Lavoro, nel 2017 boom dei contratti a chiamata: +129%

Se l’occupazione continua  a crescere in Italia, purtroppo c’è una faccia della medaglia che è meno piacevole. Nel corso del 2017 sono cresciuti infatti del 129,5% rispetto all’anno precedente i contratti a chiamata. Il dato emerge dal report “Osservatorio periodico sul precariato” che è stato pubblicato dall’Inps. Dalle 12mila chiamate che c’erano state l’anno scorso si è passati alle 278mila nei primi 8 mesi del 2017. Secondo l’Inps le aziende italiane hanno bisogno di ricorrere a strumenti contrattuali flessibili che sostituiscano i voucher (eliminati da marzo scorso). Un altro aspetto da associare alla scomparsa dei voucher è anche la crescita dei contratti di somministrazione (+19,2%).

Duro attacco dei sindacati del lavoro

lavoroDuro il commento dei sindacati a questi report. Secondo loro sarebbero infatti la chiara dimostrazione che il Jobs Act ha fallito, e che la crescita dell’occupazione in realtà non è reale, ma c’è stata solo una precarizzazione e frantumazione del mercato del lavoro. Una ulteriore dimostrazione è il calo dei contratti a tempo indeterminato, che secondo Inps sono scesi nei primi otto mesi del 2017 del 3,5% rispetto all’anno precedente (793.385 nuovi contratti). Nel complesso i nuovi rapporti di lavoro (fissi e a termine) nel periodo sono stati 4.597.982 (+19,2% rispetto allo stesso periodo del 2016) a fronte di 3.653.940 cessazioni, anche queste in crescita (+15,9%), ma meno delle assunzioni.

Sul totale delle assunzioni, il numero di contratti a tempo indeterminato è scivolato verso il basso, arrivando al 24% nei primi otto mesi del 2017. Se facciamo un raffronto con i dati del 2015, quando era in vigore l’esonero contributivo triennale per i contratti a tempo indeterminato, l’incidenza dei nuovi contratti a tempo indeterminato sul totale era addirittura al 38,4%.

Riguardo altre misure ci sono dei dati positivi. Il Programma “Garanzia Giovani” nel corso di questi 8 mesi del 2017 ha incentivato 36.236 rapporti di lavoro; mentre più del doppio (75mila) sono frutto della misura “Occupazione Sud” (60.129 assunzioni e 15.828 trasformazioni).

Lavoro, nel 2017 boom dei contratti a chiamata: +129%ultima modifica: 2017-10-20T11:50:09+02:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.