Community
 
dekster14
   
 
Creato da dekster14 il 18/05/2006

HAI IL CORAGGIO.....

DI LEGGERE IL BLOG?

 

Care istituzioni : vi piace l’Italia di oggi?

Post n°190 pubblicato il 10 Febbraio 2010 da dekster14

Care istituzioni, cara società, care persone.

Care istituzioni : vi piace l’Italia di oggi? Personalmente, non molto.


Colpa di chi? Bè, per rispondere a questa domanda basta sentir parlare qualche politico: si incolpano, senza capire poi di chi sia la colpa. Certo, difficilmente la colpa può essere di una sola persona.

I politici, si, proprio loro, che ci dicono che dobbiamo fare dei sacrifici per passare la crisi. Certo i pensionati, i lavoratori a cui diminuiscono le pensioni e aumentano le tasse, ma pensare di diminuire i loro stipendi proprio no, mica sono tanto stupidi, anche se molti di loro riuscirebbero a vivere degnamente anche senza prendere un euro del loro stipendio da parlamentare o senatore o quello che sia.

Poi mi chiedo, in un periodo di crisi, la legge più discussa in parlamento è sul processo breve e sulla giustizia in generale, ma questo, come potrebbe aiutare la maggior parte della gente che ora in Italia ha difficoltà economiche e lavorative ?

Ormai vedo il governo e i politici, in generale, non come persone che pensano per il bene comune, ma per il proprio bene, come si fa nelle aziende che si pensa a guadagnare più degli altri con il meno lavoro possibile. Peccato che i politici sono un numero ristretto di persone, in teoria, un’azienda fa di tutto per produrre un guadagno per loro, non per gli altri, ma là, dove è qualcosa di pubblico si dovrebbe fare qualcosa di più utile per tutti, per la maggior parte delle persone, ma al momento ho qualche dubbio in merito.

Allora, visto che ho definito i politici una nuova idea di azienda, cosa vende ?

Al momento vendono parole, illusioni, sogni, senza il minimo bisogno di poi realizzarli veramente.

Bello essere pagati per illudere la gente, vero, anzi ben pagati .


Lo Stato su cosa guadagna di più, secondo voi ?

Sul gioco, i vari gratta e vinci, le varie lotterie, scommesse, lotto, superenalotto ecc.

Vince sulle illusioni, perché ormai, quello rimane alla gente: sperare di cambiare vita.


Lo Stato specula sulla gente: ormai si scommette su tutto, si gioca con tutto. 

Ti danno l’illusione di poter cambiare la vita da un momento all’altro .

Peccato che sia una persona su un miliardo a vincere, e il resto? Il resto continua a sperare.


C’è un detto: chi di speranza vive, disperato muore.


Le prime volte che ho studiato diritto credevo che il governo, un parlamento, un istituzione a capo di un popolo, di una regione, di un paese, fosse lì per migliorare quel posto, per far si che chi ci vive sia contento e potesse avere una vita accettabile .


Invece no. La politica è un continuo accusarsi di qualcosa, di qualsiasi cosa, senza poi trovare una soluzione.

Se spendessero la metà del tempo che sprecano per accusarsi a pensare a delle soluzioni per il bene comune, forse, sarebbe un paese un po' migliore.

Ormai i politici sono più preoccupati di come appariranno in tv, se sono messi nel profilo giusto. Non sono lì a dimostrare qualcosa di concreto. Ci sono trasmissioni su trasmissioni che durano ore, dove si discutono sempre sulle solite cose e alla fine non si raggiunge una conclusione: si incazzano, si infervorano, stanno lì a mostrare dati e dati, statistiche e sondaggi, e poi se alla fine vai a vedere cosa hanno concluso, c’è il nulla.

E’ come quando si parla di calcio fra persone che tifano due squadre diverse: si sta per ore a discutere ma, non si trova un accordo. Ma questa è una discussione frivola sul calcio; ci sta che tra amici ci si fa una risata ma, quando si parla di qualcosa di più grande, di più importante che riguarda la vita delle persone, si deve arrivare ad un punto.

Il politico, quello che stranamente ti conosce solo in tempo di elezioni. In altri periodi, magari, ti sarebbe passato sopra con la macchina, ma le elezioni, per lui, sono come il periodo di natale: sono tutti più buoni.

Cosa dire di più, il politico fa una bella vita: feste, inaugurazioni, va in tv. Ha uno stipendio al di sopra della media nazionale, ha il potere, cerca consenso, dà raccomandazioni…


Insomma, ho visto poca gente che si stanca di fare il politico ….

Chi sa perché … cose strane.

 lavoro

Continua…. Con cara società.


 

 
 
 

VORREI...

Vorrei dipingere ciò che vedo,

fare di ciò che di bello vedo un quadro,

fare di un insieme di colori qualcosa di reale.

 

Vorrei trasformare in note ciò che sento,

magari attraverso le corde di un pianoforte,

muovendo dita come fossero vento.

 

Vorrei trasformare quello che mi circonda in poesia ,

quella poesia che ti entra dentro,

quella poesia che non si impara

ma che ti rimane dentro perchè parte di te.

 

Vorrei scrivere romanzi 

per dare vita e sensazioni nuove a chi li legge.

 

Vorrei dipingere parole musicali,

parole che suonino sottili come la punta di un pennello

ma che arrivino forti e decise come le dita sul pianoforte

che non lasciano segni

ma pizzicano l’anima.

 

Fare tutto ciò non per esporli , fare concerti  o pubblicare libri,

non per la pura viltà di mostrare di cosa si e capaci agli altri,

ma per il semplice gusto di saperlo fare,

di essere consapevole di saper fare qualcosa di unico,

di vivere e fare qualcosa di unicamente mio,

di concepire , fare e realizzare qualcosa,

creare qualcosa dal nulla.

Quasi come essere un dio minore.


Ma no io non ne sono capace,

non possiedo questi talenti .

Però, mi sorge una domanda:


Cosa può fare un dio minore ?

Può fermare il mondo per cancellare quello che di sbagliato c’è?

No, non credo.

Può evitare che gli uomini si ammazzino tra di loro, che dei ragazzi picchiano un ragazzo perche “diverso” secondo i loro standard?

No, non credo.

Può evitare il razzismo dilagante , la paura dell’altro , qualsiasi altro, visto che siamo unici e diversi l’uno dall’altro?

No, non credo.

Può evitare l’ignoranza degli uomini che non imparano mai dai propri errori?

No, non credo.

Può evitare tutte le catastrofi , le previsioni di distruzione dell’umanità?

No, non credo.

Può evitare le malattie , morti ingiuste ed inspiegabili ?

No, non credo.

Può rendere tutti ricchi , belli e famosi ?

No, non credo.

Può cancellare l’ingiustizia, le disparita le classi sociali ?

No, non credo.

Allora un dio minore cosa può fare ?

Credo poco, forse semplicemente è solo un vecchio uomo .

 
 
 

Invasione di Blog

Post n°188 pubblicato il 11 Maggio 2009 da butterfly.dark

 

 


"Come hai fatto a trovarmi?"

"Non lo so, ma tu sei nel mio sangue. Non posso farci niente. Non possiamo fare altro che stare insieme."




"Non vado a scuola. Resto stesa per ore nel letto di fotografie distrutte. Il capanno è buio. Odora di terra e segatura. Lividi girasoli blu e gialli fioriscono sulle mie braccia. Mi ricordo di quando ero piccola e ho incontrato per la prima volta il bambino con i capelli nerissimi di nome Angel Juan. Lui è stato la prima persona che mi ha fatto sentire che avevo un posto nel mondo, che non ero solo un qualsiasi folletto inghiotti-follia che nessuno capiva."




"Dove dormiremo, tu e io? Tu e io dormiremo sul bordo del cielo, frastagliato e capovolto."





 

Invasione di blog dovuta al fatto che non riesco a vedere questo posto morto. Mi fa male, per qualche motivo ancora sconosciuto.

Invasione di blog dovuta al fatto che forse, le parole, qualche volta, possono aiutare. E queste, hanno qualcosa di unico.

Invasione di blog dovuta al fatto che ogni tanto bisogna "svegliarti" dal tuo apparente sonno.

Invasione di blog, che spero non sia proprio tale. Spero, almeno, che questo post ti strappi un sorriso.

Frasi tratte da un libro fantastico & surreale, veramente magico, per te.



"Lei sapeva che erano tutti spaventati. Ma l'amore e la malattia sono entrambi come l'elettricità, penzo Weetzie. Sono sempre lì, non puoi vederli o odorarli, sentirli, toccarli, assaggiarli, ma sai che sono sempre lì come una corrente nell'aria.

Possiamo scegliere, pensò Weetzie, possiamo scegliere di inserire la spina nella corrente dell'amore, però.

E guardò attorno al tavolo Dirk e Duck e My Secret Agent Lover Man e Cherokee e Babystrega, tutti accesi e dorati come una ghirlanda di luci.

Non so cosa significhe per sempre felici e contenti ... ma so cosa significa felici, pensò Weetzie Bat."

 

 

[Tratte da "Angeli Pericolosi"
di Francesca Lia Block]


 

 

[Scusa ancora per l'invasione di spazio]


 
 
 

J'accuse

Post n°187 pubblicato il 07 Marzo 2009 da dekster14

 

 

 

Io accuso tutti noi.

 

 

Tutti indistintamente, di qualsiasi parte politica voi siate,
di credere ai politici: coloro che si riempiono la bocca
di belle parole e prospettive,che accusano sempre le parti avverse di sbagliare,
per creare una confusione tale da non riuscire a capire
chi dica il giusto e chi il sbagliato.

 

Non conta la fede politica ormai.

 

È solo un continuo parlare e accusare.

Una continua astinenza di cose vere, reali e concrete,
di azioni che rendano un favore al popolo che li elegge e paga.


Sono loro a decidere chi va e chi non va.

A noi sta il compito di decidere
quanti di un partito e quanti di un altro.

 

Gente attaccata alla poltrona.
Gente che di voi non gliene frega un cazzo.

 

Ormai le persone, la gente, noi, non pensiamo,
non agiamo oltre il nostro naso.

 

Facciamo solo quello che non fa male a noi,
quello che a noi va bene,
quello che a noi non va bene.


Esistiamo sempre e solo noi.

È questo il problema della politica & della vita moderna.
Esistiamo solo noi.


Questo è il problema della società, o meglio ex società.
Non si può più considerare tale, siamo tutti slegati.

 

I politici pensano a loro, al loro status,
a quante parole usare per non fare brutta figura,

per dire la frase più comoda e facile,
per far credere a chi li ascolta e legge che loro sono
dalla nostra parte e lavorano per noi.

 

Ora sfido voi a trovarmi una legge, un provvedimento, un emendamento,
qualsiasi atto fatto dal governo, qualsiasi governo, da 10 anni a oggi,
che sia stato a favore della stragrande parte della popolazione.

 

Parlano tanto di crisi ora, perchè loro avranno perso in borsa, immagino.
Molti di loro hanno aziende, azioni, interessi,che vanno oltre
il semplice fatto di preoccuparsi di come comprare il pane,
che vanno oltre il bisogno di avere un lavoro.

 

Loro se le possono permettere.


Ora si accorgono della crisi perche sono stati intaccati i loro interessi.
Per i loro giochetti, la maggior parte della gente,
quella che non compra azioni,
quella che lavora per sopravvivere,
si trova in queste condizioni.

Non è colpa della grande popolazione.

 

 

La crisi, quella che riempie la bocca dei politici e dei giornali,

è stata creata da pochi.


Da quella minoranza che hanno le tasche senza fondo,
che spingono fino a volerle colmare, egoisticamente.

Ancora una volta, siamo noi i fessi
a dover subire, senza colpe, le conseguenze.

 

Se già prima il lavoro scarseggiava,
ora è quasi un miraggio.

 

Ma non per loro,a cui i soldi non mancano,
Ia cui poltrona bella comoda c’è sempre.


Loro che la crisi l’hanno creata,
non ne subiscono molte conseguenze.

 

Ci raccontano barzellette sulla loro preoccupazione.

 

Almeno ogni tanto c’è la facciamo una risata,
almeno quella non riescono a togliercela del tutto.


Io accuso tutti di non vivere in una società.
Non esiste più, è inutile illudersi.



È una “società” dove i più deboli pagano sempre,
dove paga chi non sbaglia,

dove chi sbaglia non paga,
dove non si impara dalla storia,
forse perche siamo ignoranti, non la conosciamo.

 

Chi non conosce la storia è destinato a riviverla.
È la storia non è sempre bella.

 

Crediamo di vivere in un film dove tutto quello che dicono è reale,
dove crediamo più alle parole rispetto a ciò che vediamo,

dove ci affidiamo sempre alla stessa gente,
nonostante ci abbia portato a questo.


La politica aiuta la politica.
La società aiuti la società.


Noi aiutiamo noi stessi ad aiutare gli altri.

 

Un piccolo atto insignificante può diventare enorme,
come un battito d’ali di farfalla
può provocare un uragano a chilometri di distanza.

 

Un nostro semplice gesto altruistico,
può scatenare una rivoluzione.

 

 

 

Non mi è mai interessata la politica,
perché la politica non si è mai interessata a me.

 

 

 

Miraggio.

 

 

 
 
 

le parole non hanno padrone

A volte credo che quello che scrivo



Qualcuno lo ha



gia PENSATO, gia DETTO ,gia SCRITTO



In lingue diverse



in momenti diversi



In mondi diversi



In luoghi diversi



A volte credo di vivere momenti di altre vite



Oppure momenti comuni



Con la differenza che io lo sto scrivendo in un blog



In questo blog



Mentre c’è chi lo avra detto ad un amico



Chi solo pensato



Chi invece scritto per poi essere dimenticato



Come la musica ormai sia satura



Anche le parole credo siano cosi




Ogni parola è stata messa vicino ad un'altra



Ma in fondo le parole , le note sono sempre Quelle



Quelli che cambiano siamo noi



Chi sa in questo momento in



Quanti avranno fatto questa stessa considerazione



Chi per FARLA morire li



Chi per inprigionarle in un foglio bianco



Chi per renderla pubblica per un pò



Chi per vedere quelle parole scritte



Parole che segnano e fanno male



Le parole hanno il potere di cambiare la vita



Anche la storia in alcuni casi



Per poi essere riscritte o cantate



da altre mani & menti



da altre voci & volti



La morte delle parole non esiste



Perchè non muoiono con le persone



Perché non hanno padrone



Perchè ci sarà sempre qualcuno che le fara rivivere



molte volte conta chi le dice quelle parole



le parole hanno un significato & forza



diverso a seconda di chi le scrive & dice



le parole sono la nostra eredita inconsapevole



come la musica capaci di rendere le persone immortali



le parole specchio di noi stessi



specchio di quello che 

 
 
 

cosa ti manca per essere felice?

Post n°184 pubblicato il 21 Novembre 2008 da dekster14
 

 


Ehi tu

SI
Dico proprio a te

NO NO

Ehi dove CAZZO vai

Torna qui

E rispondi a questa domanda
Sempre se non hai

Paura di guardarti dentro
RISPONDI
A
Questa semplicissima domanda

Cosa ti manca per essere felice?

 
 
 

l'uomo desidera il corpo della donna non la sua anima

Post n°183 pubblicato il 16 Novembre 2008 da dekster14
 


“L’uomo desidera il corpo della donna non la sua anima”

Donne, questi esseri meravigliosi.
Tutte le donne, almeno una volta,
hanno avuto una violenza o almeno tentata.
Sono qui a chiedermi come si fa ad avere un mondo,
governato da uomini, quando le donne sono migliori
Direi molto migliori.
Vivono di più, fisicamente e forse non solo.
Soffrono molto di più degli uomini.
Si pensa che siano le più fragili, ma si rialzano sempre.
Nonostante tutto.
Hanno il dono di poter dare la vita,
cosa che per fortuna è stata data a loro.
Non dico che le donne siano perfette.
Anche loro hanno difetti,
ma che nella maggior parte dei casi,
sono molto migliori degli uomini.
Le donne possono seviziare l’anima e il cuore.
Noi uomini sappiamo seviziare il loro corpo,
per soddisfare i nostri piaceri.
E quando non resta più niente?
Quando il corpo non basta più?
La maggior parte degli uomini,
vede le donne come oggetti di desiderio.
E come ho sentito dire, a volte capita la sfortuna di “innamorarsene”.
A volte vorrei chiedere a chi ha violentato una ragazza,chi l’ ha picchiata,
cosa farebbe se qualcuno facesse a sua figlia la stessa cosa.
Se riuscirebbe a sopportare il fatto che qualcuno le faccia del male.
Noi viviamo grazie alle donne.
Grazie al loro dolore.
Dovremmo rispettarle, invece il maschio è talmente stupido,
da approfittare della donna soprattutto nel suo momento di fragilità. Ecco un difetto….
quando una donna è fragile,
in quei momenti si lascia andare,
e gli avvoltoi, quelli si trovano ovunque.
Molte donne sfruttano il loro corpo.
La loro bellezza, ma se non hai talento,
se non hai qualcosa, oltre quella bellezza,
la vita ti lascerà a mani vuote.
Non si è belli per sempre.
La maggior parte delle violenze di qualsiasi tipo,
viene fatta da uomini, e che io mi ricordo, ma potrei sbagliarmi,
nessuna donna ha mai dichiarato guerra a nessuno.
Le donne sono irascibili, irrazionali, a volte incomprensibili,
ma questo non ha mai ammazzato nessuno,
e nella maggior parte dei casi gli uomini trasformano le bambine in donne, in alcuni casi contro la loro volontà.
Non sto qui a dire non fidatevi degli uomini,
sono tutti dei maiali, non fate sesso ecc
Fermativi. Solo un attimo a pensare.
Una ragazza con voi c’è stata perché era ubriaca,
o perchè stava soffrendo,
perchè aveva talmente tanto dolore,
che sarebbe andata con il primo che le avrebbe detto una parola gentile.
Allora voi che vi sentite cosi fighi,
così belli, pensate a cosa c’era dietro quel si,
e perchè dopo non vi hanno più cercato.
Il sesso non da niente in quel momento. È solo sport.
L’amore è qualcosa di diverso.
E, molte volte, mi vergogno di essere uomo.
E mi chiedo quante donne si vergognano di essere donne. Credo poche.

L’uomo sa vincere con la forza
La donna sa vincere con gli occhi



 
 
 

Potrebbe accadere quello che ha scritto John titor?

Post n°182 pubblicato il 05 Ottobre 2008 da dekster14
 

Indipendentemente che voi ci crediate o no alla sua storia, ma da quello che lui ha scritto alla base di quello che voi vedete, sentite, percepite dai giorni che vivete da quello che leggete o ascoltate dai mezzi d'informazioni, tra crisi e razzismo, è possibile o meglio probabile che qualcosa che lui ha scritto si possa avverare ? (che sia verità o meno questo personaggio non mi interessa lui ma quello che dice, ricordandovi che queste cose sono state scritte nel 2 novembre 2000 fino al 24


vi riporto alcuni pezzi presi da wikipedia.

·  Titor ha fornito dettagli tecnici riguardo la sua macchina del tempo, che userebbe studi avanzati sui buchi neri. Egli affermò, infatti, che il CERN avrebbe fatto un annuncio all'inizio del secolo proprio riguardo la possibilità di creare buchi neri da utilizzare per il viaggio nel tempo. Ciò non è avvenuto: il CERN ha sviluppato il Large Hadron Collider (in costruzione da ben prima che Titor comparisse sul Web)ed infatti le ricerche (iniziate a partire dal 10 settembre 2008) hanno come aspetto anche la probabile formazione di buchi neri (seppur piccolissimi).

·  Titor ha affermato che il computer IBM 5100 ha speciali capacità che non sono state mai rivelate dalla IBM. Numerosi ingegneri della IBM hanno confermato questo annuncio[2].

·  Ha fatto numerosi commenti riguardo il cambiamento (a suo parere già in corso) della Costituzione e dei diritti civili negli Stati Uniti d'America.

·  Ha affermato che il morbo della mucca pazza sarebbe arrivato negli Stati Uniti.

·  Titor affermò che non sarebbero state trovate armi di distruzione di massa in Iraq e che un'altra guerra sarebbe stata combattuta con la pretesa di rimuovere le presunte armi.

·  Ha affermato che negli Stati Uniti si preferirà la sicurezza alla libertà. Il PATRIOT Act americano, approvato a seguito delle stragi dell'11 settembre 2001, va proprio in questo senso: esso limita le libertà costituzionali a favore di un maggiore controllo. Si crede che in futuro possa essere inasprito per arrestare i cittadini anche senza le attuali garanzie costituzionali[senza fonte]

« Crisi gravi nel mondo inizieranno con la destabilizzazione dell' Occidente a seguito di una politica estera USA incoerente e di basso livello. Ciò diverrà evidente nel 2004 con l'aumento dell'agitazione sociale attorno alle elezioni presidenziali.  »

« La guerra civile inizierà nel 2004. La descriverei come il susseguirsi mese dopo mese di eventi come quello di Waco, sempre peggiori. Entro il 2012 il conflitto negli USA avrà toccato chiunque e finirà nel 2015 con una breve Terza guerra mondiale.  »

« Quando il "conflitto" civile iniziò e peggiorò, la gente dovette decidere se stare nelle città e perdere la gran parte dei suoi diritti civili con la scusa della sicurezza o lasciare le città per aree rurali più isolate. La nostra casa una volta fu perquisita e il vicino di fronte fu arrestato per ragioni oscure. Questo convinse mio padre a lasciare la città.  »

« Il 2008 è l'anno entro il quale chiunque si renderà conto che il mondo in cui pensavano di vivere è ormai finito (o non è mai esistito).  »

« Russia e Cina hanno sempre avuto un rapporto molto strano. Anche le notizie che vedo ora indicano che il continuo commercio di armi con gli alleati, gli scontri di confine e la sovrapopolazione, porteranno a delle ostilità. L'Occidente diverrà molto instabile, il che dà alla Cina la fiducia per "espandersi". Presumo che siate tutti consci del fatto che la Cina ha attualmente milioni di soldati maschi che non saranno mai in grado di trovare moglie. L'attacco all'Europa sarà in risposta a un esercito europeo unificato che si ammasserà e muoverà verso est partendo dalla Germania.  »

(John Titor )

« L'esperimento al CERN a cui mi riferisco coinvolge energie molto alte e sfrutta i protoni. Dalla mia prospettiva storica sulla mia linea di universo, ricordo che la faccenda fu un punto di dibattito circa 18 mesi fa. C'erano alcuni scienziati che pensavano che gli esperimenti fossero troppo pericolosi da fare.  »

« Una grande parte della matematica teorica dietro il viaggio nel tempo fu scoperta testando varie idee della teoria delle stringhe ed eliminando le anomalie. Per quel che ricordo, fu questo lavoro originale che portò alla prova decisiva che sei dimensioni si avvolgono realmente per darci il nostro universo osservabile. E questo inoltre darà supporto ad altra matematica teorica per il viaggio nel tempo.  »

« Voi mangiate ostinatamente cibo avvelenato  »

« Forse dovrei confessarvi un piccolo segreto. Nel futuro nessuno vi ama. Questo periodo è visto come pieno di pecore pigre, egoiste, civicamente ignoranti. Forse dovreste preoccuparvi meno di me e più di questo.  »

 

« Per quel che posso dire ora, voi siete diretti verso gli stessi eventi che io chiamerei "la mia storia" nel 2036. Comunque, la natura stessa del viaggio nel tempo dice che ogni worldline è unica e che voi siete in controllo di ciò che fate e di come ci arrivate.  »

 

« Quindi, ogni "predizione" che posso fare ha una piccola probabilità di essere sbagliata comunque e voi avete la possibilità di agire su di essa in base a ciò che vi ho detto. Potrete fermare la guerra prima che arrivi? Certo. Lo farete? Probabilmente no.  »

La puntata Voyager del 19 maggio 2008 si è servita di un investigatore privato (un tale Mike Lynch) che sotto le mentite spoglie di giornalista di Voyager, si è recato prima nella città di Tampa (dove ha verificato la non esistenza della famiglia Titor, anche nei vecchi registri civili, delle tasse e telefonici) e da lì ad un sobborgo di Orlando in Florida per intervistare l'avvocato Lawrence (Larry) Haber (specialista in diritti d'autore legati all'industria cinematografica), presidente della fantomatica "John Titor Foundation", rappresentante legale della presunta famiglia Titor, e detentore di qualsiasi diritto d'autore sulla storia o sul merchandising collegato al caso John Titor.

Nel corso di una registrazione effettuata con una microcamera nascosta durante un colloquio posteriore all'intervista ufficiale, in seguito messa in onda nella trasmissione, appare il fratello[7], un tale Rick Haber, che rimane in silenzio durante tutto il colloquio informale dell'investigatore Lynch con il padre avvocato (che manterrà lo stesso atteggiamento ambiguo ed evasivo: ad esempio afferma di non conoscere personalmente Kay Titor, ma di aver soltanto parlato al telefono con Kay durante l'intervista da lui "intermediata" con Art Bell nel programma di radio Coast to Coast AM). Inoltre si dice che Brandon Haber, figlio dell'avvocato Larry Haber è un ingegnere di 22 anni che lavora per la NASA, anche se aveva soltanto 15 anni all'epoca della comparsa dei primi messaggi di John Titor su internet.

In seguito risulta che John Rick Haber (sembra 40-50enne?) è un ingegnere informatico (della Eagle Point Software Corporation), e dunque che potrebbe essere la fonte di molte informazioni, in effetti vere, riguardanti gli aspetti "segreti" del vecchio personal computer IBM 5100 (la capacità di passare da un linguaggio macchina ad un altro era possibile in alcuni modelli, grazie ad un interruttore ben visibile, che si diferenziavano anche per il costo e quantità di RAM e ROM installata).

Per leggere tutto l’articolo questo è il link http://it.wikipedia.org/wiki/John_Titor

 
 
 

Dove va il mondo ?

Post n°181 pubblicato il 17 Settembre 2008 da dekster14
 

Dove va....

Image Hosting


Dove va un mondo, in genere comandato dal più furbo.

Dove va un mondo, dove la maggior parte ha come obbiettivo principale fare soldi a tutti i costi.

Dove va un mondo comandato da interessi economici, in cui il potere è concentrato nelle mani di pochi.

Dove va un mondo dove tutti si credono superiori agli altri.

Dove va un mondo di clientelismo, dove non conta quanto si è bravi o predisposti a quel posto, ma quante persone importanti si conoscono e si è disposti a leccargli il culo.

Dove va un mondo in continuo armamento, dove si taglia in tutti i settori per via della crisi, tranne a quello della difesa e degli armamenti; questo è segno che ci si prepara ad una guerra ? ( il ragionamento fila… a cosa servono scuola o ospedali se sta per iniziare una guerra.)

Dove va un mondo dove i popoli vivono costantemente nella paura di tutto.Di essere scippati, che ti entrino a rubare in casa, che ti stuprino, che non si arriva a fine mese, che forse domani non avrai il lavoro che oggi hai. Paura dello straniero che ti cammina vicino, perché ti martellano di notizie di terroristi, di stranieri che violentano e rubano nelle case.Ma di un italiano che cammina al tuo fianco, forse proprietario di una banca che sta per fallire, mettendo in ginocchio famiglie e aziende, non si ha paura. Lui è buono, gli italiani sono tutti buoni, non rubano, non stuprano, non fanno del male, italiani tutta brava gente.Andatevi a vedere le statistiche. Trovate voi le percentuali dei crimini che sono fatti da stranieri in Italia. I telegiornali e i giornali riportano come notizie eclatanti quelli compiuti da stranieri e questo porta ad un clima di razzismo e di intolleranza, che non fa bene ad una convivenza civile.

Dove va un mondo dove un crimine uguale è differente se fatto da uno straniero o da un italiano.

Dove va un mondo dove le missioni di pace, si fanno con bombe e fucili.

Dove va un mondo pieno di odio.


 

 Dove va ?

 
 
 

Post N° 180

Post n°180 pubblicato il 14 Settembre 2008 da dekster14


 work in progress


Image Hosting

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

 



Creative Commons License

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

 

 

 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 114
 

DEKSTER IN ENGLISH

 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mcassetta2luca1911Louloubelleglanis0capsonalLAURA179manu.rossanascorciodilunaaldo.levreroeloisa1952perdendomineisensiiole.loloalexalex4
 

ULTIMI COMMENTI

l'ho aperto per scrivere tutti i motivi per...
Inviato da: nichivrocchiblu
il 04/11/2012 alle 10:01
 
Today's start off to really feel slightly bit like...
Inviato da: uggs outlet
il 02/01/2012 alle 02:29
 
é questo quello che ha detto mio marito alla sua ex dopo 20...
Inviato da: phalenops
il 15/03/2011 alle 00:04
 
è un vecchio dall'animo nobile. condivido e mi...
Inviato da: lisydgl2
il 07/09/2010 alle 12:55
 
Le parole servono, basta pensare a ciò che si...
Inviato da: ReNutria
il 20/08/2010 alle 22:34
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: dekster14
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 29
Prov: PZ
 
 

UN.PEZZO.DI.TE.NEL.MIO.MONDO


...Fin da piccola...
...ho sempre creduto che le emozioni si potessero colorare...
...Esisteva l’arancione della sorpresa e il blu della rabbia...
...Il rosso poteva rappresentare solo l’amore...
...Quel sentimento a cui tutti aspirano, pur rinnegandolo...

...Perché alla fine rimane solo...
...dolore...



butterfly.dark
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
L’unica



Persona





Su








Cui





Posso






Sempre





Contare





Sono





IO