Creato da pierrde il 17/12/2005

Tracce di Jazz

Mondo Jazz diventa il blog del portale Tracce di Jazz . Il Jazz da Armstrong a Zorn. Notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video.

IL NUOVO PORTALE DEL JAZZ

 

 

 

http://www.traccedijazz.it/

https://www.facebook.com/traccedijazz

https://plus.google.com/105671541274159478209/posts

 

 

 

IL JAZZ SU RADIOTRE

 

martedì 21 aprile 2015 20.30

Locandina

IL CARTELLONE

UMBRIA JAZZ WINTER

Fabrizio Bosso Quartet

Fabrizio Bosso tromba Nicola Angelucci batteria Luca Alemanno contrabbasso Julian Oliver Mazzariello pianoforte

Registrato il 30 dicembre 2014 a Orvieto, Palazzo del Popolo

------------------------------------------------------------------

TORINO JAZZ FESTIVAL

Mauro Ottolini Sousaphonix musicano il film “Le sette probabilità” di Buster Keaton

Mauro Ottolini trombone, arrangiamenti, composizioni, direzione; Vanessa Tagliabue Yorke voce Vincenzo Vasi voce, theremin, strumenti giocattolo, effetti speciali Dan Kinzelman sax tenore, clarinetto basso Guido Bombardieri clarinetto, sax contralto Paolo Degiuli cornetta Paolo Botti viola, dobro Enrico Terragnoli banjo, chitarra, podofono Roberto Denittis armonio a pedali, pianoforte Danilo Gallo contrabbasso Zeno De Rossi batteria

Registrato il 27 aprile 2014 all’Auditorium Rai Arturo Toscanini, Torino

 

 

 

BATTITI RADIOTRE: QUESTA NOTTE

Venerdi' 17 Aprile

Louis Thomas Hardin, noto come Moondog o il Vichingo della Sesta Avenue, è stato un aritsta fuori dai canoni – un outsider, se volete, ma neanche troppo viste le sue frequentazioni: da Leonard Bernstein a Charlie Parker, passando per Steve Reich e Bob Weir dei Grateful Dead. La sua musica, tra jazz, folk dei nativi americani, proto-minimalismo e contrappunto classico, ha incantato e continua a incantare ascoltatori e musicisti. Questa notte torna ad allietare i nostri Battiti attraverso omaggi e interpretazioni di: Manyfingers, Sylvain Rifflet & John Irabagon, Joanna MacGregor e hobocombo.

 

MONDO JAZZ SU FACEBOOK E SU TWITTER

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

RASSEGNA STAMPA

 

 

UbuWeb Rari filmati, anche scaricabili, dell'avanguardia artistica in ogni campo

Point of departure a on-line musical journal

New York Jazz Guide

Jazz Colours una e mail-zine di jazz italiana !

Bells

 

 

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

JAZZ DAY BY DAY

 

 

L'agenda quotidiana di

concerti rassegne e

festival cliccando qui

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I PODCAST DELLA RAI

Dall'immenso archivio di Radiotre č possibile scaricare i podcast di alcune trasmissioni particolarmente interessanti per gli appassionati di musica nero-americana. On line le puntate del Dottor Djembč di David Riondino e Stefano Bollani. Da poco č possibile anche scaricare le puntate di Battiti, la trasmissione notturna dedicata al jazz , alle musiche nere e a quelle colte. Il tutto cliccando  qui
 

Messaggi del 04/07/2012

50 ANNI SUONATI: I CD DELL'ESPRESSO (CHE DELUSIONE)

Post n°2310 pubblicato il 04 Luglio 2012 da pierrde

Non conosco personalmente Paolo Fresu ma ho avuto modo di vederlo suonare e sentirlo parlare decine e decine di volte.

Ho perfino visto un documentario su di lui grazie ai canali Sky in cui Paolo era ripreso nella sua casa e parlava del suo rapporto con la Sardegna e la sua gente.

Mi sono fatto una opinione, credo abbastanza azzeccata, di una bella persona, seria e modesta, assolutamente innamorata della musica e della sua terra.

Lo scorso anno in occasione del suo cinquantesimo compleanno Fresu ha dato vita ad una manifestazione credo irripetibile: 50 concerti consecutivi in 50 locations differenti e con 50 diverse soluzioni musicali. Un tour de force inaudito, trasmesso in streaming in diretta via web, che ha permesso a migliaia di persone, me compreso, di assistere a buona parte delle serate comodamente seduto nel salotto di casa.

Da quelle sessions sono tratti i 4 compact più il dvd che compongono la collezione de L'espresso/La Repubblica. Devo dire che mentre non ho avuto dubbio alcuno se acquistare o meno i cd, la mia reazione all'ascolto delle compilations è però diventata un misto di delusione e fastidio.

Album che presentano una musica troppo frammentata, spezzoni di testi teatrali o letterari seguiti da brani di tenores sardi o di formazioni quanto mai  diverse, non solo non riescono a dare una idea precisa di quello che è stato l'evento ma annacquano le idee ed evidenziano una palese mancanza di unitarietà nella proposta editoriale.

Certo ne esce un ritratto di un Fresu quanto mai poliedrico, dai mille interessi e non solo musicali, ma la mia critica si basa proprio sull'aver visto in diretta buona parte dei concerti: non era meglio proporre i migliori, magari in dvd, lasciando perdere quella specie di macedonia frullata che invece ho tra le mani ? 

 

 
 
 

IN DUE MILIONI A MONTREAL

Post n°2309 pubblicato il 04 Luglio 2012 da pierrde

Grande successo di pubblico e qualche inevitabile mugugno anche a Montreal, dove ci si pongono più o meno le stesse domande che ci facciamo anche noi. Ecco la cronaca:

 

Più di due milioni di appassionati sono arrivati nella città più popolosa del Quebec, per la 33esima edizione del Montreal International Jazz Festival. Iniziata il 28 giugno e lunga un mese, con oltre 3mila musicisti e artisti provenienti da circa 30 paesi diversi, la kermesse canadese, riporta la Bbc, si autocelebra come una "enorme compilation che ha nel jazz il suo punto forte".

A scorrere i nomi in cartellone, tuttavia, qualche critico ha azzardato: "Il jazz è morto". Sono in programma mille concerti e attività, la maggior parte gratuiti, in 15 teatri e in 8 palchi all'aperto. "E' una delle più belle feste della musica", ha commentato il direttore artistico Andre Menard.

Tra le star che si esibiranno ci sono i big del jazz, tra cui Wayne Shorter, Stanley Clarke, Melody Gardot, Norah Jones ed Esperanza Spalding. In cartellone anche l'idolo pop canadese Rufus Wainwright e l'artista britannico Seal, nomi che hanno fatto storcere il naso ai puristi, che hanno lamentato un "annacquamento" del genere. "Il nostro festival include musica vicina al jazz, senza essere jazz", ha spiegato il direttore Menard.

Il Montreal Jazz Festival è diventato un grande appuntamento da quando è stato lanciato nel 1980. Attorno all'evento, tuttavia, divampa la polemica sull'attuale stato della musica di New Orleans, con alcuni critici che danno il genere per defunto. "Il jazz era popolare negli Anni '40 - ha spiegato il musicista Tim Richards - poi è arrivato Elvis Presley e non è più stata la stessa cosa".

Il professore Stuart Nicholson, autore di "Is Jazz Dead? (Or Has it Moved To A New Address?)", rimane ottimista: "L'impulso creativo del jazz si è trasferito dall'America all'Europa, si tratta di una fase molto interessante del jazz", ha spiegato.

Fonte: www.tmnews.it

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lorisscantropoeticoAndreaDozipierrdelookdgl9dr.strange61anna1952bpietrofladymaria45christie_malrylinovenarudi63lasssomagda.sko
 
 

ULTIMI COMMENTI

Sono stato al Jazz Club di Ferrara. Il posto č molto bello,...
Inviato da: lorissc
il 12/04/2015 alle 07:32
 
Vero, negli ultimi anni di jazz ne passava poco....
Inviato da: pierrde
il 11/04/2015 alle 22:10
 
Non mi pare ci fosse molto jazz alle Scimmie negli ultimi...
Inviato da: lorissc
il 11/04/2015 alle 15:46
 
un bel pesce d'aprile!!!
Inviato da: lorissc
il 01/04/2015 alle 12:59
 
Come si puo' vedere in questo...
Inviato da: giaz63
il 31/03/2015 alle 15:28
 
 

Seguimi su Libero Mobile

 

TAG

 

CONTATTI:

pierrde@hotmail.com
 

FACEBOOK

 
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

JAZZ E FOTOGRAFIA : HERMAN LEONARD

Una sequenza delle piů celebri fotografie di Herman accompagnate dalla voce inimitabile di Ella Fitzgerald.

 

ARTE E MUSICA

 

500 Years of Female Portraits in Western Art

Music: Bach's Sarabande from Suite for Solo Cello No. 1 in G Major, BWV 1007 performed by Yo-Yo Ma

collected some paintings by Gogh ...
Enrico Pieranunzi's melancholy music ( Canto Nascosto )

Henri Matisse paintings with Miles Davis composition "Generique"

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom