Community
 
Musashi_87
   
 
 

 

.

Post n°3846 pubblicato il 23 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Tag: .

.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

.

Post n°3845 pubblicato il 22 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Joe Ransom ha un’esistenza difficile. Le sue attività quotidiane offrono scorci di un matrimonio fallito e di relazioni che non hanno niente di romantico. Nonostante la sua condotta irresponsabile, Joe lavora tutto il giorno ed è impegnato ad abbattere gli alberi di una foresta, quando si imbatte nel quindicenne Gary e nel padre alcolizzato Wade…

"Joe" è un film drammatico di David Gordon Green ("Strafumati"), con Nicolas Cage e Tye Sheridan ("The Tree of Life"), uscito nel 2013. Gordon Green ha iniziato la carriera da regista con film indie drammatici piuttosto validi ("George Washington" e "All the Real Girls", entrambi 7/10 su imdb); poi Hollywood ha chiamato e, quindi, il passaggio a commediole mainstream come "Strafumati" e "Lo spaventapassere". Ma, evidentemente, l'amore per i prodotti più interioristi e gli angoli più reconditi dell'America povera lo hanno riportato sui suoi passi, prima con "Prince Avalanche" e poi con questo "Joe". La trama, a conti fatti, è poca cosa, specie per essere dilungata in ben 118'. Un uomo 'fallito' e solitario, un ragazzino volenteroso, un padre ubriacone e un ambiente che, di buono, offre poco o nulla. Proprio l'ambientazione è il punto forte della pellicola, sia a livello paesaggistico, con capanne di legno, roulotte addobbate a case e steppe aride, sia a livello personale (l'unico realmente puro è il giovane Gary). Il regista ci tiene a mostrarci il degrado della società nei sobborghi del Texas e lo fa presentandoci personaggi che di buono non hanno nulla: un padre vecchio, ubriacone, svogliato, ladro e assassino, un villain strafottente e malvagio, una madre assente, perfino gli agenti di polizia, che dovrebbero fare il loro lavoro con oggettività, fermano continuamente Joe, solo per il suo passato poco pulito, e non ci sono quando servono. Molto buona l'interpretazione di Cage, che, seppur non dotato di un'espressività molto varia, interpreta a dovere i panni di Joe. Godibile anche il lavoro svolto dal giovane Sheridan. Un film realizzato con cura e piuttosto piacevole, nonostante la sceneggiatura poco consistente e il genere non esattamente mio. 7/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

.

Post n°3844 pubblicato il 21 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Tag: Games
Foto di Musashi_87

.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Retro-movie: "Il destino di un cavaliere" (2001)

Post n°3843 pubblicato il 20 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Lo scudiero William vorrebbe diventare un cavaliere. L’occasione gli si presenta quando incontra per caso un uomo che, in cambio di vestiti e di cibo, gli regala documenti che possono farlo passare da nobile. Così, alla morte del cavaliere cui presta servizio, William prende il suo posto e combatte in torneo per la bella Jocelyn…

"Il destino di un cavaliere" è un film d'avventura di Brian Helgeland, con Heath Ledger, Shannyn Sossamon ("The Day") e Paul Bettany ("Priest"), uscito nel 2001. Nel cast anche Laura Fraser (comparsa ne "La maschera di ferro") e Mark Addy (Re Robert ne "Il trono di spade"). Il genere è un mix di avventura, commedia e romanticismo, con una gran cura nella realizzazione della giostra a cavallo (senza effetti speciali) e una continua commistione tra passato e presente (alcune volte fastidiosa, come per la scelta delle musiche pop-rock anni '70-'80, che stonano alquanto). Heath Ledger, ancora piuttosto acerbo, risulta simpatico e aitante, ma sicuramente non espressivo come per Joker in "Il cavaliere oscuro" (Oscar postumo). Il resto del cast fa il suo dovere, senza problemi, e i comprimari sono abbastanza carismatici. La trama è poco originale e si focalizza fin troppo sui tornei, cosa che potrebbe risultare ripetitiva, dati i ben 132' di durata. Tuttavia la leggerezza di fondo e il carisma di Ledger riescono a tenere lontana la noia, fino al finale (scontato). 7/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Noleggiare un dvd a caso è, per me, un'esperienza traumatica.

Post n°3842 pubblicato il 19 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Harry Deane è un esperto d’arte che mette a punto un piano per truffare Lionel Shabandar, un magnate inglese, collezionista di opere d’arte. Per la riuscita del suo piano, che prevede di rifilare a Shabandar un falso Monet, Deane ha bisogno della partecipazione di una donna, capace e seducente, che interpreti la parte della proprietaria del quadro...

"Gambit - Una truffa a regola d'arte" è una commedia scritta dai fratelli Cohen e diretta da Michael Hoffman ("Sogno di una notte di mezza estate") con Cameron Diaz, Colin Firth ("Love Actually") e Alan Rickman (Piton dei vari "Harry Potter"), uscito nel 2012. Ricordo che, quando vidi il trailer al cinema, sembrava una commedia divertentissima, così, dovendo noleggiare un dvd per un sabato a casa di amici, ho preso questo, ma ne abbiamo guardati solo mezzoretta e poi abbiamo tolto. (Poi me lo son visto il giorno dopo, ovviamente, visto che non amo lasciare film a metà) Si tratta di un filmetto carino, con una recitazione tutto sommato buona e una trama carina, ma senza niente di realmente originale o spassoso. Qualche risata nelle scene ambientate nell'hotel, ma poco altro. Una commedia guardabile, quindi, con un buon cast, ma niente di speciale. 6/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Il MOE conquisterà il mondo, grazie a Kate e Galagtika! :3

Post n°3841 pubblicato il 18 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Kate Hoshimiya, una bambina carinissima, è a capo di un'organizzazione segreta, la Zvezda, il cui obbiettivo è quello di conquistare il mondo. Non tutti però sembrano essere d'accordo con lei, come ad esempio lo studente delle medie Jimon Asuta che, scappato di casa, si ritroverà a far parte della Zvezda suo malgrado e sarà catapultato nei guai.

"Sekai Seifuku: Bōryaku no Zvezda" è un anime A1 Pictures Inc. ("Sword Art Online") diretto da Tensai Okamura ("Wolf's Rain"), disegnato da Kōhaku Kuroboshi e Keigo Sasaki, uscito nel 2014. L'anime è composto da 12 episodi e può essere racchiuso nel genere moe/demenziale. Con una trama che procede poco e lascia in sospeso molti elementi, il vero punto forte sono sicuramente i personaggi che, per quanto fortemente stereotipati (la tsundere, la yandere, la sexy scienziata, l'ex delinquente, la robot, il solito protagonista imbranato, l'amica-amata da sempre, ecc...), risultano davvero carismatici e regalano decine di gag spassose. Sarà impossibile non affezionarsi a loro! Tema principale, insieme alla conquista del mondo, a partire dalle piccole cose (i fumatori, il cibo, ecc...), è l'udo, un vegetale usato nella cucina orientale, che compare pressoché ovunque (Roboko si nutre esclusivamente di udo cruda, la città in cui si ambienta la serie si chiama Udogawa Ovest, il motore che fornisce energia alla base segreta della Zvezda è alimentato a radici di udo, ecc...). Davvero ottimo il chara design e molto buone le animazioni (con alcuni elementi 3D). Nella norma il sonoro. Non fosse, come già detto, per alcuni plot holes che lasciano con l'amaro in bocca (ma ci sarà una seconda serie?), si tratterebbe di una serie davvero meravigliosa, imho, scorrevole e divertente. 8/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

.

Post n°3840 pubblicato il 17 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

"Se fossi un po' più magro, non esisteresti"

Post n°3839 pubblicato il 16 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Da un anno, il paranoico Trevor Reznik non riesce a dormire: il suo fisico è debilitato e anche la sua mente inizia a dare segni di squilibrio. L’uomo lavora come operaio meccanico in una fabbrica; e quando provoca un incidente a un collega, il suo senso di paranoia diventa ancora più forte… Ma cosa gli ha fatto perdere il sonno? Cosa lo ha reso così paranoico?

"L'uomo senza sonno" (orig. "The Machinist") è un film di Brad Anderson ("Vanishing on 7th Street", "The Call"), con Christian Bale e Jennifer Jason Leigh ("Era mio padre"), uscito nel 2004. Come "Il sesto senso", si tratta di uno di quei film che, visto conoscendo il finale, perde moltissimo. Si tratta di un thriller psicologico, dall'andamento lento, ma ricco di elementi minuziosi, apparentemente inutili, necessari alla comprensione della trama, fino ad un finale inizialmente inaspettato. Oltre alla bravura di Anderson di punteggiare la pellicola con questi piccoli particolari, appunto, così da far arrivare pian piano alla conclusione, è da lodare l'abilità di C. Bale, che ha perso circa trenta kg per vestire i panni di Trevor, distrutto dalla continua veglia e sull'orlo del crollo psico-emotivo. Ottima, quindi, la sua interpretazione e nella media quella dei comprimari. Per il resto, niente da dire. Non so perché, a me il look generale ricordava molto film anni '90 (tipo "Il sesto senso", appunto). Non è esattamente il mio genere, ma se ne parla piuttosto bene, in giro, quindi ho approfittato e l'ho visto su Rai4. 7.5/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Attenti al chupacabra mannaro!!!

Post n°3838 pubblicato il 15 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Quattro amici vanno in vacanza nel ranch Buck Wild per cacciare cervi, ma accidentalmente uno di loro spara al proprietario della tenuta. Ben presto, si rendono conto che la vittima è ancora viva e tenta più volte di aggredirli. I ragazzi dovranno affrontare molti pericoli, in quella che sembra una città impazzita. Saranno soli contro tutti...

"Buck Wild" è una horror comedy di Tyler Glodt, uscito nel 2013. Secondo lungometraggio per Glodt, dopo lo sconosciuto "The Eeves" (2012), si tratta di una commedia ad ambientazione horror, un b-movie divertente e strampalato, con gli zombie (anche se il primo infetto è causato dal morso di un chupacabra). Il cast è pressoché sconosciuto (tranne Matthew Albrecht, che imdb annovera anche nel film premio Oscar "The Artist" -anche se sicuramente come comparsa o poco più-, gli altri hanno recitato solo in qualche corto o in filmetti minori, tra cui lo stesso "The Eeves" di cui sopra) e il budget è basso, cosa che impedisce l'utilizzo di effetti speciali decenti: il chupacabra è davvero ridicolo, ma fortunatamente appare solo per qualche secondo e, per il resto, il trucco degli zombie è abbastanza buono (per un film low budget, s'intende). Per il resto, niente di particolare, ma i protagonisti, quattro svitati alquanto sfigati (a parte il latin lover della situazione, che però sarà il primo a lasciarci le penne), riescono a reggere il ritmo e a regalare alcune gag niente male (soprattutto grazie al personaggio interpretato da Jarrod Pistilli, amante delle armi e solito allenarsi nudo di prima mattina, e al boss locale, un montato con cappello da cowboy e boa piumato al collo). Peccato manchino totalmente scene di nudo (il tettometro segna 0/10), che non guastano mai nei b-movie horror... 6.5/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Retro-movie: "La leggenda degli uomini straordinari" (2003)

Post n°3837 pubblicato il 14 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Una terribile minaccia incombe sull’Inghilterra e sul mondo intero: il Fantasma, un avido criminale, intende conquistare il mondo. Il Servizio Segreto di sua Maestà allora contatta Allan Quatermain, rifugiatosi in Africa per passarvi tranquillamente gli ultimi anni della sua vita, e altri personaggi dotati di abilità particolari come Dorian Gray e il dr. Jekyll.

"La leggenda degli uomini straordinari" è un film d'avventura di Stephen Norrington ("Blade"), con Sean Connery e Peta Wilson ("Nikita", la serie tv), uscito nel 2003. Il film è liberamente ispirato al fumetto "La Lega degli Straordinari Gentlemen" di Alan Moore e Kevin O'Neill, da cui riprende i personaggi, variandone vagamente la trama. Si tratta ovviamente di un film senza troppe pretese, da guardare in spensieratezza. Purtroppo le critiche poco positive e pessimi risultati al botteghino hanno fatto cancellare l'idea per un sequel, ma a me questo film è sempre piaciuto molto (lo vidi due volte poco dopo l'uscita e l'ho rivisto ieri). Molto interessante l'ambientazione, che unisce l'epoca vittoriana a elementi a tratti steampunk (la tecnologia di Nemo), e ancora più interessanti i personaggi, tutti tratti dalla letteratura inglese di fine Ottocento (ad esclusione di Tom Sawyer, americano, non presente nel fumetto originale) e ben caratterizzati, con poche scene. Carine le scene d'azioni, con inseguimenti, lotte e sparatorie, nonostante un utilizzo degli effetti speciali in CGI non sempre eccelso. Buona la recitazione, grazie anche al carisma di un sempreverde Sean Connery. Boh, in definitiva, per quanto i fan del fumetto (che purtroppo non ho letto) né denuncino la scarsa attinenza all'originale e le critiche lo abbiano maltrattato, come filmetto leggero a me piace molto e mi spiace non sia andata a buon fine come saga cinematografica. 7.5/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Quanto costa l'anima di un uomo...?

Post n°3836 pubblicato il 13 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Elliot Brindle, mite coordinatore di servizi sociali, è in procinto di sposare la fidanzata nonostante stia affogando nei debiti. Una misteriosa telefonata lo informa però che le telecamere nascoste di un game show lo stanno riprendendo e che per vincere il milionario premio in palio deve portare a termine tutti i 13 compiti che gli verranno assegnati...

"13 Sins" è un film thriller/horror di Daniel Stamm ("L'ultimo esorcismo"), con Mark Webber ("Scott Piglrim vs. the World"), Rutina Wesley ("True Blood") e Ron Perlman, uscito nel 2014. Il film è un remake del thailandese "13 beloved" ('06), con alcune variazioni (tipo alcune prove differenti e un aumento delle sfighe del protagonista, tipo l'imminente matrimonio e il fratello mentalmente instabile). Il risultato ha alti e bassi. Il ritmo è abbastanza buono, con un crescendo dovuto alla sempre maggior gravità delle prove da superare, che trasformeranno (quasi) Elliot in un mostro, disposto a tutto pur di superare la 13a prova. La recitazione è mediocre, con un cast che conta pochi nomi celebri (a parte il mio caro Ron, che ultimamente tende a ricoprire solo ruoli minori alla Danny Trejo, Mark Webber non me lo ricordavo proprio in SPvtW e Rutina l'ha riconosciuta mia morosa che guarda TB, se no mai vista). L'effetto ricorda spesso quello di un film tv, più che di un prodotto cinematografico. Cionostatante, il film si lascia guardare abbastanza piacevolmente, nonostante il finale poco credibile [SPOILER: cioè, lol, per agguantare il montepremi, Elliot arriva ad amputare un braccio ad un suo ex compagno di scuola e a uccidere suo fratello e, quando ormai ha vinto, uccide un emissario del Gioco e perde tutto. Ma stiamo scherzando?!? o__O"]. 6.5/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Torta alle pere con crema di mandorle e cannella

Post n°3835 pubblicato il 12 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Tag: Cucina

Ingredienti:
- un rotolo di pasta frolla tonda
- 60 gr di mandorle spellate tritate
- un uovo
- 6 cucchiai di panna fresca
- 5 cucchiai di zucchero
- 3-4 pere mature
- un pizzico di cannella
- un pizzico di sale
- una bustina di tortagel
- acqua e succo di limone q.b.


Procedimento:
Sbucciate e tagliate a pezzetti le pere (tranne una), privandole del picciolo e del torsolo, e irroratele di succo di limone. Lavorate un uovo con lo zucchero e la cannella, fino ad ottenere una crema consistente; incorporatevi le mandorle tritate. Spianate la pasta frolla su una tortiera unta e infarinata e punzecchiatela con una forchetta. Ritagliate un disco di carta da forno un po' più grande della torta, appoggiatelo sulla pasta e versatevi dei fagioli secchi. Effettuate una prima cottura di 10 minuti a 220°C. Togliete la carta e i fagioli, e sulla pasta distribuite le pere a pezzetti, infine versate sopra la crema a ricoprire il tutto. Tagliate a fettine sottili la pera rimanente e distribuitele sopra la torta. Eseguite l'ultima cottura a 200°C per circa 25 minuti. Lasciate raffreddare. Preparate la gelatina seguendo le istruzioni sulla scatola e versatela sopra. Raffreddate in frigo per un'ora, prima di servire.

Risultato! E' venuta abbastanza bene, anche se ho fatto casino con la crema, visto che con le porzioni giuste è uscita troppo liquida. Per il resto è venuta bene, anche se diversa dall'immagine sul libro di ricette.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Cosa fa un cacciatore di vampiri se non ci sono più vampiri? Cucina

Post n°3834 pubblicato il 11 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Siu-ho, ex attore, si ritrova a essere una star in declino, separato dalla moglie e alienato da suo figlio. In preda allo sconforto e con appena un dollaro sul suo conto, Siu-ho decide di farla finita recandosi nella stanza 2442 di un complesso residenziale che si dice essere infestato dai fantasmi. Come non bastasse, arriverà anche un vampiro...

"Rigor Mortis" (orig. "Geung si") è un film horror cinese di Juno Mak, con Anthony Chan e Siu-Ho Chin, uscito nel 2013. Il film è un omaggio alla saga cinematografica anni '80 "Mr Vampire", di cui riprende gran parte del cast, girato dalla popstar Juno Mak, qui al suo esordio dietro la macchina da presa, e co-prodotto da Takashi Shimizu, responsabile di "Ju-On" e del remake americano "The Grudge". Il tema è quello dei Jiang-shi, cadaveri riportati in vita da potenti stregoni, che si muovono saltellando e vengono allontanati (anziché dall'aglio) dal riso glutinoso. Lo stile è molto particolare, lontano dai ritmi lenti degli horror koreani, ricco di scene coreografiche di derivazione wuxia (vedi il combattimento tra Siu-ho e lo Jiang-shi) ma anche delle tipiche "ragazze fantasma dai lunghi capelli neri". Con una trama poco originale e a tratti confusa, ciò su cui si punta di più sono la resa grafica, molto artistica, davvero ottima, con colori scuri ed effetti particolari (anche se non perfetti), e il folklore cinese (con taoismo, talismani, magia nera e quant'altro), molto interessante e diverso da quella occidentale. Il risultato è altalenante: ottimo dal punto di vista artistico, buono sotto il profilo recitativo, ma sicuramente non un capolavoro. C'è da dire, però, che l'horror asiatico, molto in auge nei primi Duemila, attualmente è piuttosto morente, quindi una (seppur flebile) ventata d'aria fresca non può che fargli bene. 6/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

.

Post n°3833 pubblicato il 10 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Tag: .

.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

.

Post n°3832 pubblicato il 09 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Tag: .

.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

.

Post n°3831 pubblicato il 08 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama:

"The Returned"

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Biscotti semplici alle fragole

Post n°3830 pubblicato il 07 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Tag: Cucina

Ingredienti:
- 250 gr di farina
- 150 gr di zucchero a velo
- 125 gr di burro
- 100 gr di fragole tagliate a pezzetti piccoli
- 1 uovo
- 1 cucchiaino di lievito in polvere
- 1 bustina di vanillina
- un pizzico di sale


Procedimento:
In una terrina capiente mettere la farina, il lievito e un pizzico di sale. Incorporare il burro fuso e amalgamare il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Unire l'uovo e mescolare. A questo punto, unire lo zucchero, le fragole, la vanillina e amalgamare fino a formare una pasta morbida. Lavorare la pasta su una superficie leggermente infarinata fino a che sarà liscia. Mettere la pasta in frigo a riposare per almeno 30 minuti, avvolta nella pellicola. Successivamente scaldare il forno a 200°C. Formare delle piccole palline schiacciate e metterle su delle teglie da forno (ricoperte con la carta da forno), distanziandole una dall'altra (cuocendo tendono ad allargarsi). Infornare e cuocere per circa 10-12 minuti.

Risultato! La pasta frolla (o simili) non fa proprio per me. Con un solo uovo, la farina non si impastava bene, così ne ho aggiunto un altro e l'impasto è uscito troppo liquido. Ho dovuto aggiungere altri 100/150 gr di farina e altri 50 gr di zucchero, perché tornasse solida, ma era ancora troppo viscida e collosa. Una merda, insomma. Per fortuna il tempo di raffreddamento e la cottura hanno un po' salvato la situazione e i biscotti sono venuti bene, abbastanza croccanti e leggeri.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

A tavola! ~ Wok Sushi (San Donà di Piave)

Post n°3829 pubblicato il 06 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Tag: Cucina

Ristorante "Wok Sushi", Via C. Vizzotto 58 - San Donà di Piave (VE)

[img]

Locale: 7
Piuttosto piccolo, rispetto alla media dei sushi wok, e poco tradizionale, è però un ambiente molto curato e accogliente. Molto comodi tavoli e sedie, anche se mancano grandi tavolate. Pulito il bagno (anche se ho sentito le ragazze dire che i loro erano sporchi). Non molto grande il parcheggio riservato (circa una decina di posti auto), ma nelle vicinanze ce ne sono altri.

Servizio: 7.5
Vabbè, il servizio non è che sia così fondamentale, visto che si tratta di self-service. Appena arrivati, un ragazzo ci ha chiesto se sapevano come funziona (in un ottimo italiano), dopodiché ci siamo arrangiati. Nulla da segnalare, cmq, anche per le bibite le cameriere sono state veloci.

Cucina: 8.5
Non enorme la scelta di pietanze (il Sushi Wok Umi di Jesolo e il Wok Marco di Marcon hanno più roba), ma era tutto ottimo, freschissimo e non pesante. (sperando la qualità non peggiori, col tempo, essendo cmq il primo mese) Oltre al cibo cinese, i tipici snack fritti e sushi. Molto buoni i dolci (di solito si trova solo frutta e gelato, mentre qui c'erano vari pasticcini).

Prezzi: 8.5
Ottimi i prezzi, anche se abbastanza nella media con il genere di ristorante (all u can eat). A pranzo il prezzo è di 9.90€, mentre a cena di 15.90€ (entrambi bibite escluse). Come sempre, la convenienza aumenta con la fame. Più si mangia, più conviene.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Retro-movie: "La maschera di ferro" (1998)

Post n°3828 pubblicato il 05 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: I moschettieri sono ormai anziani. Nelle segrete, intanto, languisce un prigioniero mascherato, triste e misterioso, mentre il giovane re tiranneggia il popolo e corre dietro le sottane. I moschettieri guidano la rivolta, ma D’Artagnan sta dall’altra parte… Toccherà a Athos, Porthos e Aramis trovare un modo per destituire il re tiranno...

"La maschera di ferro" è un film d'avventura di Randall Wallace ("We were soldiers"), con Leonardo DiCaprio, Jeremy Irons, Gérard Depardieu e John Malkovich, uscito nel 1998.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

L'ennesimo slasher totalmente inutile

Post n°3827 pubblicato il 04 Aprile 2014 da Musashi_87
 
Foto di Musashi_87

Trama: Dei giovani universitari arrivano nella piccola cittadina di Madison County per intervistare l’autore di un libro, che narra dei numerosi delitti efferati, avvenuti in quei luoghi negli ultimi anni. Ma quando i ragazzi giungono a Madison County non riescono a rintracciare l’uomo e gli abitanti della città si comportano come se non lo vedessero da anni...

"Madison County" è un film horror di Eric England ("Contracted"), con Matt Mercer e Katie Stegeman (entrambi riciclati poi in "Contracted"), uscito nel 2011. Secondo lungometraggio per England, dopo il mai-sentito "Hostile Enconunter" ('10), si tratta di una summa di cliché tipici degli slasher: un gruppo di ragazzi si reca in un paesino sperduto, incontra villici ostili e viene trucidato da un serial killer mascherato. Recitazione approssimativa (gran parte del cast ha partecipato in vari horror minori), dialoghi (per la maggior parte) totalmente inutili, trama trita e ritrita, uccisioni banalissime (coltellate), vittime che si comportano in modo insensato e si meritano la trucidazione, ecc... Penso sia chiaro che lo slasher sia il filone horror che meno sopporto, ma questo film ce la mette tutta per non risultare piacevole, dai. Le ragazze presenti sono tre e manco mezzo topless (il tettometro segna 0/10), il livello di gore è bassissimo (a parte qualche coltellata e una mazza da baseball in bocca, non si vede nulla) e i plot holes sono fastidiosi. L'unica cosa che salverei è la maschera del killer, dato che adoro le pig-masks (come quella di Saw). 4.5/10

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Dicono di me...

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

Musashi_87fio957LylandraPiccola_seta_biancacarlo.figusdatum_per_formammihaela_migeoalbert72Fanny_WilmotantropoeticoSeriaLE_SIRLORD.ALBERT_IIIrobert779psicologiaforenselizmn
 
 



 
hit counter


 

My Fanlistings




 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Meez

 

Ultimi commenti

Peccato...
Inviato da: Musashi_87
il 08/04/2014 alle 00:35
 
Tutto molto buono, sì *_*
Inviato da: Musashi_87
il 08/04/2014 alle 00:35
 
Allora la rifarò, tanto era semplicissima :)
Inviato da: Musashi_87
il 08/04/2014 alle 00:34
 
Ahah, vabbè, non è tanto credibile, cmq sai che ho sempre...
Inviato da: Musashi_87
il 08/04/2014 alle 00:33
 
Cazzo,questa era una vera prelibatezza!
Inviato da: Elisa s.
il 04/04/2014 alle 00:21