Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

Lo scolo der 2017

Post n°4426 pubblicato il 30 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

Lo scolo der 2017

E puro pe' quest'anno l'ho sfangata ...
aspetta nu' lo dimo troppo presto,
che 'r tempo de cornaccia ce n'ha 'n cesto
e a l'urtimo te dà 'na buggiarata.

Rispetto all'urtim'anni, questo annato
nimmanco è stato poi così puzzone;
er diciassette, ne la mi' oppignone,
doveva d'èsse 'n anno assai jellato.

Propositi li fai puro pe' 'st'anno
e poi confidi ne la bôna sorte,
che nun te dìi dolore e manco affanno.

Serenità, salute e tant'amore
possino allontanà le cose storte
e doppo tutti a ringrazzià er Zignore.

Nota:
Il titolo vuol dire "la fine del 2017". Il termine "scolo", in questa accezione, è stato usato dal Belli nel sonetto "Lo scolo der 34" del 31/12/1934.

Valerio Sampieri
22 dicembre 2017

 
 
 

37 anni, Patr

Post n°4425 pubblicato il 27 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

37 anni, Patrì

Ricordi puro tu quelo ch'è stato?
Me sei arivata lì, tutta de bianco
e te sei messa a séde là ar mio fianco,
innanzi ar prete che poi cià sposato.

Quanno che sei arivata, m'hai baciato;
parevi 'na nuvola su quer banco:
te guardo tutto er tempo e nu' me stanco
de 'sta delizzia ch'er Celo m'ha dato.

E doppo tutti 'st'anni 'n sei cambiata:
anche mo che sei donna e no bambina,
sei sempre la regazza delicata

che m'ha saputo dà bei fiji in sorte,
che me dà gioia 'gni sera e matina,
ch'amerò sempre, fino a la mi' morte.

Valerio Sampieri
27 dicembre 2017

 
 
 

Ve devo da spieg

Post n°4424 pubblicato il 26 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

Ve devo da spiegà

Ve devo da spiegà 'n principio serio,
er Celo v'ha voluto propio bene,
ve dice "Nun dovete avé più péne":
v'ha arigalato me, che só Valerio!

Quanno che sorge er sole io me svejo
e come lui io porto luce ar monno.
Dormite perch'io vejo sopra er sonno,
dormite puro, perché forse è mejo.

E sai perché io nun ve vedo moggi?
Cantanno io er miracolo ho compiuto,
come li Vati d'ieri e puro d'oggi.

E doppo ch'er sonetto hai terminato,
si tu alle mi' frescacce ciài creduto,
vôr dì t'ho veramente sminchionato!

Valerio Sampieri
26 dicembre 2017

 
 
 

Natale 2017

Post n°4423 pubblicato il 24 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

Natale 2017

Com'è, come nun è, quann'è Natale
me vié la voja de fà 'n penzierino,
nun dico de nun fà più er biricchino,
ma fà 'n penziero vero, uno che vale,

presempio quelo de nun fà più male,
de fà le cose tutte pe' benino,
de stà candido come 'n agnellino,
inzomma d'èsse bôno in generale.

Ecco ... mó è la Viggija e m'è passata
la voja de volé più bbene ar monno!
Io je regalerebbe 'na frustata

a tutta quela gente in tonno in tonno,
però dovemo fà la sceneggiata
e finge d'esse bbôni fino in fonno.

Ma nun fà er furibbonno!
Dev'èsse artro, quelo che te preme,
passà 'sto bèr Natale tutti insieme.

Nun pensà a cose sceme,
ciài moje, li nipoti, fiji e fija:
che vôi de più de stà bene in famija?

Valerio Sampieri
23-24 dicembre 2017

 
 
 

mejjio perde un bon'amico che una bbona risposta

È mejjio perde un bon'amico che una bbona risposta

Jjer ar giorno pe vvia de sto catarro
der mi' pover'uscello arifreddato,
maggnat'appena du' cucchiar de farro
curse (1) da quer cirusico arrabbiato.

Ma io c'una ch'è una nun n'ingarro (2)
te lo trovai che ggià sse n'era annato
in frett'e in furia a rinnaccià uno sgarro (3)
co lo spezziale, er medico e 'r curato.

La mojje che mme vedde mette a ssede (4)
disse inciurmata: (5) «Ihì! ppuro (6) la ssedia!
Ve dà ffastidio d'aspettallo in piede?»

«Che! vve la logro? (7) », io fesce (8) a la scirusica:
«pozziat'êsse (9) ammazzata a la Commedia!
Accusì armanco (10) creperete in musica».

Note:
1 Corsi.
2 Non ne indovino.
3 A medicare una ferita.
4 Mi vide mettermi a sedere.
5 Ciurma: cipiglio.
6 Pure.
7 Logoro.
8 Dissi.
9 Possiate essere.
10 Almeno.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 17 novembre 1831 - D'er medemo
(Sonetto 240)

 
 
 

Er somaro filosofo

Post n°4421 pubblicato il 21 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

Er somaro filosofo

-Ah! biù! (1) Cammina! Ah! biù... -
Er vecchio Ciuccio che stracina er carico
propio nu' ne pô più.
- Come fatichi, povero Somaro!
-j'abbaia un Cane - E indove vai de bello?
- Devo portà 'sta carta ar salumaro (2)
- risponne er Somarello -
Sarà quarche quintale, capirai!
Se tratta de la resa d'un giornale...
- De quale? - Nu' lo so, ma pesa assai! -

Subbito er Cane, inteliggente e pratico,
guarda er caretto e dice: - Ho già capito:
dev'esse l'Avvenire Democratico
che stampa li programmi der partito,
eppoi de tanto in tanto li raduna
in tutte balle da un quintale l'una. -

Er Somaro cammina a testa bassa
sotto le tortorate (3) der padrone:
ogni botta che scegne sur groppone
la sente rintrona ne la carcassa,
e intanto pensa: «La democrazzia
è stata sempre la rovina mia!»

Note:
1 Voce d'incitamento.
2 Salumiere.
3 Le bastonate.

Trilussa
1920
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 425

 
 
 

Le cose nove

Le cose nove

Ma ttutte ar tempo nostro st'invenzione?!
Tutta mó la corona je se sfila! (1)
P'er viaggià ssolo sce ne sò (2) ttremila!
Pell'aria abbasta de gonfià un pallone;

pe tterra curri scento mijja in fila,
senza un cazzo (3) cavalli né ttimone;
pe mmare sc'è una bbarca de carbone
che sse (4) spiggne cor fume de la pila.

Ma in quant'ar mare io mo dimannerìa (5)
s'oggi un cristiano co st'ingegni novi
pôzzi scampalla (6) de finì in Turchia.

Perché cquer palo che llaggiú tte covi (7)
poderebbe sturbatte (8) l'alegria.
Ggià, ppaese che vai (8a) usanza che ttrovi.

Note:
1 Sfilar la corona: metter fuori tutto di seguito.
2 Ce ne sono.
3 Affatto.
4 Si.
5 Dimanderei.
6 Possa scamparla.
7 Ti covi: Covare per «avere sotto».
8 Potrebbe sturbarti.
8a Aiu: trittongo alla maniera dei classici che fecero altrettanto; per esempio: Monosillabo: «un paio di calze di messer Andrea» (Berni); Dissillabo: «Farinata e il Tegghiaio che fur sì degni» (Dante); Trisillabo: «Non sia più pecoraio, ma cittadino» (Berni); «Perch'io veggio il fornaio che si prolunga» (Della Casa); Quadrisillabo: «Con un rinfrescatoio pien di bicchieri» (Berni), ecc.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 17 novembre 1831 - D'er medemo
(Sonetto 239)

 
 
 

Sessantasette

Post n°4419 pubblicato il 12 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

Sessantasette

Eccheli che 'sti fregni só' arivati,
Possibbile che só' sessantasette?
Stò qui, ciò freddo e batto le brocchette
e più ciò freddo e più anni só' passati.

Pe' mó ciò solamente su la pelle
'sto gelo che dovrà portamme via;
ne l'anima ciò ancora l'armonia,
ner véde i fiumi, er celo, mare e stelle.

Comincio a arivedé quelo ch'è stato,
'gni cosa bella che me fà gioì,
e tutte le perzone che ho amato.

Me chiedo spesso chi lo sa perché
ce tocca 'sto carvario e poi morì:
pe' mó stò bene, Amó, resto co' te.

Note:
v.1, 3, 4, 7, 8, 9, 13, 14: sinalefe.
v.3: battere i denti dal freddo; Belli dice che le brocchette sono, invece, le ginocchia.
v.11: dialefe e sinalefe ("che ho amato")

Valerio Sampieri
11 dicembre 2017

 
 
 

Chiamateme er poveta

Post n°4418 pubblicato il 08 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

Chiamateme er poveta

Só tutto tronfio perché só poeta:
me metto a sede lì su la portrona,
fumo la pippa, che 'n po' me rintrona,
appizzo er grugno come fà 'n asceta.

Sortanto che l'assenzio me disseta,
la voce da la bocca me risôna
-a culo de gallina, ché me dona!-
libbrannose da 'st'anima inquiëta!

Ammazza che fortuna che ciài, Cocco,
avé incontrato 'n ômo come me,
che te potrà imparà che cos'è l'arte!

Io só poeta, quinni stò in disparte:
só penzatore, si lo vôi sapè,
medito tanto, ... tanto che m'abbiocco.

Valerio Sampieri
7 dicembre 2017

 
 
 

Feste

Post n°4417 pubblicato il 04 Dicembre 2017 da valerio.sampieri
 

Feste
Per l'arrivo del Re a Roma

Dice che ar Municipio, in occasione
Dell'arrivo del Re nostro Soprano,
Abbino preso la risoluzione
De festeggià quer giorno, uso romano.

Pe Roma ce sarà illuminazione
Fatta da un lampionario urtramontano: (1)
Poi a Piazza Venezia un funtanone
Hanno ordinato e cianno messo mano.

Tutta la gente che l'ha visto approva
Questa risoluzione ch'hanno presa,
E per ora difetti nun ce trova.

Pe me, però, dovenno fa la spesa,
Pe fa na cosa mejo, e poi più nova,
Ciavrebbe fatto fabbricà na Chiesa. (2)

Note:
1. Il Cav. Ottino che fece fiasco colla sua illuminazione.
2. Perché a Roma abbondano in grande abbondanza Chiese e Fontane.

Augusto Marini
1872
Da: Cento sonetti in vernacolo romanesco, Perino 1877, pag. 52

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcello.morisaniteresinaurgeseNORMAGIUMELLIviola8591solosorrisomolto.personaleVince198nina.monamourlucre611valerio.sampieriElemento.ScostanteBloggernick10amorino11Fosco1980
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PU SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom