Creato da unadonnaperAMICAdgl il 11/11/2005

RACCONTO E ASCOLTO

la vita, le emozioni, le delusioni, le conquiste, i sogni, i risvegli

 

« FallimentiMail »

A mio figlio

Post n°388 pubblicato il 06 Dicembre 2009 da unadonnaperAMICAdgl
 

L’alba  mi  accoglie fredda e trasparente.

La luna  accompagnata da una danza di veli argentati illumina  il cielo blu cobalto in attesa  che   colori soffusi   salutino  la  giornata luminosa.

Il mio cagnolino mi guarda stupito per questa mia voglia di camminare prima del giorno.

Ho bisogno di respirare, ho bisogno che i miei pensieri vaghino nel silenzio dell’alba fredda e silenziosa e arrivino attraverso le strade del cielo in un altro paese, in una terra lontana vivi tu figlio mio…

 Dio come sei lontano, da quando sei partito i miei ritmi si sono adattati al fuso oraio…di notte dormo poco perché so che tu sei sveglio e vorrei sentirti, vorrei che tu  mi raccontassi…ma sei lontano….

 Non accompagnarmi all’aereoporto mamma…potrebbe essere pesante per entrambi.

Ti ho ascoltato e con il cuore straziato ti ho accompagnato in piazza, col cane al guinzaglio ad aspettare tuo padre che ti avrebbe portato  Venezia.  Ho visto i tuoi occhi verdissimi diventare rossi quando la nonna piccola piccola, è salita sul gradino per abbracciarti “ torna, voglio vederti ancora prima di morire”

 Da quando sei partito una parte di me si è staccata, una parte del mio cuore, della mia mente, è laggiù…è come se questo nostro cordone ombelicare si stesse tendendo al massimo della sua lunghezza…è una sensazione quasi fisica la mia, difficile da far capire ma che io sto vivendo.

 Qando chiamo sento i  “pit” del satellite, poi basta…a volte provo, riprovo…Dio che ore sono laggiù? In cucina ho due orologi…ora di qui e ora di là…

 Ma tu sei tu…io sono stata  il mezzo per metterti al mondo…la vita è tua…giocala bene, figlio mio…giocala bene sapendo che noi siamo orgogliosi di te, del tuo coraggio, della tua indipendenza, della tua voglia di  sperimentare mondi nuovi…giocala con rispetto, con la saggezza che ti contraddistingue da quando avevi 16 e lavoravi nei week end per la tua autonomia, non per necessità.

 Giocala…e le lacrime di tua  madre si asciugano nella mattinata gelida di dicembre e sorridono a quella luna bianca mentre il cielo da blu cobalto sfuma verso colori tenui e si accende di luce….sorridono, sapendo che tu stai bene e giri in infradito e pantaloni corti.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60alexamaxuriel5fuoco.e.cenerefosco6anmicupramarittimascarabeograsso1957ciaociaociaociao06bagninosalinarogiulianoalunnilucyvanpelt64gourmetvbpsicologiaforenseeliodocminieri.francesco
 

 

GIOCO NARRATIVO

 

 Scrivi un racconto a partire dall'incipit!

 Elenco Partecipanti

Elenco  Racconti

 

 

 

 

 

È men male l'agitarsi nel dubbio, che il riposar nell'errore.
 

A. Manzoni

 

immagine

Perchè ci sia la pace nel mondo, è necessario che le nazioni vivano in pace.

Perchè ci sia la pace fra le nazioni, le città non devono battersi le une contro le altre.

Perchè ci sia pace nelle città, i vicini devono andare d'accordo.

Perchè ci sia pace tra i vicini, è indispensabile che nelle case regni l'armonia.

Perchè nelle case ci sia pace, bisogna trovarla nel proprio cuore.

Lao-tze, VI sec A.C

 

VANTAGGI NOTEVOLI

"...Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile..."

- Woody Allen 

 

Anche quando avremo messo a posto tutte le regole, ne mancherà sempre una: quella che dall'interno della sua coscienza fa obbligo a ogni cittadino di regolarsi secondo le regole.
Indro Montanelli

 

Il male non è che fuori si invecchia, è che molti non rimangono giovani dentro.

Oscar Wilde

 

Là fuori, oltre a ciò che è giusto e a ciò che è sbagliato, esiste un campo immenso...

Ci incontreremo lì...

Mevlana Jelaluddin Rumi, XIII secolo

 

UDINE

La webcam  è posizionata sulla specola del Castello – uno tra i simboli più conosciuti della città – e riprende la centrale Piazza Libertà e la Loggia del Lionello (1448), splendido esempio di gotico veneziano, ora sede del Consiglio Comunale.

 

 

"La dove si danno alle fiamme i libri,

si finisce per bruciare anche gli uomini"

H. Heine

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

TAG

 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

AREA PERSONALE

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

LIGNANO