Blog
Un blog creato da merizeta21 il 27/05/2004

merizeta

parla il mio cuore... racconti dalla mia quarta vita -

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

 

la fine dei tempi noti

Post n°1070 pubblicato il 28 Aprile 2022 da merizeta21

Non riesco più a scrivere nemmeno qui. L'orrore nel quale vivo da quasi un anno e mezzo mi ha definitivamente chiuso la bocca. Assisto impotente a morti improvvise, malattie inspiegabili di persone che conosco di vista o di fatto, nel terrore che prima o poi il fulmine colpisca uno dei miei amici, il mio mezzo figlio, i vicini di casa, le persone che fanno parte della mia vita quotidiana. I miei amici più cari non mi hanno ostracizzato più di tanto perchè mi vogliono bene. E in questo frangente ho apprezzato il loro affetto e la loro tolleranza. Ma nessuno di loro si è reso davvero conto che il loro atteggiamento ha cambiato profondamente ME, nei loro confronti. Me li ha ridimensionati, di fatto allontanandoli forse per sempre. 

Ho provato a parlare ma non c'è stato verso. D'altra parte se io mi fossi iniettata un veleno credendolo una medicina preferirei non saperlo. Una parte di me li capisce. L'altra li compatisce. 

Mi allontano. Invano provo a vivere il tempo come se nulla fosse successo e nulla possa succedere. Di giorno, presa da mille attività, riesco. Di notte è impossibile. Mi sveglio e non riesco più a dormire. le notti sono interminabili.

Mi consuma la paura, ed insieme una rabbia cieca. Morite, morite voi che avete fatto questo al mondo! che il dio che ha creato l'Universo vi sprofondi in un inferno senza fine! 

Su questo blog altre volte ho scritto maledizioni ed improperi, spinta dal dolore e dalla rabbia, pentendomene quasi subito. ma questa volta, questa volta NO.

 
 
 

incubi

Post n°1069 pubblicato il 06 Dicembre 2021 da merizeta21

Il mondo che conoscevo si è distrutto. Non esiste più. La notte mi sveglio in preda agli incubi, mi sembra di avere il mondo addosso. Tutte le persone a cui voglio bene, eccetto mia madre e Mauro, sono a rischio di morte. Ognuna di loro può sparire da un attimo all'altro. Ogni notte, tutte le notti. Di giorno mi rifugio nella quotidianità, ma il pensiero non mi abbandona mai. Vivo in un piccolo paese nel quale ci si conosce tutti. Ogni giorno qualcuno manca e non sai se è perchè è venuta la sua ora o se invece è per colpa di qualcosa a cui non possiamo credere. 

Quanto a te...ora comincio a pensare che forse tutto questo percorso era per arrivare qui. Perchè prima o poi toccherà a te e io dovevo staccarmi se no sarei morta con te. Cosa ne sarà di noi? non ho la stoffa della pasionaria, non ho il coraggio di andare sulle barricate. Ma tante cose ora mi sembrano logiche, il mio istinto mi avvertiva da anni. Non so quanto reggerò. Ho tanta paura per Stefano, per Mauro perchè se gli impedissero di lavorare so bene che cederebbe. Ho paura per tutti. L'unica paura che non ho è quella di ammalarmi. So per certo che potrei curarmi, che ci si può curare. Il dolore mi accompagna come una malattia, di quello si, si può morire. 

 
 
 

leggere il futuro

Post n°1068 pubblicato il 16 Ottobre 2021 da merizeta21

"Ricordo con dolore ogni volta che la mia inadeguatezza fisica mi è sembrata una terribile ingiustizia, ricordo il tempo passato a rendermi più accettabile possibile. Volevi una donna che confermasse il tuo essere uomo, volevi una bella donna accanto a te.

Ora ce l'hai, e se il destino ed il tempo saranno giusti, arriverai a sapere cosa vuol dire privilegiare l'esterno all'interno. E chissà se hai già cominciato a dare la colpa a lei di ogni cosa."

Leggere il futuro non è una scelta.

Succede, quando si ha una Strega che dorme dentro. Chiamala intuizione, sesto senso, telepatia....oppure, più banalmente, contatto. 

 
 
 

la sola risposta

Post n°1067 pubblicato il 20 Settembre 2021 da merizeta21

La sola risposta da dare a chi se ne va sbattendo la porta, a chi seppellisce il passato e lo brucia nel fuoco, è il silenzio. Il silenzio e l'oblio, il dimenticare ciò che è stato e sostituirlo con altri ricordi. 

Dopo la morte di Fabrizio una parte del mio mondo, quella che teneva insieme il prima e il dopo, si sta sgretolando. Il prima cade inesorabilmente nel vuoto che questa morte ci ha lasciato. Saremo ancora lieti, rideremo ancora. Ma niente sarà più come prima. Invecchiare è anche questo, me ne rendo sempre più conto. Accettare i vuoti con l'amara consapevolezza che ne arriveranno altri. 

Oggi Mauro diceva " guardo sempre al futuro, non penso mai al passato". io invece non ci riesco. Il passato mi possiede, cammina al mio fianco. Non è che lo voglio, è che è così e non posso farci nulla. 

Io sono il prodotto del passato, il prodotto dell'essere stata quella che sono stata, il risultato delle scelte che ho fatto e che mi hanno portato dove sono. Non posso dimenticarmene. Sono risorta dalle ceneri della persona che ero per tre volte. Ho cambiato pelle, nome, cuore.

Basta. Ora basta.

 
 
 

il momento giusto

Post n°1066 pubblicato il 12 Settembre 2021 da merizeta21

C'è stato un tempo nel quale ho avuto una gran paura che tu potessi leggere questo blog.

Poi un tempo in cui speravo che tu lo leggessi.

Adesso mi sta venendo voglia di inviarti il link, e costringerti. Perchè dal luglio 2003 sono passati diciotto anni. Diciotto anni!!! ho iniziato a scrivere nel 2005 e sono andata avanti fino a ora, con lunghi silenzi e momenti in cui non potevo tacere. Ma sono 18 anni che ti parlo instancabilmente, come se tu fossi andato via ieri.  

Forse è arrivato il momento in cui tu sappia cos'è stato tutto questo tempo, a cosa è servito, cosa ha prodotto. E cosa è rimasto. Poi forse potrò chiudere questo capitolo per sempre.

 
 
 

rimpiangere

Post n°1065 pubblicato il 11 Settembre 2021 da merizeta21

Mentre dal pulpito la Laura faceva leggere  a Tommi il ricordo di suo papà, io nell'ascoltarla mi chiedevo come sarei stata se anche mio papà fosse stato così con me. Non so immaginarlo. Noi non giocavamo, non ridevamo assieme. Non c'era un legame. Mi manca? non lo so. Gli volevo bene? forse si. Invidio i rimpianti, io non posso averne.

 
 
 

In memoria

Post n°1064 pubblicato il 11 Settembre 2021 da merizeta21

"Le persone che hai cancellato non sapranno mai perché, io le amate anche al posto tuo, sono stata loro amica anche al posto tuo, ho custodito insieme al nostro anche il tuo passato con loro"

Ieri, nella piazza di Anguillara Veneta, dopo il funerale di Fabrizio, ci siamo trovati tutti insieme a parlare e a ricordare il passato. Noi, gli amici di Levanto, e loro, gli amici di Anguillara e San Martino. Uniti dall'affetto immutabile per chi ci ha accompagnato sia dall'infanzia che dopo.

Io pensavo a quando li avevo conosciuti, nel 1986, e dopo anche la Tuula mi ha detto al telefono che questo mix la riempiva di gioia.

Tu eri tra noi il convitato di pietra. Fabrizio era quello che ci univa. E io quella che ha consentito questo legame. Quello che ho scritto in qualche post fa era in realtà una previsione del futuro. 

 
 
 

Se

Post n°1063 pubblicato il 09 Settembre 2021 da merizeta21

" questa è la foto che sarà messa sulla lapide del tuo amico, quello a cui hai fatto da testimone, allegando al regalo una bellissima lettera sul valore dell'amicizia.

Quello a cui non hai parlato per 12 anni per un motivo del cazzo.

Quello che ha aspettato un tuo cenno fino all'ultimo.

Quello che ora,  dall'altra parte, vede come sei diventato.

Lo so che le persone cambiano, ma a certi cambiamenti non ho mai creduto. Sii felice se ci riesci, ma intanto spero che tu possa vergognarti anche un bel pò"

Ecco, se avessi il coraggio - ma non è coraggio, è voglia di vendetta, e non me la ritrovo addosso, e un pò mi dispiace - ti scriverei questo messaggio.

Io non capisco, non capisco davvero.

Di che avevi paura, mi chiedo? perchè per sedici anni siamo stati un gruppo di amici, e poi non sei più riuscito ad avere un rapporto con loro? era a causa tua o delle paranoie di lei, quella donna che ora hai lasciato - con una figlia tua - per un'altra? a causa mia? ma quanto contavo io per uno che aveva una famiglia nuova, una vita nuova, una figlia? 

Valeva davvero la pena? mah.

 

 
 
 

E adesso?

Post n°1062 pubblicato il 06 Settembre 2021 da merizeta21

E adesso che lo so, cosa provo? quasi nulla. La mia vita va avanti, su binari prescritti che mi sono scelta e che seguo senza discussioni e senza rimpianti. O forse no, qualche rimpianto ce l'ho, non avere viaggiato di più, non potermi prendere due giorni per scappare via nelle stagioni migliori. Ma è questo che volevo, avere una famiglia, dei parenti, degli amici. Volevo una vita che non fosse in solitudine. E ce l'ho, forse arriverò anche ad essere nonna. 

C'era davvero una parte di me che stava seduta sulla riva del fiume ad aspettare di veder passare un cadavere, il tuo, Alessandra? scrivo il tuo nome, tanto ci sono migliaia di persone che si chiamano così. Non lo so. Forse quella notte in cui mi facesti rispondere che "son cose che succedono a tutti" la mia strega dormiente ti ha mandato qualche accidente involontario. Di fatto ora tocca a te dimagrire e forse non dormire. Ma non mi rallegra.

Tu hai tua figlia, io avevo Gaspare e gli amici, grazie a loro ( e a Mauro, ovviamente) ne sono uscita. Forse per te sarà più facile, sei ancora giovane e sei sempre stata molto bella.Te lo auguro, senza retropensieri.

Vorrei poterti parlare, perchè abbiamo condiviso entrambe la stessa esperienza, ma so che non succederà mai. E vabbè.

La cosa confortante è che per qualche ora non ho pensato a Fabrizio, ed è stato un sollievo.  Avrò qualche risposta in futuro? forse. Forse mi sentirò meno indegna. Forse scoprirò che lui ha sempre rimpianto non me, ma la vita che avevamo. E questo l'ho scritto spesso. E nel rimpiangerla, involontariamente ha rimpianto anche me che gliel'avevo resa più facile, solo per amore. L' ho amato male, ho fatto mille errori. Sono cose che capitano. Ma ho fatto del mio meglio e questa è la sola cosa che ora conta. Buona fortuna.

 

 
 
 

CONTA

Post n°1061 pubblicato il 09 Febbraio 2021 da merizeta21

In verità una minima speranza l'avevo, scrivendoti, che la mia mail avrebbe resuscitato per un attimo la persona che credevo tu fossi. Ma sono passati otto giorni e non è successo nulla. Non hai risposto e non hai chiamato B. Allora mi sono seduta in silenzio in cucina e ho provato a pensare con la tua testa, come quella volta in giardino. Non avevo grandi speranze di riuscire ad evocarti, perchè sono passati 17 anni. Allora eri appena andato via, e il legame mentale fra noi era ancora molto forte. Adesso....

Invece ad un certo punto ho capito che il contatto c'era. Ho sentito chiaramente la tua voce chiedermi "ma secondo te, dopo 12 anni, cosa avrei dovuto fare? chiamare e dire ciao, mi hanno detto che sei stato male...adesso come stai?   Ti sembra che una persona come me possa arrivare a farlo? non ricordi che eri tu a decifrare i miei sentimenti, a raccontarmeli in modo che potessi accettarli? ti ricordi che per me queste persone non contavano niente, in realtà? contava solo la mia immagine dentro i loro occhi"

Si, mi ricordo. Mi ricordo di tutto. Ma lo stesso sono felice di essere riuscita a fare in modo che tu lo sapessi. Forse ti sarà servito e forse no, chissà. Ma non mi riguarda. Non è la mia immagine dentro i tuoi occhi che conta. Conta che ho imparato il valore di costruire ricordi, conta che so cosa possono valere, alla fine della vita, i bei ricordi. Conta che mi fa orrore la vita senza B. che era un tuo amico ed ora è il mio, lui, sua moglie e sua figlia. Conta che io sento, sento e non ho paura a farlo. Conta che le mie parole sono la mia cura, e del tuo silenzio egoista non mi importa nulla.

 

 
 
 

mai

Post n°1060 pubblicato il 20 Luglio 2020 da merizeta21

Ci sono cose che si nascondono dentro di noi, sono spesso introvabili. Non ce ne accorgiamo se non quando accade qualcosa che le risveglia. Ecco, anche a me capita. Basta un dolore notturno, un crampo, troppo caldo, troppo freddo, un disagio. Ed eccole li, vivaci e vitali come se fossero sempre state sveglie. Mi stupisco sempre di quanto possa essere inventiva la mia coscienza dormiente, costruisce racconti incredibili, pieni di spine e coltelli ogni volta sempre nuovi.

Meno male che la luce del giorno soffia via i sogni, li fa diventare polvere. Ma a me restano ancora per ore sullo stomaco.

 
 
 

TU MI FAI PENA!!

Post n°1059 pubblicato il 07 Ottobre 2019 da merizeta21

Eppure, dopo ben 16 anni, riesci ancora a reagire nei miei confronti, riesci ancora ad inquietarmi, riesci a farmi sentire sciocca. Non hai mai avuto senso dell'umorismo, quello che lega Mauro e me. Deve essere tutto sotto controllo.

Hai capito che era diretta a te la vignetta, vero? perchè ancora aspetti un cenno da parte mia, per poterlo rinnegare.

Ah, mi è impossibile dimenticare certe parole, mi è impossibile perdonarle, anche se le capisco. "potrei stare con lei qualche notte, e per il resto del tempo starei con te..." eh si, lo hai detto, eravamo in cucina seduti al tavolo e tu mi guardavi, ricordo ancora i tuoi occhi. Come sempre leggevo il tuo pensiero e sentivo la tua paura. Paura del cambiamento, paura della perdita del tuo mondo. No, io non c'ero dentro la tua paura. Non avevi paura di perdere me, già allora. Ero già sparita dal tuo orizzonte, mi chiedo ora se ci fossi stata mai dentro. Lei era una promessa, una promessa allettante, proprio come lo eri tu per me.

Io però non avevo mai pensato di tenere entrambi, tu e quell'altro che mi dormiva accanto quando ci incontrammo. Io volevo solo te. Ma io sono io, e tu mi hai definito forte, e ti sei definito debole. E adesso so che è vero, è proprio così. Sei un poverino, una persona con mille paure e mille incertezze. Sembravi forte solo a me, forte del tuo sapere sempre cosa fare. Ah, come mi sbagliavo...

Ricordo con dolore ogni volta che la mia inadeguatezza fisica mi è sembrata una terribile ingiustizia, ricordo il tempo passato a rendermi più accettabile possibile. Volevi una donna che confermasse il tuo essere uomo, volevi una bella donna accanto a te.

Ora ce l'hai, e se il destino ed il tempo saranno giusti, arriverai a sapere cosa vuol dire privilegiare l'esterno all'interno. E chissà se hai già cominciato a dare la colpa a lei di ogni cosa.

Sorge da dentro di me un grido che vorrei lanciarti addosso, ma sarebbe darti troppa soddisfazione. Mi limito a scriverlo qui, anche se so che mai lo leggerai.

TU MI FAI PENA!!!

 
 
 

NON SO

Post n°1058 pubblicato il 29 Maggio 2019 da merizeta21

B. ti ha mandato un messaggio di condoglianze, e si è lamentato della tua scarna risposta.

Non si rassegna. Gli manchi. O forse è la sua giovinezza a mancargli, di cui tu facevi parte.

Spero sempre che nel tuo cambiamento resti spazio per fargli una telefonata, ma in realtà so bene che non sarà così. Mi sono troppo vicini, loro. E anche gli altri. Te li ho rubati, penserai.
Ma non è vero, li hai allontanati tu, perchè erano un problema, era un problema il mio nome, erano un problema i ricordi. Non so che problema fosse, se non paragonandolo con il mio. Per anni frequentarli è stato come tagliarmi il cuore a pezzi. Ma io ero sola, e la mia era la vita-senza-di-te. Stare con loro era un raddoppiare la tua mancanza.

Non credo che tu provassi questo stesso dolore. Ma già, forse la tua soglia di sofferenza è più bassa.

In verità ti credevo infallibile, incorruttibile, onesto, legalitario e giusto. Tu mi hai provato il contrario. Per consolarmi mi dico che tutti siamo esseri umani imperfetti e che queste qualità erano quelle di cui avevo bisogno, e quindi le ho viste in te anche se non c'erano.
Eppure quel sesto senso che mi parla sempre, e che non so mai se ascoltare, mi racconta un'altra storia.

Dove sta la realtà? Chissà se un giorno riuscirò a scoprirlo.

 
 
 

TEMPO

Post n°1057 pubblicato il 28 Maggio 2019 da merizeta21

Rompo il silenzio sempre più raramente, i ricordi si allontanano e il peso si alleggerisce.

Si alleggerisce sul pensiero, perchè sul cuore oramai è calato un coperchio di cemento. Nessuna emozione intensa si affaccia. Se mi chiedessero oggi cosa vorrei, credo che non saprei rispondere.O forse si: un paio di giorni di pace con l'uomo che vive con me, un pò meno peso addosso, un pò più di certezze economiche. Niente di trascendentale. I desideri di tutti.

La morte di tuo papà non mi ha dato dolore. Del resto avrei sofferto per te, più che per lui, e c'è già qualcuno che si occupa di questo, o almeno lo spero.

Ci sono cose che stanno per sempre nel passato, dietro una porta, dentro una tomba. La porta è chiusa e la tomba è ricoperta di terra. Non ho voglia di aprire nè di scavare. E' finita, quella vita. Peccato che insieme sono finita anch'io, è finita l'idea che avevo di me, è finita la mia serenità e la gratitudine che avevo nei confronti del mio mondo. Quello si, mi manca tanto.

Nel profondo del cuore giace il mio essere indegna, il mio non valere niente, il mio essere incapace di ogni bene. E' un vuoto che non si colma, anzi ogni cosa buona crea una voragine più grande. E' una eco che pervade ogni mio gesto, ogni scelta, ogni soldo speso per cercare di dimenticare. E sempre più compatto mi avvolge un silenzio totale. Non lacrime, non risate, non sentimento. Zero.

Solo la mia capacità di andare oltre mi aiuta. Vado avanti, mi spinge il desiderio sincero di aiutare quest'uomo che mi vuole tanto bene ad essere felice, o almeno a vivere meglio. Gli voglio tanto bene anch'io, forse è l'unica forma di amore di cui sono rimasta capace. E' tanto diverso da quello che provavo in passato, ma anche io non sono più quella di una volta.

 

 
 
 

RICORDI

Post n°1056 pubblicato il 14 Febbraio 2019 da merizeta21

In questo periodo ogni anno mi assalgono visioni di montagne - dovrei dire della montagna, perchè per me la montagna è una sola, il Cervino - e della pista n°5 dalla quale scendevo con uno stile improbabile, sempre indietro rispetto agli altri che correvano avanti. Oppure dietro Rini che scendeva così elegante che mi aspettavo sempre di vederlo spiccare il volo da un minuto all'altro.

Ricordo la luce delle cinque, quando tutti rientravano nel sole calante e dietro la curva il paese era già in ombra mentre le cime erano tutte ancora immerse in una luce rosa. Come dei miei tramonti marini, non ne avevo mai abbastanza.

Il mio cuore era sempre perso nei sogni. Spesso con un nome e un cognome, a volte semplicemente nel tentativo di far passare il tempo il più lento possibile.

Tutto questo che per me era casa, ad un certo punto l'ho sacrificato in nome della mia vita nuova. Ma ogni anno mi manca di più, mi fa soffrire di più. Ogni anno sento che si allontana, insieme ai ricordi. Siamo tutti ancora vivi, siamo tutti vecchi ormai. Non ce la farei più a scendere, nemmeno per la cinque che è praticamente piatta. Non ce la faccio quasi più nemmeno a camminare. E la voce che ripete nelle orecchie "questa non sei tu. Dove sei andata a nasconderti?" Ma se voglio sopravvivere, questa parte non me la posso più permettere. Devo diventare vecchia, così smetterò di soffrire per cose che non si possono più cambiare. Sono lontane oramai. Una volta mi sentivo brutta, adesso sono solo anziana. Le cose sfumano. Prima o poi anche i ricordi lo faranno. Speriamo.

 
 
 

ed infine

Post n°1055 pubblicato il 01 Giugno 2018 da merizeta21

Ci ho messo tanto tempo e forse, anzi sicuramente, ne sarebbe bastato molto meno.

Ma le cose che abbiamo davanti sono difficili da vedere. Preferiamo sempre evitarle. Soprattutto se sono così dolorose.

Tu – come me – sei cresciuto con un’idea di te stesso. Io l’ho distrutta, attraverso tutto quel percorso fatto insieme, che era solo un gioco ma che alla fine ci ha portato dove siamo adesso. Io qui e tu là.

Adesso, con il senno di poi, capisco che è stato un passaggio inevitabile. Eravamo già arrivati ad un capolinea dal quale in qualche modo occorreva ripartire.

Ma nessuno di noi due aveva gli strumenti per farlo, non io certo ma nemmeno tu. I miei fantasmi sempre presenti mi hanno spinto in una direzione, e tu mi hai seguito, e spesso preceduto. Adesso sono sicura che questa parte, la parte in cui hai deciso da solo, l’hai rimossa. La lettera, quell’ultima lettera, diceva

“molto hai fatto tu, qualcosa ho fatto anch’io” e lì è caduto il tuo asino personale.

Da quel momento le cose son precipitate vertiginosamente. E da quello si originano le distanze che hai preso da tutti quanti, amici, parenti e conoscenti.

Io conosco la verità e la posso raccontare. Quelli che frequento ancora possono saperla da me. Quindi via tutti.

E’ una verità banale, quasi infantile: dice che sei come tutti gli altri, che puoi commettere errori di valutazione e farti trasportare da istinti che abbiamo tutti ma che per te sono secondari e vanno tenuti a bada.

Ti do una notizia, ma magari la sai già. Nel tempo, le cose si sfumano, perdono importanza, diventano quel che veramente sono: sciocchezze, stupidaggini. Ne commettiamo di continuo. Un giorno anche per te sarà così, vedrai il passato come un insieme di giornate, alcune buone, altre belle, altre orribili, la maggior parte tranquille. E capirai che ogni cosa è dentro di noi, già scritta.
Io non ho raccontato nulla, non c’era nulla da dire.

Le persone che hai cancellato non sapranno mai perché, io le amate anche al posto tuo, sono stata loro amica anche al posto tuo, ho custodito insieme al nostro anche il tuo passato con loro. Un giorno forse imparerai che ha un valore e andrai a cercarlo, o forse no, forse quel giorno non verrà mai.

La persona che ti ha amato, quella me che conoscevi, è morta. Così come è morto il tu che ho amato io. Siamo sepolti insieme con Gaspare in giardino. Sulla nostra tomba in primavera nascono i fiori. Se arriveremo a diventare vecchi, ognuno nella sua vita di ora, forse faremo anche la pace.

Ma quello che eravamo insieme non tornerà mai più, e nemmeno quello che siamo stati prima di incontrarci. Abbiamo perso anche quello insieme alla nostra storia.

 
 
 

Qualcun altro

Post n°1054 pubblicato il 18 Maggio 2018 da merizeta21

Chissà. Nella vita le cose accadono, non sempre si sa il perchè. Ho imparato da tempo che bisogna non dargli mai troppa importanza. Questa volta però è difficile. E' difficile perchè non riesco a dirmi che non sono affari miei, non riesco a dirmi che non ha effetto sulla mia vita. Sarebbe vero, ma non del tutto.

Tanti anni fa, più di trenta, in un bar a Cervinia, mi capitò di leggere un trafiletto che parlava di un maestro elementare che molestava le bimbe della sua classe. Era un mio compagno di scuola, quello più bello, quello di cui tutte eravamo innamorate. Rimasi male, ma una parte di me si disse che ben gli stava (la Strega, ancora), che non sempre l'esterno e l'interno corrispondono. Le immagini  di quando tutto il gruppo dei miei compagni andava verso la fermata delle corriere, lui in mezzo, abbracciato alla fortunata di turno, ed io dietro, a distanza, con i brutti e gli sfigati, non me le sono ancora dimenticate. Ma non mi danno più nessun dolore. Il tempo si è vendicato al posto mio.

Ma con te non funziona. Mentre la Gio (cui so bene che occorre fare la tara, non è detto che abbia ragione) mi rovesciava addosso tutte le tue malefatte, alcune francamente incomprensibili, mi dicevo che non puoi essere diventato un'altra persona fino a questo punto.  Mi chiedevo cosa potesse esserti successo per farti diventare questa persona che tanti mi descrivono come impenetrabile, distaccato, freddo, cattivo, vendicativo e menefreghista.

Non so cosa pensare. E' perchè sei infelice che ti sei chiuso in una torre? è perchè sei troppo felice che del resto del mondo (inclusi i tuoi) non ti importa più niente al punto di non sentirlo e non vederlo più? 

Il tempo e la Strega stanno per vendicarmi un'altra volta?

Scrivo. Mi aiuta a vedere le cose da fuori. Ascolto "Acquarello" di Toquinho che è stata per un pò la nostra canzone (o forse è stata la mia e basta, a te non importava, sono scemenze) e mi sale in gola una specie di nausea. La parte di me più sana e normale dice basta, basta, basta. La mia vita è altrove, della tua non deve importarmi nulla.

....chi ho amato?

 
 
 

in memoria

Post n°1053 pubblicato il 10 Maggio 2018 da merizeta21

Tanti anni fa, eri ancora abbastanza sano, ti fermasti a chiacchierare con me. Non ricordo bene come accadde, forse ero assieme ad una amica carina. Ricordo che mi sembrò strano, perchè io non esistevo per quelli come te. Quelli come te vedono solo le fighe, le belle ragazze, giovani e carine. Il resto del mondo non aveva importanza. Ricordo che sentivo storie di gente che era venuta alle tue feste e che tu rimorchiavi alla grande. Quando ti sposasti ci sembrò incredibile, poi vedemmo tua moglie che era molto carina anche lei.

Di quel nostro colloquio ricordo solo che mi rivelasti come certe parole che erano diventate di uso comune le avessero create i pubblicitari. Ricordo che sembrava che noi fossimo una manica di imbecilli che si bevevano tutto.

Alla fine mi sembrasti un pò patetico. Non sapevo che il peggio doveva ancora venire.

E venne. E mi sembrasti un angelo caduto, uno che aveva vissuto ed ora era condannato a vedere gli altri vivere. Magari mi sbaglio, ma ho sempre avuto paura dell'effetto che hanno su di noi i nostri pregiudizi. Ho sempre avuto paura che prima o poi ci tocchi di passare dall'altra parte, da quella dove stanno quelli per i quali non abbiamo avuto pietà.

Perdonami per questo ricordo, riposa in pace. Son sicura che ora, di là, hai tutte le risposte.

 

 
 
 

Incontro

Post n°1052 pubblicato il 18 Gennaio 2018 da merizeta21

La parola "incontro" del titolo non è un sostantivo ma un avverbio. Non racconta di una cosa avvenuta ma di una direzione, quella che ho preso da tempo. Andare incontro al futuro, andare incontro ad ogni giorno, andare avanti. Non voltarsi.

Non c'è scampo, quella è la sola via. E me lo conferma il fatto che adesso, dentro, quando mi sveglio ogni mattina,  non sono più la persona che è stata lasciata, ma io, solo io. Con il bene e con il male, con le stupidaggini e il desiderio di giovinezza, con le paure e i limiti che ho imparato ad accettare.

E siccome dopo tanti anni e tanto cammino torniamo sempre da dove siamo partiti, ogni tanto mi viene voglia di abbandonarmi alla cattiveria. Ci rende felice il dolore altrui? no, diminuisce solo la nostra distanza con gli altri. Siamo uguali nell'abbandono, nella sofferenza, nella perdita. Siamo umani.

La sola cosa che ancora mi resta è quel desiderio di armonia che una volta per sbaglio ti uscì di bocca. L'avrai trovata, adesso? una parte di me spera di no. Ma è una speranza intermittente, che mi attraversa il pensiero solo ogni tanto, come un battito d'ali di farfalla.

 

 
 
 

LUCI D'INVERNO

Post n°1051 pubblicato il 27 Novembre 2017 da merizeta21

Non ci sono più confini. I confini siamo noi a crearli, ce li mettiamo intorno come si mette una barriera protettiva, e poi ci dimentichiamo che siamo stati noi stessi a costruirli.

E' più facile avere paura, è più comodo non muoversi. La strada di casa non muta, ogni passo un suono, ogni pietra un ricordo.

Ma andando avanti nel tempo ogni cosa si sfuma. Non sono troppi sessantuno anni per diventare grandi.

 

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Coulomb2003liberanteossimoramerizeta21CrowuglybadMr_KolvenikQuartoProvvisorioONLYONEMAN1se_forse_maila.cozzamisterernestvenere_privata.xaramis997karma580
 

ULTIMI COMMENTI

Quello che conta negli errori è imparare sempre qualcosa...
Inviato da: Mr.Loto
il 06/09/2021 alle 13:16
 
sei sicura di volerlo sapere?
Inviato da: se_forse_mai
il 22/07/2019 alle 13:58
 
un saluto a te, grazie di passare a leggere e a commentare.
Inviato da: mariarita
il 29/05/2019 alle 22:18
 
Solo il tempo può dare certe risposte . . . bisogna solo...
Inviato da: Mr.Loto
il 29/05/2019 alle 17:45
 
anch'io sono anziana... molto di più di quanto...
Inviato da: se_forse_mai
il 23/02/2019 alle 16:53
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom