Giugno 2021: The Residents – MEET THE RESIDENTS (1974)

the

 

Data di pubblicazione: 1 aprile 1974
Registrato a: San Francisco
Produttore: The Residents
Formazione: Wool (voce), Ruth Essex (voce), James Whitaker (piano), Pamela Wieking (voce), Philip Friehofner (oboe), James Aaron (chitarra, basso), Bobby Tagney (basso)
 

Lato A

 

                        Boots
                        Numb erone
                        Guylum Bardot
                        Breath and lenght
                        Consuelo’s departure
                        Smelly tongue
                        Rest aria
                        Skratz
                        Spotted Pinto Bean
 

Lato B

 

                        Infant tango
                        Seasoned greetings
                        N-ER-GEE
 

Un grazie speciale ai Beatles, alla Apple Corp. Ltd
e alla Capitol per la loro impagabile assistenza
(nelle note del libretto della ristampa del disco)

 

Non è possibile classificare i Residents. Non si può inserirli in un genere specifico. Le persone seguono sempre il percorso in cui si limitano a schiaffeggiarlo con un’etichetta “sperimentale” e scappano via. In realtà il loro è un genere unico, interamente classificabile e adattabile al proprio marchio di fabbrica. Un album come quello d’esordio, Meet The Residents, che sbeffeggia i Beatles sin dalla copertina, può essere fatto solo una volta in tutta la storia. Ci vogliono un sacco di suoni e temi familiari, ma li stravolge e li distorce finché non sono a disagio da ascoltare. Eppure c’è qualcosa di stranamente ipnotizzante tra quei solchi…
La prima cosa che fanno è calpestare duramente il piede del mondo della musica con la copertina del loro album iconico con i Beatles violati. Questo ha confuso le persone, un po’ come quello che facevano i Ramones mescolando i suoni dei gruppi femminili degli anni ’60 nel punk, prendendo il pop e storpiadolo con il loro suono fino a quando non si riesce nemmeno a capire la differenza. In un certo senso stanno dimostrando che quando sarà il momento, saranno altrettanto iconici e memorabili come loro. Oppure no, avrebbero anche potuto deturpare i Beatles solo per cazzeggiare sapendo che le persone avrebbero cercato di dargli un significato. Man mano che l’album va avanti, scava ulteriormente in quest’area di familiarità non familiare. L’album è entrato in qualche modo in una dimensione invisibile che lo fa sembrare per sempre senza tempo

Giugno 2021: The Residents – MEET THE RESIDENTS (1974)ultima modifica: 2021-06-03T09:20:16+02:00da pierrovox

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.