Creato da Web_London il 15/04/2015

Il Cigno Nero

A volte di vince, a volte si perde ma la lotta è sempre impari

 

Si erano cercati, desiderati, amati e avuti. Dalla parte sbagliata del cuore

Post n°850 pubblicato il 17 Aprile 2022 da Web_London


«E una volta ancora è tempo di confonderci
di guardarci andare e di voltare pagina,
di dirci appena: "ricordati di me"»

...

Quale sapore ha un addio?
Com'è fatto, qual'è il suo colore?
Quali sono e parole e i suoni che si porta dietro, qual'è la sensazione che ci resta nel tempo?
Quando ero un ragazzo, qualcuno che ne sapeva molto più di me ha detto che dipende dalla parte in cui ci troviamo.
"Web, se sei tu a lasciare è una cosa, se invece vieni lasciato è tutto un altro paio di maniche"
Negli anni ci ho pensato ma non ho mai trovato la risposta molto convincente.
E' sempre vero che in un addio c'è sempre chi "lascia" e chi "viene lasciato"?
Sembrerebbe sia così, non lo metto in dubbio, spesso è così, ma anche in questo caso io la mano sul fuoco non ce la metto.
A me è capitato di essere dall'una e dall'altra parte e ho sempre provato dolore, tristezza e frustrazione, magari per motivi diversi ma le sensazioni erano comunque quelle.
E c'è sempre voluto del tempo per uscirne, sia che mi trovassi da una parte che dall'altra
.
..

"E' finita?" chiese
"Si" rispose con un filo di voce.
"Tutto?"
"L'amore"

"Che cosa rimane allora?"
"Tutto il resto"

Silenzio, carico, pieno.
Denso.

"Lo sai che ti voglio ancora bene,vero?"
"Anche io te ne voglio. Tanto"
"Pensi che potremo restare amici?"
"Più che restare amici, io vorrei tanto che lo diventassimo"
"Amici?"
"Si, amici"
"Va bene, da adesso in poi solo amici"
"Proviamoci almeno"
"Ce la farò?"
"Facciamoci un'altra domanda"
"E quale sarebbe?"
"Ce la faremo?"
"Sinceramente? Non lo so"
"Probabilmente si"
"Promettimelo"
"Te lo prometto"

Le accarezzò i lunghi capelli e seguì con le dita il profilo del suo viso come volesse ritrovare ancora una volta la magia che da troppo tempo sentiva perduta.
Lei si rese conto che non erano quelle le mani che voleva sul suo viso e lui sentì che non era quello il viso che voleva tra le sue mani e le staccò subito.
La magia non c'era più, se ne resero conto entrambi e non ci fu bisogno di altre parole.
Restava tanto altro ma la magia che c'era tra di loro no, quella non c'era più.
Lui si chiese se ciò che rimaneva sarebbe bastato per non perdersi per sempre
Rimaneva solo la promessa che si erano fatti pochi istanti prima.
"Promettimelo"
"Te lo prometto"

Si salutarono con un leggerissimo bacio sulle guance e presero due direzioni diverse.
Ognuno per conto proprio.

Si erano cercati, si erano desiderati, amati, pretesi e avuti, ma in quel posto del cuore dove il corpo e l'anima si contaminano e si mescolano per ritrovarsi accanto in qualcosa che prima non esisteva, non si "incontrarono" più.

Si erano cercati, desiderati, amati e avuti.
Dalla parte sbagliata del cuore.

 

Buona Pasqua a chi passa e alle persone che mi sono care.


 

 

 

...



Cover Acustica dei Boyce Avenue
Someone You Loved
Lewis Capaldi

 

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2QuartoProvvisoriosimona_77rmCostanzabeforesunsetlisa.dagli_occhi_blumoon_ILames2022nadiaemanuaramar1959NoRiKo564Web_Londonm0n0liteILARY.85prefazione09
 

 

 

_____________________________