Il campanile di Oroset I (episodio 107°)


felice

Felice Tolfo

 

seguito:

 

Un segreto deve vivere interamente la sua esistenza!

Okay….??>

Un segreto deve vivere interamente la sua esistenza!

Okay….??>

 

<Grazie Alex, sei un uomo eccezionale oltre che….. un tesoro…!!>

 

<Ma tu ancora non sai di una cosa che io trovo piuttosto divertente: loro ti conoscono già….. e anche molto bene…!!> intervenne Aleandro.

<Oh! ma allora è tutto vero….. io non sto sognando! Sono qui solamente da tre giorni e già mi conoscono tutti. Ma poi….. ditemi come faccio a non montarmi la testa…?? Perché va a finire che alla storia del personaggio famoso incomincio a crederci anch’io….. Uahahah…!! Fosse vero….? Sarebbe veramente fantastico…!!  Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Ma allora sei proprio scemo…??>

<Ma te lo sta dicendo anche Aleandro?? Se n’è accorto pure lui…??  Ahahahah…!!> sottolineò una divertita Isabel.

<Uahahah…!!  Uahahah…!!>

<Già sei proprio scemo ma non può essere tutta tua la colpa, assolutamente no! Sono così pochi i tuoi giorni lunari che è praticamente impossibile realizzare in modo completo quanto ti sta accadendo attorno…!!

Comunque fin dal momento in cui abbiamo annunciato il tuo arrivo sulla Luna loro ti vedono niente popò di meno come un eroe “fenomeno”.

Quando sono a casa spesso ti osservano attraverso le webcam della città, proprio come si fa con le super star, e adesso ovviamente non vedono l’ora di conoscerti di persona.

A tale proposito ti volevo rammentare che non faremo improvvisate di alcun genere!

 

Apparizioni miracolose zero!

 

Considerato che sono persone particolarmente sensibili, con una tensione emotiva che supera di gran lunga la soglia della normalità,

 

l’effetto sorpresa va scartato a priori…!!

 

Per questo motivo li abbiamo avvisati della tua visita organizzata per domani mattina. Meglio di così non potevamo fare.

Sono sicuro che avranno fatto i salti di gioia per l’avvenimento…!!>

 

Purtroppo rimasero ancora prigionieri del loro carattere timido, introverso, pauroso e cauto.

Un fastidioso deterrente che impediva di farli uscire da quella che si poteva definire come una privacy boomerang!

 

<Sarà un incontro dalle forti emozioni,

tra rappresentanti di popoli appartenenti a mondi diversi!> affermò Aleandro.

 

<Okay okay, un onore per il sottoscritto…!!> sottolineò Alex.

 

<Veramente oltre l’emozione,

impensabile nel provarla anche solamente con il pensiero! >

 

<Descritta così posso pensare che tutto questo porterà Alex alla felicità assoluta…!!> affermò una Isabel sorridente come spesso le accadeva. <Ma lo sapete che ora abbiamo fatto?>

 

Un sorriso ebetino allargò, e anche di molto,  le facce di Alex e Aleandro.

 

Una dimostrazione più che sincera di solidarietà nei confronti della cara Isabel!

 

<Ma abbiamo fatto le due del mattino…??> proseguì Isabel.

<Va bene….> intervenne Aleandro. <Allora direi che è arrivato giusto il momento di andare a letto a dormire…!!>

<Su questo mi trovi assolutamente d’accordo!

Allora…? Dai….. muoviamoci, ma cosa stiamo aspettando…?? Uahahah…!! Uahahah…!!> rispose Alex.

 

Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

 

<Comunque penso che per me sarà piuttosto difficile riuscire a dormire…..> proseguì Alex. <Ci sono troppe cose intriganti a cui pensare …!!  E comunque mi sembra ancora di sognareeeee…??>

 

<Ma basta sognareeeee…..!!

 

Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

 

 In questo momento proprio non puoi…..

 A quali intrighi ti riferisci …??>

Esclamò un sogghignante e ironico Aleandro, forse equivocando….. o forse anche no…!!

 

Uahahah…!!   Ahahahah …!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!


segue…..

Il campanule di Oroset I (episodio 106°)


felice

Felice Tolfo

 

seguito:

<Certo Aleandro, adesso mi è tutto chiaro!

Questo significa che non ho avuto le traveggole…..

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Certamente no!  Ahahahah…!!

<Certo Aleandro, adesso mi è tutto chiaro!

Questo significa che non ho avuto le traveggole…..

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Certamente no!  Ahahahah…!!

E’ una delle poche gallerie ancora priva d’illuminazione! Un limite ambientale che presto verrà cancellato dall’installazione che presto andremo a porre…!!>

<Mi devo pizzicare il viso perché mi sembra veramente di sognare>, disse Alex, <ma qui i colpi di bacchetta magica si sprecano come se fossero caramelle! Sto vivendo certi spezzoni di vita che troverò scolpiti nei miei ricordi più belli. Quelli che, senza far sconti a nessuno, ti regalano emozioni a non finire…… uniche e incomparabili!>

<Mamma mia Alex, mi fai impressione…!!> disse Isabel.

<Uahahah…!! E adesso chi si muove più dalla Luna…!!> riprese Alex.

<Anche se, a dire il vero, io avevo una mezza intenzione di fare una capatina a casa Italia…. In quel di Mestre…??>

Isabel stizzita, e non poco, lo interruppe prontamente…..

 

  <Come sarebbe….. una capatina in Italia..?

Vorrei sapere perché non me ne hai mai parlato prima…??>

<Infatti te lo sto dicendo adesso…!! Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Questa volta la tua risata mi sembra proprio da cretino, i.m.b.e.c.i.l.l.e.  che non sei altro…!!>

<Ma comunque sarebbero due o tre giorni al massimo, giusto per chiudere tutti i miei conti ancora aperti…!!>

<Imbecille e anche stronzo…!!…!!…!!>

<Grazie….. grazieeeeeeee!!

E’ tutto amore….. Cos’altro potrebbe essere…??

Tanto lo sapevo già da un pezzo che ti eri innamorata di me,

perdutamente innamorata…..

Uahahah…!!>

 

<Più che altro mi sono proprio persa…….. Ahahahah…!! Aahahahah…!!>

<Uahahah…!! Uahahah…!! Cerca di ritrovarti mia cara altrimenti finisco sulla strada che porta allo sconforto più assoluto. Torna, torna mia cara…….. Uahahah…!!  Uahahah…!!  Uahahah…!!>

 

Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

 

<Ma comunque di andare sulla Terra per il momento non ci penso proprio>, proseguì Alex,

<per il semplice motivo che muoio dalla voglia di conoscere “ET e company”.>

<Già già, ET….. e io proprio qua ti volevo…!!…?? Perché non vedevo l’ora di alleggerire la mia posizione al riguardo piuttosto imbarazzante…??>

<Che diamine….. ma che sarà mai…? “Guarda guarda”….. ti si sono arrossate le guance e anche il naso.

Ma lo hai fatto semplicemente per farti più bella e pensarmi in “estasi con catalessia”…!! Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Ma sei troppo….. troppo….. esagerato…..! Ahahahah…!! Ahahahah…!! Scemo te e la tua catalessia del marziano….. Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  Uahahah…!!>

<Semplicemente mi sento leggermente imbarazzata per la confessione che devo farti circa il segreto che ho dovuto mantenere su Luminor e company. Un segreto sicuramente dalla vita breve ma che non poteva finire la sua esistenza prima che Aleandro lo volesse.  Alex ti chiedo scusa se…….>

<”Zitta zitta”, non dirmi nulla…. !! Isabel, capisco benissimo………

Un segreto deve vivere interamente la sua esistenza!

Okay….??>


segue…..

Il campanile di Oroset I (episodio 105°)


felice

Felice Tolfo

 

seguito:

<Che storia fantastica>, commentò Alex, <sembra incredibile invece è tutto vero!!

Ma i due anni impiegati per giungere sin qui in che modo li hanno calcolati?

Non avranno per caso anche loro il nostro calendario??>

<Che storia fantastica>, commentò Alex, <sembra incredibile invece è tutto vero!!

Ma i due anni impiegati per giungere sin qui in che modo li hanno calcolati?

Non avranno per caso anche loro il nostro calendario??>

<No, è completamente diverso dal nostro.

Tra le varie….. hanno utilizzato un programma grazie al quale sono stati in grado di eseguire un calcolo, in doppia linea temporale rapido e preciso, sulla traduzione per riportare il periodo al nostro calendario. Tutto qui…!!>

<Semplicemente fantastico…!!>

<Comunque il giorno dopo siamo andati a trovarli. Erano tutti tristi ma, allo stesso tempo, anche felici…!!…??…!!

E non era un caso se nell’aria aleggiava un certo ottimismo….

Perché essere riusciti a sopravvivere in quel disastro aveva del miracoloso!

Dei ventuno compagni persi dieci erano donne.

Praticamente morirono tutte e dieci le donne che facevano parte della squadra…!!

Una tragedia nella tragedia:

 i sette sopravvissuti erano tutti “maschi”…!!>

Onestamente non riuscirono a nascondere il loro entusiasmo nei confronti del popolo lunare,

un grande popolo di amici veri.

Facile affidarsi al buon cuore dei selenesi. Gente capace di dimostrare come il dono della sensibilità se usato intelligentemente quasi sempre riusciva nel compito, per niente semplice, di mettere chiunque a proprio agio…!!

E con quelle più che rosee prospettive fu anche ragionevole pensare al buon esito di quel nobile intento.

Immediata e positiva la risposta dei magnifici sette concentrata nell’esprimere i loro primi due desideri:

  1. Abitare in un piccolo quartiere per vivere tutti insieme nella stessa casa;
  2. Poter lavorare.

Esattamente: lavorare…!!

Palese la volontà di non pesare sulle spalle altrui!

 

Aleandro, inebriato di nuova felicità, non esitò un solo istante nell’esaudire le loro richieste.

Per il posto pensò bene ad un ambiente che potesse offrire garanzie rispondenti alle loro reali esigenze…..

Si trattava di un grande appartamento ubicato in un magnifico quartiere ricco di piante di ogni genere.

Sei palazzine ognuna di tre piani per un totale di diciotto appartamenti.

Esattamente il quartiere……

posto in prossimità dell’uscita di quella oramai ben nota galleria che tanto aveva animato le loro ultime discussioni!

 

<Dunque la galleria è posta a metà strada tra le porte di accesso sesta e settima e fa parte di una serie di collegamenti tra la città e i primi due anelli. Comparabile al tratto che abbiamo percorso stamattina, praticamente dal parcheggio all’entrata nel secondo anello!

Pensa, mio caro Alex, che sono sufficienti pochi minuti per percorrerla interamente e ritrovarsi dall’altra parte dove, nel bel mezzo di quel quartiere, abitano i nostri amici.

Eccoti servito!

Finalmente hai visto dissolversi quello che per te era il grande mistero della galleria flashata…!!>

<Certo Aleandro, adesso mi è tutto chiaro!

Questo significa che non ho avuto le traveggole…..

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Certamente no!  Ahahahah…!!


segue…..

Il campanile di Oroset I (episodio 106°)


felice

Felice Tolfo

 

seguito:

<Certo Aleandro, adesso mi è tutto chiaro!

Questo significa che non ho avuto le traveggole…..

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Certamente no!  Ahahahah…!!

<Certo Aleandro, adesso mi è tutto chiaro!

Questo significa che non ho avuto le traveggole…..

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Certamente no!  Ahahahah…!!

 

E’ una delle poche gallerie ancora priva d’illuminazione! Un limite ambientale che presto verrà cancellato dall’installazione che presto andremo a porre…!!>

<Mi devo pizzicare il viso perché mi sembra veramente di sognare>, disse Alex, <ma qui i colpi di bacchetta magica si sprecano come se fossero caramelle! Sto vivendo certi spezzoni di vita che troverò scolpiti nei miei ricordi più belli. Quelli che, senza far sconti a nessuno, ti regalano emozioni a non finire…… uniche e incomparabili!>

<Mamma mia Alex, mi fai impressione…!!> disse Isabel.

 

<Uahahah…!! E adesso chi si muove più dalla Luna…!!> riprese Alex.

<Anche se, a dire il vero, io avevo una mezza intenzione di fare una capatina a casa Italia…. In quel di Mestre…??>

 

Isabel stizzita, e non poco, lo interruppe prontamente…..

 

  <Come sarebbe….. una capatina in Italia..?

Vorrei sapere perché non me ne hai mai parlato prima…??>

<Infatti te lo sto dicendo adesso…!! Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Questa volta la tua risata mi sembra proprio da cretino, i.m.b.e.c.i.l.l.e.  che non sei altro…!!>

<Ma comunque sarebbero due o tre giorni al massimo, giusto per chiudere tutti i miei conti ancora aperti…!!>

 

<Imbecille e anche stronzo…!!…!!…!!>

<Grazie….. grazieeeeeeee!!

E’ tutto amore….. Cos’altro potrebbe essere…??

 

Tanto lo sapevo già da un pezzo che ti eri innamorata di me,

perdutamente innamorata…..

Uahahah…!!>

 

<Più che altro mi sono proprio persa…….. Ahahahah…!! Aahahahah…!!>

<Uahahah…!! Uahahah…!! Cerca di ritrovarti mia cara altrimenti finisco sulla strada che porta allo sconforto più assoluto. Torna, torna mia cara…….. Uahahah…!!  Uahahah…!!  Uahahah…!!>

 

Ahahahah…!!  Uahahah…!!  Ahahahah…!!

 

<Ma comunque di andare sulla Terra per il momento non ci penso proprio>, proseguì Alex,

 

<per il semplice motivo che muoio dalla voglia di conoscere “ET e company”.>

 

<Già già, ET….. e io proprio qua ti volevo…!!…?? Perché non vedevo l’ora di alleggerire la mia posizione al riguardo piuttosto imbarazzante…??>

<Che diamine….. ma che sarà mai…? “Guarda guarda”….. ti si sono arrossate le guance e anche il naso.

 

Ma lo hai fatto semplicemente per farti più bella e pensarmi in “estasi con catalessia”…!! Uahahah…!! Uahahah…!!>

 

<Ahahahah…!! Ma sei troppo….. troppo….. esagerato…..! Ahahahah…!! Ahahahah…!! Scemo te e la tua catalessia del marziano….. Ahahahah…!!>

<Uahahah…!!  Uahahah…!!>

<Semplicemente mi sento leggermente imbarazzata per la confessione che devo farti circa il segreto che ho dovuto mantenere su Luminor e company. Un segreto sicuramente dalla vita breve ma che non poteva finire la sua esistenza prima che Aleandro lo volesse.  Alex ti chiedo scusa se…….>

<”Zitta zitta”, non dirmi nulla…. !! Isabel, capisco benissimo………

 

Un segreto deve vivere interamente la sua esistenza!

 

Okay….??>


segue…..

Il campanile di Oroset I (episodio 105°)


felice

Felice Tolfo

 

seguito:

<Che storia fantastica>, commentò Alex, <sembra incredibile invece è tutto vero!!

Ma i due anni impiegati per giungere sin qui in che modo li hanno calcolati?

Non avranno per caso anche loro il nostro calendario??>

<Che storia fantastica>, commentò Alex, <sembra incredibile invece è tutto vero!!

Ma i due anni impiegati per giungere sin qui in che modo li hanno calcolati?

Non avranno per caso anche loro il nostro calendario??>

<No, è completamente diverso dal nostro.

Tra le varie….. hanno utilizzato un programma grazie al quale sono stati in grado di eseguire un calcolo, in doppia linea temporale rapido e preciso, sulla traduzione per riportare il periodo al nostro calendario. Tutto qui…!!>

<Semplicemente fantastico…!!>

<Comunque il giorno dopo siamo andati a trovarli. Erano tutti tristi ma, allo stesso tempo, anche felici…!!…??…!!

E non era un caso se nell’aria aleggiava un certo ottimismo….

Perché essere riusciti a sopravvivere in quel disastro aveva del miracoloso!

Dei ventuno compagni persi dieci erano donne.

Praticamente morirono tutte e dieci le donne che facevano parte della squadra…!!

Una tragedia nella tragedia:

 i sette sopravvissuti erano tutti “maschi”…!!>

Onestamente non riuscirono a nascondere il loro entusiasmo nei confronti del popolo lunare,

un grande popolo di amici veri.

Facile affidarsi al buon cuore dei selenesi. Gente capace di dimostrare come il dono della sensibilità se usato intelligentemente quasi sempre riusciva nel compito, per niente semplice, di mettere chiunque a proprio agio…!!

E con quelle più che rosee prospettive fu anche ragionevole pensare al buon esito di quel nobile intento.

Immediata e positiva la risposta dei magnifici sette concentrata nell’esprimere i loro primi due desideri:

  1. Abitare in un piccolo quartiere per vivere tutti insieme nella stessa casa;
  2. Poter lavorare.

Esattamente: lavorare…!!

Palese la volontà di non pesare sulle spalle altrui!

 

Aleandro, inebriato di nuova felicità, non esitò un solo istante nell’esaudire le loro richieste.

Per il posto pensò bene ad un ambiente che potesse offrire garanzie rispondenti alle loro reali esigenze…..

Si trattava di un grande appartamento ubicato in un magnifico quartiere ricco di piante di ogni genere.

Sei palazzine ognuna di tre piani per un totale di diciotto appartamenti.

Esattamente il quartiere……

posto in prossimità dell’uscita di quella oramai ben nota galleria che tanto aveva animato le loro ultime discussioni!

 

<Dunque la galleria è posta a metà strada tra le porte di accesso sesta e settima e fa parte di una serie di collegamenti tra la città e i primi due anelli. Comparabile al tratto che abbiamo percorso stamattina, praticamente dal parcheggio all’entrata nel secondo anello!

Pensa, mio caro Alex, che sono sufficienti pochi minuti per percorrerla interamente e ritrovarsi dall’altra parte dove, nel bel mezzo di quel quartiere, abitano i nostri amici.

Eccoti servito!

Finalmente hai visto dissolversi quello che per te era il grande mistero della galleria flashata…!!>

<Certo Aleandro, adesso mi è tutto chiaro!

Questo significa che non ho avuto le traveggole…..

Uahahah…!! Uahahah…!!>

<Ahahahah…!! Certamente no!  Ahahahah…!!


segue…..