Zolla

Il lascito intellettuale di Elémire Zolla (1926-2002).Oltre 9000 volumi della biblioteca di Elémire Zolla alla Vivarium novum di Villa Falconieri (Frascati)

Convegno internazionale nella ricorrenza del ventennale della morte di Elémire Zolla

 

Nel  programma Massimo Cacciari, filosofo: Umanesimo e icona; Emanuele Trevi (scrittore – Premio Strega 2021). Hervé A. Cavallera, Michael Zammit..

 

 « Non nutre illusioni, non ha ombra di fede il puro conoscitore. Si limita a sapere o a non sapere o a sapere dubitando […]. A ciò che sa lo conduce non un sentimento, ma una semplice valutazione. Conosce perché verifica. »

 

Elémire Zolla, autore di culto nel secondo Novecento per opere di critica sociale, storia delle idee, antropologia culturale a vastissimo raggio dall’Occidente antico e moderno ai mondi indigeni alle vie asiatiche della conoscenza, ha tracciato nei suoi scritti un cammino di consapevolezza e risveglio all’elevazione della condizione umana nell’indecifrabile tempo di transito sul pianeta che ha accolto la vita. Sono vivamente grata al professore Luigi Miraglia, presidente dell’Accademia Vivarium novum donataria della biblioteca di 9000 volumi, della collezione integrale della rivista «Conoscenza religiosa», fondata e diretta da Elémire Zolla (La nuova Italia, Firenze, 1969-1983) e dell’archivio privato, di avere procurato con lungimiranza a ricercatori di una nuova generazione l’occasione di una feconda fruizione del poliedrico lascito intellettuale dello scrittore. Sono grata altresì al professore Adriano V. Rossi, presidente dell’ISMEO-Associazione internazionale di studi sul Mediterraneo e l’Oriente, partner scientifico dell’Accademia, di avere generosamente condiviso il progetto di questo convegno internazionale nella ricorrenza del ventennale della morte di Elémire Zolla. (Grazia Marchianò)

27 Maggio 2022 15:0029 Maggio 2022 20:00
Villa Falconieri Frascati
Accademia Vivarium novum


Convegno in presenza prenotazioni   convegni@vivariumnovum.net.
online zoom iscrizione, unico collegamento valido per tutte tre le giornate.

Programma

Venerdì 27 maggio

  • 15.00 – Ingresso e accettazione
  • 15.15 – Saluti istituzionali
  • 15.45 – Inaugurazione della Biblioteca Zolla · Esposizione delle Opere di Elémire Zolla (2012-2022) a cura di Grazia Marchianò (Marsilio, Venezia)
  • 16.45 – Massimo Cacciari, filosofo: Umanesimo e icona
  • 17.30 – Pausa
  • 18.00 – Proiezione del docufilm “Elémire Zolla.Una vita e il suo destino” (regia di Alessandro Tinelli)
  • 19.00 – Hervé A. Cavallera (Università del Salento): Trasfigurazione dell’io nel pensiero di Elémire Zolla
  • 19.40 – Giovanni Santambrogio (Università di Milano “La Statale”): Presenza di Zolla nella cultura del secondo Novecento
  • 20.30 – Concerto d’arpa di Joost Willemze
  • 21.15 – Cena

Sabato 28 maggio

  • 9.00 – Ingresso e accettazione
  • 9.30 – Michael Zammit (Università di Malta): Archetypes and poetry. Silence is the matrix (Gli archetipi e la poesia. Il silenzio come matrice)
  • 10.10 – Paolo Zellini (Università di Roma “Tor Vergata”): Matematica e sapienza
  • 10.40 – Olimpia Niglio (Università di Pavia e Hosei Università di Tokyo): L’apporto seminale del lascito zolliano alla costruzione di un umanesimo planetario
  • 11.10 – Pausa
  • 11.40 – Grazia Marchianò (Fondo Scritti Elémire Zolla e Università di Siena – Arezzo): Complementarità e completezza nel sottosuolo mentale di Elémire Zolla
  • 12.10 – Sebastian Schwibach, (Università di Roma LUMSA): Elémire Zolla: il risveglio dell’intelletto d’amore. Sentieri di una conoscenza trasformativa
  • 13.00 – Pranzo
  • 15.30 – Emanuele Trevi (scrittore – Premio Strega 2021): “Per trascendere il mondo, occorre che il mondo ci sia…”: idea dell’umano in Zolla
  • 16.10 – Silvia Ronchey (Università di Roma “La Sapienza”): Lo scavo di Zolla ne La cattedrale sommersa
  • 16.40 – Massimo Leone (Università di Torino, Università di Shanghai, Università di Cambridge, Fondazione “Bruno Kessler”, Trento): Lo specchio illimitato: su mistica e volto
  • 17.15 – Pausa e visita ai giardini di Villa Falconieri
  • 18.30 – Concerto del coro Tyrtarion dell’Accademia Vivarium novum
  • 19.15 – Lettura scenica di passi zolliani selezionati da Grazia Marchianò (voce narrante: Alberto Astorri)
  • 20.30 – Cena

Domenica 29 maggio

  • 10.00 – Ingresso e accettazione
  • 10.15 – Tavola rotonda: Prospettive sul progetto del Campus mondiale dell’umanesimo.
    Moderatori: Luigi Miraglia (Accademia Vivarium novum) e Adriano Rossi (ISMEO-Associazione internazionale di studi sul Mediterraneo e l’Oriente)
    Interventi: Giorgio Amitrano (Università di Napoli “L’Orientale”) · Ignacio Armella Chavez (Accademia Vivarium novum) · Francesca Di Giacomo (Marsilio Editore) · Laura Giuliano (MuCiv – Museo delle Civiltà di Roma) · Antonio Gnoli (scrittore) · Eleonora La Vella, germanista (Pescara) · Grazia Marchianò (Fondo Scritti Elémire Zolla e Università degli studi di Siena – Arezzo) · Vincenzina Mazzarino, sanscritista (docente nei licei, Roma) · Giulia Mochi (bibliotecaria – Accademia Vivarium novum) · Olimpia Niglio (Università di Pavia e Hosei Università di Tokyo) · Tiziana Provvidera (University College London e Accademia Vivarium novum)
  • 12.00 – Concerto di musica tradizionale indiana
  • 13.00 – Chiusura dei lavori
  • 13.30 – Pranzo

sitnewsfeel

Elémire Zolla Il conoscitore di segretiultima modifica: 2022-05-21T16:38:44+02:00da Dizzly