Creato da donnavittoriana il 07/05/2010

LA STRADA NUOVA

VOGLIO ANCORA SOGNARE

 

io speriamo che me la cavo

Post n°1147 pubblicato il 29 Giugno 2016 da donnavittoriana

 

non usando il programma di libero comunity da tempo...non mi ricordo un mare di cose, anche perche il pc si impalla va sistemato e pulito.. o è lento il programma o sono diventata forse lenta io?? hahha

 

 

 
 
 

mi siete mancati...

Post n°1146 pubblicato il 27 Giugno 2016 da donnavittoriana

 

..rieccomi nuovamente con voi, cari amici! Sono trascorsi diversi mesi , e tante cose sono accadute alcune belle alcune meno belle, l'importante e essere qui con voi!

Ringrazio in ritardo per i gentili e cari auguri ricevuti per il mio compleanno...non mi ricordo quanti ne ho compiuti, ma ce l'ho fatta anche questa volta.

Vi confesso che mi sono allontanata da libero...per varie cose dipese da miei fatti personali, ma agni tanto davo una sbirciata per vedere come stavate...ed inoltre alcuni di voi li ho trovati in facebook, che guardo spesso perche veloce..

Siccome ho visto tante belle cose postate da voi...non voglio essere da meno e continuerò a postare anche io le mie cosucce !

confesso che mi siete mancati

la foto che vi regalo e stata fatta il giorno del compleanno..festa bellissima torta ottima, linea a spasso per i fatti suoi!







Le donne vivono più a lungo degli uomini perché sono sistematicamente in ritardo.

 
 
 

buon anno

Post n°1145 pubblicato il 01 Gennaio 2016 da donnavittoriana

Il giorno di Capodanno (Pablo Neruda)

Il primo giorno dell'anno
Lo distinguiamo dagli altri
come se fosse un cavallino
diverso da tutti i cavalli.
Gli adorniamo la fronte con un nastro,

gli posiamo sul collo sonagli colorati,
e a mezzanotte lo andiamo a ricevere
come se fosse un esploratore
che scende da una stella.
Come il pane, assomiglia al pane di ieri.
Come un anello a tutti gli anelli.
La terra accoglierà questo giorno
dorato, grigio, celeste,
lo dispiegherà in colline,
lo bagnerà con frecce di trasparente pioggia
e poi, lo avvolgerà nell'ombra.
Eppure,
piccola porta della speranza,
nuovo giorno dell'anno,
sebbene tu sia uguale agli altri
come i pani a ogni altro pane,
ci prepariamo a viverti in altro modo,
ci prepariamo a mangiare, a fiorire, a sperare.

 
 
 

preghiera di Voltaire

Post n°1144 pubblicato il 01 Dicembre 2015 da donnavittoriana

 

 

 

 

Non è più dunque agli uomini che mi rivolgo; ma a te, Dio di tutti gli esseri, di tutti i mondi, di tutti i tempi: se è lecito che delle deboli creature, perse nell’immensità e impercettibili al resto dell’universo, osino domandare qualche cosa a te, che tutto hai donato, a te, i cui decreti sono e immutabili e eterni, degnati di guardare con misericordia gli errori che derivano dalla nostra natura. Fa’ sì che questi errori non generino la nostra sventura.

Tu non ci hai donato un cuore per odiarci l’un l’altro, né delle mani per sgozzarci a vicenda; fa’ che noi ci aiutiamo vicendevolmente a sopportare il fardello di una vita penosa e passeggera.

Fa’ sì che le piccole differenze tra i vestiti che coprono i nostri deboli corpi, tra tutte le nostre lingue inadeguate, tra tutte le nostre usanze ridicole, tra tutte le nostre leggi imperfette, tra tutte le nostre opinioni insensate, tra tutte le nostre convinzioni così diseguali ai nostri occhi e così uguali davanti a te, insomma che tutte queste piccole sfumature che distinguono gli atomi chiamati “uomini” non siano altrettanti segnali di odio e di persecuzione.

Fa’ in modo che coloro che accendono ceri in pieno giorno per celebrarti sopportino coloro che si accontentano della luce del tuo sole; che coloro che coprono i loro abiti di una tela bianca per dire che bisogna amarti, non detestino coloro che dicono la stessa cosa sotto un mantello di lana nera; che sia uguale adorarti in un gergo nato da una lingua morta o in uno più nuovo.

Fa’ che coloro il cui abito è tinto in rosso o in violetto, che dominano su una piccola parte di un piccolo mucchio di fango di questo mondo, e che posseggono qualche frammento arrotondato di un certo metallo, gioiscano senza inorgoglirsi di ciò che essi chiamano “grandezza” e “ricchezza”, e che gli altri li guardino senza invidia: perché tu sai che in queste cose vane non c’è nulla da invidiare, niente di cui inorgoglirsi.

Possano tutti gli uomini ricordarsi che sono fratelli! Abbiano in orrore la tirannia esercitata sulle anime, come odiano il brigantaggio che strappa con la forza il frutto del lavoro e dell’attività pacifica! Se sono inevitabili i flagelli della guerra, non odiamoci, non laceriamoci gli uni con gli altri nei periodi di pace, ed impieghiamo il breve istante della nostra esistenza per benedire insieme in mille lingue diverse, dal Siam alla California, la tua bontà che ci ha donato questo istante.

Voltaire (1694-1778)


 
 
 

lettera d'amore...

Post n°1143 pubblicato il 15 Novembre 2015 da donnavittoriana

Lettera di Napoleone Bonaparte a Giuseppina Beauharnais

primavera 1797

Non ti amo più; al contrario, ti detesto. Sei una disgraziata, realmente perversa, realmente stupida, una vera e propria Cenerentola. Non mi scrivi mai, non ami tuo marito; tu sai il piacere che le tue lettere gli procurano eppure non riesci nemmeno a buttar giù in un attimo una mezza dozzina di righe.
Che cosa fate tutto il giorno, Signora? Che tipo di affari così vitali vi privano del tempo per scrivere al vostro fedele amante? Quale pensiero può essere così invadente da mettere da parte l’amore, l’amore tenero e costante che gli avevate promesso? Chi può essere questo meraviglioso nuovo amante che vi porta via ogni momento, decide della vostra giornata e vi impedisce di dedicare la vostra attenzione a vostro marito? Attenta Giuseppina; una bella notte le porte saranno distrutte e là io saro.
In verità, amor mio, sono preoccupato di non avere tue notizie, scrivimi immediatamente una lettera di quattro pagine con quelle deliziose parole che riempiono il mio cuore di emozione e di gioia.
Spero di tenerti tra la braccia quanto prima, quando spargerò su di te milioni di baci, brucianti come il sole dell’equatore.

Bonaparte

 

 

 


 
 
 

AUTUNNO

Post n°1142 pubblicato il 21 Settembre 2015 da donnavittoriana

 

 

 

 

Veder cadere le foglie mi lacera dentro
soprattutto le foglie dei viali
soprattutto se sono ippocastani
soprattutto se passano dei bimbi
soprattutto se il cielo è sereno
soprattutto se ho avuto, quel giorno,
una buona notizia
soprattutto se il cuore, quel giorno,
non mi fa male
soprattutto se credo, quel giorno,
che quella che amo mi ami
soprattutto se quel giorno
mi sento d’accordo
con gli uomini e con me stesso.
(Nazim Hikmet)


 
 
 

essere felici è un atteggiamento

Post n°1141 pubblicato il 24 Agosto 2015 da donnavittoriana

 

 

 

 

Durante un seminario per matrimoni, hanno chiesto a una donna:
- "Ti rende felice il tuo marito? Veramente ti rende felice?"
In quel momento il marito ha alzato
 leggermente il collo in segno di sicurezza: sapeva che sua moglie avrebbe detto di sì, perché lei non si è mai lamentata durante il suo matrimonio.
Tuttavia la moglie rispose con un sonoro:
- "no... Non mi rende felice"
Il marito la guardò con stupore, mentre la donna continuò il proprio discorso: 
- "non mi rende felice... Io sono felice!
Che io sia felice o no non dipende da lui, ma da me.
Io sono l'unica persona da cui dipende la mia felicità.
Mi accorgo di essere felice in ogni situazione e in ogni momento della mia vita, perché se la mia felicità dipendesse da qualche persona, cosa o circostanza sulla faccia di questa terra, sarei in guai seri.
Tutto ciò che esiste in questa vita, cambia continuamente. L'essere umano, le ricchezze, il mio corpo, il clima, i piaceri, ecc. E così potrei continuare per ore, elencando una lista infinita.
Attraverso tutta la mia vita, ho imparato qualcosa;
Decido di essere felice e il resto lo chiamo ' esperienze ':
Amare,
Perdonare,
Aiutare,
Comprendere,
Ascoltare,
Consolare.
C'è gente che dice: 'non posso essere felice perché sono malata, perché non ho soldi, perché fa troppo caldo, perché qualcuno mi ha insultato, perchè qualcuno ha smesso di amarmi, perché qualcuno non mi ha considerato, ma quello che queste persone non sanno è che si può essere felici anche essendo malati, anche se si è troppo sudati, anche se si è senza soldi, anche se si riceve un insulto, anche se qualcuno non ci ha apprezzato.
La vita è come andare in bicicletta: cadi solo se smetti di pedalare.
Inizia la giornata con un sorriso e non lasciare che niente e nessuno la cancelli del tuo volto.

 

 


Essere felice è un atteggiamento!"dal web

 

 
 
 

la favola del riccio

Post n°1140 pubblicato il 10 Luglio 2015 da donnavittoriana

LA FAVOLA DEL RICCIO

Durante l’era glaciale, tanti animali morivano, perché c’era tanto freddo. I ricci si resero conto di questo e decisero di riunirsi in gruppo, per sentire meno freddo e proteggersi reciprocamente. Però i loro aculei facevano male ai compagni più vicini, proprio quelli che offrivano più caldo. Per questo decisero di allontanarsi l'uno dall'altro, ma così morivano congelati. Allora, dovettero fare una scelta: o sparivano dalla terra o accettavano gli aculei dei compagni. Con sapienza decisero di rimanere insieme. Hanno imparato così a convivere con le piccole ferite che la relazione con una persona molto vicina poteva offrire loro, poiché l’importante era il caldo che da esse ricevevano.
Così sono sopravvissuti! Il rapporto più importante nell’amicizia non è quello con una persona perfetta, ma quello dove ognuno impara a convivere con i difetti dell’altro e riesce a vedere e ammirare le sue qualità.
L’amore vero trasforma in pregi anche i difetti.

A. Panont

 

 

il mio riccio....

 

 
 
 

felice estate...

Post n°1139 pubblicato il 21 Giugno 2015 da donnavittoriana

 

 

 

 

Ho voglia d’estate, la luce del sole che brilla sulla pelle, il colore del cielo riflesso sul mare e quella sensazione di quando ero bambino, quel senso di festa, vacanza e magia di quando la scuola e’ finita ed eri pronto alle avventure, agli amori, e alle prime uscite a sera, tardi. L’estate porta con se’ la nostalgia e la novità di un tempo tutto da vivere.
Stephen Littleword,

 
 
 

ricordi

Post n°1138 pubblicato il 07 Giugno 2015 da donnavittoriana

 Il mio sogno è nutrito d’abbandono,
di rimpianto. Non amo che le rose
che non colsi. Non amo che le cose
che potevano essere e non sono
state… Vedo la case, ecco le rose
del bel giardino di vent’anni or sono!

 



 
 
 

buona giornata

Post n°1137 pubblicato il 12 Maggio 2015 da donnavittoriana

 

 

 

 

 

Marito e moglie stanno guardando la tv quando lei dice ‘Sono stanca, è tardi, penso che andrò a letto’…
Va in cucina a preparare i panini per l’indomani.
Sistema le tazza per la colazione, estrae la carne dal freezer per la cena del giorno dopo, controlla la scatola dei cereali, riempie la zuccheriera, mette cucchiai e piattini sulla tavola per la mattina successiva.
Poi mette i vestiti bagnati nell’asciugatore, i panni nella lavatrice, stira una maglia e sistema un bottone, prende i giochi lasciati sul tavolo, mette in carica il telefono, ripone l’elenco telefonico e da l’acqua alle piantine.
Sbadiglia, si stira e mentre va verso la camera da letto, si ferma allo scrittoio per una nota alla maestra, conta i soldi per la gita, tira fuori un libro da sotto la sedia e aggiunge tre cose alle lista delle cose urgenti da fare.
Firma un biglietto d’auguri per un’amica ci scrive l’indirizzo e scrive una nota per il salumiere e mette tutto vicino alla propria roba.
Va in bagno, lava la faccia, i denti, mette la crema antirughe, lava le mani, controlla le unghie e mette a posto l’asciugamano. ‘Pensavo stessi andando a letto’…. commenta il marito!!!
Ci sto andando’, dice lei.
Mette un po’ d’acqua nella ciotola del cane mette fuori il gatto, chiude a chiave le porte e accende la luce fuori. Da’un’occhiata ai bimbi, raccoglie una maglia, butta i calzini nella cesta e parla con uno di loro che sta ancora facendo i compiti.
Finalmente nella sua stanza. Tira fuori i vestiti e scarpe per l’indomani, mette la vestaglia, programma la sveglia e finalmente è seduta sul letto.
In quel momento, il marito spegne la tv e annuncia: ‘Vado a letto’.
Va in bagno, fa la pipì’, si gratta il sedere mentre da un’occhiata allo specchio e pensa: ‘ che PALLE domani devo fare la barba’…. e senza altri pensieri va a dormire.
Niente di strano non vi pare???? Ora chiedetevi perché le donne vivono più a lungo!!!
Perché sono fatte per i percorsi lunghi (e non possono morire perche’ prima hanno molte cose da fare). dedica questo link alle donne fenomenali che conosci e magari anche a qualche uomo che non fa mai male.
E poi??????????????????????? PUOI ANDARE A LETTO! :-)))))

 

 


 
 
 

la mamma

Post n°1136 pubblicato il 09 Maggio 2015 da donnavittoriana

Niente potrà mai sostituire l'amore di una madre, nessun abbraccio sarà mai abbastanza rassicurante e niente al mondo riuscirà a toccarti l'anima come la dolcezza racchiusa nello sguardo di colei che ti ha donato la vita e darebbe la sua
pur di saperti felice.

Tanti Auguri Mamma!


da PensieriParole

 
 
 

7 maggio 2010

Post n°1135 pubblicato il 05 Maggio 2015 da donnavittoriana

 

 

.....e sono trascorsi 5 anni! tanti giorni, mesi, ore, pare quasi impossibile, ricordo ancora i mie dubbi, la mancanza di idee, il timore di sbagliare e sopratutto che non interessasse a nessuno, quello che postavo!

Ma è stato tutto molto bello , emozionante  ed interessante leggervi  !

Ho scritto verità , sogni ed a volte solo pensieri di fantasia, ma questa è la vita di quesi tutti ma sopratutto la mia!

Ultimamente sono molto mancata, e sinceramente mi dispiace, ma non sempre  le giornate sono rosee e soleggiate ( come piacerebbe a me) ci  sono gli affetti che mi circondano, che spesso hanno bisogno di me, della mia presenza e di una mia parola, solitamente dono anima e corpo per loro e il risultato finale è che mi esaurisco, e poichè gli anni passano anche per donnavittoriana, faccio sempre più fatica a ricaricare le batterie..sempre più scariche (dovrei cambiare marca)!!

Oggi il sole illumina la mia scrivania, e i gelsomini iniziano a fiorire , sento già il loro dolce profumo e anche la mia anima si sente più leggera!

Cosa altro aggiungere, se non un enorme GRAZIE DI CUORE, per la vostra presenza che anche lei ricarica le mie batterie!

Spero di continuare ad essere presente nella mia nuova strada ancora per tanto tempo....

vi voglio bene

graziella

 


 
 
 

buona pace a tutti

Post n°1134 pubblicato il 04 Aprile 2015 da donnavittoriana

cestopasquale.png

 

 

 

 

 

Dall’uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: “Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio”.
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace,
abbasso la guerra”.
(Gianni Rodari)

 

auguri

 

 


 
 
 

buon primo aprile

Post n°1133 pubblicato il 31 Marzo 2015 da donnavittoriana

Napoli. Calata Capodichino diventa una banchina che affaccia sul mare. E proprio come al porto si potrà acquistare pesce azzurro direttamente dalla barca del pescatore. Ma è un Pesce d’Aprile… di cioccolata.

Ad allestire la folkloristica bancarella è stato un commerciante che ha improvvisato una vera e propria pescheria in occasione del primo aprile.

Le origini di questa usanza non sono note, ma a quanto pare prima dell’adozione del calendario Gregoriano nel 1582, il Capodanno veniva celebrato a partire dall’equinozio di primavera che cadeva il 25 marzo e fino al primo aprile.

Una delle ipotesi maggiormente accreditate è che non tutti si abituarono al cambiamento, continuando così a scambiarsi regali, pacchi che però erano vuoti, all’interno, infatti, solo un biglietto con la scritta Pesce d’Aprile. I pesci però sono tutti di cioccolata. Un modo per addolcire le vittime degli scherzi e farsi perdonare con tanto di sorpresa finale.

 

5pz8Y06

 

 


 
 
 

felice primavera

Post n°1132 pubblicato il 20 Marzo 2015 da donnavittoriana

MAGIA DELLA VITA
di Kahlil Gibran

In un campo ho veduto una ghianda:
sembrava così morta, inutile.
E in primavera ho visto quella ghianda
mettere radici e innalzarsi,
giovane quercia verso il sole.
Un miracolo, potresti dire:
eppure questo miracolo si produce
mille migliaia di volte
nel sonno di ogni autunno
e nella passione di ogni primavera.
Perchè non dovrebbe prodursi
nel cuore dell'uomo?

 

 

 


 
 
 

noi donne....

Post n°1131 pubblicato il 07 Marzo 2015 da donnavittoriana

 

 

Non abbiate paura che il vostro vestito non sia quello giusto,
non abbiate paura di non passare un esame,
non abbiate paura che non gli piacerà il modo in cui baciate, il modo in cui amate,
non abbiate paura di non essere all’altezza,
non abbiate paura di aver messo il profumo sbagliato,
non abbiate paura che non vi risponderà,
non abbiate paura che non vi guarderà.
Non abbiate paura, che tanto ho capito che una cosa se deve andar male ci va lo stesso, che ci sia o meno la paura di mezzo.
Quindi le cose vivetele a pieno.
Baciate, amate, provate, rischiate, arrossite, fate l’amore, ridete, piangete. Vivete le cose cercando di renderle belle come ve le siete immaginate, senza paura, che la paura rovina sempre qualcosa.
Non abbiate paura, che forse voi non lo direste mai, ma così avrete qualche speranza in più che possa andar bene.

 

 


 

auguri di cuore a tutte le mie amiche....

 

 
 
 

come dire...

Post n°1130 pubblicato il 18 Febbraio 2015 da donnavittoriana

La maniera di dire le cose

Un mattino, come spesso accadeva, il califfo Harun al-Rashid chiamò un indovino e gli raccontò il seguente sogno: ” Ho sognato che i miei denti cadevano l’uno dopo l’altro e alla fine la mia bocca restava senza denti. Cosa ne pensi?”
“Oh! Signore, non è un buon segno. Il sogno significa che i tuoi parenti moriranno prima di te e tu rimarrai solo!” gli disse l’indovino.
Il califfo si rattristò e si infuriò a tal punto che ordinò all’esperimento di non farsi più vedere. Quindi raccontò il sogno ad un’altro mago. Questi gli rispose: “Oh! mio signore, è un buon segno. Il sogno prevede che la tua vita sarà lunga e che tu sopravviverai ai tuoi parenti e camperai più di tutti!”.
Il califfo tutto contento disse:
“Che bel sogno!”, e diede cento denari all’ esperto che lo aveva interpretato così bene. Poi chiamò il visir e gli ordinò di cercare il primo indovino e di chiedergli scusa per come era stato cacciato dal palazzo. In fondo, il primo gli aveva rivelato la medesima cosa, ma aveva sbagliato la maniera di dirla.

Anche la verità più bruciante si può dire in modo gentile. La cortesia è l’intelligenza del cuore.

 

dal web

 

 

 

 

 


 

 


 
 
 

per san valentino

Post n°1128 pubblicato il 13 Febbraio 2015 da donnavittoriana

Nelle mie braccia tutta nuda

Nelle mie braccia tutta nuda
la città la sera e tu
il tuo chiarore l'odore dei tuoi capelli
si riflettono sul mio viso.

Di chi è questo cuore che batte
più forte delle voci e dell'ansito?
È tuo è della città è della notte
o forse è il mio cuore che batte forte?

Dove finisce la notte
dove comincia la città?
Dove finisce la città dove cominci tu?
Dove comincio e finisco io stesso?
Nazim Hikmet







da PensieriParole

 
 
 

il mio febbraio

Post n°1127 pubblicato il 01 Febbraio 2015 da donnavittoriana

 

 

 

E arrivato con passo incerto

ha bussato alla porta  e gli ho aperto!

I pomeriggi si sono allungati

ma al mattino i prati sono ancora gelati !

Sento profumo di frittelle

premio solo per le signore belle !!

Vedo coriandoli e mascherine

per far sorridere bimbi e bambine!

E' un monello  spensierato

ma un bacio gli ho donato!

perchè febbraio è arrivato

graziella

 

fiori viola

 

 

 
 
 
Successivi »
 

 

 

love

 

sogno

 

 

 

 

 

 

 

 

IO AMO..

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dono di gianna

 Lascio andare.
Lascio andare le emozioni negative, le persone negative, i ricordi negativi, i pensieri negativi.
Li lascio andare nella consapevolezza che ho imparato le loro lezioni, che non c’è posto per loro dentro di me e che non mi servono più.
Li lascio andare per far spazio ad emozioni positive, persone che mi fanno bene, pensieri che potenziano il mio benessere.

 

 

 

 

 

 

 

dono di sofia

 

 

Image and video hosting by TinyPic

 

dono di anna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 dono di Lady......

 

 

 

 

 

 

Non camminare davanti a me,
potrei non seguirti;
non camminare dietro di me,
non saprei dove condurti;
cammina al mio fianco
e saremo sempre amici.
Anonimo cinese.

grazie ale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

giardiniere di Lady....

non ho parole di commento....

ciò caldoooooooooooo

 

grazie fla...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

grazie gianna....

 
grazie gianna
Nel fiore che sboccia,,
la vita sorprende ,
ogni donna è una goccia,
d'una stella che splende,
e fin dove arriva,
bagna con dolcezza,
il mare la riva,
e ogni tua carezza.
buon compleanno piccola

piccole note,
fruscio di seta,
umile dote,
di dita di creta,
che plasman l argilla,
seguendo le orme,
d una stella che brilla,
nella notte che dorme.
R.C.

 

 

 

 

 

 

 grazie giovanna 

 

 

 

 

 

 

 

 

dono di lady

 

 

 

 

 

 

 

 dono di gianna

 

 

MERAVIGLIOSA CREATURA

IMMERSA NELLA NATURA

 

TI SENTI FORTUNATA

DELLA SUA MAGIA INCANTATA

 

RESPIRI UN PROFUMO GRADEVOLE

MENTRE OSSERVI DANZARE LE LUCCIOLE

 

DEI GRILLI ASCOLTI IL CANTO

TI SENTI BEATA...NESSUN RIMPIANTO

 

SOLLEVI DOLCE IL MENTO

TI APPARE...IL FIRMAMENTO

 

grazie angela

 

 

 

 

Lacrime e mirtillo,

onde di mare,

fiore e pistillo,

seni da baciare,

Lei si concedeva,

alle carezze d amore,

mentre una lacrima scendeva,

sino a bagnarle il cuore.

R.C.

 

 

 

 

 

 

donami un bacio,
e poi un altro ancora
e io non mi capacio,
di come l aurora
possa sorgere nei tuoi occhi,
colmandoli di cielo,
e i baci non sono fiocchi,
d una stagione che ancora anelo

R.C. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dimmi chi è
che ti diede piacere
quel giorno al caffè
mentre eri a sedere,
che sfiorò la tua mano
e ti sentisti volare
come fossi un gabbiano
tra le onde del mare.
R.C.
ma come mi piaci,
e come profumi,
e chissa come baci,
nel tuo sguardo lumi,
di gioia e speranza,
dolcezza e simpatia,
una farfalla che danza,
fra raggi e posia.
R.C.
 
"IL MAGICO MONDO DELLE FIABOLE" 1/11/2011

Cari amici, con immenso piacere vi comunico che è ora disponibile questo meraviglioso libro (lo si può ordinare in tutte le librerie)

"IL MAGICO MONDO DELLE FIABOLE".

Ho partecipato con immenso piacere a questo progetto, grazie alla Piccola Gio "giostella2" che mi ha dato questa splendida opportunità. Ringrazio tutti gli amici che hanno collaborato a questa iniziativa e gli amici che ci aiuteranno in questa nostra avventura. Tutto il ricavato del libro andrà in beneficenza ad un ente che decideremo insieme al gruppo e che presto vi comunicheremo.

 

 

 

REGOLA DEL MIO BLOG

Se tutto quello che trovi

qui non ti interessa, cambia e vai in un altro blog !

Qui è come fossi a casa mia, e a casa mia mi comporto come voglio io e non voglio nè critiche nè consigli...

so sbagliare da sola.

   

 La colomba della pace vola di blog in blog 

Aiutala a fare il giro del mondo portandola nel tuo blog 
Nel mio è arrivata il 14/01/2011

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

eloisa1952mariomancino.mannamariaguarinoalf.cosmosShalom.aleichemapungi1950g1b9massaggiodelbenesserGirolamonuvolacarmelinaquattrocchigiuliocrugliano32busattoboccatadariahommelibre10puccitommaso
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Le immagini,video,alcune poesie e alcuni pensieri sono prese dal web.  Nel caso di involontaria violazione del copyright contattatemi e saranno subito rimosse. Grazie