Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

 

La supposta

La supposta

Impiastri, camomilla, gargarismi,
pomate, surfamidici, fumenti,
sorfato, porverette, interocrismi,
impacchi calli, impacchi freddi, unguenti,
rimedi vecchi, onesti, a bôn mercato
mo nun servite più, tutto è cambiato.

Ar giorno d'oggi er medico v' attasta
(co' le donne se sa che l' attastata
magara è un tantinello prolungata)
ve bussa, v' arivorta e quann' abbasta
ve scrive la ricetta: 'gni matina
v'avete da infilà 'na suppostina.

Ciavete er mar de denti, er raffreddore,
un' urcera ar pirolo, 'na bronchite,
la mirza gonfia appuro er mar de côre,
la sciatica a 'na gamma, un po' d'artrite?
Er medico nemmanco a fallo apposta
v'ordina paro paro 'na supposta.



E pare ch'è un rimedio bôno assai
perché va in su e l'effetto è garantito,
qualunque male nun fallisce mai;
fa rbene sia a la moje ch'ar marito,
fa benone a la sôcera, ar compare
e fa bene in montagna com'ar mare.

È un carmante davero soprumano
pe' li nervi de certi deputati
scontrosi, litighini, marducati,
che vommiteno inzurti a tutto spiano
e prima de mannalli ar Parlamento
dovemo faje fa' l'esperimento.

È 'na cura un po' buffa, ce lo so,
che a dilla fra de noi nun ho capito
si è per uso interno oppuro no;
ma che je fa? Quann'uno c'è guarito
nun deve facce caso! E poi è de moda
a inghiottì da la parte de la coda.

È un sistema moderno, arinomato,
e già se parla de mijoramenti;
vedrete che sarà perfezionato
pe' da' soddisfazione a li pazienti.
State puro tranquilli che si dura
ciavremo le supposte su misura.

Nino Buzzi
Strenna dei Romanisti, 1962, pag. 120

 
 
 

La potatura

La potatura

Sfòrbicia qua, farcia là, nun je resta
manco più un zéppo addosso a 'st' arberone
a daje un'illusione de riparo:
gnudo se sente e rapata la testa.
E ce mastica amaro.

Lui lo sa ch'è de regola
potà ogni tanto l'arberi giganti.
Ma trovasse davanti
a un popolo de nani che a l' ariaccia
riggida de febbraro
s'àggita tutto, e chiacchiera, e spettegola
su li fattacci sui, je tufa forte.



Certo che, propio ar centro de lo spiazzo
che s'apre ne' la macchia, co' le braccia
monche, tozze, scontorte,
e intesito com'è, che figuraccia
l'hanno ridotto a fà! Pare un pupazzo
pe' spaventà l'ucelli.

E d' ucelli era pieno.
E tutti assieme, sciò! via pure quelli:
come cacciaje l'anima ... Ma arméno
nun poteveno sfugge a quer pignolo
che l'ha stroppiato, du ramette in croce?
In tant' avvilimento
- mo ch'è restato solo,
mo ch' è rimasto muto -
je sarebbe piaciuto fermà er volo
a un passero, tentà un filo de voce
a ogni bòtta de vento.

C.A. Zanazzo
Strenna dei Romanisti, 1962, pag. 344

 
 
 

La paternità

Post n°4086 pubblicato il 20 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

La paternità

Un Somarello scapolo un ber giorno
decise de sposasse una cavalla,
e fece una gran festa ne la stalla
co' tutti l'animali der contorno (1).
Ciannò la Mosca, er Ragno,
er Grillo, la Formica,
er Sorcio co' l'amica,
la Gatta cór compagno,
er Porco co' le fije,
la Vacca co' l'amante,
e un sacco (2) de famije
de bestie benestante.



Er Toro, che faceva er testimonio,
je recitò un sonetto d'occasione
su la felicità der matrimonio.
Er sonetto finiva: - Da l'unione
d'una coppia de spósi così belli
verrà fòra un bellissimo Leone!
- Ma no, te sbaji: - disse un Porcospino
che je stava vicino -
da una Cavalla e un Ciuccio nasce un Mulo.
- Lo sapevo da prima!
- rispose er Toro - Ma, per le signore,
ho preferito de nun fa' la rima ...
Eppoi, Mulo o Leone, è stabbilito
che, fra noi bestie, er fijo de la moje
è veramente fijo der marito (3)...

Note:
1 Del vicinato.
2 Un gran numero.
3 «Pater est quem nuptiae demonstrant».

Trilussa
1912

Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 408

 
 
 

A San Pietro Montorio

A San Pietro Montorio

A San Pietro Montorio, ossia ar Giannicolo,
come vonno chiamallo li paìni,
ce trovi sempre li tresteverini:
vanno su da 'gni piazza e da 'gni vicolo
òmmini, donne, vecchi e regazzini ...

Io m' aricordo ch' ero fanelletto
e annavo a ccercà' spesso l'occasione
de famme portà' a vvéde er funtanone
che cce mettevo drento er vaporetto -
quella pe' mme era propio 'na passione -.

E co' le sorellucce e li compagini
quante risate e quante scarmature! ...
A queli tempi se poteva cûre'
perché nun te sentivi a li carcagni
'na sfirza d' automòrbidi e vitture.



Mo invece è robba d'arimané tonti.
Coppie e coppiette, llì, senza riguardi,
fanno l'amore avanti a Garibbardi:
ce vèngheno insinenta da li Monti
sia de matina che de sera a ttardi ...

C'è più gente lassù che drento Roma.
Servette, pizzardoni, gelatari,
vennitori ambulanti, fusajari,
preti, frati, colleggi e poi 'na soma
de paìne e ppaìni tanto cari.

E vanno vedé' tutti er panorama
de case, monumenti e ccampanili;
tutti vanno vedé' Villa Panfili ...
ma la quiete e er riposo ch' uno abbrama
da che parte sta ppiù? Da li cortili!?



Così ce tocca a camminà' ppe sguincio
pe' ffaje posto e nun paré scortese,
però vorebbe dìje ... in lingua ingrese:
Ma cce venìmo mai nojantri ar Pincio?
Ma vv'ingombramo mai Villa Borghese?!

Pietro Belloni
Strenna dei Romanisti, 1962, pag. 94

 
 
 

La pulenta

La pulenta

Come mamma votava dar callaro,
la pulenta su' la spianatora;
nojantri assieme a nonno, nonna e tata,
armati de forchetta e de cucchiaro,
tutti felici:
facemio a gara pe la pappatora.
A sor moderno, nun fatte meravija,
si 'na vorta un cucchiaro de pulenta,
teneva unita tutta 'na famija.

Costantino Bosca
Strenna dei Romanisti, 1966, pag. 27

 
 
 

Lucciole, Fiori preferiti

Lucciole

O lucciolette che sbrilluccicate
come occhietti de pupi,
è lontano quer tempo
quanno v'impriggionavo tra le mano.
Adesso ch'è rimasto
de quell' epoca acerba?
Aripassà su un prato
e godemme l'odore de quell'erba.

Alvaro Brancaleoni
Strenna dei Romanisti, 1962, pag. 76



Fiori preferiti

Ma che palazzi, ville, o machinoni ...
quanno sto rifuggiato
ne' la casetta mia
vivo quer ch' ho sognato.
Me strigno la sposetta e Pupa mia
sur core mio e, allora sì, me sento
d' avecce tutto quanto er monno in mano! ...

Alvaro Brancaleoni
Strenna dei Romanisti, 1962, pag. 76

 
 
 

La pajata co' li rigatoni

La pajata co' li rigatoni

Co' 'sta giannetta fresca, improvvisata,
dovete ariscallà la famijola,
li pupi ch'aritorneno da scóla
co' 'n attrippata bóna de pajata.
Però, 'sto pasto, che 'gni gola attira ...
cià un boja difettaccio: s'aritira! ...

Pe' sette, un par de chili, mica avanza:
pulitela e levateje la pelle,
tajatela, legatela a ciammelle:
nun la spremete, perde la sostanza.
Fresca de la giornata, e sia de manzo,
che co' li rigatoni è un forte pranzo.

Tirate in cazzarola un bón sughetto
co' un battuto de grasso de presciutto,
'na cipolla tajata, quarche ajetto,
er sellero, l'erbetta, un po' de strutto.
Poi soffriggete a fiamma regolata,
e a insaporì mettete la pajata.



Appena che sprofuma e se colora,
sventajatece er sale, er pepe fino,
un quarto bianco asciutto de Marino,
e incoperchiate prima che svapora.
'Na scatola de "salza" que' la pura,
un goccio d'acqua, 'n'ora de cottura.

'Gni tanto l'assaggiate, e quann'è cotta,
v'avvertirà l'odore appetitoso:
'gni «rotella» è un boccone delizzioso
che scivola e va giù ... puro se scotta.
Poi in pila l'acqua, er sale, e, jotti e bómi,
mettetece a bollì li rigatoni.

Appena che so' ar dente de sicuro,
scolateli ar piattone, ar tavolino,
infrascatece er sugo, bionno-scuro,
co' un par d' etti de "cacio" pecorino.
E sopra c'infiorate la pajata ...
gustosa a' latte, bóna, profumata! ...

Alfredo Bargagli
Strenna dei Romanisti, 1962, pag. 34

 
 
 

Er Principe romano

Foto di valerio.sampieri

Er Principe romano

S'opre la "scalarola " e, sopra un sauro,
entra er Principe: un Principe romano
cor cappello pe' sguincio; lo saluteno
e lui ride e risponne co' la mano.

Je sfrezza avanti er più anzianotto, Menico ...
"Eccellenza, commanni!". "C'è er fattore?".
Risponne Sua Eccellenza a voce greve,
"Chiamelo, e intanto porteme
pane, cacio e da beve".

Ar fattore che ariva de fughenza:
"Indove sta er massaro?". "Sta ar procojo
de le vaccine ... ". "Lo vojo ...".
E fa chiamà la gente de dispenza.

"Er vergaro? Ch'ha vinto quarche tommola,
che ce so' tutti e lui nun se fa vede? ".
"È ito co' li butteri
a richiede le bufole, a richiede,
ma vedo che rivengheno ...". "Benone,
ariduneli sott'ar capannone".

E fa portà le bestie ar funtanile.
"A proposito, dì, quanno se miete?".
"Data ch'è stata bona la staggione
a luna nova". "Fa chiamà er prete,
fa portà un po' de vino e du' preciutti,
dà da beve a chi ha sete
e che gnisuno resti a denti asciutti".

Poi rimonta a cavallo e mentre abbriva
verso Casal Morena
nun senti che un saluto a voce piena:
"Viva er principe nostro! Evviva! ... Evviva! ...".

Romolo Lombardi
Strenna dei Romanisti, 1962, pag. 17

 
 
 

La fontanella der giardino mio

La fontanella der giardino mio

Alla cara memoria
di Augusto Jandolo

Si chiudo l'occhi l'arivedo tutta
la scena de quer Maggio, ar giardinetto
tutto pieno de sole, a via Margutta.
Rivedo ancora sur tavolinetto
la lente c'addoprava, que' la grossa,
e un vaso antico co' 'na rosa rossa.

Quanno ch'entrai scriveva ... Ner giardino
pieno de luce e de silenzio, er vento
profumato de Maggio, 'gni tantino
je spostava la chioma Sua d'argento ...
Me vidde e m'abbracciò co' quer calore
che me faceva tanto bene ar core.



- Senti - me disse ansioso - si te piace ...
Sfojò un libbrone e me guardò un pochetto
- Ho scritto un lavoretto tra la pace
de 'sto giardino, ma nun è un sonetto ...
si è bono nun lo so nemmanco io:
La funtanella der giardino mio .

E lesse que' la bella poesia
cara a noi, cara a Lui principarmente
pe' li ricordi e pe' la nostargia
de 'n'passato mai morto ne' la mente.
Sfilò la rosa dar vasetto antico
e me la dette. - Omaggio de 'n'amico!

Quanno ripenzo a que' la matinata
de Maggio, a que' la rosa, a quer giardino
me sento mancà er fiato, e que' la data
dell'undici Gennaro, ch'er Destino
m'ha scritto a lettre nere dentr'ar core
è stata e sarà sempre un gran dolore.

Armando Morici
Da: Strenna dei Romanisti, 1952, pag. 35

 
 
 

Concerto

Post n°4079 pubblicato il 18 Agosto 2017 da valerio.sampieri
 

Concerto

Dietro 'na staccionata
c'è 'n'abbeveratore tra du' pini
ch' è ricetto sicuro a la nidiata
de tanti rosignoli canterini.
Quanno che c' è la luna e nun c' è vento
spesso la notte canteno
motivi che t'inchiodeno;
te fanno sfragne er core.



Er pisciolà dell'acqua
ne l' abbeveratore
fa l'accompagnamento.

Augusto Jandolo
Da: Strenna dei Romanisti, 1952, pag. 1

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

michelosiwoeaeossidianaoroNORMAGIUMELLIvincenza_cvollyperperfect_travel0beppeciro2301lultimodellaclasseocchi.verdemareMariza55teo.pistilloorsini.cramthe.pink.shaderaffige
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom