitamente, la poverina "NON GLIELA DA" .

E' accaduto, in passato, e accadra' ancora .......Non voglio usare parole commiserevoli, ne' dare a noi donne il ruolo di vittima, ma rifletto e penso a quante donne si troveranno a vivere nel quotidiano un problema simile con la possibilita' di essere licenziate.

E quante altre invece,  fragili ed insicure, scelgono la strada piu' breve........

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CHI SONO LE BESTIE?

Post n°59 pubblicato il 23 Ottobre 2011 da liliasansone

 

Per un mattatoio di Hong Kong, era una giornata abbastanza normale,
finché una mucca che stava per essere macellata cadde in ginocchio e
cominciò a piangere!" La gente pensa che gli animali non piangano, ma
questo animale stava piangendo come un bambino "- ha detto Billy
Fong ai giornalisti di Hong Kong. "Attorno c’erano dieci uomini che
traggono il proprio sostentamento attraverso la macellazione degli
animali. E dai loro occhi, le lacrime cominciarono a fluire. La gente
era talmente toccata da decidere di acquistare la mucca.
Successivamente tale mucca fu donata ad un tempio buddista,
 dove poté il vivere il resto della sua vita in pace ".

Questa storia della mucca che piange ebbe inizio quando questo
grosso animale veniva trasportato verso il macello. Quando si
avvicinarono al macello, improvvisamente l'animale cadde a terra,
sulle sue zampe anteriori. Poi, le sue lacrime iniziarono a fluire.

"Quando vidi l'animale cominciare a piangere con tristezza e
paura nei suoi occhi, ho iniziato a tremare," - ha detto il macellaio.
"Chiamai gli altri che divennero tanto stupiti quanto me. Cominciammo
a tirare e spingere l'animale, ma non volle saperne di spostarsi.
Sedeva a terra e piangeva. Mi si rizzarono i peli, perché l'animale
reagiva come un essere umano. Ci guardammo in faccia e sapendo
che nessuno di noi sarebbe stato in grado di ucciderlo, avremmo
dovuto decidere cosa fare con lui ".
 
Infine, dopo lunghe discussioni, decisero di raccogliere i soldi per
mandare l'animale a riposarsi, per tutta la vita, con dei sacerdoti
buddisti, che non hanno nulla contro le mucche. "Non fummo in grado
di smuoverlo da lì finché non gli promettemmo che non sarebbe morto.
Poi si alzò e venne con noi. Potete crederci oppure no, ma questa è
la verità, anche se sembra strano. Sembrava che quest 'animale avesse capito ogni parola da noi pronunciata, "- disse il
Sig. Tat Nin. Per alcuni impiegati del macello, questo incidente
fu decisamente troppo.

Il Sig. Fong ha detto: "Tre operai, subito dopo aver assistito a
questa scena, si licenziarono. Dissero che non sarebbero stati
mai più in grado di uccidere un animale, perché avrebbero sempre
 ricordato quella mucca, e come le sue lacrime scorrevano lungo
il suo muso dai grandi occhi tristi."

fonte:http://laverabestia.org/read_post.php?id=1264&user=3557

DA LEGGERE ASSOLUTAMENTE

http://laverabestia.org/read_post.php?id=1295&user=5429

 

Il pensiero di chi ci ha preceduto:

Se sei convinto di essere naturalmente predisposto a mangiar carne, prova anzitutto a uccidere tu stesso l'animale che vuoi mangiare. Ma ammazzalo tu in persona, con le tue mani, senza ricorrere a un coltello o a un bastone o a una scure. Fà come i lupi, gli orsi e i leoni, che ammazzano da sé quanto mangiano...

Plutarco

Diventare vegetariano non è meramente un gesto simbolico. Non è neanche il tentativo di isolarsi dalle sgradevoli realtà del mondo, di mantenersi puro e senza responsabilità per la crudeltà e la carneficina che ci circondano. Diventare vegetariano è il passo più concreto ed efficace che si può compiere per porre fine tanto all'inflizione di sofferenze agli animali non umani quanto alla loro uccisione

Peter Singer

E' vero che l'uomo è il re degli animali, perchè la sua brutalità supera la loro. Viviamo grazie alla morte di altri. Già in giovane età ho rinnegato l' abitudine di cibarmi di carne...

Leonardo Da Vinci

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AUTONOMIA DI PENSIERO E STILE

Post n°58 pubblicato il 19 Ottobre 2011 da liliasansone

 

Perché alcune persone sono in grado di suscitare interesse a prima vista?

Hanno quel non so che capace di attrarre chiunque...

Hanno  stile ed  eleganza, modi di fare garbati e un aspetto semplice e

gradevole...  In questa fascinazione del loro se', trasmettono una sensazione di 

benessere, e di  saper vivere bene, nonostante  gli ostacoli della vita...

Anche nei momenti di difficili e hanno una buona parola per tutti...tant'è che

vengono riconosciute come persone di successo, non tanto per i soldi che

guadagnano o per il  lavoro che fanno, quanto piuttosto per la loro capacità di

esprimere carisma, buon senso e saper vivere bene nella buona e cattiva

sorte...

Insomma, ma cosa hanno queste persone ?...

Vivono con classe, con una  eleganza innata, ed  hanno un loro benessere

interiore,  ed una sensibilita' sottile e vibrante che da' loro una marcia in piu'.

Hanno una una consapevolezza  di se' ed un'autonomia di pensiero che 

consente  loro  di  comprendere  cosa conta veramente e cosa invece vale la

pena lasciar perdere!

Akcuni sono convinti di essere persone di stile solo perché hanno l'armadio

pieno di vestiti griffati  o oggetti preziosi e frequentano luoghi esclusivi, ma non

hanno l' autonomia di pensiero che serve a capire cosa conta veramente .

 

Lo stile si accompagna a  principi sociali sani

all'educazione ed alle buone maniere: ha a che fare con i pensieri,

i  sentimenti e le  emozioni più profonde,

La vera immagine di ciascuno di noi  non è solo ciò che si vede,

ma cio' che si percepisce attraverso le  parole, gli interessi, la cultura.


Chi ha stile si sente a proprio   agio in ogni situazione, 

Si muove con disinvoltura 

trovando sempre  la cosa giusta da dire o da fare,  creando attorno a se' 

un'atmosfera di serenità e piacevolezza.

E' stimato da tutti: colleghi, amici, parenti, perché sa trasmettere positività e

fiducia, e lascia  sempre un bel ricordo di se'.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso