Cherry's jam

assaggi, morsi, pezzi e bocconi

 

ULTIME VISITE AL BLOG

diegoamuracanescioltodgl10minieri.francescomartatom1rtrtwfalco58dglmia.euridicepupi13sbludiprussia2miarrampicosuivetriiun_coeur_en_hiverje_est_un_autremedeamistycateneraearditakendrabianca
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

DAS KABINETT DES DR.KALIGARI

 

M.ANTONIONI-ECLIPSE

M.ANTONIONI - BLOW-UP

 

KOYAANISQATSI-CLOUDSCAPE

S.KUBRICK-2001 A SPACE ODYSSEY

S.KUBRICK-A CLOCKWORK ORANGE

 

P.GREENWAY-M IS FOR MAN MUSIC MOTZART

 

J.MEESE - EZRA POUND

MANICM - HANK

 

C.BUKOWSKI- THE SECRET OF MY ENDURANCE

 

C.BUKOWSKI-THE MEN WITH BEAUTIFUL EYES

 

MODIGLIANI

PICASSO - GUERNICA

ANDY WARHOL

 

LUREL & HARDY - INTERVIEW

 

MARYLIN MANSON IN BOWLING FOR COLOMBINE

HAROLD PINTER V WAR ON SERBIA

CHARLES BUKOWSKI -

A LITTLE ATOMIC BOMB

 

STEVEN SHORE - LEZIONE IN PIAZZA 17/10/08

 

W.WENDERS - DER STAND DER DINGE

W.WENDERS-DER HIMMEL UBER BERLIN

 

KUROSAWA - DREAM

M.C.PIETRAGALLA-SAKOUNTALA

M.PASTORE-QUELLO CHE

POSSO DIRTI A PROPOSITO DELL'AMORE

 

 

 

MARMADUKE DUKE - KIDS GLOVES

 

SKIN-ARMY OF ME+BJORK-FEAT

FIGHTSTARS-A CITY ON FIRE

 

 

Post N.40

Post n°41 pubblicato il 07 Luglio 2009 da CherryM00N

 

           Era...
                    carezze di sabbie mobili
               di ombre fluide in ore di cera

.

                  Era del fuoco di eta' del ferro
                  nella fusione dei corpi celesti

                   

                        Era... mareggiata lunare
                              su labbra lambite
                               dal culto del sole 



                              Era
                                  tempesta alchemica
                                al ritmo d'estate densa
                                 speziata di stelle perse


             Ero spogliata dal rosso di notte terrena

.

 

.

 
 
 

Post N.39

Post n°40 pubblicato il 23 Giugno 2009 da CherryM00N

 

       Di percorsi e di altri accenti

 Un masso
orbita
di inesorabile bianco
e mi insegue con denti di ghiaccio
                dal 1990, primavera...
Le statue del corso sanno...
        l'eco di quel nome
        venato di sussurri alabastro
nel guscio degli sguardi segna la via

                   Corro
passi di nastro rosso
                -tracciato-
             il fiume serpente 
             che riconduce a me
     in bagliore di spire a chiocciola
   molli e pesanti di salita concentrica
                   Corro
lungo il margine di una strada che vale l'altra
fino in fondo alla svolta
...di qua o di la'...
          sinuosa curva ellittica
                -vortice-
    in cui entrare

Ho con me il lasciapassare
        i miei fogli
che scivolano dalle dita uno ad uno
sfuggono lettere sfaldate
              da righe senza argine
a caduta libera di suoni liquidi
ricomposti nei gradini arroccati su una scala
gualciti come bandiere senza vento
nel peso acuto dello spazio
                 -vuoto-

Nel silenzio e' sussulto
                        colpo
                     onda armonica

          fibra a intreccio

   tessuto in perfezione di muscolo 
               cardiaco
   anatomia    motrice   trascinante
  corrente tonica vita circuito ritmico

             ...e' dunque questo

           Trionfo Azzurro

di visione lucida

        e l'orizzonte trema...

arpionato dall'accento della
                          
gènialitè
alla battaglia navale del cielo
...dal fondo di quei mari
la marcia eterna delle aragoste
         congiunge i continenti.

     

   (a Stephane Mallarme')

 
 
 

------ --- --- ---

Post n°39 pubblicato il 13 Giugno 2009 da CherryM00N

 

I WILL  ------>--- --- @

more placebo

(questo blog e' schierato contro il download pirata) 

 
 
 

POST N.37

Post n°38 pubblicato il 31 Maggio 2009 da CherryM00N

          E se parliamo d'amore

...E se parliamo d'amore
cosa vuoi che sia
approdare al fondale di un mattino
Le albe continueranno a strappare
frange di toni striati alla notte
con sospiri da annodare a trama nella pelle...

Finira'...La sfilata di maschere 
           dal ghigno osceno
che ingoia il proprio occhio atono
e'sulla scacchiera obliqua
           di un oggi
che sara' il dinosauro antropomorfo
             di ieri
gobba di deserto
sotto a polvere di ferro muto

Il tempo incede con passo di fuoco al mio fianco
       Emergeranno

                         nebulose

              parole

                   e altri suoni


          dal battito dell'universo

Quanti sono i colori di una sorella che tengo stretta nel pugno?
E' esplosa mille volte in stelle scarlatte
         dentro alla mia mano.

.

 
 
 

POST N.36

Post n°37 pubblicato il 16 Maggio 2009 da CherryM00N

 

  Ignora quello che scrivo

ho pensieri scarabocchiati 
            e molesti

sono impercettibili
come le mosche a matita
di Picasso sul muro

    ma non volano
sono i chiodi ruggini
piantati sulla nota stonata


Ho ascoltato i tre poeti
ad occhi aperti ho sentito

      il frastuono


l'accelerazione delle parole
      
lanciate in corsa verso un dirupo
          le ho viste...
balzare nel vuoto
e restare sospese

     galleggiano nell'aria


    e mi tolgono il respiro
     mi tolgono il respiro!

 

 
 
 

Post N.35

Post n°36 pubblicato il 07 Maggio 2009 da CherryM00N
Foto di CherryM00N

Un migliaio di pagine, del Confidenza dell'Umbria , una recensione mancata ...A volte un libro e' tutto quello che ci vuole...(e un rosso del 2006)

 

The CRIMSON...

Piegato su se' stesso,
all'angolo,
l'ho riconosciuto riflesso nella vetrina.
L'aspetto sciupato...dall'usura del tempo, dagli elementi...
Da mani che forse l'avevano prima divorato,
lasciato il segno,
e poi in qualche modo abbandonato al suo destino,
fosse di pioggia, polvere, o sole..
e chissa' magari dimenticato.
Anche se il colore era un po' spento,
in quel pomeriggio di tramonto lattiginoso,
vederlo riaccese un ricordo di qualche anno prima,
quando aveva suscitato il mio interesse
...ma poi non feci nulla per averlo.
Poche monete per portarmelo a casa
e poter passare insieme delle ore
nelle notti e nei momenti persi
ad incantarmi nella sua storia,
dimenticarmi della mia...
Perdermi in centinaia di migliaia di parole e piu',
i pensieri risucchiati nel vortice
dei giri di vite, in miserie
e segreti svelati dalle anime messe a nudo
nel quadro corale dipinto coi toni ipereali
delle sue descrizioni spietate, della sua sottile ironia.
Presa nel mezzo dalla forza
della corrente trascinante
di eventi inverosimili di quel fiume in piena,
con la frenesia
di quando si e'rapiti dal principio
...ora non vorrei separarmi per dormire ma...
continuare fino alla luce del giorno...
sapendo che c'e' ancora molto da scoprire,
rigirarmi nella suggestione in cui mi ha accompagnato,
una danza incalzante che con il suo crescendo
invade la quiete della stanza e la satura del suo intrigo.

 Distesa assorbo
dalle sottili ali bianche spiegate
il volo delle parole...
So gia' il senso di vuoto,
quando avendo consumato questa trama,
tornera' ad essere uno dei tanti
e niente altro che un ricordo,
arrivando troppo presto alla sua
 

                 *FINE*

(dedicata a T&A)

 
 
 

Post n.34

Post n°35 pubblicato il 23 Aprile 2009 da CherryM00N
Foto di CherryM00N

      Fiori come la gonna di mia madre

     Lame di sole 
     hanno sciabolato
     l'ala fredda di un'altra primavera.
     Come in una sbronza di Signac
     una vertigine di coriandoli
     vortica sulle onde dei prati

Nella luce perfetta che incendia le nuvole di fiori
mani umide aggrappate al legno
o palmi spalancati
distesi come sospiri smembrati

  Quelli di mia madre erano stelle esplose


  ...Aveva occhi che erano punti cardinali
 mentre inseguiva il profumo della rosa dei venti
       Non so dove si andasse
       tra lucertole e sassi
       ma si sollevava polvere
 come farina accecante gettata contro il cielo...

                         Ricordo che si cantava
                         come due soldati che lasciano il fronte
                         rompendo il passo
                         Accanto a me
                         nel bianco assoluto
                         si dondolavano
                                 quei fiori fragorosi
     Non ne avevo mai visti di cosi grandi

come la cascata che portava arrampicata alla sua sottana.

 
 
 

Post N.33

Post n°34 pubblicato il 18 Aprile 2009 da CherryM00N

                              Il baro

Tornavo e partivo da te
nel bagliore stridente dei treni
con arrivi annunciati nei sorrisi infrangibili
e partenze spaccate alle 5.38
Su nastri aggrovigliati di rotaie
si svolgeva il mondo sul fianco
in un film accelerato nell'inganno dell'attesa
di stazioni con i nodi alle mani
e fiato che tagliava il silenzio dei binari
nel punto in cui le linee parallele
s'incrociano e divergono irreversibilmente
in geometrie dominate dall'incognita
Quando non sapevi chiedere di restare
quando non sapevi dire di andare
allora scuoiavi un coniglio soffice dal cilindro
chiamandolo  amore
mutilando i pensieri con l'asso di cuori
soffocandoli con la carezza morbida
delle parole strette intorno al collo
Cosa avrei portato su di un'isola?
Non un notturno di Chopin
il tuo respiro di pietra al dito
o la fotografia dei giorni buoni.
Nel deserto naufragavo ogni giorno
con me avevo un risveglio e un sorso d'acqua.
Ci hai persi ai dadi
bluffando con le stelle
Dal vetro sigillato
vedevo allontanare fino a scomparire
le spalle di un baro
con il proprio copione alle costole
E come un baro avevi la notte alla gola
e un'alba puntata in fronte.

 

 
 
 

Post N. 32

Post n°33 pubblicato il 02 Aprile 2009 da CherryM00N

                  Citta' di parole storte
Non so cosa dire...
come pensare in questa citta'
che continua a ringhiare
Ricordo il Colonnato dove ci si sedeva
a guardare il resto passare
avevano occhi lastricati di arenaria ruvida
e un contratto liscio di proprieta' da cementare
un'armata di becchini da cimitero municipale.
Tutti dicevamo di volercene andare
si, ora e' diverso...
adesso parlano da soli
coi buchi da colpo di fucile per occhi
quelli che ringhiano al cellulare
con lo stile grigio piombo e cenere da esportare
scuotono la testa di quelli a colori
che ringhiano da soli al vuoto
un gregge inutile da licenziare
che non ha il buon gusto di sparire senza bestemmiare
Si cambia perche' sia tutto uguale
nelle 5 Giornate le stesse bandiere a sventolare
in questa pianura che mi mette il mal di mare
ma tu non mi ascoltare...
Dal marmo delle cattedrali sublimali
alla lamiera suburbana subumana da cancellare
da rivestire di una colata di catrame
l'estetica inconfondibile della vetrina
col suo contraltare
Guglie e lance al cielo di antenne
dal tempio del dio dell'etere
di arsenali pronti all' offensiva satellitare
per l'ultima notizia adulterata da divulgare
Grazie per la tregua, grazie per la rosa piranha
verniciata blu' cromata che mi hai comprato
la regalo alle acque morte che passeggiano in Darsena
per sentire lo squarcio di fiore assassinato
urlare un assolo nel gorgo del ringhiare
La Piazza e' bella questo e' vero...
ci tornerei se solamente
invece di un cavallo e sopra un re
il monumento fosse all'Uccello di Fuoco
a ricordare sul piedestallo un uomo
che sognava al freddo di una panchina
uno di quelli bruciati con una latta di benzina.
Intruppati in un altro tram verde ringhio carroarmato
vorrei una poesia da leggere su un muro
ma tu non mi stare a sentire
non mi ascoltare, in questa citta' che mi storta le parole.

 

 

  

 
 
 

Post N.31

Post n°32 pubblicato il 16 Marzo 2009 da CherryM00N
 

      H2O

Mia madre un pesce
mio padre un cavallo di mare

Sulla musica dell'acqua e del sale
di Terra del Fuoco
nel suono ipnotico
di oblio dell'abisso

Scogliera emersa in danza
bianca di rotta Antartica
di cobalto e schiuma
il taglio dal profilo fluido di Oceano
sotto il sole di latte
di alba in principio al mondo

Il cerchio e'
l'amore verticale delle balene.

  

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: CherryM00N
Data di creazione: 31/08/2008
 

                                          

___________________

                           

Page copy protected against web site content infringement by Copyscape

 TESTI E IMMAGINI SONO PROPRIETA' DELL'AUTORE SE NON ALTRIMENTI SPECIFICATO

 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: CherryM00N
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Etā: 46
Prov: EE
 

UN TIRO DI

DADI

MAI ABOLIRA'

IL CASO

(Stephane Mallarme')

 ______________________

ORRIBILE NOTTE D'INSONNIA

 Orribile notte d'insonnia!
- senza la presenza benedetta
del tuo caro corpo accanto a me,
senza la tua bocca tanto baciata
anche se troppo scaltra
e sempre in malafede,

senza la tua bocca tutta menzogne,
ma così franca quando ci penso
e che sa consolarmi
sotto l'aspetto e la specie
di una fragola - e, buona commedia! -
di un plausibilissimo parlare,

e soprattutto il pentacolo
dei tuoi sensi e il miracolo
multiplo e uno, fiore e frutto,
dei tuoi duri occhi di strega,
duri e dolci a modo tuo...
Buon Dio! che terribile notte!

(Paul Verlaine)

 

FRAMMENTI


Mi ama? non mi ama? Mi spezzo le mani
e sparpaglio
le dita spezzate
cosi si strappano per l'auspicio e si gettano
in maggio
ghirlande di margherite in cui t'imbatti
Che le forbici e il rasoio svelino la canizie
Risuoni a non finire l'argento degli anni
Spero credo che non verra' mai
per me l'infame buonsenso

 

Conosco la forza delle parole conosco lo scampanio delle parole
Non sono di quelle a cui plaudono i palchi
Sono parole per cui le bare si slanciano
a camminare sui loro quattro piedini di quercia
Succede che le buttino via senza stamparle senza pubblicarle
Ma la parola galoppa con le cinghie tese
fa risonare i secoli e i treni strisciano
a leccare le mani callose della poesia
Conosco la forza delle parole. Sembra un niente
Un petalo caduto sotto i tacchi della danza
Ma l'uomo con l'anima le labbra le ossa


L'una e' ormai passata e tu forse sei a letto
La Via lattea e' nella notte un'argentea Oka'
Non ho fretta e con i lampi dei telegrammi
non ho ragione di svegliarti e turbarti
Come suol dirsi l'incidente e' chiuso
La barca dell'amore s'e' spezzata contro la vita quotidiana
Tra te e me i conti tornano ed e' vano elencare
guai dolori offese reciproche
Guarda che silenzio nel mondo
La notte ha imposto al cielo un tributo di stelle
In ore come queste ti alzi e parli
ai secoli alla storia all'universo

(V.V.Majakovskij - traduzione di I.Ambrogio)

 

THE GARDEN

En robe de parade.
Samain

Like a skein of loose silk blown against a wall
She walks by the railing of a path in Kensington Gardens,
And she is dying piece-meal
of a sort of emotional anaemia

And round about there is a rabble
Of the filthy, sturdy, unkillable
 infants of the very poor.
They shall inherit the earth.

In her is the end of breeding.
Her boredom is exquisite and excessive.
She would like some one to speak to her,
And is almost afraid that I
will commit that indiscretion.

Ezra Pound

 

POEM FOR AUNG SAN SUU KYI

Under house arrest

in her apartment

Aung San Suu Kyi keeps

the sun at her feet

for beauty in the fall,

warmth in the winter

and kickball in the spring

Wild flowers grow

on her censored bookshelves

and birds deliver

a hundred handwritten messages a day

from her family

She carries silence in her glass steps

listening to Mozart

in her head

played on a piano

every note

sublime

Outside the government crumbles

-Joan Baez- "Humanitas Newsletter", November 1991

 

 

WRITING

writing

often it is the only
thing
between you and
impossibility.
no drink,
no woman's love,
no wealth
can
match it.
nothing can save
you
except
writing.
it keeps the walls
from
failing.
the hordes from
closing in.
it blasts the
darkness.
writing is the
ultimate
psychiatrist,
the kindliest
god of all the
gods.
writing stalks
death.
it knows no
quit.
and writing
laughs
at itself,
at pain.
it is the last
expectation,
the last
explanation.
that's
what it
is.


(Charles Bukowski

from blank gun silencer - 1991)

 

ON THE FIRE SUICIDES OF THE BUDDHIST

They only burn themselves to reach Paradise"
- Mne. Nhu

original courage is good,
motivation be damned,
and if you say they are trained
to feel no pain,
are they
guarenteed this?
is it still not possible
to die for somebody else?

you sophisticates
who lay back and
make statements of explanation,
I have seen the red rose burning
and this means more.

(Charles Bukowski)

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 11