Creato da Ladridicinema il 15/05/2007
Blog di cinema, cultura e comunicazione
 

Messaggi del 05/12/2017

Dickens l’uomo che inventò il Natale – Oltre la storia da hotcorn

Post n°14132 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 

Quando una storia è buona rimane nel tempo, e spesso si ripete, si crea un sequel, si fa un remake, ci si ispira. Oppure? Si cerca oltre la storia. Questo è il caso di “Dickens l’uomo che inventò il natale”. Un film che parte delle origini del libro, dalla sua creazione. Chi l’ha scritto? Ma soprattutto, che cosa ha spinto l’autore a farlo?

E così torniamo indietro nel tempo, fino ad un giovane Dickens in cerca di ispirazione. La storia è un adattamento del libro Les Standiford. Ciò che scopriamo tra i fotogrammi è che dietro ad ogni idea si nasconde un uomo che cerca di dirci qualcosa. Dickens stava attraversando una fase cruciale e critica della propria esistenza, i suoi ultimi tre libri furono un fallimento e venne rifiutato da tutte le case editrici. Ma il ragazzo non si diede per vinto e decise di scrivere un nuovo libro. Dickens grazie alle scrittura è riuscito a dare voce ai propri pensieri e a superare la crisi. E voi che cosa ne pensate? Proprio nelle difficoltà si trova l’ispirazione? A volte sì, altre volte non necessariamente, ma quello che la storia ci mostra è l’invito a fare di oggi il primo giorno del resto della nostra vita, valorizzandolo, dando il massimo.

Nel canto di Natale viene mostrato al protagonista il proprio futuro ed il passato, egli si rende conto di come la sua vita sia arida e desidera cambiarla, fortunatamente gli viene data la possibilità di farlo. Quello che Dickens ci invita a fare è di agire subito, impiegare tutte le nostre forze per rendere il nostro futuro esattamente come vogliamo che sia. E quale momento migliore dell’anno per farlo, se non a natale?

E voi vorreste cambiare qualcosa nella vostra vita? La maggior parte di voi risponderà di sì, qualcuno potrà ritenersi soddisfatto di quello che ha, ma su una cosa siamo tutti d’accordo: le storie di autorealizzazione ci piacciono e ci piaceranno sempre. Bene, questa è ambientata a natale e interpretata da un magistrale Dan Stevens, quindi che cosa aspettate?

 
 
 

Giornalismo e fake news. Quando sono solo i 'bot russi' a informare sul nuovo golpe in Honduras da antidiplomatico

Post n°14131 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 

Giornalismo e fake news. Quando sono solo i 'bot russi' a informare sul nuovo golpe in Honduras
 
Cercate su Google Honduras.... e non troverete una riga sui cosiddetti liberi media sul golpe e i morti nelle strade 

Provate a fare quest'esperimento con noi.


Scrivete la parola Honduras su Google e capirete il livello del regime d'informazione dove viviamo.


Ma, prima di scriverlo, una premessa doverosa su quello che sta capitando nel paese già vittima nel 2009 del colpo di Stato contro il presidente Zelaya ordito dall'amministrazione Obama.

In Honduras si è votato domenica scorsa. Entrambi i principali candidati hanno proclamato vittoria. Salvador Nasralla della sinistra progressista raggruppata nell’Alleanza di Opposizione contro la dittatura e referente di Zelaya aveva dichiarato lunedì: «Sono il presidente dell’Honduras». Secondo i primi dati parziali forniti si trovava al 44,35% contro il 40,5 del presidente uscente Juan Orlando Hernandez. Dati poi improvvisamente cambiati il giorno dopo con il rappresentante del regime figlio del colpo di Stato a stelle e strisce che incredibilmente passato in vantaggio dello 0,2%.


Nasralla sin da subito denuncia tentativi di brogli compiuti con la complicità del Tribunale Supremo Elettorale e invita i propri sostenitori a raggiungere la capitale honduregna Tegucigalpa per protestare contro l’operazione in atto mirante a decretare in maniera surrettizia la vittoria di Hernandez. 


Infatti, dopo la comunicazione dei primi dati che davano Nasralla in vantaggio e con una tendenza ormai irreversibile a detta di numerosi esperti, il TSE blocca ogni comunicazione ufficiale. Gli osservatori internazionali vengono allontanati. E dopo ore di inspiegabile black-out arrivano nuovi risultati parziali con Hernandez di poco in testa. 


Ma il Tribunale supremo non ha mai annunciato i dati e nel paese è scoppiata la rivolta contro il nuovo tentativo di golpe della destra filo statunitense. Il governo ha emanato un decreto dal chiaro sapore golpista dove stabilisce che «le Forze Armate, sosterranno in maniera congiunta o separatamente, quando la situazione lo richiederà, l’azione della Polizia Nazionale» per «attuare i piani necessari per mantenere l&#

39;ordine e la sicurezza della Repubblica e garantire la esercizio dei diritti democratici». 


«Tutte le persone che saranno trovate fuori dell’orario di circolazione» saranno detenute e rimarranno «recluse». Questo è quanto stabilisce l’articolo 3 del governo. 


Insomma, un chiaro scivolamento verso lo Stato di polizia. Il tutto nell’assordante silenzio della comunità internazionale. 


Un silenzio voluto perché non stiamo parlando della spietata dittatura venezuelana, ma del ‘democratico Honduras’. La nazione centroamericana, adesso, rischia di sprofondare nel caos. 


Intanto a Tegucigalpa il popolo scende in piazza e parte immediata la repressione governativa: si contano già 3 morti, tra cui un bambino di appena 11 anni, numerosi feriti e arresti.


Stride il silenzio del segretario dell’Organizzazione degli Stati Americani, Luis Almagro, di solito sempre pronto nel denunciare fantomatiche violazioni dei diritti umani o brogli mai avvenuti in Venezuela. Evidentemente da Washington, chi tira i fili dell’ex ministro degli Esteri uruguayano fortemente criticato finanche dal suo vecchio compagno di partito Jose ‘Pepe’ Mujica, ha deciso che l’Honduras deve rimanere sotto il controllo di fatto degli Stati Uniti, che nell’area settentrionale del Centroamerica mantengono una forte presenza militare giustificandola con la lotta al narcotraffico. La verità è che si vuole impedire un riavvicinamento dell’Honduras con i governi progressisti della regione come avvenne quando Zelaya decise di unirsi ai paesi dell’ALBA-TCP.


Ecco ora potete completare la seconda parte dell'esperimento. Cercate su Google Honduras.... e non troverete una riga dai liberi media sul golpe e i morti nelle strade. Per essere informati su quello che sta accadendo nel paese centro americano collegatevi a qualche bot russo.

 
 
 

Star Wars: Tutte le Anticipazioni sulla Nuova Trilogia da hotcorn

Post n°14130 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 

Rian Johnson, creatore della trilogia, ha rilasciato dichiarazioni molto interessanti sui nuovi film!

Manca pochissimo all’arrivo nella sale di Star Wars: Gli Ultimi Jedi e durante la promozione del film Rian Johnson, regista e sceneggiatore di questo capitolo, ha avuto modo di parlare anche della nuova trilogia di Star Wars.

Dopo il capitolo IX, che sarà firmato da J.J. Abrams, arriverà infatti una nuovissima trilogia con personaggi e luoghi del tutto inediti! Rian Johnson si occuperà di scrivere e dirigere il primo dei tre nuovi film ed è effettivamente lui che ha avuto l’idea di questo nuovo capitolo della storia di Star Wars:

Stavamo semplicemente parlando di quello che avremmo potuto fare e ho pensato ‘Quello che per me sarebbe particolarmente interessante è…’. E l’ho semplicemente detto, non era un pitch dettagliato, si trattava semplicemente di ‘Una nuova trilogia. Tre film, una storia. Nuovi personaggi, nuovi luoghi. Iniziamo dal principio’. Era la cosa più entusiasmante a cui potessi pensare e Kathy ha reagito in modo positivo, dandomi un’opportunità.

Pare quindi che questa nuova trilogia non parlerà di Luke Skywalker, ma introdurrà nuovi personaggi e una nuova parte della galassia mai esplorata nelle precedenti pellicole.

L’idea di una nuova trilogia è nata appena finite le riprese di Star Wars: Gli Ultimi Jedi, come confermato in conferenza stampa da Rian Johnson:

È stato qualcosa di totalmente separato, non c’era mai stata la possibilità di occuparmi del nono episodio. Era sempre stato previsto che avrei finito Gli ultimi Jedi e poi avrei passato il testimone al filmmaker successivo.

Abbiamo tutti avuto un’ottima esperienza lavorativa, per noi è stata un’esperienza molto importante. E via via che si avvicinava la fine, Kathy Kennedy, tutto il team Disney e noi che avevamo lavorato al film eravamo un po’ tristi per la cosa e ci siamo detti ‘Ci siamo davvero divertiti. Come possiamo far proseguire un altro po’ questa festa?’. E così ho proposto la mia idea per una Nuova Trilogia, basata su una storia nuova. Per me è stato molto emozionante.

A ulteriore conferma di quello dichiarato dal regista, Kathleen Kennedy, presidente della Lucasfilm, ha sottolineato le straordinarie capacità di Johnson:

Abbiamo amato il lavoro di Rian su Gli ultimi Jedi. È una forza creativa, vederlo formare il film dall’inizio alla fine è stato uno dei grandi piaceri della mia carriera. Rian realizzerà cose incredibili con le tele ancora bianche della nuova trilogia.

Ed è anche la straordinaria fiducia che la Lucasfilm ha riposto in Rian Johnsonche l’ha spinto a proporre l’idea della nuova trilogia:

È stato fantastico collaborare con la Lucasfilm e la Disney a Gli Ultimi Jedi. Star Wars rappresenta la più grande mitologia moderna, e ci sentiamo molto fortunati ad aver contribuito ad essa. Non vediamo l’ora di continuare con questa nuova seria di film. Ora come ora ho tutta la libertà di questo mondo ed è proprio questo che mi emoziona: la possibilità di esplorare nuovi luoghi, conoscere altra gente, scoprire cos’altro accade là fuori. Raccontiamo, senza limitazioni, una nuova storia attraverso tre pellicole ambientate in una nuova galassia. È esaltante.

Al momento non sono state rilasciate altre dichiarazioni, ma dopo queste premesse siamo sicuri la nuova trilogia di Star Wars si candiderà ufficialmente ad essere una delle produzioni più importanti dei prossimi anni!

 
 
 

Smetto quando voglio 3 Ad Honorem

Post n°14129 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 
Tag: trailer

 
 
 

Assassinio sull'Orient Express

Post n°14128 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 
Tag: trailer

 
 
 

Happy End

Post n°14127 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 
Tag: trailer

 
 
 

Justice League

Post n°14126 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 

DC Extended Universe è finalmente pronto a dare il via al mondo cinematografico degli eroi della DC Comics.

Dopo la morte di Superman sembra essere piombato il caos. La gente ha paura, perde la testa e i criminali sembrano farla da padrone. In più arrivano nuovi temibili nemici. Per questo motivo Bruce Wayne decide di formare un gruppo di eroi, che possano far trionfare la giustizia in qualsiasi momento: la Justice League. 

Dopo il complesso e problematico Batman Vs Superman e il poco curato Suicide Squad, Justice League riesce a stabilizzare il genere ma forse è un'occasione mancata, se non desolante pensando alla regia sciatta e un pò troppo ibrida.

L'uomo d'acciaio e i due film citati sopra avevano cercato però di trovare una strada diversa nel genere, con maggiore cupezza e una minima ricerca di identificabilità.

La durata poi è un altro punto a sfavore. Una pellicola nata per durare quasi tre ore è stata ridotta di una per ragioni commerciali. Una scelta che non permette di ragionare sui personaggi o sul cattivo (come in suicide squad) e chiaramente ne risente la 
storia che indubbiamente è già tra le più semplici che si possano immaginare.

Voto finale: 2/5

Justice League è un film di genere azione, avventura, fantasy del 2017, diretto da Joss Whedon, Zack Snyder, con Ben Affleck e Henry Cavill. Uscita al cinema il 16 novembre 2017. Durata 121 minuti. Distribuito da Warner Bros..

Poster

 

Di fronte alla nuova minaccia in agguato, il miliardario Bruce Wayne (Ben Affleck) rivaluta la scelta di lottare in solitaria e decide di fare squadra con un composito gruppo di supereroi, provenienti dai diversi angoli del pianeta. Entrato in possesso dei filmati che ritraggono alcuni metaumani mentre fanno uso di abilità sovrannaturali, il severo Batman, irruvidito dall'età che avanza ma ispirato dal recente sacrificio di Superman (Henry Cavill), si allea con la principessa delle amazzoni Wonder Woman (Gal Gadot) nella perigliosa ricerca per scovarli e reclutarli tutti. Grazie ai costosi mezzi a disposizione, riesce a intrufolarsi nel covo segreto del giovane Barry Allen (Ezra Miller), il talentuoso perito forense di Central City, capace di muoversi a una velocità superiore a quella della luce. Ma se convincere l'amichevole Flash a unirsi alla causa non si rivela così complicato, reclutare il ritroso sovrano di Atlantide non è impresa da poco, nemmeno per il vigilante mascherato. Nel reagire alle pretese di Wayne, lo straniero di nome Arthur Curry, conosciuto come Aquaman (Jason Momoa), sfodera un temperamento impulsivo e autoritario degno del suo rango, e simile a quello di un'altra new entry, Victor Stone, l'ex atleta rivestito di componenti meccaniche che si è guadagnato per questo il soprannome di Cyborg (Ray Fisher). Con la squadra così al completo, guidata da Batman, le forze della Justice League sono pronte a difendere il pianeta da un attacco di proporzioni catastrofiche.

Anche se la lavorazione di questo lungometraggio è iniziata nella primavera del 2016, poco dopo l'uscita di Batman V Superman, la storia produttiva di Justice League è stata per anni uno dei tormentoni più gettonati nel mondo delle news cinematografiche. 
Il progetto originale risale infatti addirittura al 2007, quando il regista dei Mad Max, George Miller, era praticamente a un passo dal set, con un titolo (Justice League: Mortal) e un casting completo con giovani attori: D. J. Cotrona per Superman, Armie Hammer per Batman, Megan Gale per Wonder Woman, Adam Brody per Flash
Christian Bale, ancora immerso nella trilogia batmaniana di Christopher Nolan, in un'intervista sperava che l'approccio giovanilistico di Miller non pestasse i piedi a quello che loro stavano costruendo. 
La mancanza di coerenza con le opere di Nolan in sè non avrebbe mai bloccato il film di Miller, ma due altri fattori si rivelarano molto più pesanti: lo sciopero degli sceneggiatori, che fecero slittare una volta la lavorazione fino al 2008, e infine le insistenze del governo australiano, che per consentire la lavorazione a basso costo in patria, imponevano una larga fetta di troupe di quelle parti. 
A questo bisogna aggiungere che la Warner Bros, scottata dal responso tiepido riservato a Superman Returns con Brandon Routh, non aveva troppa fretta di allonantanarsi dalle sicurezze di Batman. Chiusa la finestra, George Miller sventolò bandiera bianca senza procedere, così il film riprecipitò in un limbo, per essere poi rimesso in cantiere dopo l'uscita di Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012). 
Questa volta l'approccio è stato diverso, contestualizzandolo all'avvio di un DC Extended Universe che possa fare concorrenza allo strapotere del concorrente Marvel Universe. Attori comuni a tutti i lungometraggi del franchise, storie collegate, narrazione uniforme: si è cominciato con L'uomo d'acciaio (2013) di Zack Snyder, proseguendo con il citato Batman V Superman: Dawn of Justice (2016), sempre di Snyder, poi ancora con Wonder Woman di Patty Jenkins. Nel 2018 seguirà Aquaman con Jason Momoa, diretto da James Wan.


Un sequel per Justice League è già previsto per il 2019: sulle prime doveva essere il secondo atto della storia avviata da questo lungometraggio, ma sappiamo invece che si tratterà di un racconto più indipendente. 
Nemmeno il Justice League, la cui uscita nei cinema in Italia è prevista per il 16 novembre 2017, è stato esente da qualche turbolenza: Zack Snyder, designato regista, ha lasciato la supervisione delle parti finali della lavorazione a Joss Whedon (ex-Marvel con i primi due Avengers), a causa di un grave lutto familiare.
Maretta anche per la colonna sonora: Hans Zimmer ha deciso di chiudere col mondo dei supereroi già durante Batman V Superman, dov'è stato affiancato da Junkie XL; anche quest'ultimo ha lasciato l'impegno, sgomberando il campo per il buon vecchio Danny Elfman
Le sue musiche saranno probabilmente più in linea col tono più solare e positivo che lo sceneggiatore Geoff Johns ha proposto, evidente già in un primo teaser trailer. La Warner è infatti rimasta scontenta dal responso per il registro dark di Batman V Superman.

 

Dal Nuovo Trailer Italiano Ufficiale del Film Justice League

Alfred (Jeremy Irons) a Bruce Wayne (Ben Affleck): Si sente la mancanza dei giorni in cui la massima preoccupazione erano i pinguini che esplodono. 

Wonder Woman (Gal Gadot): Non agite da soli, dobbiamo farlo insieme 

Flash (Ezra Miller): E' forte vedervi tutti così pronti alla battaglia, io non so niente di battaglie! Io do soltanto un colpetto e scappo via. 

Cyborg (Ray Fisher): Tranquillo, Alfred, me ne occupo io 
Alfred: Ehm... ci conosciamo? 

Bruce Wayne/Batman: Superman era un faro per il mondo. Salvava le persone e tirava da ciascuno la parte migliore. 

Aquaman (Jason Momoa): Non lo riconosco, questo mondo 
Batman: Non lo devi riconoscere... solo salvarlo

Dal Trailer Italiano "Heroes"

Voce fuori campo: Il mondo è ancora in lutto dopo la morte di Superman. Violenza, guerre e atti di terrorismo sono in aumento 

Bruce Wayne/Batman : Ho fatto un sogno... il mondo stava per finire 
diana Prince/Wonder Woman: L'invasione... 
Bruce Wayne: Credo che sia qualcosa di peggio, di più oscuro 

Batman: Divisi, noi non siamo abbastanza... serve Superman! Gli ho fatto una promessa, per questo vi ho riuniti

 

FOCUS SU JUSTICE LEAGUE:

Il team originale della Justice League of Heroes si formò nel 1960 sulle pagine di The Brave and the Bold, a firma Gardner Fox, comprendendo Batman, Superman, Wonder Woman, Green Lantern, Aquaman e Martian Manhunter. C'è da notare tuttavia che, pur essendo concettualmente cofondatori del gruppo, Batman e Superman non erano per ragioni editoriali preminenti nelle vicende iniziale della Justice League of America, che conobbe il suo albo dedicato periodico a pochi mesi di distanza dal debutto. Le vicende ruotavano infatti su Wonder Woman, Green Lantern, Aquaman e Martian Manhunter. Flash, presente nel film, non è quindi presente nella prima incarnazione del gruppo, che diventa più flessibile nella sua formazione intorno alla fine degli anni Sessanta. 
Come tutti i fumetti supereroistici dall'inizio degli anni Settanta alla metà degli anni Ottanta, anche Justice League of America risentì della crisi di vendite, fino al rilancio di questa e altre testate avvenuto nel 1986, con l'inizio del periodo di retcon raccontato in Crisi sulle terre infinite (1985-1986). All'inizio di questa fase, Batman divenne leader temporaneo del gruppo, e la "Justice League International" riscosse un successo di vendite cospicuo, abbracciando toni molto meno cupi e una maggiore dose di umorismo. 
Dopo un'altra battuta d'arresto per sopraggiunto disinteresse del pubblico, il ciclo riparte nel 1997 per mano di vari autori, sino al 2011, quando la DC avvia un altro reboot, improntato al quasi azzeramento della continuity e a un ringiovanimento selvaggio dei personaggi. Accolto tiepidamente il cambio di rotta, si torna parzialmente sui propri passi col ciclo Rebirth, iniziato nel 2016.

  • MUSICHEJunkie XL
  • PRODUZIONE: Circle 4 Entertainment, DC Comics, DC Entertainment
 
 
 

The Place

Post n°14125 pubblicato il 05 Dicembre 2017 da Ladridicinema
 

Paolo Genovese, dopo il successo di Perfetti sconosciuti realizza un film dove l'intera narrazione si sviluppa unicamente attraverso i dialoghi fra i personaggi con un'ambientazione limitata ad un bar di Roma, The Place, dove un individiduo misterioso siede perennemente a un tavolo in fondo al locale, ricevendo di volta in volta le visite di un disparato gruppo di uomini e donne, desiderosi di ottenere qualcosa da lui a cui chiede qualcosa in cambio.

Dove sareste disposti a spingervi moralmente pur di essere felici? Fino a che punto arrivereste pur di non soffrire più o non vedere soffrire i propri cari? Sareste disposti anche a vendere la propria anima dando spazio al proprio istinto, alla propria sofferenza e al proprio egoismo, magari anche arrivando a fare del male al prossimo? Quanto la propria coscienza potrà permettere questa cosa e soprattutto quanto la nostra anima può accettare e reggere prima di stancarsi definitivamente? Tutto questo è The place, un film dove Paolo Genovese riesce a toccare gli aspetti della vita in una maniera originale senza italianizzare il tutto, ovvero attraverso i colloqui con un interlocutore in una tavola calda, che non è altro che la nostra coscienza e il nostro istinto, o meglio la nostra anima.

Basato sulla serie televisiva The Booth at the End, il nuovo film di Paolo Genovese, The Place, recupera la struttura corale di Perfetti sconosciuti ma vira del tutto verso il dramma.

Chiari elementi psicologici, filosofici della vita ma anche religiosi sono presenti nella storia e soprattutto in colui che da i compiti ricevute le richieste. L'ambiguità di Mastrandrea, tiene incollato lo spettatore in attesa di sapere come si evolgono le storie dei personaggi. Un cast eccezionale, dove ognuno mette in scena se stesso in un film che insiste sottilmente su quelle debolezze umane che inducono le persone a chiedere un aiuto disperato

Voto finale: 4/5

The Place è un film di genere drammatico, fantasy del 2017, diretto da Paolo Genovese, con Valerio Mastandrea e Marco Giallini. Uscita al cinema il 09 novembre 2017. Durata 105 minuti. Distribuito da Medusa Film.

Poster

Ispirato alla serie tv americana "The Booth at the End", The Place, il nuovo film di Paolo Genovese, volge lo sguardo su un misterioso protagonista, ospite abituale a abitudinario di un locale dove se ne sta seduto, giorno e notte, al tavolo in fondo. Chi è quell'uomo? Non è importante. Al suo tavolo riceve dei visitatori. Ognuno di loro ha un desiderio, un desiderio profondo, un desiderio difficile da realizzare, se non impossibile. L'uomo misterioso è pronto a esaudire le loro richieste in cambio di alcuni "compiti" da svolgere. Quanto saranno disposti a spingersi oltre i protagonisti per realizzare i loro desideri? Chi di loro accetterà la sfida lanciata dall'enigmatico individuo, per il quale tutto sembra possibile? 
A sedersi di volta in volta davanti al personaggio interpretato da Valerio Mastandrea, troviamo quelli interpretati da Marco GialliniAlba RohrwacherVittoria PucciniRocco PapaleoSilvio MuccinoSilvia D'AmicoVinicio MarchioniAlessandro BorghiSabrina Ferilli e Giulia Lazzarini.

Il cinema di Paolo Genovese è sempre stato corale. Ha sempre amato storie piene di personaggi e di situazioni che coinvolgono a catena intere vite, famiglie, esistenze, sempre all'insegna della risata. Ovvio che la formula non cambi in The Place, dopo il grande successo di pubblico, e fino a qui niente di sorprendente, ma anche di critica, questo davvero raro accadimento per una commedia, di Perfetti sconosciuti. Di quel film rimane l'ambientazione in un unico luogo, in questo caso un ristorante, in cui viene introdotto un personaggio misterioso, cliente abituale, che lo utilizza come sede di uno scambio quasi faustiano. Esaudisce i desideri dei suoi pazienti, visto che in fondo è un curatore della felicità altrui, in cambio di alcuni compiti non meglio precisati, almeno prima di aver visto il film. Chi accetta il patto rischia tanto, ma la finalità di questa idea è proprio sondare fino a che punto siamo o saremmo disposti a spingerci per raggiungere la felicità. 

Come già successo per il suo grande successo di pubblico Immaturi, con tanto di seguito, anche The Place è un remake, per la precisione è l'adattamento di una serie del 2010, The Booth at the End, attualmente disponibile in Italia sulla piattaforma di Netflix. Due stagioni, per un totale di dieci episodi, prodotte per il canale americano FX, con protagonista Xavier Berkeley nei panni di the Man, l'uomo, che nella versione di Genovese è interpretato da Valerio Mastandrea, che sarà presto in sala con il suo esordio alla regia, Ride. Gli altri attori di Perfetti sconosciuti che tornano sono Marco Giallini e Alba Rohrwacher, mentre le nuove entrate sono numerose: Silvio MuccinoSilvia D'AmicoVinicio MarchioniRocco PapaleoSabrina FerilliVittoria PucciniAlessandro BorghiGiulia Lazzarini. 

La sceneggiatura è di Genovese stesso insieme a Isabella Aguilar (Dieci inverni). 
Nella colonna sonora il brano inedito The Place interpretato da Marianne Mirage, nome d’arte dell'italiana Giovanna Gardelli, da lei anche scritto insieme a Marco Guazzone e Matteo Curallo. Presente un altro brano della cantante, How Do You Feel Today?
The Place è stato scelto come film di chiusura della Festa del Cinema di Roma 2017 (uscita cinema Italia 9 novembre 2017)

 

Film di chiusura della Festa del Cinema di Roma 2017.

FRASI CELEBRI:

 

Dal trailer ufficiale del film The Place:

Vinicio Marchioni: Mi hanno detto che lei aiuta la gente ad ottenere quello che vuole 
Valerio Mastandrea: Diciamo che offro delle possibilità 

Marco Giallini: Perché gli chiedi cose così orrende, tu? Valerio Mastandrea: Perché c'è chi è disposto a farle 

Alba Rohrwacher: Come faccio a sapere che lei non è il diavolo? 
Valerio Mastandrea: Non lo può sapere 

Alessandro Borghi: Dammi un'altra possibilità 
Valerio Mastandrea: era questa la tua possibilità 

Giulia Lazzarini: Obbliga tutti quelli che vengono qui a fare del male? 
Valerio Mastandrea: No, solo alcuni 

Giulia Lazzarini: C'è qualcosa di terribile in ognuno di noi... e chi non è costretto a scoprirlo, è fortunato
SCENEGGIATURA: Isabella AguilarPaolo Genovese
  • MUSICHEMaurizio Filardo
  • PRODUZIONE: Una produzione Medusa Film, realizzata da Lotus Production, una società di Leone Film Group.
 
 
 

sito   

 

Monicelli, senza cultura in Italia...

 
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

tutto il materiale di questo blog può essere liberamente preso, basta citarci nel momento in cui una parte del blog è stata usata.
Ladridicinema

 
 

Ultimi commenti

Questo non l'ho ancora visto, dalla trama sembra...
Inviato da: Mr.Loto
il 17/11/2017 alle 20:44
 
Ciao, molto carino il tuo blog, noi abbiamo un blog dove...
Inviato da: GothMakeUp
il 03/07/2017 alle 23:02
 
Buongiorno, mi piace l'indipendenza di giudizio e...
Inviato da: Quivisunusdepopulo
il 02/07/2017 alle 13:09
 
la Russia non è più l'Unione Sovietica con vasto...
Inviato da: fubabcash777
il 02/07/2017 alle 09:25
 
awesome!
Inviato da: تفسير ال
il 15/02/2017 alle 07:19
 
 

Contatta l'autore

Nickname: Ladridicinema
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 33
Prov: RM
 
Citazioni nei Blog Amici: 29
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

FILM PREFERITI

Detenuto in attesa di giudizio, Il grande dittatore, Braveheart, Eyes wide shut, I cento passi, I diari della motocicletta, Il marchese del Grillo, Il miglio verde, Il piccolo diavolo, Il postino, Il regista di matrimoni, Il signore degli anelli, La grande guerra, La leggenda del pianista sull'oceano, La mala education, La vita è bella, Nuovo cinema paradiso, Quei bravi ragazzi, Roma città aperta, Romanzo criminale, Rugantino, Un borghese piccolo piccolo, Piano solo, Youth without Youth, Fantasia, Il re leone, Ratatouille, I vicerè, Saturno contro, Il padrino, Volver, Lupin e il castello di cagliostro, Il divo, Che - Guerrilla, Che-The Argentine, Milk, Nell'anno del signore, Ladri di biciclette, Le fate ignoranti, Milk, Alì, La meglio gioventù, C'era una volta in America, Il pianista, La caduta, Quando sei nato non puoi più nasconderti, Le vite degli altri, Baaria, Basta che funzioni, I vicerè, La tela animata, Il caso mattei, Salvatore Giuliano, La grande bellezza, Indagine su di un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Todo Modo, Z - L'orgia del potere

 

Ultime visite al Blog

ofeliaandreottiliubaveniersiro.balloibrosebastianiesseerregidienne21g.mozzonesagredo58vento17biflo1sixyonikmar2009melania54n.deleogiangipio
 

Tag

 
 

classifica 

 

classifica 

 

FILM PREFERITI

Detenuto in attesa di giudizio, Il grande dittatore, Braveheart, Eyes wide shut, I cento passi, I diari della motocicletta, Il marchese del Grillo, Il miglio verde, Il piccolo diavolo, Il postino, Il regista di matrimoni, Il signore degli anelli, La grande guerra, La leggenda del pianista sull'oceano, La mala education, La vita è bella, Nuovo cinema paradiso, Quei bravi ragazzi, Roma città aperta, Romanzo criminale, Rugantino, Un borghese piccolo piccolo, Piano solo, Youth without Youth, Fantasia, Il re leone, Ratatouille, I vicerè, Saturno contro, Il padrino, Volver, Lupin e il castello di cagliostro, Il divo, Che - Guerrilla, Che-The Argentine, Milk, Nell'anno del signore, Ladri di biciclette, Le fate ignoranti, Milk, Alì, La meglio gioventù, C'era una volta in America, Il pianista, La caduta, Quando sei nato non puoi più nasconderti, Le vite degli altri, Baaria, Basta che funzioni, I vicerè, La tela animata, Il caso mattei, Salvatore Giuliano, La grande bellezza, Indagine su di un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Todo Modo, Z - L'orgia del potere

 

Ultimi commenti

Questo non l'ho ancora visto, dalla trama sembra...
Inviato da: Mr.Loto
il 17/11/2017 alle 20:44
 
Ciao, molto carino il tuo blog, noi abbiamo un blog dove...
Inviato da: GothMakeUp
il 03/07/2017 alle 23:02
 
Buongiorno, mi piace l'indipendenza di giudizio e...
Inviato da: Quivisunusdepopulo
il 02/07/2017 alle 13:09
 
la Russia non è più l'Unione Sovietica con vasto...
Inviato da: fubabcash777
il 02/07/2017 alle 09:25
 
awesome!
Inviato da: تفسير ال
il 15/02/2017 alle 07:19
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Contatta l'autore

Nickname: Ladridicinema
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 33
Prov: RM
 

Ultime visite al Blog

ofeliaandreottiliubaveniersiro.balloibrosebastianiesseerregidienne21g.mozzonesagredo58vento17biflo1sixyonikmar2009melania54n.deleogiangipio
 

sito

 

blog.libero.it/cinemaparadiso 

 

 

 

 

Monicelli, senza cultura in Italia...