Tasse, le imprese italiane sono le più colpite d’Europa

Se l’Italia fa molta fatica a ridare slancio alla sua economia, in un ambito meno lusinghiero abbiamo un primato solidissimo. Ma che gli altri di certo non ci invidiano. Le nostre imprese sono infatti quelle più gravate da più tasse e più punite per i mancati adempimenti fiscali.

Ah, le tasse

imposte tasseIn quanto a tasse, non c’è in Europa uno che riesce a fare peggio di noi, come evidenzia un rapporto redatto dell’Osservatorio nazionale per le piccole e medie imprese di Conflavoro Pmi. Per quanto riguarda l’ammontare del carico fiscale e contributivo, solo la Francia ci precede sul podio. Gli oneri fiscali per imprese e lavoratori sono elevatissimi e destinati anche a peggiorare (per le Pmi) con la nuova legge di Bilancio. Il che presumibilmente alzerà anche il tasso di evasione, col rischio che la pressione fiscale venga poi ulteriormente alzata.

Circa la “punizione fiscale”, sui 23 Paesi presi in esame, solo in altri cinque oltre l’Italia (Irlanda, Lituania, Portogallo, Slovacchia e Bulgaria) sono previste sanzioni per il reato di elusione fiscale. E l’Italia spicca anche come Paese tra i più tartassati per i reati fiscali insieme a Slovacchia, Portogallo e Regno Unito.

Burocrazia folle

A peggiorare il quadro c’è la burocrazia. Siamo infatti il paese peggiore d’Europa in quanto a facilità di pagare le tasse e di reperire informazioni utili per la valutazione degli oneri di conformità fiscale. Per quanto concerne le tempistiche e gli adeguamenti circa gli adempimenti fiscali e contributivi, l’Italia è al 128° posto. Fanno meglio di noi molti paesi come Guayana, Albania, Giamaica, St. Kitts e Nevis, Paraguay e Mozambico.

Insomma il problema è serio e serve quanto prima una riforma fiscale che vada incontro agli standard europei. Servono carichi fiscali meno pressanti e una burocrazia molto più snella. La stessa Unione ci chiede azioni positive in questo senso.

Tasse, le imprese italiane sono le più colpite d’Europaultima modifica: 2019-12-10T09:02:16+01:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.