Creato da F.T.SexAndLove il 26/01/2009
la coppia, gli incontri, gli scontri, storie comuni e amori leggendari, raccontati con leggerezza e ironia

visita il sito

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

poeta.72alocininnaialoc1947tina.mattiaARGY99arcobalenosenzafinemes78yanky0ildavid1985claudio_mclupetto1971La_Jollaarzulla85madagascar.ceschipa.sabrinacardarano
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

L'impero dei sensi

Post n°26 pubblicato il 17 Novembre 2009 da F.T.SexAndLove
 

Kichizo era un noto gangster di Tokyo che aveva per amante una giovane geisha di nome Abe Sada. La loro fu una lunga e appassionata storia sadomaso: a Kichizo, per esempio, piaceva che lei standogli sopra, gli serrasse piano piano la gola con una sciarpa, sin quasi a strangolarlo. I due potevano vedersi solo sporadicamente, perchè lui era sposato con figli e Abe soffriva molto delle loro separazioni. A un certo punto, Kichizo le propose di sistemarla in una "casa da tè", dopo avrebbe potuto farle visita non appena poteva. Lei voleva piuttosto che fuggissero insieme, o addirittura che si suicidassero insieme. La notte del 18 maggio 1936, temendo che Kichizo stesse per lasciarla per sempre, Abe iniziò il loro gioco erotico dello strangolamento, con la cintura dell pigiama, ma strinse sino a soffocare davvero l'amante. Ora non avrebbe più dovuto dividerlo con nessun'altra; voleva però possedere per sempre una parte di lui, e allora con un coltello da macellaio gli asportò pene e testicoli, li avvolse in un suo indumento e mise l'involto nella fascia con cui le geishe si cingono i fianchi, sopra il kimono. Poi fuggì dalla sua casa da geishe e prese una camera in un hotel, sempre continuando a conservare amorevolmente il pene dell'amante avvinto al proprio corpo. Alla fine la polizia riuscì a catturarla e confiscò il macabro reperto.
Abe Sada fu processata e riconosciuta colpevole. Languì in carcere per otto anni, sinchè, alla fine della seconda guerra mondiale, l'esercito statunitense entrò a Tokyo. Gli statunitensi rilasciarono tutti i prigionieri politici giapponesi compresa, per errore, Abe Sada. Nel 1947, non più "giovane ma ancora vivace", la geisha di Kichizo gestiva un locale pubblico presso il fiume Sumida a Tokyo. Dalla storia di Abe e Kichizo fu tratto il film L'impero dei sensi, che fece dei due amanti - e del pene di Kichizo - una leggenda in Giappone
.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DOPO 8 ANNI DI MATRIMONIO SCOPRONO CHE BISOGNA FARE SESSO PER AVERE FIGLI

Post n°25 pubblicato il 30 Agosto 2009 da F.T.SexAndLove
 


Una coppia di coniugi tedeschi si è presentata in una clinica per la fertilità dato che, dopo otto anni di matrimonio, non avevano ancora avuto figli, e non riuscivano a capire perché. Gli esami però non hanno evidenziato alcun problema fisico in nessuno dei due coniugi. Grande è stato lo stupore del medico quando alla domanda “Quanto spesso fate sesso?”, la coppia (36 anni lui, 30 lei) lo ha guardato interrogativa e gli ha chiesto: “cosa intende esattamente?”.
È emerso che la coppia è cresciuta in un ambiente ultra-religioso, e nessuno aveva mai spiegato loro come nascono i bambini. I medici sottolineano: “Non stiamo parlando di persone mentalmente ritardate, ma di persone che dopo anni di matrimonio non erano consapevoli dei requisiti fisici per procreare”.
La coppia è stata messa in cura presso un terapista sessuale. Inoltre la clinica ha avviato una ricerca per scoprire se vi siano altre coppie nelle stesse condizioni.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MY NEW BLOG

Post n°24 pubblicato il 20 Luglio 2009 da vichiedoperdono

Interamente dedicato alla/e mia/e fatica/he editoriale/i..

http://enblog.age38dev.com/

Dateci un occhio!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Antò ...fa caldo

Post n°23 pubblicato il 09 Luglio 2009 da F.T.SexAndLove
 

 

Notti ''calde'' per gli italiani. Talmente calde che, oltre a non riuscire a chiudere occhio per colpa delle temperature africane, gli abitanti del Belpaese sono anche costretti a rinunciare ai momenti di intimità, o a relegarli nelle prime ore della mattina. Il gran caldo provoca, soprattutto nelle donne, abbassamento della pressione e vasodilatazione che non predispongono certo alla sessualità. A spiegare il fenomeno è Alessandra Graziottin, sessuologa dell'ospedale S. Raffaele-Resnati di Milano.

I disturbi causati dall'eccesso di calore sono vari. Da un lato si abbassa la pressione, tanto da creare in alcune persone malessere e vertigini. Il sangue viene pompato in territori vascolari molto aperti, e questo ci fa sentire spossati. Si dorme male, perché vengono alterati i ritmi del sonno e anche i fenomeni di erezione notturna associati alla fase Rem. Insomma, un insieme di fattori che crea uno stato di irritabilità, spossatezza e maggior vulnerabilità anche nei confronti dei piccoli conflitti domestici. Conseguenza: la disponibilità erotica è ai minimi termini.

Bisogna approfittarne durante le prime ore del mattino, quando ancora fa fresco.
''Il caldo - dice la Graziottin - stravolge i ritmi circadiani del rapporto: anche solo stare vicini, quando fuori si bolle, è difficile''. La temperatura ideale sarebbe di 20-22 gradi: questo clima provoca una vasodilatazione periferica assolutamente adatta all'erotismo. Il caldo moderato si allea con l'attivazione del sistema nervoso parasimpatico che regola gli stati di benessere e di miglior predisposizione ad una risposta vascolare, anche sessuale.

Al contrario, quando fa troppo freddo, si ha una maggior tensione muscolare e scatta un senso di allerta antierotico, annullato solo dal passaggio in ambienti più temperati.

 fonte: italiasalute

Ora... io mi domando e dico... ma da quando per fare l'amore bisogna guardare l'ora, la temperatura, il calendario delle stagioni e misurarsi la pressione???

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Di quando proprio siamo insopportabili

Post n°22 pubblicato il 22 Giugno 2009 da vichiedoperdono

 

La coppia..
La coppia nasce, si consolida.. fino a formare una famiglia.
Nella maggior parte dei casi, lo scopo e' dare la vita a un qualcosa che unisce indissolubilmente. Un figlio corona il senso di famiglia.
E quando tarda ad arrivare, la donna della coppia si trasforma in un'arpia sempre pronta ad incolpare l'uomo.
Oddio.. quasi sempre..
In effetti, la frustrazione che l'erede non giunga e' prerogativa piu' femminile che maschile.
L'uomo e' piu' portato a dire le paroline di rito
"..mettiti calma..".
Mai altre parole hanno il potere di farci incazzare ancora di piu' di quanto gia' non siamo!
Sono d'accordo che, maggiore e' l'eta' della coppia, maggiore sia il tempo di attesa; ma non possiamo sempre ridurre tutto alla "nevrosi" di noi donne..
Se dopo un ragionevole lasso di tempo il pupo non arriva, un problema "mio o tuo" ci deve pur essere!
E siccome sembra che il caro coniuge imputi l'assenza di gravidanza quasi esclusivamente alla nostra isteria, cerchiamo conforto nella donna che, piu' di tutte, ci puo' capire: la nostra mamma.
E cosa dice lei, davanti al nostro sconforto ed alle perplessita'??
"...mettiti calma...".
Grrrrrrrrrr!!
Ma dico io: avete mai letto notizie di cronaca nera il cui titolone recitava "Stuprata dal branco, resta incinta"?? Ecco: mi chiedo quanto sia calma una donna a cui viene usata violenza!!
Eddai su.. meno frasi fatte, please! E se lo dico io, e' tutto dire..
E dopo aver insistito, dopo aver litigato con ogni parente di primo grado, acquisito o meno, che si possiede, la donna - sempre lei - decide di sottoporsi ad esami che hanno dell'inimmaginabile. Dolorosi, invasivi che pero' portano alla luce..un "problemino".. Ma va'?!?!??!!
E cosi', mentre cercavi di stare calma e mentre per piu' di 1 anno hai frantumato gli attributi della tua dolce meta' meritando il titolo di Nevrotica Of The Year, ora ti senti una stupida.
Perche' se avessi fatto come dicevi tu, ora avresti tra le braccia un frugolino gia' di qualche mese.
Pazienza.. c'e' tempo per tutto.
Ma forse, e' tempo anche che, chi ci sta' vicino (mariti, madri..) cominci a capire che non ci divertiamo ad "impazzire"; ne' tantomeno a sottoporci a torture mediche che definire fastidiose e' un eufemismo!!
Loro la fanno facile!! Le nostre madri son gia' a posto e, tanto per non volere infierire, non perdono occasione per ribadire che "se fossero al nostro posto, ai tempi d'oggi, penserebbero solo a divertirsi e piuttosto che due figli prenderebbero 10 cani"; ed i nostri mariti.. beh.. a loro, male che vada, tocca di fare una corsetta al laboratorio dopo esser stati una decina di minuti con se stessi.. In pratica il paradiso, no?? D'altro canto, sesso e sport non sono tutto cio' che interessa ad un uomo???
Riesco ancora a scherzarci su.. Buon segno..
Saggezza popolare: mai rimandare a domani cio' che si puo' fare oggi.

V.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »