Creato da Aresmorelli il 01/11/2007
La satira ci salverà?

Maremma Ma'...trix

Perché il maremmamatrix non è facile da spiegare. Chi si occupa di satira in modo veramente professionale per un motivo o per un altro ha sempre ignorato le tribune politiche, eppure sono una fonte inesauribile di testi e battute umoristici, non c'è bisogno di aggiungere poi molto alla realtà che è già sufficientemente grottesca. Normalmente la satira politica troppo evidente non è gradita sulle televisioni per tanti motivi che sono intuibili. Queste gag possono far ridere oppure far piangere e purtroppo quando fanno piangere non dipende soltanto dalla nostra cattiva recitazione :) . 
 

Seconda puntata (tasse e finanziaria)

 

Terza puntata (i giovani d'oggi)

 

Quarta puntata (sicurezza)

 

Quinta puntata (corruzione)

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

Contatta l'autore

Nickname: Aresmorelli
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 47
Prov: FI
 

 

« Se Pericle fosse vissuto...

Nei social network siamo più falsi? Forse siamo più veri

Post n°797 pubblicato il 20 Settembre 2013 da Aresmorelli
 

 

I social network hanno cambiatoradicalmente le nostre vite. Spesso però si punto il dito su falsi problemi. Cisi accanisce sul fatto che sui social network sarebbe molto semplice mentire,creare false personalità, ingannare gli altri fingendo una levatura morale chenon ci appartiene veramente. La prima cosa che mi chiedo è: nella vita realeno? Conosciamo davvero i pensieri più intimi di chi ci sta davanti? Quantevolte le persone ci stupiscono, si rendono compiono atti che non avremmo maicreduto possibili per loro? Io vorrei puntare l’attenzione sul fatto cheattraverso la scrittura spesso rendiamo palese la parte più intima di noistessi. Scriviamo in modo diverso da come ci esprimiamo, spesso è più facilescrivere che parlare, perché scrivendo prima di comunicare con gli altri,comunichiamo con noi stessi, l’introspezione è indispensabile per poterscrivere. I social network ci obbligano a comunicare attraverso la scrittura equindi ci permettono di esprimere pensieri che a parole non trasmetteremmo mai.Da un lato può essere vero che si potrebbe mentire, ma si mente anche nellaquotidianità, da un altro lato si può essere molto più sinceri. A volte si puòconoscere meglio una persona da i pensieri che esprime in un social networkpiuttosto che dalle poche parole che riusciamo a scambiare con essa nellenostre frenetiche vite. Eppure la televisione continua a metterci in guardiadai pericoli, dalla perdita della nostra privacy, come se le vite della maggiorparte di noi avessero chissà quali grandi segreti da custodire. Certo i nostrigusti possono essere strumentalizzati a fini commerciali, potremmo esserecondizionati da messaggi costruiti su misura per le nostre personalità. Nonsottovaluto questo pericolo. Ma credo che sia molto più pericoloso un mezzo dicomunicazione come la televisione che non ti permette di interagire, per ilquale sei solo un numero, un sondaggio, una statistica. La televisionelegittima chi parla attraverso di essa (chi va in televisione è importante,dice cose credibili, gli altri sono imbecilli), e ci vuole comunicare che leinon mente, non costruisce realtà artificiose, quanti ingenui ci credono? E’ unsolo punto di vista, e chi lo gestisce, gestisce la realtà. Finiamo per credereche il mondo sia davvero quello che ci raccontano e non ci rendiamo conto diquanti filtri debbano subire gli avvenimenti prima di diventare notizie.Riflettete per un istante, quante cose accadono ogni giorno? Quante ce nevengono raccontate? E’ possibile raccontare un libro di diecimila pagine in trerighe? Certo se posso scegliere tra miriadi di avvenimenti posso anchecostruire la realtà che mi fa più comodo, che è più funzionale al sistema.  Attraverso la rete possiamo confrontaremoltissime realtà, tanti punti di vista, forse potremmo diventare piùdifficilmente condizionabili e forse questo spaventa qualcuno. La conoscenzadiventa a portata di tutti, diventerà inutile una cultura mnemonicaeccezionale. Ognuno con il suo smartphone saprà quello che gli serve in temporeale. Certo servirà sempre una cultura di base, una certa capacità di analisiche ci permetta di selezionare le notizie, di valutarne l’affidabilità. Lostudio nei prossimi anni dovrà cambiare, dovrà adeguarsi ai nuovi mezzi dicomunicazione. Così come è cambiato quando venne inventata la scrittura, quandosi passò dalla preistoria alla storia e così come cambiò ancora quando venneinventata la stampa e una certa cultura diventò più facilmente trasmissibile.Certo oggi questi esempi possono sembrare eccessivi. Ma pensate che cinquemilaanni fa gli esseri umani si rendessero conto che stavano entrando in una nuovaera?

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

 

Ho una formazione giuridica che mi ha portato fino ad una specializzazione post laurea e che, nello stesso momento, mi ha compromesso per sempre. Studiare diritto ha terribili effetti collaterali, ancora oggi quando faccio la lista della spesa la suddivido in commi; quando la mia compagna mi rimprovera qualcosa cerco di ricorrere in Appello e se so di essere colpevole fingo la semi infermità mentale (mi viene bene). Ho cercato di rimediare laureandomi in sociologia, la sociologia è bellissima ma anch’essa ha effetti collaterali, ti fa capire quanto alcune nostre certezze siano in realtà soltanto illusioni…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Odhinn88daldanipuccivalterenzo.tampcassetta2cleopatra_3lmvittoriosgueo0912alessio.drledaappaltiivansalguido.cabrelerobertbenedeeurocasa.cristianosofiabullo7antonio.anastasio82
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom