Creato da Rochelle_Smith il 03/08/2007
Luci sul mare e mondi sommersi...
Citazioni nei Blog Amici: 28
 

FACEBOOK

 
 

Area personale

 

STIAMO NUOTANDO IN...

Questo/a opera è pubblicato sotto una
Licenza Creative Commons.
blogCloud
hit counter
web tracker
web tracker
tracker
web counter
web counter
   
Statistiche
 

Tag

 

A Wonderful World

Come with me...

 

Mare & moda


Paul Horst,su Vogue-15/05/1941
 

Under The Sea



My blog is worth $19,758.90.
How much is your blog worth?


 

 

Like the sea

Post n°471 pubblicato il 05 Aprile 2009 da Rochelle_Smith
 

La mente somiglia al mare,
affollata di pensieri mutevoli solo apparentemente uguali.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Under sky

Post n°470 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 
 

Sorriso

Post n°467 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 

Ali infrante
nel cercare illusioni.
L'amore non si compra
si paga di sordo dolore
bagnato di lacrime nascoste
da un sorriso
morto prima di nascere.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Forse...

Post n°466 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 


Ricordare


è


forse


il modo più tormentoso


di dimenticare


e forse   


il modo più gradevole


di lenire


questo tormento

 

Erich Fried


È quel che è


1983

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La ragazza che va al mare

Post n°465 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 


Che gonna bianca indossa
la ragazza che va al mare !
ragazza, non te la macchi
l'inchiostro dei calamari !    

Che bianche mani hai, ragazza,
che te ne vai senza sospirare ! 

Ragazza, non te le macchi
l'inchiostro dei calamari ! 

 Com'è bianco il tuo cuore
e bianco il tuo guardare !
ragazza non te la macchi
l'inchiostro dei calamari ! 

 

Raphael Alberti
Marinaio a terra
1924

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Figlia del mare

Post n°464 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 


Ragazza, cuore o sorriso, 
caldo vincolo di presenza nel giorno, 
bellezza irresponsabile che se stessa ignora, 
occhi di azzurro raggiante che trafigge. 

La tua innocenza, come un mare dove vivi : 
che fatica raggiungerti, tu sola isola ancora intatta, 
che seno il tuo, spiaggia o arena amata 
che scorre fra le dita ancora senza forma. 

Generosa presenza di una fanciulla da amare, 
abbattuto o disteso corpo o spiaggia a una brezza, 
a certi occhi miti che ti guardano, 
e sfiorano un nudo docile al loro tatto. 

Non mentire, conserva sempre 
la tua inerte e armoniosa febbre che non resiste, 
spiaggia o corpo dorato, ragazza che sulla riva 
è sempre una conchiglia che le onde lasciarono. 

Vivi, vivi come lo stesso rumore da cui sei nata; 
ascolta il suono di tua madre imperiosa; 
sii tu la spuma che resta di quell'amore, 
dopo che, acqua o madre, la riva si ritira. 

Vicente Aleixandre
La distruzione o l'amore
1935

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il Mare

Post n°463 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 


Ho bisogno del mare perché m'insegna: 
non so se imparo musica o coscienza:
non so se è onda sola o essere profondo 
o sola roca voce o abbacinante 
supposizione di pesci e di navigli. 
Il fatto è che anche quando sono addormentato 
circolo in qualche modo magnetico 
nell'università delle acque.
Non sono solo le conchiglie triturate 
come se qualche pianeta tremante 
partecipasse lenta morte, 
no, dal frammento ricostruisco il giorno, 
da una raffica di sale le stallattiti 
e da una cucchiaiata il dio immenso. 

Ciò che m'insegnò prima lo custodisco ! È aria, 
vento incessante, acqua e arena. 
Sembra poca cosa per l'uomo giovane 
che giunse a vivere qui con i suoi incendi, 
e tuttavia il battito che saliva 
e scendeva al suo abisso, 
il freddo dell'azzurro che crepitava, 
lo sgretolamento della stella, 
il tenero dispiegarsi dell'onda 
sperperando neve con schiuma, 
il potere quieto, lì, determinato 
come un trono di pietra nel profondo, 
sostituì il recinto in cui crescevano 
ostinata tristezza, oblio accumulato, 
e bruscamente cambiò la mia esistenza : 
diedi la mia adesione al puro movimento. 

 

Pablo Neruda
Memorial de Isla Negra
1964

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Aquileia

Vi narrerò l'istoria commovente
del pescecane ch'era un cavaliere,
pur mangiandosi un uomo come niente
a pranzo, a cena, oppure a colazion.

Borghesi o militari, belli o brutti,
preti oppur laici, nobili o plebei,
gente per bene, oppure farabutti,
in un boccone li mandava giù.

Ma incontrando una donna od un bambino
era tutto riguardi e cortesie,
e sorridendo, con un bell'inchino,
per i fatti lor li lasciava andar.

Caduta un giorno in mare, una signora
si dibatteva disperatamente;
già si vedeva all'ultim'ora...
ma capitò lo squalo cavalier,

E disse: - Non temete, o bella dama, -
offrendole il suo braccio, ossia la pinna:
solo di carne maschia sento brama,
ma le donne e i fanciulli lascio andar.

Io non sono uno squalo mascalzone,
e conosco e rispetto il galateo,
e so come si trattan le persone
a seconda del sesso e dell'età.

Ammirati da tanta cortesia
tutti a bordo batterono le mani;
e il capitano, prima d'andar via,
ordinava una salva coi cannon.

E, messo intanto un picciol schifo in mare,
con quattro marinari e col nostromo
vi scendeva egli stesso a ripescare
la bella dama su dall'ocean.

Ma proprio in quel momento il pesce immane
si ricordò chi era, e con la coda
rovesciato lo schifo,(senza pane
e crudi) tutti i maschi trangugiò.

Ed è questa l'istoria commovente
del pescecane che era un cavaliere
ma si mangiava un uomo come niente
a pranzo, a cena, oppure a colazion.

 

William E. Young
Trent'anni di caccia agli squali
Ed. Corticelli 1940


Mosaico raffigurante uno squalo.

Conservato ad Aquileia

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Scapece

Post n°461 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 

Preparazione di tradizione araba, il cui termine oggi indica sopratuttouna conserva appartenente alla gastronomia dell'Italia meridionale,fatta in modo differente da zona a zona, che sostanzialmente prevedenella ricetta: verdure eventualmente anche fritte (melanzane, carote,ecc.) e pesce azzurro.
Lo scapece sembra fosse molto gradito all’imperatoreFederico secondo di Svevia
Ingredienti
Alici – melanzane – olio d’oliva – menta – acqua – aceto – aglio - pepe
Preparazione
Pulire delle alici e affettare delle melanzane per la loro lunghezza.
Friggere poco per volta il tutto, in abbondante olio d’oliva.
Poi, man mano scolare, e mettere alici e melanzane in un’insalatiera inframezzate da foglie di menta e pepe.
Bollire acqua e aceto con due spicchi d’aglio spezzettati, dopoalcuni minuti versare questo liquido sull’insalatiera accompagnandoloda cucchiai d’olio della frittura.
Lasciare insaporire la scapece per almeno un giorno prima di essere servita

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Sea in my eyes

Post n°460 pubblicato il 23 Febbraio 2009 da Rochelle_Smith
 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

O'marenariello

Post n°458 pubblicato il 01 Agosto 2008 da Rochelle_Smith


Oie nè,
 
fa prieste viene
 
nun me fa spantecà
 
ca pure a rezza vene
 
che a mmare sto a menà
Meh stienne sti braccelle aiutame a tirà
ca stu marenariello
 
te vò sempre abbraccià
vicino 'o mare

facimmo ammore
 
a core a core
 
pe ce spossà.
Oi nè io tiro a rezza
 
e tu statt a guardà
 
li pisci pa priezza
 
comme stanno a zumpà
So marenaro
 
e tiro a rezza
 
ma p'allerezza
 
stong a murì.

E' una celebre canzone napoletana composta da Salvatore
Gambardella garzone di fabbro di vent'anni, senza alcuna cultura
musicale.
Il giovane venne notato da Giacomo Puccini, il quale gli donò un pianoforte.
Il testo fu poi
scritto da Gennaro Ottaviano, professione garzone di vinaio ma quest'ultimo, accusato di plagio,fu l'involontario primo musicista ad essere portato in tribunale con l'accusa di plagio.



 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 
 
 
 
 
 
« Precedenti Successivi »

Sea Time

 

 
 

Ultime visite al Blog

lifeplanet0chiozzisFox.1972canescioltodgl10nungainnamorarellobrinfloragloriana.solarounalisalsolopensarlof.prioremike.mike1985tirde.simonestefanodonaggiocribot2010
 

Ultimi commenti

Non importa QUANTE candeline devi accendere ma COME le...
Inviato da: virgola_df
il 11/04/2010 alle 11:53
 
Così come l'animo, colmo di mille emozioni solo...
Inviato da: virgola_df
il 05/04/2009 alle 14:56
 
Ciao carissima, i redattori di Angel&Devil ti augurano...
Inviato da: leon1970
il 31/12/2008 alle 20:23
 
buona serata....
Inviato da: contessa.s
il 26/11/2008 alle 19:46
 
Baci blu Martina
Inviato da: thegreatwhiteshark
il 14/11/2008 alle 09:37