Creato da pierrde il 17/12/2005

Tracce di Jazz

Mondo Jazz diventa il blog del portale Tracce di Jazz . Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL NUOVO PORTALE DEL JAZZ

 

 

 

http://www.traccedijazz.it/

https://www.facebook.com/traccedijazz

https://plus.google.com/105671541274159478209/posts

 

 

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

RASSEGNA STAMPA

 

 

UbuWeb Rari filmati, anche scaricabili, dell'avanguardia artistica in ogni campo

Point of departure a on-line musical journal

New York Jazz Guide

Jazz Colours una e mail-zine di jazz italiana !

Bells

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre è possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembè di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco è possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

 

KEEP CALM AND LISTEN TO JAZZ MUSIC

Post n°3836 pubblicato il 11 Dicembre 2014 da pierrde

 

Il blog mercoledi' 17 dicembre compie 9 anni, un arco di tempo enorme considerando che la quasi totalità dei bloggers e relativi blog nati e cresciuti in contemporanea sono da tempo scomparsi o inattivi.

Un buon motivo quindi per prendersi una vacanza e valutare se e come continuare.

Nel frattempo auguro a tutti buone feste e buon anno nuovo.

 
 
 

IL COMPLEANNO DI CLARK TERRY

Post n°3835 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da pierrde

Bella e commovente la storia narrata da Wynton Marsalis sul suo profilo Facebook: insieme a Cecile McLorin Salvant e a tutti i membri della Jazz at the Lincoln Center Orchestra si sono recati a Pine Bluff dove vive Terry. Qualche giorno prima però l'anziano trombettista era stato per l'ennesima volta ricoverato in ospedale, ma anche questo inconveniente non ha fermato i musicisti. Il 14 dicembre Terry compie 94 anni; ormai è cieco, parzialmente sordo e pesantemente menomato nel fisico. 

La visita, grazie alla collaborazione del personale medico e infermieristico e alla ottima organizzazione dello staff di Marsalis, si è rivelata un vero successo: grazie ad un microfono e a un paio di cuffie Clark Terry ha potuto ascoltare e dialogare con tutti, e l'atmosfera è stata palesemnte commossa e partecipe. 

Pubblico qualcuna delle belle foto e rimando al link Facebook di Wynton Marsalis per la narrazione completa della felice giornata. Non mi rimane che fare a mia volta gli auguri a Terry, un grandissimo musicista e una bella persona.

 

https://www.facebook.com/wyntonmarsalis

 

 
 
 

BATTITI: A LOVE SUPREME

Post n°3834 pubblicato il 09 Dicembre 2014 da pierrde
 

Esattamente 50 anni fa, il 9 dicembre 1964, John Coltrane entrava negli studi di Rudy Van Gelder per registrare quello che molti definiscono il suo capolavoro: A Love Supreme. Concepito unitariamente, in forma di suite ("This is the first time that I have received all of the music for what I want to record, in a suite. This is the time I have everything, everything ready" come disse alla moglie Alice)*, l'album ha una potenza espressiva e una forza spirituale rimaste inalterate nel tempo. Ancora oggi l'ascolto della suite è un'esperienza intensa e rigenerante.
Ascoltiamo le 4 parti che compongono la suite da 3 versioni differenti: quella del quartetto classico, la registrazione con l'aggiunta di Archie Shepp e Art Davis (effettuata il 10 dicembre) e quella dal vivo ad Antibes nel luglio del 1965.Tra queste fa capolino l'omaggio della moglie Alice Coltrane con una versione psichedelica e funky del tema principale.

* È la prima volta che ho ricevuto tutta la musica necessaria per la registrazione sotto forma di suite. Questa volta ho tutto, tutto pronto.

Esattamente 50 anni fa, il 9 dicembre 1964, John Coltrane entrava negli studi di Rudy Van Gelder per registrare quello che molti definiscono il suo capolavoro: A Love Supreme. Concepito unitariamente, in forma di suite (

 

 
 
 

NEWSLETTER N . 5

Post n°3833 pubblicato il 09 Dicembre 2014 da pierrde

Questa settimana su Tracce di Jazz:

IN PRIMO PIANO:
- “Andiamo da Quinto?!
Capitano momenti in cui anche il jazzofilo più disincantato si ferma un attimo, riflette sulla selva neanche poi oscura delle tante proposte nazionali, e nell’atto di cercare il fiato mette giù il muso. Quello è l’attimo esatto in cui prendersi una pausa e cercare una piccola oasi felice dove la programmazione sia dettata solo dalle scelte personali dello staff, nonché dal caso.
http://traccedijazz.it/index.php/primo-piano/34-articoli/801-%E2%80%9Candiamo-da-quinto-%E2%80%9D​

tutti gli articoli

RECENSIONI DISCOGRAFICHE:
- Dylan Howe - Subterranean: New Designs On Bowie's Berlin
Ecco un album di autentica bellezza formale e concettuale che viene dall’Inghilterra e da un gruppo di musicisti non propriamente di prima fascia. Eppure questa rivisitazione del periodo berlinese di David Bowie, e in particolare degli album "Low" e "Heroes", suona oltremodo convincente, fresca, e, tradendo l’originale, assolutamente personale.
http://traccedijazz.it/index.php/recensioni/26-recensioni-discografiche/811-dylan-howe-subterranean-new-designs-on-bowie-s-berlin​

- Un nuovo Super(jazz)Eroe? Here comes the VibesMan!
The 21th Century Trad Band è la nuova, magnifica formazione di Jason Marsalis, effigiato come un Super Eroe Marvel nella divertente copertina di questo nuovo disco in cui vengono sciorinate le concezioni musicali del più giovane esponente dalla famiglia jazz più importante al mondo.
http://traccedijazz.it/index.php/recensioni/26-recensioni-discografiche/805-un-nuovo-super-jazz-eroe-here-comes-the-vibesman

NUOVE USCITE:
- Roberto Ottaviano - Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy
Martedì 16 dicembre esce "Forgotten Matches. The Worlds of Steve Lacy" del compositore e sassofonista barese Roberto Ottaviano prodotto da Dodicilune e distribuito da IRD. Un doppio cd (uno in quartetto, l'altro in duo) e ben 23 brani per ricordare, nel decennale della scomparsa, il musicista statunitense.
http://traccedijazz.it/index.php/nuove-uscite/24-nuove-uscite-italiane/813-roberto-ottaviano-forgotten-matches-the-worlds-of-steve-lacy

- Jimmy Greene - Beautiful Life
Il nuovo album di Jimmy Greene, intitolato "Beautiful Life" per l'etichetta Mack Avenue Records, rappresenta una celebrazione della vita di sua figlia di 6 anni, Ana Marquez-Greene, la cui vita venne tragicamente interrotta, insieme a quella di altri 19 bambini e 6 educatori, il 14 dicembre 2012 alla Sandy Hook Elementary School a Newtown, Connecticut.
http://traccedijazz.it/index.php/nuove-uscite/25-nuove-uscite-straniere/808-jimmy-greene-beautiful-life​

- Vito Liturri Trio - After the Storm
Giovedì 27 novembre è uscito in Italia e all’estero nel circuito IRD e nei principali store digitali, "After The Storm", nuovo progetto discografico del Vito Liturri Trio, prodotto dall'etichetta Dodicilune. Il pianista e compositore barese è affiancato dal contrabbassista Marco Boccia e dal batterista Lello Patruno.
http://traccedijazz.it/index.php/nuove-uscite/24-nuove-uscite-italiane/803-vito-liturri-trio-after-the-storm

- Mike Stern & Eric Johnson - Eclectic
Due leggende della chitarra nei loro rispettivi generi - Eric Johnson nel mondo del rock e Mike Stern in quello del jazz – hanno deciso di unire le forze per un album, “Eclectic”, che riunisce le loro molteplici e diverse influenze. Tutti gli appassionati di chitarra rimaranno a bocca aperta ascoltando questi virtuosi delle sei corde.
http://traccedijazz.it/index.php/nuove-uscite/25-nuove-uscite-straniere/802-mike-stern-eric-johnson-eclectic

tutte le nuove uscite


CONTROCORRENTE:
Alla domanda (chi non sognerebbe di incontrare una star del jazz) dovrei rispondere con un timido "io!" pronunciato a bassa voce. Sarà per il mio carattere schivo ma a me "conoscere" un musicista in un rapporto da divo a fan non solo non mi interessa affatto...
http://traccedijazz.it/index.php/primo-piano/32-editoriali/729-controcorrente

TRACCE LASER:
- ROB MAZUREK AND BLACK CUBE SP - Return The Tides: Ascension Suite and Holy Ghost

tutte le tracce laser

COMUNICATI STAMPA:
- Jazz al Piccolo: Orchestra Senza Confini
http://traccedijazz.it/index.php/notizie/812-jazz-al-piccolo-orchestra-senza-confini​

tutti i comunicati stampa


VIDEO CONCERTI:
- Thelonious Monk, Dizzy Gillespie, Copenhagen 1971
http://traccedijazz.it/index.php/multimedia/20-videoteca/810-thelonious-monk,-dizzy-gillespie,-copenhagen-1971

 
tutti i video

PODCAST AUDIO:
- Joey Calderazzo Trio - Den Haag, 2011
http://traccedijazz.it/index.php/multimedia/21-audioteca/807-joey-calderazzo-trio-den-haag,-2011​

tutti i podcast

ALBUM IN STREAMING:
- Jimmy Greene - Beautiful Life
http://traccedijazz.it/index.php/multimedia/23-album-in-streaming/809-jimmy-greene-beautiful-life​

- The Bad Plus – Inevitable Western
http://traccedijazz.it/index.php/multimedia/23-album-in-streaming/804-the-bad-plus-%E2%80%93-inevitable-western​

tutti gli album in streaming 

I PROSSIMI LIVE WEBCAST:
- Anouar Brahem Quartet - 19 settembre 2014, BLG-Forum, Brema
- Kellylee Evans & Eric Legnini in diretta dal Duc des Lombards di Parigi 
- Jack Dejohnette Trio Featuring Ravi Coltrane & Matt Garrison au Festival Jazz Onze+, 1 novembre 2014
- Giancarlo Schiaffini Phantabrass - in diretta dalla Sala A di via Asiago, Roma
- Jason Moran "Bandwagon" - Jazzfest Berlin, 2. November 2014 
- Ernie Watts Quartet - Jazzfestival Würzburg, 25 ottobre 2014
- Avishai Cohen "Triveni" in diretta dal Duc des Lombards di Parigi
- Pablo Held Quartet - 23 settembre 2014, Berlin, A-TRANE

vai ai live webcast

ULTIME NOTIZIE:
- Franco Cerri e Antonio Onorato Quartet in concerto al NAM di Napoli
- Paolo Fresu e Gianluca Petrella raccontano in musica la mostra “Oltre il limite” al Muse di Trento 
- The Mob Peppers featuring Pee Wee Ellis al Torrione di Ferrara
- Enrico Pieranunzi vince il Premio ‘Una Vita Per Il Jazz’ del Top Jazz 2014
- Presentazione di "Live In France" di Francesco Bearzatti & The Bears all'Auditorium Parco Della Musica
- E' morto il pianista Joe Bonner
- Andrea Pozza Uk Connection Trio guest Paolo Recchia a Corinaldo (An)

tutte le notizie

READER'S POLL
Inviateci la vostra classifica dei tre migliori album jazz del 2014, per eleggere "l'album dell'anno" per i nostri lettori. Le votazioni sono aperte fino al giorno di Natale.

Per inviarci la vostra classifica:
readerspoll@traccedijazz.it

Saluti a tutti e alla prossima settimana!

 

 
 
 

PETRIN E SKRJABIN

Post n°3832 pubblicato il 09 Dicembre 2014 da pierrde

Giovedì 11 dicembre 2014
ore 18:30
Venezia, Ateneo Veneto

SKRJABIN E IL JAZZ
conversazione/concerto con il pianista Umberto Petrin
conduce Enrico Bettinello

in collaborazione con Teatro Fondamenta Nuove, Venezia
ingresso libero


Un’affascinante conversazione/concerto con il pianista Umberto Petrin (uno dei jazzisti italiani più originali e intelligenti), alla scoperta delle connessioni tra la musica di Alexandr Skrjabin e la grande tradizione jazzistica.
Skrjabin ha avuto un percorso artistico ed intellettuale che ha saputo affascinare i suoi successori (pensiamo ai grandi compositori delle generazioni posteriori, Stravinskij, Shostakovic per fare qualche esempio) e anche nella musica Jazz ci sono grandi personalità che hanno tratto dal suo sistema musicale molti spunti, sia nell’uso dell’armonia, che nella concezione compositiva, fino alla sua propensione verso la sinestesia.
Viene da pensare al pianista Bill Evans, che Glenn Gould una volta ha definito proprio "lo Skrjabin del jazz", ma anche il contrabbassista Charles Mingus, che non nascondeva l’interesse verso le traiettorie del compositore e grande pianista russo.

La conversazione, condotta dal critico Enrico Bettinello (il Giornale della Musica, Gli Stati Generali, BlowUp, AllAboutJazz Italia), affronterà alcune delle caratteristiche della musica e del pensiero skrjabiniano e sarà poi l’occasione per presentare dal vivo alcuni momenti del recente disco di Petrin, Traces and Ghosts, che sta ottenendo notevoli riscontri sia a livello di critica (disco “Choc” per Jazz Magazine) che di concerti (Lisbona, New York).
Petrin, già protagonista di un progetto discografico su Skrjabin (1996) insieme al leggendario sassofonista Lee Konitz, è infatti un musicista che da sempre unisce le sonorità del russo ed influenze di altri compositori europei, quali Hindemith e Webern, alle attuali tecniche dell’ improvvisazione jazzistica.


Considerato tra i maggiori pianisti italiani a livello internazionale, Umberto Petrin (1960) è anche attivo nell’ambito dell’arte, della poesia contemporanea e della sonorizzazione di film muti. Nella lunga carriera ha collaborato con artisti come Tiziana Ghiglioni, Steve Lacy, Lee Konitz, Anthony Braxton, Enrico Rava, Gianluigi Trovesi, Tim Berne e molti altri, incidendo numerosi dischi e ottenendo lusinghiere attestazioni di stima critica. Ha suonato a lungo nell’Italian Instabile Orchestra, con la quale si è esibito anche assieme a Cecil Taylor e collabora con lo scrittore Stefano Benni, con cui ha pubblicato per Feltrinelli un fortunato progetto su Thelonious Monk.

 

 
 
 

RADIOTRE SUITE: GIANCARLO SCHIAFFINI PHANTABRASS IN DIRETTA

Post n°3831 pubblicato il 08 Dicembre 2014 da pierrde
 

 

 

 

 

Matedì 09 Dicembre 2014 ore 20.30

IL CARTELLONE

in diretta dalla Sala A di via Asiago, Roma

 

Giancarlo Schiaffini Phantabrass

 

A cento metri comincia il bosco: guerra memoria natura”

 

Giancarlo Schiaffini direzione, trombone, elettronica, voce registrata

Silvia Schiavoni voce

Luca Calabrese tromba

Flavio Davanzo tromba

Claudio Corvini tromba

Martin Mayes corno

Lauro Rossi trombone

Sebi Tramontana trombone

Gianpiero Malfatto euphonium

Beppe Caruso basso tuba

Giovanni Maier contrabbasso

Luca Colussi percussione

- See more at: http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/concerti/ContentItem-92abbe80-dcd4-446c-8691-ac00bea8e3f5.html#sthash.7XfmF6C9.dpuf

 
 
 

RADIOTRE : BATTITI

Post n°3830 pubblicato il 08 Dicembre 2014 da pierrde
 

Incontri formidabili nella scaletta di questa notte! Il summit jazzistico ad altissimo livello tra Keith Jarrett, Charlie Haden e Paul Motian, proposto dalla ECM Records nel disco “Hamburg ‘72”; l’incrocio ben riuscito tra la sperimentazione elettro-acustica del trio Radian e il cantautore Howe Gelb; l’abbraccio tra una sponda e l’altra del mediterraneo nelle sonorità del Achref Chargui Trio. A seguire ci soffermiamo sulla recente attività discografica di due grandi improvvisatori americani, Matthew Shipp eThollem McDonas. E infine una panoramica su alcune formazioni italiane dei primi anni ’80, tra ristampe e inediti di Illogico, Plasticost e Plastic Trash

Incontri formidabili nella scaletta di questa notte! Il summit jazzistico ad altissimo livello tra Keith Jarrett, Charlie Haden e Paul Motian, proposto dalla ECM Records nel disco “Hamburg ‘72”; l’incrocio ben riuscito tra la sperimentazione elettro-acustica del trio Radian e il cantautore Howe Gelb; l’abbraccio tra una sponda e l’altra del mediterraneo nelle sonorità del Achref Chargui Trio. A seguire ci soffermiamo sulla recente attività discografica di due grandi improvvisatori americani, Matthew Shipp e Thollem McDonas. E infine una panoramica su alcune formazioni italiane dei primi anni ’80, tra ristampe e inediti di Illogico, Plasticost e Plastic Trash

 

 
 
 

TOP JAZZ 2014: JAZZ INTERNAZIONALE

Post n°3829 pubblicato il 07 Dicembre 2014 da pierrde

JAZZ INTERNAZIONALE

DISCO DELL’ANNO

Mise en Abime (Pi Recordings)

Steve Lehman Octet

MUSICISTA DELL’ANNO

Steve Lehman

FORMAZIONE DELL’ANNO

Steve Lehman Octet

MIGLIOR NUOVO TALENTO

Cecile McLorin Salvant

RISTAMPA DELL’ANNO

Miles at  The Fillmore (Sony)

Miles Davis

 Inutile ricordare che il Top Jazz non è nient’altro che uno strumento indicativo, utile per orientarsi o per confrontarsi, assolutamente lontano dall’affermare verità oggettive. I risultati vanno quindi presi cum grano salis: i gusti personali di ciascuno possono essere molto distanti da quanto emerso e fanno si che referendum di questo tipo abbiano un valore del tutto relativo.

Il plebiscito per Lehman è, a mio parere, del tutto meritato. Anch'io, interpellato per il referendum, l'ho votato come album e artista dell'anno. Forse un successo di questa portata è stato anche favorito da una annata non particolarmente prodiga di uscite discografiche di altissimo livello, sta di fatto che Mise en Abime è nell'arco temporale prescelto per la votazione, uno degli album più significativi.

Per dare un resoconto completo di quanto ho indicato nel Top Jazz ecco i miei album preferiti:

 

1°.

«Mise en abime»

(Steve Lehman)

2°.

«Injuries»

(Angles 9)

3°.

«Play blue»

(Paul Bley)

 

 

Ultima annotazione alle mie preferenze: se Destination: Void del Peter Evans Quintet fosse uscito prima di ottobre sarebbe stato sicuramente la mia prima scelta....

 
 
 

TRADIZIONE

Post n°3828 pubblicato il 07 Dicembre 2014 da pierrde

“La tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri”

Gustav Mahler

 
 
 

I 10 CD TOP SECONDO GAETANO LIGUORI

Post n°3827 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da pierrde

Gaetano Liguori, popolare jazzista milanese, ha deciso di codividere con BuzzNews una sua personale classifica che racchiude i 10 migliori CD di musica Jazz di tutti i tempi, consigli utili per farsi una piccola “discoteca Jazz”, ragionata.

Il Jazz è una musica che ha ormai più di cento anni e che ha visto i suoi protagonisti assurgere alle più alte vette della composizione e dell’esecuzione, in un secolo il 1900 dove si sono affermati sul versante classico personaggi come Strawinki, Scoemberg, Bartok .

Può sembrare riduttivo, e in parte lo è, consigliare solo 10 cd , ma questo potrebbe essere solo un’inizio di un amore che può durare tutta una vita, come nel caso del sottoscritto.

1. Louis Armstrong (1901-1971) The hot five & The hot seven, 1927-28.

Louis Armstrong musica jazz

Armstrong è l’ineguagliabile rinnovatore di tutta la musica afroamericana che antecede il periodo della seconda guerra mondiale, quasi uno spartiacque fra la musica jazz classica e moderna.

Esistono moltissime registrazioni di Armstrong tra il 1923 e il 1970, nella sua lunga carriera di amabile divulgatore dell’hot jazz, ma i pezzi incisi con i suoi Five e Seven nella seconda metà degli anni 20 sono pietre miliari in qualsiasi raccolta jazz che si rispetti e anche oggi non perdono niente del fascino e della potenza esercitata quasi un secolo fa.

Potete leggere gli altri titoli seguendo il link a fine post. Naturalmente i gusti non si discutono, e sintetizzare in 10 nomi (in realtà i cd sono molti di più dato che per quasi tutti i nominativi si tratta di box ) la storia del jazz non può che essere puro gioco e divertimento, tuttavia l'ultimo titolo elencato da Liguori lascia appena appena perplessi e indurrebbe a considerare che Liguori ama la provocazione oppure più semplicemente si vuole fare due risate.....

http://buzznews.it/musica-jazz-i-migliori-10-cd-gaetano-liguori-14988/

 
 
 

57th ANNUAL GRAMMY AWARDS: NOMINATIONS

Post n°3826 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da pierrde

Best Improvised Jazz Solo

“The Eye Of The Hurricane” 
Kenny Barron, soloist 
Track from: Gerry Gibbs Thrasher Dream Trio (Gerry Gibbs Thrasher D

“Fingerprints” 
Chick Corea, soloist 
Track from: Trilogy (Chick Corea Trio)

“You & The Night & The Music” 
Fred Hersch, soloist 
Track from: Floating (Fred Hersch Trio)

“Recorda Me” 
Joe Lovano, soloist 
Track from: The Latin Side of Joe Henderson (Conrad Herwig Featuring Joe Lovano)

“Sleeping Giant” 
Brad Mehldau, soloist 
Track from: Mehliana: Taming the Dragon (Brad Mehldau & Mark Guiliana)

Best Jazz Vocal Album

Map to the Treasure: Reimagining Laura Nyro 
(Billy Childs &) Various Artists

I Wanna Be Evil 
René Marie

Live in NYC 
Gretchen Parlato

Beautiful Life 
Dianne Reeves

Paris Sessions 
Tierney Sutton

Best Jazz Instrumental Album

Landmarks 
Brian Blade & the Fellowship Band

Trilogy 
Chick Corea Trio

Floating 
Fred Hersch Trio

Enjoy The View 
Bobby Hutcherson, David Sanborn, Joey DeFrancesco Featuring Billy Hart

All Rise: A Joyful Elegy for Fats Waller 
Jason Moran

Best Large Jazz Ensemble Album

The L.A. Treasures Project 
The Clayton-Hamilton Jazz Orchestra

Life In The Bubble 
Gordon Goodwin's Big Phat Band

Quiet Pride: The Elizabeth Catlett Project 
Rufus Reid

Live: I Hear The Sound 
Archie Shepp Attica Blues Orchestra

OverTime: Music of Bob Brookmeyer 
The Vanguard Jazz Orchestra

Best Latin Jazz Album

The Latin Side Of Joe Henderson 
Conrad Herwig Featuring Joe Lovano

The Pedrito Martinez Group 
The Pedrito Martinez Group

The Offense of the Drum 
Arturo O'Farrill & the Afro Latin Jazz Orchestra

Second Half 
Emilio Solla Y La Inestable De Brooklyn

New Throned King 
Yosvany Terry

Other Jazz-Related Nominations

Best Traditional Pop Vocal Album

Cheek to Cheek 
Tony Bennett and Lady Gaga

Nostalgia 
Annie Lennox

Best Contemporary Instrumental Album

Wild Heart 
Mindi Abair

Slam Dunk 
Gerald Albright

Nathan East 
Nathan East

Jazz Funk Soul 
Jeff Lorber, Chuck Loeb, Everette Harp

Bass & Mandolin 
Chris Thile & Edgar Meyer

Best Traditional R&B Performance

“Jesus Children” 
Robert Glasper Experiment Featuring Lalah Hathaway & Malcolm Jamal Warner 
Black Radio 2

Best R&B Album

Black Radio 2 
Robert Glasper Experiment

Best Latin Pop Album

Tangos 
Rubén Blades

Best American Roots Performance

“And When I Die” 
Billy Childs Featuring Alison Krauss & Jerry Douglas 
Track from: Map To The Treasure: Reimagining Laura Nyro

Best World Music Album

Eve 
Angelique Kidjo

Magic 
Sergio Mendes

Best Instrumental Composition

“Last Train To Sanity” 
Stanley Clarke, composer (The Stanley Clarke Band) 
Track from: Up

“Life In The Bubble” 
Gordon Goodwin, composer (Gordon Goodwin's Big Phat Band) 
Track from: Life In The Bubble

“Recognition” 
Rufus Reid, composer (Rufus Reid) 
Track from: Quiet Pride: The Elizabeth Catlett Project

“Tarnation” 
Edgar Meyer & Chris Thile, composers (Chris Thile & Edgar Meyer) 
Track from: Bass & Mandolin

ream Trio)

 

 
 
 

MARCOTULLI E BIONDINI PER RIAPRIRE LA CASA DEL JAZZ

Post n°3825 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da pierrde

Roma, 4 dic. (askanews) - La Casa del Jazz riparte con un incontro con Rita Marcotulli e Luciano Biondini che presenteranno il cd "La Strada Invisibile"(Act). I due musicisti parleranno del nuovo lavoro ed eseguiranno alcuni brani.

La prestigiosa etichetta tedesca ACT, punto di riferimento del jazz europeo, ha pubblicato il nuovo album in duo di Rita Marcotulli e Luciano Biondini dal titolo "La Strada Invisibile".

Rita Marcotulli ha conquistato fama internazionale in brevissimo tempo. Vanta collaborazioni con i grandi del jazz come Chet Baker, Dewey Redman, Pat Metheny, Joe Lovano, Paul Bley, Palle Danielsson, Michel Portal, Enrico Rava e Nguyên Lê, ma anche con celebri musicisti italiani come Pino Daniele, Gianmaria Testa o Francesco De Gregori. Nel nuovo album "La Strada Invisibile" Rita è affiancata da Luciano Biondini, uno fra i migliori fisarmonicisti in circolazione.

Fonte: 

http://www.firstonline.info/a/2014/12/04/la-casa-del-jazz-a-roma-riparte-con-il-duo-marcotu/be15684f-9a29-4120-bce0-e08b3825ea71

 
 
 
 
 

TOP JAZZ 2014

Post n°3823 pubblicato il 04 Dicembre 2014 da pierrde

Dopo il ripristino delle classiche nove categorie che premiano dischi, musicisti, gruppi e nuovi talenti del jazz italiano e internazionale più la miglior ristampa, il referendum della critica indetto da Musica Jazz si ripresenta al consueto appuntamento di fine anno ma, questa volta, con un mese d’anticipo e un premio in più.

La nuova edizione del Top Jazz inaugura così il settantunesimo anno di vita di Musica Jazz, il più autorevole mensile di jazz del nostro Paese, una delle riviste più longeve d’Italia che dal 1945 è fedele compagna degli appassionati di jazz e la più antica al mondo a essere ancora presente in edicola dopoDown Beat.

Ecco quindi i nomi dei vincitori del Top Jazz 2014 per il jazz italiano:

 

DISCO DELL’ANNO

(premio Arrigo Polillo)

«Joy In Spite Of Everything» (ECM)

Stefano Bollani

 

MUSICISTA DELL’ANNO

(premio Pino Candini)

Franco D’Andrea

 

FORMAZIONE DELL’ANNO

Franco D’Andrea Sextet

 

MIGLIOR NUOVO TALENTO

(premio Gian Mario Maletto)

Elisabetta Antonini

 

UNA VITA PER IL JAZZ

(premio Gian Carlo Testoni)

Enrico Pieranunzi

 Fonte: Musica Jazz

 
 
 

A LOVE SUPREME 50th ANNIVERSARY CELEBRATION

Post n°3822 pubblicato il 04 Dicembre 2014 da pierrde

This will be an incredible night of genre-bending collaboration, as saxophonist Ravi Coltrane welcomes an all-star array of guests to honor the 50th anniversary of John Coltrane’s A Love Supreme. Joining Coltrane for this momentous night is trumpet virtuoso Nicholas Payton, trailblazing guitarist Adam Rogers, bass star Matthew Garrison (son of John Coltrane Quartet bassist Jimmy Garrison), and the acclaimed drummer Marcus Gilmore, grandson of jazz legend and John Coltrane collaborator Roy Haynes.

For Ravi Coltrane, deciding to perform his father’s 1964 masterwork on the 50th anniversary of its recording is less an act of filial piety than that of a modern jazz master exploring one of the music’s most profound spiritual statements, one that has been greatly influential across vast musical boundaries. With a singular connection to his father’s masterpiece and a deep involvement in the cutting edge sounds of today, Ravi Coltrane has assembled this diverse range of artists inspired by A Love Supreme to celebrate their common ground on stage, pushing the legacy of Coltrane’s music into the future.

ARTIST PERSONNEL

Ravi Coltrane saxophones

Nicholas Payton trumpet

Adam Rogers guitar

Matt Garrison electric bass

Marcus Gilmore drums

Saturday, December 13 at SF Jazz Center, Miner Auditorium

 
 
 
Successivi »
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lorisscflerch2003heartgameAndreaDoziadriscudeXhenolcataldi967stallalpinaewanescente1Delzo_1anastasia_55sasdopierrdeMarquisDeLaPhoenix
 

Seguimi su Libero Mobile

 

TAG

 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

JAZZ E FOTOGRAFIA : HERMAN LEONARD

Una sequenza delle più celebri fotografie di Herman accompagnate dalla voce inimitabile di Ella Fitzgerald.

 

ARTE E MUSICA

 

500 Years of Female Portraits in Western Art

Music: Bach's Sarabande from Suite for Solo Cello No. 1 in G Major, BWV 1007 performed by Yo-Yo Ma

collected some paintings by Gogh ...
Enrico Pieranunzi's melancholy music ( Canto Nascosto )

Henri Matisse paintings with Miles Davis composition "Generique"

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom