Aprile 2021: Steven Wilson – THE RAVEN THAT REFUSED TO SING AND OTHER STORIES (2013)

sw

 

Data di pubblicazione: 25 febbraio 2013
Registrato a: EastWest Studios (Los Angeles), Angel Recording Studios (Londra)
Produttore: Steven Wilson & Alan Parsons
Formazione: Steven Wilson (voce, mellotron, tastiere, chitarre, basso), Guthrie Govan (chitarre), Nick Beggs (basso, chapman sticks, cori), Adam Holzman (tastiere, organo, piano), Marco Minnemann (batteria, percussioni), Theo Travis (flauto, sassofono, clarinetto), Jakko Jakszyk (voce), Alan Parsons (chitarra wah-wah), Dave Stewart (orchestrazioni), Niko Tsonev (chitarra)

 

Tracklist

 

                        Luminol
                        Drive home
                        The holy dinker
                        The pin drop
                        The watchmaker
                        The raven that refused to sing

 

 

Qualcuno potrebbe essere un fantasma nella vita,
così come qualcuno potrebbe essere un fantasma nella morte
(Steven Wilson)

 

 

Come al solito nelle scene dilaganti con un senso di superiorità e preferenze pretenziose, l’ascesa alla ribalta di Steven Wilson nella musica progressiva ha reso “figo” odiare la sua musica. Dico questo semplicemente perché i mantra di lamentela spesso ripetuti sembrano essere fatti da una buona quantità di persone che chiaramente stanno solo ripetendo le parole degli altri. Con il suo primo disco da solista, Wilson si è allontanato dalle sue influenze pop e metal nei Porcupine Tree per un semplice suono incentrato sugli anni ’80 fortemente influenzato dal noise rock, dalla new wave e come sempre dal prog degli anni ’70. In Grace for drowning, ha abbracciato più fortemente il suo prog interiore, creando un fantastico album intriso di mellotron e strumentazione ad ancia. Era più o meno la quintessenza del “grande” album prog, completo di un’epopea di 24 minuti definita dalle sue influenze elettroniche contrastanti prominenti. Con The raven that refused to sing, Steven ha rivisto ancora una volta il suo suono.
Quest’album prende le influenze jazz-rock e prog dell’album precedente e le porta in primo piano, progettato in modo impeccabile per trarre vantaggio dai musicisti virtuosi con cui è stato in tour. Le canzoni sono parti uguali tecniche e melodiche. Come sempre, la capacità di Steven di scrivere melodie memorabili con tempi in chiave complessi e semplici lega bene il tutto e mentre il gruppo è del tutto capace di distruggere in eccesso masturbatorio, la tecnicità della musica rimane di buon gusto. Il mix è stellare come sempre, evidenziando perfettamente il cambiamento stilistico dal vivo rispetto all’album precedente.
Inoltre, la title track è probabilmente la traccia più straziante che abbia scritto dai tempi di Collapse the light into earth.
Questo è un album rock progressivo degli anni ’70 con produzione 2013. Questa non è la complessa esplorazione dei suoi interessi e influenze che furono i suoi primi due lavori da solista. Eppure questo è un grande album. Il fatto di essere così visceralmente legato al progressive anni ’70 di sponda King Crimson o Pink Floyd potrebbe essere un problema se non fosse per l’eccellente composizione delle canzoni, la straordinaria musicalità e la qualità di produzione prevista. E poi Indossare le proprie influenze sulla manica non è sempre una brutta cosa. Potrebbe non essere un capolavoro a cui si farà riferimento negli anni a venire, ma è certamente un album che piace molto ascoltare.

Aprile 2021: Steven Wilson – THE RAVEN THAT REFUSED TO SING AND OTHER STORIES (2013)ultima modifica: 2021-04-12T10:44:56+02:00da pierrovox

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.