Community
 
sarchiaponi...
   
Creato da sarchiaponicamente il 22/11/2010

SARCHIAPONICON

osservazioni "politicamente" scorrette

 

 

« Senza la "pistola fumante"Chi è meglio di me si trucca »

La retroguardia conservatrice sull'art.18

Post n°327 pubblicato il 21 Febbraio 2012 da a_tiv
 

Quella sulla flessibilità del lavoro e sull’art.18 può essere una bella battaglia a sinistra per tentare la scalata alla leadership. In questa contesa, nessun colpo sembra del tutto proibito e i protagonisti si scaldano i muscoli. 

Le premesse ci sono tutte, compresa la tentazione di Bersani di far saltare il banco del Governo, per andare a elezioni anticipate, assicurandosi la candidatura a premier, e provare a vincerle. 

Il PD è al centro di una diatriba interna per questioni di gestione e di candidature. Le spaccature favoriscono candidati alternativi che Vendola, leader del Sel, contrappone con astuzia ai candidati del Partito Democratico. Dopo Genova, infatti, rischia di implodere anche Palermo, dove vi sono 3 candidati, di cui uno solo del PD, ma vicino ai “rottamatori” del sindaco di Firenze Matteo Renzi e quindi non sostenuto da Bersani. Anche qui Vendola gioca la sua carta con la candidatura alle primarie di Rita Borsellino, sorella del magistrato vittima della mafia, e Bersani, terrorizzato dal pericolo di dover subire una nuova sconfitta, com’è successo già a Napoli, a Milano e a Genova, si è precipitato a sostenerla, a dispetto così del candidato del suo partito. 

Non ci sarebbe modo migliore, come nella vecchia scuola della prima repubblica, per ricompattare le diverse anime interne, che andare a elezioni anticipate, senza primarie, con la candidatura del leader del maggior partito della sinistra, a fianco dei sindacati, su battaglie di principio e chiamando i lavoratori a difendersi dalle regole rigide del mercato. Una battaglia tutta ideologica. 

Chi sospinge il PD a dilaniarsi, però, più che la Cgil della Camusso, che guida il sindacato a difendere l’art. 18 sulla flessibilità in uscita, è il leader di Sinistra e Libertà, Niki Vendola.
A sinistra c’è anche chi prova ad aprire il confronto sulle scelte, come deve essere in un partito democratico, per allargarsi verso le aree più moderate del Paese, per affrancare la sinistra dallo schiacciamento su posizioni visibilmente ideologiche. Si pensi al Prof. Ichino, ad esempio. C’è il tentativo nel PD di ragionare sulle cose, senza farle diventare subito battaglie di principio, ma Di Pietro, o Vendola, o tutti e due insieme, laddove possono spaccare la base del PD ci vanno giù duro per la conquista di fette di elettorato tradizionale della sinistra.
Il PD per difendersi si deve adeguare e, nei fatti, sono loro, Vendola e Di Pietro, che ne stabiliscono la linea politica. 

Non è facile il compito di Bersani, pressato tra la ragione di un partito che guarda alle soluzioni, pesando le diverse opzioni, e la difesa dall’aggressione del fuoco alleato. Non riesce bene ai democratici di sinistra la copertura dei margini, pur provandoci, come sull’art.18 con Veltroni da una parte e con Fassina dall’altra. Non riesce al PD il gioco delle parti per tenere in armi, motivandola, sia la base ideologica, radicata sul “non possumus”, che quella più pragmatica che guarda al governo di domani in cui la sinistra può essere chiamata a giocare il suo ruolo. 

Far fare a un Governo tecnico il lavoro difficile, appellandosi al bene del Paese in difficoltà, sarebbe la soluzione ottimale per la sinistra. Nella “flessibilità in uscita”, infatti, c’è la soluzione per rilanciare gli investimenti, per recuperare la crescita, per contenere la disoccupazione e per dare risposte di speranza ai giovani che si vogliono affacciare sul mondo del lavoro. Per un partito che ambisce a governare dal 2013 per i successivi 5 anni questa sarebbe un’ottima occasione. 

E’ in errore chi, come Vendola, pone la questione dell’art.18 come una contesa tra destra e sinistra, è lui il manicheo che vorrebbe sostituire il confronto politico tra buoni e cattivi. Se fosse vera la sua semplificazione, in Europa l’unico Paese con una piattaforma sociale di sinistra sarebbe quello italiano. Pur senza l’art.18, però, non mancano le conquiste sociali altrove, e più che in Italia, e per cose più concrete rispetto alle fumosità che ispirano il Governatore pugliese. Non mancano i servizi che funzionano, e che contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei cittadini, ed anche il rispetto dei diritti dei lavoratori, senza tanta conflittualità e con meno stress per tutti. 

Quali diritti vorrebbe difendere Vendola se la disoccupazione giovanile sta diventando un dramma sociale e se si stanno perdendo posti di lavoro? Quali se non ci sono investimenti perché l’Italia è un Paese a rischio per gli investitori italiani, e tanto più per quelli stranieri? La Burocrazia, la giustizia, l’instabilità politica, i sindacati capricciosi e litigiosi, le normative che cambiano come le mode e le stagioni, infatti, fanno dell’Italia, per gli investimenti di capitali esteri, il fanalino di coda dell’Europa. 

Conquiste sociali, buona politica, cultura del lavoro … Vendola conta balle, come al solito, ed utilizza le sue narrazioni monche del risultato finale. Se siamo a questo punto in Italia è perché ci sono state troppe “narrazioni” sconclusionate. 

Il lavoro va creato, non piove dall’alto. Va organizzato attraverso contratti che consentano reciproci interessi, senza neanche pensare alle “semplificazioni manichee” paventate dal “poeta” pugliese. Questo suo modo di vedere e narrare le cose appartiene a una vecchia cultura politica. Soffre di anacronistiche incrostazioni ideologiche. Fa da anticamera al ritorno di un pensiero di classe. E’ retaggio di vecchio. 

Non ce lo possiamo più permettere. Il novecento è archiviato, bisogna rivolgersi verso nuove conquiste sociali, senza attestarci a far barricate per difendere l’immagine di un mondo che non c’è più. Nessuno può pensare di fermarlo all’antico. Ci sono altre sfide da affrontare e altre conquiste da fare. La prima è dare una prospettiva di lavoro ai giovani. Nel passato si sono dilapidate risorse, lasciando amare eredità alle generazioni future, ora sarebbe onesto pensare soprattutto a loro, più che fare battaglie ideologiche di principio.
Vito Schepisi su l'Occidentale

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/SARCHIAPONICON/trackback.php?msg=11089238

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
gemini1970
gemini1970 il 21/02/12 alle 22:03 via WEB
Io credo che niente dovrebbe essere tabù e non capisco tanto accanimento sull'art. 18.. questo vale sia per i pro che per i contro, ma in questa fase di grosse difficoltà nazionali, dove i nostri giovani e tutto il sistema produttivo sta andando a rotoli, ce ancora chi litiga solo ed esclusivamente per ideologia e non per cercare di risolvere le problematiche che attanaglio l'Italia.. Allora se e cosi fondamentale questo articolo 18 per la tutela dei lavoratori dovrebbero estenderlo a tutti, combattere perchè questo avvenga o viceversa spiegarci perche ci sono lavoratori di seria A e di serie B visto che la stragante maggioranza viene assunta nele piccole e medie aziende che se ne guardano bene nell'assumere il 15esimo operaio... Quindi niente, spero che questo governo non guardi in faccia a nessuno, anche se aimè gia lo ha fatto di salvare alcune caste, e continui sulla sua strada per portare definitavamente il nostro paese fuori della crisi... Ciao e buona serata
 
avvbia
avvbia il 21/02/12 alle 23:44 via WEB
interessante anche se lungo articolo.. ma non credo che bersani voglia anticipare i tempi..è un fifone...ciao ciao. gino
 
Quintana5
Quintana5 il 22/02/12 alle 01:35 via WEB
Questo bel post racchiude due questioni: la sinistra ed il lavoro. Iniziamo del primo: confusione totale. Se fossero messi intorno ad un tavolo Vendola, Di Pietro, Bersani, Ichino, Alesina, Giavazzi e Ricolfi invece che possibili alleati di governo sembrerebbero avversari implacabili. Questo è il difetto fondamentale della sinistra, per il quale non potrà mai candidarsi a governare, al massimo a vincere qualche elezione, sui temi fondamentali non ha alcuna visione comune. Quanto all'articolo 18 sarebbe bene, come detto più volte, che quanto dicono i giornali stranieri non fosse preso per oro colato solo quando riguarda Berlusconi: non da oggi indicano la riforma dell'art. 18 come fondamentale ed anche S&P e le altre agenzie di rating la indicano come snodo chiave, sarebbe il caso di prenderne atto. E' una forma di tutela che oggi non possiamo più permetterci, che ingessa il mercato del lavoro e che tutela solo chi un lavoro ce l'ha, è necessaria una revisione forte. Ho spesso criticato Monti in passato, tuttavia non sarebbe onesto lodare il lavoro che sta ora svolgendo, dalla riforma messa sul tavolo dell'art. 18, che nessuno ha mai osato portare a termine alla crisi della deleteria prassi della concertazione per terminare con l'impopolare ma giusto rifiuto di avallare la richiesta di candidare Roma a sede olimpica: se davvero saranno portate a termine occorrerà riflettere attentamente su parecchie questioni. Se ne è accorto anche Berlusconi, che non è uomo né distratto, né poco capace...
 
saverio.ancona
saverio.ancona il 22/02/12 alle 13:28 via WEB
Che brutto momento... la quaresima della politica. Tutti fingono di voler donare al popolo e, poi, di fatto tutti da esso prendono. Almeno il gusto del mangiare non ce lo levassero... buon appetito, Saverio
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

NONOSTANTE IL PRESSANTE INVITO SOPRARIPORTATO, IL DIALOGO ED ANCHE IL DISSENSO SONO BENE ACCETTI, PURCHE’ ISPIRATI DA RISPETTO ED EDUCAZIONE

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

silvinskynicolina1947minavagante58gaetano561nientesonocandelabrispentikarnak_65avvbiasarchiaponicamenteMITIC0Svanni958violino63nadiatornabensifra7344
 
 

DAI BLOG SARCHIAPONICI

 

AUTOBUS DEL GIORNO BY ROBERTO

Caricamento...
 

BENVENUTI! BY VINCE

Caricamento...
 

C'E' TUTTO UN MONDO BY KIWAI

Caricamento...
 

ENTRO NELL'ANTRO BY PIERLUIGI

Caricamento...
 

ETNEGO BY ELIO

Caricamento...
 

IL LIBERO PENSIERO BY VITO

Caricamento...
 

LA MIA PELLE BY LAMIAPELLE

Caricamento...
 

KLUTI BY MADROCS

Caricamento...
 

LA RIVA DEL MARE BY STEFANO

Caricamento...
 

SICILIA TERRA NOSTRA BY NEREIDI

Caricamento...
 

CHE ITALIA! BY CALIPSOM1

Caricamento...
 

VIVERE BY GINO

Caricamento...
 

UNA DONNA PERDUTACHISSÀ DOVE L'AVRO' MESSA.....

Caricamento...
 


Ti senti
SARCHIAPONE
anche tu?
Allora meriti un
DIPLOMA
e una medaglia!
Preleva la medaglia di
Sarchiapone Onorario
e mettila nel tuo blog,
potrai trovarci con un clik

Il blog dei sarchiaponi

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

BOX FEED