Creato da: je_est_un_autre il 04/11/2008
Date la colpa alla mia insonnia

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Guarda, a dir molto siete in:

 
Citazioni nei Blog Amici: 137
 

Ultime visite al Blog

je_est_un_autrebubriskacassetta2alf.cosmosArianna1921woodenshipSignorina_Golightlynina237930elyravlalistadeidesideri79QuartoProvvisorioNave.ArtisticaOgniGiornoRingraziohesse_fmaresogno67
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Cuore frantumato

Post n°578 pubblicato il 09 Luglio 2024 da je_est_un_autre

Spike, il nostro cane amatissimo, il cane più buono del mondo, non c'è più.
Gli ultimi giorni sono stati uno strazio, ma non è stato facile prendere quella decisione, non parendoci vero che un cane che ci sembrava immortale potesse morire davvero.
Ora, sono davvero a pezzi. Ci vorrà del tempo. La casa, vuota, fa paura.
Ma nonostante tutto questo, un augurio ve lo faccio lo stesso: l'augurio è quello di incrociare almeno una volta uno Spike nella vita. Il vostro Spike.
Te la rende bella, la vita, sapete? Una magia, che non lo sai come fa, ma è così che succede.
Tanto che quando se ne andrà, sarete straziati, sì, ma anche grati.
E capirete che ne è valsa la pena.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Altri Cittì

Post n°577 pubblicato il 30 Giugno 2024 da je_est_un_autre

Che poi mi vien da pensare che l'insegnante, nei corsi di teatro, è una specie di CT. Tipo che sceglie un modulo e prova di metterlo in atto. Come selezionatore ha vita facile: quelli sono, e quelli devi mettere in campo. Quanto ai selezionati, ogni tanto viene a mancare qualcuno: solitamente non è per via di un menisco rotto, ma perchè col CT non si prende, oppure perchè ha poche battute:
"Cos'è, volevi fare il centravanti? guarda che non è il tuo ruolo" ripete l'allenatore, sfinito; "e poi tu funzioni benissimo anche in quella parte di palco, anzi sei fon-da-men-ta-le, e tra l'altro lì si sta anche comodi, vedi? le luci sono più soffuse, non offendono gli occhi".
Ma niente, il giocatore ormai ha deciso e se ne va.
A quel punto il CT teatrale deve rimescolare le carte, disegna alla lavagnetta i nuovi schemi - che non lo hanno fatto dormire per settimane - guarda i suoi giocatori che hanno l'aria sempre più smarrita, ed è lì che comincia a meditare la fuga in Australia.
Ma non c'è tempo, perchè finalmente arriva la partita.
Il Mister naturalmente è nervosissimo, più dei giocatori che invece mostrano improvvisamente una straripante e incomprensibile euforia (a teatro non esiste l'antidoping). Il CT sta per sedersi in panchina ma per la tensione non si siede quasi mai (io sono sicuro che il quarto uomo mi odierebbe - meno male che a teatro non si viene espulsi).
Ed ecco che viene dato il fischio d'inizio, ovvero il 'Chi è di scena' dato personalmente dal CT che ostenta sicurezza a piene mani (sudate) e via che si va.
E lì, di solito, avviene il miracolo. Ma questo, chi segue i corsi di teatro, lo sa benissimo e non ci torno sopra.
Insomma anche per quest'anno, niente Australia.
Ma io sono modesto. Pinarella andrà benissimo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Trent'anni, un istante.

Post n°576 pubblicato il 28 Aprile 2024 da je_est_un_autre

Domani, saranno trent'anni che mio padre non c'è più.
A pensarci oggi, che ho vissuto di più senza la sua presenza, che con lui, mi sembra assurdo, inaudito, quasi come se qualcuno mi stesse giocando un qualche tiro, scombinandomi la memoria, dilatando e restringendo i tempi della mia vita.
In sostanza, questi trent'anni sono stati - mi sono sembrati - un niente, un soffio, un istante, il suono di un risucchio sordo in una stanza vuota. Mentre prima, quel tempo perduto dell'infanzia e della giovinezza, così pieno, dilatato, è sembrato abbracciare secoli, epoche.
Non so perchè la vivo così.
Si deve a mio padre, questo? Mi sembrerebbe così strano: non era il tipo di genitore ingombrante, anzi: discreto e rispettoso in tutto, non avrebbe mai voluto riempire uno spazio non suo. Eppure la sua morte deve pur aver rappresentato, per me, uno spartiacque importante, se è vero, come è vero, che nulla, dopo, è stato più come prima, e ho deciso di rimescolare tutte le carte. Per sentire meno un'assenza? Forse. Ma lo penso solo ora, ed è difficile pensare che sia così.
Certo una cosa colpisce, una cosa l'ho imparata, con mia grande sorpresa: quanto si continua a parlare, con chi non c'è più. Non si tratta di consolazione, ma di necessità. Per capire che cosa si è stati e cosa si è, le voci scomparse, tornano. E ci parlano.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Escher

Post n°575 pubblicato il 22 Aprile 2024 da je_est_un_autre
Foto di je_est_un_autre

Sono andato a Ferrara, al palazzo dei Diamanti, a vedere la mostra di Escher.
Non ero convintissimo, prima di vederla. A dirla tutta, mi ero aggregato più per la compagnia, che per un sincero interesse personale. Mi ero fatto da solo - sbagliando - l'idea di un artista un po' narciso, più intento a mostrare quanto è bravo nel creare illusioni, piuttosto che a mettere anima nelle opere. Ora, in effetti qualcosa di questo c'è, ma solo in parte. Alla fine ho trovato in Escher una strana figura di giocherellone un po' serioso (nel senso di rigoroso, meticoloso) e assai geniale. In alcuni momenti sembra quasi un matematico prestato all'arte.
Ma la vera sorpresa è stata l'installazione, davvero assai curata, e infarcita di giochini interattivi (tipo quello in foto) che attraevano più gli adulti dei bambini, me di sicuro. Non so quanto tempo ho passato nella magic room, una stanza in cui, nelle pareti riflettenti, venivano proiettate in caleidoscopio continuo svariati lavori del maestro, in perenne movimento. Passato il primo momento con effetto mal di mare, dopo un po' diventa una droga.
E poi, vai a Ferrara a vedere Escher, e non ti vuoi fare la foto con la sfera riflettente? Voilà.

Insomma, consigliatissima!
Fino a luglio 2024.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il Tonèlo

Post n°574 pubblicato il 28 Marzo 2024 da je_est_un_autre

Io ho un problema con lo scolapiatti. E' una storia straziante.
Cominciamo dall'inizio. Quando siamo andati per scegliere una cucina da comprare, ci ha serviti un signore dal forte accento veneto, l'aria rilassata di chi pensa: "Potevo rimané a casa, oggi, o andar per funghi, ma son vegnù per vù, s'è per questo che sono in tuta". Dopo aver visto un po' di cucine, ormai prossimi a una scelta, ci ha fatti sedere nel suo ufficio. "Se prendé quela, fé l'affar miglior del mondo, ve lo dise Tonelo! S'è cara, ma ne val la pena. Mo se non la volé, no fa gnente, che Tonelo el gh'ha un fatturato de sinquanta milioni! Mo se prendé l'altra, meno cara, s'è buona lo stesso, ve lo mete per iscrito il siòr Tonèlo!".
All'inizio mi era venuto da girare la testa di qua e di là per vedere di rintracciare questo misterioso signor Tonèlo, poi ho capito che parlava di sè; in terza persona. Mi è venuto in mente Berlusconi.
Insomma alla fine ce ne siamo andati con la cucina.
Bella, eh? Molto.
Con tutti i suoi stipi, le ante con le venature che sembran vere e ti viene voglia di toccarle, i cassetti che si chiudono morbidi facendo "fffff....toc!" (ma toc pianissimo), il top che Tonèlo ci ha fatto una testa così, tutte le robine a posto insomma. Ma.
Con uno scolapiatti impossibile. Non scherzo.
Ora, tu sei lì che lavi i piatti, non fai in tempo ad appoggiare una forchetta umida, o qualunque altra cosa, che lui te la risputa indietro. E' un miracolo che non si sia ancora rotto niente, ma del resto mi sto allenando, spesso afferro le cose al volo. Non so perchè succeda tutto questo, forse perchè è nato male, col bordo anteriore troppo basso, o forse è perchè ce l'ha con me, mi odia, puoi metterci tutta l'attenzione del mondo ma piatti e posate non ne vogliono sapere di stare lì sopra.
Ad un certo punto, esasperato, ho mandato un messaggio a Tonèlo: "Senta, Tonèlo, quando per caso vede il signor Tonèlo, gli può chiedere se ha uno scolapiatti più funzionale, o comunque meno intraprendente?"
Non mi ha risposto.
Da quel momento, lo scolapiatti ha un nome: si chiama Tonèlo.
Così, non appena mi ritrovo risputato nel lavandino qualcosa che ho appena lavato, io non gliela faccio passare:
"Mo và a caghèr, Tonèlo" oppure "Và bàn a fèr dal pugnàt, Tonèlo".
Dopo, mi sento un po' meglio.
Che uno deve pur prendersi qualche soddisfazione.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963