Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Messaggi di Marzo 2017

L'ecologgìa

Post n°3742 pubblicato il 31 Marzo 2017 da valerio.sampieri
 

L'ecologgìa

È ora che te 'mpari, fijo caro!
Si 'n sai nôtà, ne la monnezza affoghi,
nun serve che tu smoccoli e tte sfoghi,
pe' ffa cche 'r sangue nun sii troppo amaro!

Nun sai che ll'ômo, che ccapa bbacata!,
rischia de rovinà tutto l'ambiente?
Che 'r bucio ne l'ozzono è 'n gran fetente?
Che, si 'n cambia, la tera è condannata?

Tocca che dda tornà a li tempi antichi,
si vvôi che ttutto bbene va a ggirà
e nun vôi magnà 'e ccocc'e bbuttà i fichi!

Quanno che ttu raccoji la monnezza,
poi tocca che la devi da bbrucià
e ll'equilibbrio ... bbumm! ... è 'na schifezza!



P'avé la contentezza,
bbisogna rispettà l'ecologgìa,
mortacci de tu' nonna e de tu' zìa!

E la sìnnaca mia,
pe' nnun creà squilibbrio de natura,
ce fà affogà drento la spazzatura!

Valerio Sampieri
31 marzo 2017

 
 
 

'Na serva ch'è peggio...

'Na serva ch'è peggio d'un furmine

Nun è giorno che sento er campanello,
Zompo da letto, vado a svejà er coco,
Curro in cucina, pijo un sorfanello (1)
E lì co du' cannucce accènno er foco;

Je pulisco la gabbia de l'ucello,
J'arifò er letto, porto l'acqua al loco,
Je vòto, scópo casa ... embè? er più bello, (2)
Che pe' lei tanto è sempre troppo poco



Quer che je fo; se (3) tratta ch'è capace
De strapazzàmme, e s'arrabbia, e ne dice ...!
E nu' me lassa stà un momento in pace.

Io, c'è de bono, che nun ce fo caso;
E si ce (4) sto, ce sto p'er sor Filice,
Ché lui me tiè come la rosa ar naso.

Note: 1 Fiammifero. - 2 Il più bello è, ecc. - 3 Si. - 4 Se ci.

Luigi Ferretti
Centoventi sonetti in dialetto romanesco, Firenze, G. Barbèra, Editore, 1879, pag. 99

 
 
 

Caino

Caino

Nun difenno Caino io, sor dottore,
ché lo so ppiú dde voi chi ffu Ccaino:
dico pe ddí che cquarche vvorta er vino
pò accecà l'omo e sbarattajje er core.

Capisch'io puro che agguantà un tortore (1)
e accoppacce un fratello piccinino,
pare una bbonagrazia da bburrino, (2)
un carciofarzo (3) de cattiv'odore.



Ma cquer vede ch'Iddio sempre ar zu' mèle
e a le su' rape je sputava addosso,
e nnò ar latte e a le pecore d'Abbele,

a un omo com'e nnoi de carne e dd'osso
aveva assai da inacidijje er fele:
e allora, amico mio, tajja ch'è rosso. (4)

Note:
1 Pezzo di ramo di albero.
2 Contadino romagnolo.
3 Calcio falso: tradimento.
4 Frase usata per esprimere l'abbandono di ogni riguardo od esitazione. È metafora presa dal tagliare i cocomeri.

Giuseppe Giaochino Belli
Terni, 6 ottobre 1831 - D'er medemo
(Sonetto 184)

 
 
 

O brievi e chiare notti...

O brievi e chiare notti, o lunghi e negri

O brievi e chiare notti, o lunghi e negri
giorni, o ombre lucenti, o luce obscura,
luce che lume agli occhi aperti fura,
ombra che i chiusi di chiar lume allegri!

O sonno obscur, che e pensier' ciechi et egri
converti in visïon di luce pura,
o imagin del morir, qual mentre dura
veggo, odo e sento, e' miei disir' ho intègri!



O mia troppa dolcezza, di te stessa
mortal nimica, che al disio davanti
mio ben poni, e poi fuggi, onde io mi doglio!

O infelici sonni delli amanti,
dapoiché, quando ho piú quel che piú voglio,
lo perdo, e fugge allor che piú s'appressa!

Lorenzo De' Medici (1449-1492)

 
 
 

Gli occhi verdi dell'amore

Post n°3738 pubblicato il 30 Marzo 2017 da valerio.sampieri
 

Renato Dei Profeti - Gli occhi verdi dell'amore

Io camminavo nella notte,
oramai non dormo più
quando ho incontrato una ragazza
che era sola come me
aveva il viso di un bambino
aveva tutto e sai perché ...

Aveva gli occhi dell'amore, verdi
come due lacrime d'amore, grandi
aveva gli occhi dell'amore, verdi
m'innamorai di lei
lei di me.

Abbiam girato per le strade
come rondini perdute
abbiam vissuto mille anni
nello spazio di due ore
quando il mattino ci ha svegliati
senza parlare L'ho baciata ...

Aveva gli occhi dell'amore, verdi
e L'ho baciata perché amo lei
aveva gli occhi dell'amore, verdi
m'innamorai di lei
m'innamorai di lei
lei di me
hm hm hm hm hm
lei di me.
Credi, credi ...

Aveva gli occhi dell'amore, verdi
come due lacrime d'amore, grandi,
Aveva gli occhi dell'amore, verdi
Come due lacrime d'amore, grandi...

Brano originale: Angel of the morning di Merrylee Rush & The Turnabouts - P.P. Arnold

 
 
 

Dubbi e supposizioni

Dubbi e supposizioni

Ma come è ch'er Pontefice se sbaja
Si de lassù je viè la spirazione?
Ner quarantotto benedì l'Itaja,
Diede insinenta la Costituzione.

Mo ce tratta da eretichi e canaja,
Ce scomunica senza suggizione,
E li francesi invita a la battaja
Pe venicce a caccià dar Cuppolone, (1)



Sta maniera d'aggì chiaro me prova
Che fra la Trinità c'è gran scompijo,
E gnissuno d'accordo più se trova:

Oppuramente nun me maravijo
Che lo Spirito Santo ha fatto l'ova,
E quello che c'è adesso sarà er fijo.

Nota: 1. Cupola di S. Pietro.

Augusto Marini
1871
Da: Cento sonetti in vernacolo romanesco, Perino 1877, pag. 40

 
 
 

So che tu non credi

Post n°3736 pubblicato il 29 Marzo 2017 da valerio.sampieri
 

I ragazzi del sole - So che tu non credi



Il brano è la cover di quello intitolato Something you got, cantato nel 1966 da Wilson Pickett.

 
 
 

Core morto

Core morto

E' la staggione bella de Le rose;
La tera pare propio un paradiso,
Er sole brilla, er celo fa er soriso
E l'aria dice tante belle cose,
Dice tra lo sp(rofumo d'ogni fiore
- Amateve ch'è er tempo de l'amore -

Er passero tramezzo a la campagna
Canta un poema pieno d'allegria, ...
Cantanno je risponne la compagna;
Ma io che vivo senza Nina mia
Me sento drento ar core 'na gran smagna
E me consumo de malinconìa.

'Na rondinella che cor dorce canto
S'è venuta a posà su la loggetta
Ogni tantino me svolazza accanto...
La sto guardanno da 'na mezz'oretta,
Forse vierà laggiù dar camposanto
E me porta er saluto de Ninetta.

Ormai pe me è finito tutto quanto,
Nun ciò felicità, nun ciò un conforto.
Passo la vita mia tramezzo ar pianto;
Tutto l'amore mio sta là, sepporto
Drento a 'na pôra fossa ax camposanto,
Perciò a gni effetto questo core è morto.

Antonio Camilli
Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag. 91

 
 
 

Er vino de Genzano

Er vino de Genzano

I


Come imbocca a Genzano
a la prima osteria,
a fojjetta a fojjetta brucia l' ore.
L'odore der trebbiano
è troppo forte in bocca
e se la sciacqua co la marvasia.

II

Hai stappato la boccia
e sversi er chianti, a goccia a goccia a goccia,
in un bicchiere de cristallo. Pietro,
damme er genzano in un bicchier de vetro.



III

Una ventata spalla l'Infiorata
e dar tinello de via Livia cola
colore der rubbino
una marrana: a galla
er petalo de rosa, de viola,
de garofolo
e bevo fiori e vino.

IV

Un bucale per omo
brinato da la grotta
e nun se sciupi
manco una goccia! Er gotto pieno in mano,
io t'offro l'occasione d'èsse omo.
Come sfuma l'effetto der trebbiano
tornamo (l'uno azzanna l'artro) lupi.

Mario Dell'Arco
Strenna dei Romanisti, 1968, pag. 120

 
 
 

Er medico

Er medico

Vôi sapé cchi è sto medico dell'oggna, (1)
ch'io nun faria castracce una castaggna?
È cquer tufo, (1a) quer fijjo de caroggna,
che vvenne ccqui da Strongoli a ppedaggna, (1b)

Principiò, ppe strappalla, (1c) a ddà l'assoggna (2)
a le bbastarde (3) de piazza de Spaggna:
poi cor un ciarlatano annò a Bbirboggna
a ffà le paste frolle (4) de Raffaggna. (5)



E ppe l'appunto ar fatto de la viggna,
diventato dottore de la Zzuggna, (6)
era tornato a mmedicà la tiggna.

Fu allora che ppe via de la caluggna
che llui diede a la mi' frebbe maliggna,
te j'atturai la bbocca co sta bbruggna. (7)

Note:
1 Dell'unghia: medico da nulla.
1a Zotico.
1b A piedi.
1c Procacciare la vita alla meglio.
2 Dar la sugna: blandire, star d'attorno ad alcuno per fini particolari.
3 Specie di cocchio, e figlie di meretrici che avevano asilo e immunità nelle giurisdizioni del Palazzo di Spagna. Da vari anni ne sono state eliminate. Insomma, il nostro dottore faceva in origine il ruffiano.
4 Lavoratore di paste frolle: agire con artificio e malizia.
5 Frode.
6 Parola insignificativa, che sta per «nulla» e si profferisce talora nelle esclamazioni d'impazienza. Oh la zugna!
7 Brugna, per «risposta a proposito».

Giuseppe Giaochino Belli
Terni, 6 ottobre 1831 - D'er medemo
(Sonetto 183)

 
 
 

Er coraggio

Er coraggio

Mentre un Gatto dormiva in un cantone
un Sorcetto lo vidde e scappò via,
e appena s'accertò che la distanza
era granne abbastanza
je disse: - Addio, puzzone (1)! -
Naturarmente, quello,
saputo come staveno le cose,
l'agnede (2) a trova a casa e je propose
una sfida ar duello.
Ma er Sorcetto, che s'era già anniscosto
nun ve dico in che posto, j'arispose:
- Doppo ch'hai massacrato Dio sa come
mi' padre e mi' sorella,
che, come Sorca, s'era fatta un nome,
vôi puro scanna a me? Sarebbe bella!
È inutile che fai l'ammazzasette,
ch'io nun accetto sfide, in generale,
perché er principio nun me lo permette:
eppoi benanche me facessi a fette
resteressi un puzzone tale e quale.

Note:
1 Espressione di grande dispregio; a Napoli, fetente.
2 L'andò.

Trilussa
Trilussa, Tutte le poesie, Mondadori, 1954, pag. 342

 
 
 

Il sarcasmo

Il sarcasmo

....Animos aliena opprobria saepa
Absterrent vitiis.
(Hor., Sat. I., 4.)

Qualor cupo e torbido
Mi avanzo, mi mostro,
Recando bazzecole
D' acidulo inchiostro,
Mi guarda la gente
Con volto ridente.

Guardar vi sollucchera?
Sorrider volete?
Su ciò non è disputa:
Guardate, ridete.
D' inverno, d' estate,
Ridete, guardate.

Ma poi che di causa
Niun fatto è mai privo,
Del vostro sorridere
Ne avrete un motivo.
Han nodo assai stretto
La causa e l' effetto.

Però, senza aggiugnere
Scilomi soverchi,
Val meglio che il bandolo
Su me lo ricerchi,
E meco mi avvisi
De' vostri sorrisi.

Senz' altri arzigogoli,
Miei bravi signori,
Quel c' ho nelle viscere
Lo svescio al di fuori:
Di questa allegria
La colpa è la mia?

Fors' è ch' io v' inciuscheri
Di tali strambotti,
Ch'io credali nèttare
Che paianmi ghiotti,
E sien cerboneca
Versata alla cieca?

Fors' è ch' io vi abbeveri
Di un' onda castalia
Sforzata a discendere
Pe' fossi d' Italia
Fra steppe, fra lande
Dal Pindo al mar grande?

Son io la fantasima
Del fu Sperandio?
Del ceffo de' satiri
Lo specchio son io?
La scimia di Flacco?
La effigie di Macco?

Son quel da Monopoli
Regnicolo Querno,
Che un serto di cavoli
Già s' ebbe in ischerno,
Qual' archipoeta
Fra stracci di seta?

Son quello da Bergamo
Ser Gianni Bressano,
Che versi a miriadi
Fe in tosco balzano,
E fugli concesso
Cantar di sè stesso?

In me torna a vivere
L' eroe Baraballo,
Che, in vece del Pegaso
O d' altro cavallo,
Salì trionfante
L' enorme elefante ?

In me si trasmigrano
Britonio e Gazoldo,
Che in gloria poetica
Minori a Bertoldo,
Sostenner la soma
De' fischi di Roma?

Ombè, seguitandoci
Sul nostro discorso,
Di farvi sorridere
N' ho quasi rimorso:
Il riso eccitato
Mel reco a peccato.

Eppur cose dicovi
Men liete che serie:
V' è molto da piangere
Su certe materie;
Nè il riso del cauto
Va scevro di pianto.

Il solo Democrito
Cercate voi spesso,
Ma poscia l' Eraclito
Trovate con esso;
E l' aspide uccide
Chi piange e chi ride.

Siam vivi in un secolo
Di piaghe fecondo,
Allor più mortifero
Che par più giocondo.
Nel braccio di druda
V' è il bacio di Giuda.

Il frizzo del satiro,
Che il riso ci svelle,
Titilla, solletica,
Ma brucia la pelle:
E cancro tremendo
Che strugge ridendo.

Scalcina, arde, stritola,
E stermina e infama
L' altar di quell' idolo
Che orgoglio si chiama.
Con poco si sbriga:
Ridendo castiga.

Abbuia la gloria
De' tronfi pedanti:
Accascia la boria
De' Cresi ignoranti:
Scompiglia, sparnazza
Le pompe di piazza.

Del baro vitupera
L' ipocrita vita:
Trae fuor della maschera
La fede mentita:
Fa mute le trombe:
Sbugiarda le tombe.

Riscatta la vedova
Dai ladri cavilli:
Dà voce alle lagrime
D' ignudi pupilli:
Rovescia la sorte
De' brogli di corte.

Del pseudo-filosofo,
Del vil demagogo,
Rivela le zacchere
Più degne di rogo:
Il vero interesse,
Le false promesse,

Le industrie di bossolo,
Le sordide cene,
Gli amori, gli spasimi
Pel pubblico bene ...
Chi il mondo trambusta
Dia sangue alla frusta.

I sogni politici,
Le larve, i lunari
Disperde ne' circoli
D' ebbriosi giullari:
Fa più che martello
Del riso il flagello.

È fuoco il sarcastico
Sorriso del vate,
Che lambe ed incenera
Le stoppie dorate,
La folgore scocca,
E zara a chi tocca.

Ma dove mi esagita
La improvvida bile?
Non vedo qui popolo
Da verga o staffile.
Qui è giusto ed onesto:
Non parlo di questo.

La gente ch' io macero,
Che inchiodo alla gogna
È l' empia, la lurida
Che il mondo svergogna
L' iniqua, la stolta ...
Ma qui non m' ascolta.

Giuseppe Gioachino Belli
21 maggio 1853
Da "Poesie inedite" di Giuseppe Gioachino Belli Romano, Volume 1", Roma, Tipografia Salviucci 1865, pagina 47-54

 
 
 

La denuncia de successione

La denuncia de successione

- Da alcune carte e qualche informazione
risulta, caro lei, che non ha fatto,
forse perché un po' labile e distratto,
la sua denuncia per la successione.

Sappiamo che testé, lo dice l'atto,
l'è morta una parente in Parïone,
ed ella, unico erede, ha l'occasione
di spiegar cosa ha avuto, oltre che il gatto ...



Sù, ci dimostri un po' di buonafede
e via quel viso incredulo e quegli occhi!
Di quali beni si dichiara erede?

Questa è l'eredità ch'ho ereditato:
beni mobili: cimici e pidocchi.
Immobili: 'no zio paralizzato!

Giorgio Roberti
Marzo 1971
Da: Roma in mutande (così nun se vergogna), Grafiche Alfa Editrice, pag. 48, 49

 
 
 

Ddu' rifressioni

Post n°3729 pubblicato il 27 Marzo 2017 da valerio.sampieri
 

Ddu' rifressioni

Dico, visto che ssei 'na meravija
e che sta cqui co' tte me pare 'n zogno,
da famme dì "Che cc'è de ppiù ch'agogno?",
pensannote, ciò d'asciugà le cija!

Scuseme se 'gni tanto me commôvo,
facenno la figura der fregnone,
mica che a mme mme casca er lacrimone ...
s'inumidisce l'occhio ... vaffa ll'ôvo!

Quanno che ttu te 'nvecchi, 'n ce só' ccazzi,
er piagnisteo ce ll'hai lì pronto 'n canna ...
sempre a ffrignà ... frignà ... ccose da pazzi!

Te piace da gustà 'n po' de dorcezza,
come cor maritozzo co' la panna:
la vita anche pe' cquesto è 'na bbellezza.

Valerio Sampieri
11-27 marzo 2017

 
 
 

L'acqua e er fôco

Colloqui

L'acqua e er fôco

Parla l'Acqua:


- Levo la sete a bestie, ommini e donne,
fò verde er prato e fò belli li fiori,
rinfranco stracche mente e stracchi cori,
dò refriggerio a tutti drento l'onne.

Co' me gnisuno mai ce se confonne,
nun dò sogni cattivi, né dolori,
sò stemperà le tinte e li colori
pe' dipigne li Santi e le Madonne.

M' à decantato puro San Francesco
m'à chiamato sorella, e me ne vanto,
ché a tutti dò sollievo e porto er fresco.

Ma da te, caro fôco, nun se sfugge;
tu porti lutto e lagrime sortanto,
perché tu sei la forza che distrugge ... -

Risponne er foco:

- Sarà come tu dichi, acqua curente,
ma io fò coce er cibbo e dò la vita,
e ciò io puro 'na virtù infinita
perché porto er calore a tanta gente.

L'inverno er poverello, tiette a mente,
s' ariscalla a 'na bracia incennerita,
e più de 'na cratura intirizzita
s'è sarvata p' er fôco solamente.

Io distruggo? ... Ma tu te sei scordata
quanno dài fora, e co le tu' pienare
fai la campagna tutta desolata?

È vero ch'io distruggo e fò terore,
ma, spesso, costruisco co' le fiare,
quanno ch'accenno er fôco de l'amore! ...

Clemente Giuntella
Strenna dei Romanisti, 1968, pag. 203

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

valerio.sampierilacky.procinobruno1947_2009Nuvola_volaloneranger13VENTONELVENTO0mauromntvNORMAGIUMELLIsolosorrisosergio.rovellithe.pink.shadeangel.64admarino.pasqualettohiltl
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom