Creato da vittoriaflower il 05/01/2005
COUNSELING,floriterapia,aromaterapia,cromoterapia, per il benessere psicofisico

Contatta l'autore

Nickname: vittoriaflower
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 65
Prov: MI
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

PENSIERI

immagine

Expecting the world to treat you
fairly because you are a good person
is a little like expecting the bull
not to attack you 
because you are a vegetarian.

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

Ultime visite al Blog

anandamayasandracasali2003emy19770cristys7corrias.valeriadeboralonghinclara.scordamagliadanielamoisohellokitty.72giardinodelbenessereblackberry66Vittoriacounselorrockdreamer1dott.boanomichele
 
 

 

« Messaggio #269Messaggio #271 »

Post N° 270

Post n°270 pubblicato il 06 Ottobre 2006 da vittoriaflower
 

   POLEMICHE  DI LINGUA immagine

Un mio collega mi ha fatto notare la mia ‘mania’ di mettere sempre il maschile e il femminile quando scrivo e mi rivolgo a uomini e donne.
Lo trova un po’ da femministe. L’italiano usa il genere maschile come genere non-marcato, come una sorta di ‘falso neutro’ .Un esempio l’ uso di termini di genere maschile per indicare la classe ‘esseri umani’ composta da uomini e donne.Nei libri di storia,per esempio, si legge ‘gli uomini primitivi abitavano nelle caverne’ ( mi sono sempre chiesta…e le donne?).
Usare ‘persona’ o ‘individuo’ invece di ‘uomo’, sostituendo quindi a ‘diritti dell’uomo’ l’espressione ‘diritti della persona’ o altrimenti specificare
Le pari opportunita’ riguardano anche come comunichiamo.
L’’uso del maschile come genere non marcato è stato, ed è ancora sentito, come discriminante nei confronti delle donne.
Lo sviluppo dell’ "identità di genere" e della cultura delle "pari opportunità" rappresenta oggi un obiettivo fondamentale .
La necessità di aggiornare i libri di testo e' stata  
riconosciuta dal Governo italiano con la Direttiva del Consiglio dei Ministri 27.3.1997 ‘In Italia le prime riflessioni sulla necessità di un uso cosciente della lingua risalgono al 1987
“Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana” (Sabatini ).
Per i titoli professionali la lingua italiana non dispone di termini femminili riferiti a donne per varie professioni . Come devo chiamare,per esempio, una donna che esercita la professione forense? Avvocato?Avvocata? Avvocatessa?
In alcuni casi  pero’ esiste solo il femminile è il caso di concubina, prostituta, etc. che non hanno il corrispondente maschile perché ‘gli uomini non (li) vogliono per sé’. E a proposito di linguaggio e sessualità, l’uso sia di termini al femminile per insultare donne sia di una costruzione (del tipo ‘figlio di...’), applicata ai maschi che rimanda alla figura femminile.Meditiamo……

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
fior_da_liso
fior_da_liso il 07/10/06 alle 00:19 via WEB
indubbiamente giusto quanto dici, ma è difficile da correggere un'abitudine ormai radicata in tutti noi, buon tutto :)
(Rispondi)
 
nuvolagrigia0
nuvolagrigia0 il 07/10/06 alle 13:38 via WEB
ecco perchè la nostra lingua è meraviliosa...rispecchia il nostro vivere..
(Rispondi)
 
Fiorintegrati
Fiorintegrati il 10/10/06 alle 11:55 via WEB
ciao cara sei sempre molto chiara non preoccuparti .......
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.