Tiziana Cantone, i buchi delle leggi e l’indagine a rischio flop

I due fascicoli dovrebbero riunirsi. Il procuratore aggiunto di Napoli, Fausto Zuccarelli, incontrerà oggi il procuratore capo di Napoli nord, Francesco Greco, per stabilire l’accorpamento delle due differenti inchieste in corso sulla vicenda di Tiziana. È probabile che tutto sia trasferito negli uffici di Napoli nord, dove il pm Rossana Esposito indaga a carico di ignoti sull’ipotesi di istigazione al suicidio. Così, riceverà gli atti raccolti in un anno dal pm di Napoli, Alessandro Milita, sull’ipotesi di diffamazione dove sono indagati 4 dei 5 denunciati dalla ragazza.

1974150_tiza
Sedici mesi dopo l’iniziativa giudiziaria, schiacciata dalla mancanza di risposte e dalla depressione per il video a sfondo ses. suale che continuava a proliferare in Rete, Tiziana si è suicidata. E la vicenda dimostra i limiti degli strumenti a tutela della privacy.

Un anno – L’esposto denuncia venne depositato per conto di Tiziana dall’avvocato Fabio Foglia Manzillo. Si indicavano i quattro uomini, cui, attraverso WhatsApp, Tiziana aveva inviato il video girato con il suo consenso. Gli indagati negano di aver pubblicato il video su Internet. E, tecnicamente, la cosa è possibile perché WhatsApp aumenta le possibilità di diffusione e, quindi, l’autore del primo «post» in Rete potrebbe essere stata persona diversa dai quattro indagati. Circostanza messa per iscritto da Tiziana, che ne ha informato il pm. Ma la ragazza chiedeva alla Procura di Napoli di oscurare i siti, suo vero obiettivo era bloccare l’ulteriore diffusione e moltiplicazione del video, non certo trovare il colpevole del primo «post». Una richiesta che il pm Milita, motivandolo, ha ritenuto giuridicamente non praticabile, soprattutto perché molti siti incriminati sono registrati all’estero.

Il garante – L’alternativa alla Procura poteva essere un ricorso al garante per la privacy, che avrebbe potuto intervenire con diffide sulle società proprietarie dei siti po.rn .ografici. Strada non seguita da Tiziana e dai suoi avvocati, anche perché il vero limite resta comunque la diversità di norme che, nei vari Stati, regolano la materia. Una delle eccezioni di Facebook nella causa civile d’urgenza proposta da Tiziana, così, è stata la competenza a decidere la causa che la società americana riteneva fosse in California. Il diritto all’oblio – Come hanno confermato molte dichiarazioni di funzionari della Polizia postale, la totale rimozione di dati dai server di Internet è praticamente impossibile.

Tiziana Cantone, i buchi delle leggi e l’indagine a rischio flopultima modifica: 2016-09-19T09:11:43+02:00da ellenaellena77

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.