Community
 
ciombotto
Sito
Foto
   
 
Creato da ciombotto il 12/08/2005

Canyon del Colca

tutto quello che non avreste voluto sapere di me e non avete mai osato chiedere proprio perchè non volevate saperlo

 

 

Azevedo

Post n°223 pubblicato il 22 Ottobre 2008 da ciombotto
Foto di ciombotto

Oltre 1200 statuette di ghiaccio sulla la scalinata dell’Istituto degli Innocenti, in piazza Santissima Annunziata, lasciate a scongelarsi. Arriva per la prima volta in Italia le performance "Monumento minimo". L’opera dell’artista Néle Azevedo è un progetto d’intervento urbano realizzato in diverse città del mondo dal 2001. Dopo São Paulo, Curitiba, Brasilia, Salvador, Campinas e Ribeirão Preto, in Brasile; Tokyo e Kyoto, in Giappone; Braunschweig (Germania), Parigi, L’Avana e Porto, il "Monumento Minimo" approda nel capoluogo toscano. Intanto nel complesso delle ex Murate, in piazza Madonna della Neve, è visitabile la mostra multimediale di "Monumento minimo", con fotografie e video, fino al 29 ottobre

 
 
 

Colaninno

Post n°222 pubblicato il 20 Ottobre 2008 da ciombotto

Amoroso

 
 
 

V2day

Post n°221 pubblicato il 24 Aprile 2008 da ciombotto

La marcia del V2-Day
Vday

 
 
 

A tutti quelli che....

Post n°220 pubblicato il 15 Aprile 2008 da ciombotto


Agli operai del nord che faticano ad arrivare a 1000 euro al mese e che hanno votato per la Lega confidando nell'impegno sempre profuso da Bossi in favore delle fasce deboli, dei poveri e dei proletari.....

Ai giovani, ai disoccupati e ai precari che hanno votato Berlusconi sperando che abolisca la legge Biagi, fortemente voluta dal suo stesso governo, e che offra loro milioni di posti di lavoro a tempo determinato.......

A tutti coloro che pensano veramente che Mangano sia stato un eroe.......

A tutti quelli che hanno sempre voluto porre un limite ai privilegi dei parlamentari e che hanno invece votato per la loro perpetuazione.......

A tutti coloro che pensano che le centrali nucleari e i termovalorizzatori siano il futuro delle politiche ambientali, che il mondo goda di buona salute  e che dobbiamo investire ancora per molto tempo sul petrolio e sul carbone.......

A Veltroni che ha eliminato la sinistra e l'ambientalismo dalla scena politica italiana per consentire a Berlusconi di riprendere l'opera di affossamento dell'Italia....
 
A tutti i cittadini del sud che desiderano continuare a convivere con la camorra, l'ndrangheta, la mafia, con Cuffaro, Dell'Utri, il pizzo, il clientelismo e le raccomandazioni....

Ma perché non andate affanculo!!!!
 

L'Italia si merita Berlusconi. I giovani e gli operai berlusconiani si meritano il precariato, la disoccupazione e il futuro incerto.I giovani imprenditori si meritano i loro SUV e le loro ville in Sardegna. Veltroni si merita di stare per  oltre 12 anni all' opposizione.
Un giorno tutto il benessere di cui continuiamo a godere finirà e non ci sarà più nessuno a salvarci dalla dittatura dei miliardari.

Non c'è più nessuno che mi rappresenta in parlamento, la mia unica salvezza è l'espatrio.

 
 
 

El italiano

Post n°219 pubblicato il 26 Marzo 2008 da ciombotto

Ho saputo della sua esistenza circa un anno fa, quando ho visitato il Museo della Rivoluzione di Santiago de Cuba.
E' stato emozionante vedere il nome di un italiano nella lista delle 82 persone che avevano cambiato la
storia di Cuba e del mondo.
Per una volta mi sono sentito orgoglioso di essere italiano e di avere lo stesso sangue di chi ha lottato per la
vita di un grande popolo come quello cubano.
Dopo anni di resistenza in Italia Gino Donè Paro decise di continuare a lottare per la libertà
in un paese molto lontano dall'Italia e contro un nemico ben diverso da quello che aveva conosciuto durante la guerra.
Sopravvisse al sanguinosissimo sbarco del Granma, il piccolo Yacht che Fidel Castro comprò in Messico per tornare a Cuba dopo l'esilio e iniziare
la guerriglia contro il regime di Batista.Metà dei suoi compagni di viaggio non ce la fecero.
Insieme a Ernesto Che Guevara e a Fidel Castro e ad un piccolo gruppo di rivoluzionari liberò Cuba dalla dittatura di
Batista e se ne andò dopo pochi anni in punta di piedi così come era venuto.
Non chiese nulla al paese per cui sacrificò tutto, si congedò da tutti in silenzio obbedendo semplicemente agli ordini.
In un episodio sta forse tutto il senso della sua dignità e della sua anima:
dopo la vittoria della Rivoluzione a Cuba, Gino Donè si reca dal nuovo console cubano e chiede il visto per andare sull'isola
e riabbracciare i suoi compagni.
Ma non gli viene concesso e ci tornerà solo quarant'anni dopo.
Alla domanda che gli rivolse in seguito il giornalista Maurizio Chierici sul perché non disse al console che era stato sul
Granma gomito a gomito con fidel Gino Donè rispose:'Non ero mica andato lì per vantarmi e fare il bullo con uno sconosciuto....'
Il partigiano Gino è morto nella notte di Pasqua a Spinea, in provincia di Treviso all'età di 84 anni.
Con tutto il rispetto per le vittime delle guerre inutili come quelle dell'Afghanistan e dell'Iraq mi chiedo:
perché un eroe immenso come lui muore in silenzio dimenticato da tutti e qualunque mercenario invece ottiene gli onori di stato???

--------------------------------------------------

da: http://www.siporcuba.it/st-paro.htm

A CUBA, nell’archivio storico delle FAR (Forze Armate Rivoluzionarie) c’è un dossier su GINO Donè Paro, l’unico europeo partecipante al “Desembarco del Granma” del 1956. Di due anni più vecchio di Fidel Castro, Gino è nato da genitori braccianti il 18 maggio 1924 a Monastier di Treviso, vicino a Venezia. Dopo le scuole va nei militari, e l’ 8 settembre 1943 è a Pola. Torna a casa e diventa partigiano con la Missione Nelson e con il Comandante Guido, un ingegnere milanese italo-americano operante nell’area della laguna veneziana. Gino a fine guerra riceve un encomio dal Generale Alexander, e poi emigra a Cuba passando dal Canada. Nel 1951 lavora all' Avana come carpentiere nella grande Plaza Civica : l’attuale Plaza de la Revoluciòn.  Nel 1952 Gino si fidanza con Olga Norma Turino Guerra, giovane rivoluzionaria di ricca famiglia cubana, abitante nella città coloniale di Trinidad, amica di Aleida March di Santa Clara, futura 2.a moglie del Che. Con esse due anni dopo Gino entrerà nel “Movimento 26 Luglio”, chiamato con la sigla “M-26-7”, dalla data dell’assalto dei castristi (26 Luglio 1953) a caserme di Bayamo e Santiago de Cuba. Nel 1954 Gino si sposa. Poi nel 1955 e nel 1956, diventato tesoriere del “M-26-7” di Santa Clara, viene incaricato dal dirigente Faustino Perez di portare dollari in Messico, dove lo attende Fidel che deve comperare il battello Granma. Gino qui diventa molto amico del Tenente Medico (asmatico) Ernesto Che Guevara, il quale gli confida che se non avesse incontrato Fidel egli sarebbe emigrato in Italia per specializzarsi in “anti-asma” a Bologna. Gino diventa amico anche di Fidel e di Raul e, in quanto ex partigiano, collabora agli addestramenti militari. Quindi il 25 novembre 1956 egli parte dal porto messicano di Tuxpan tra gli 82 patrioti del battello Granma.  A bordo il suo grado è quello di Tenente del Terzo Plotone comandato dal Capitano Raúl, fratello di Fidel. Gli 82 sul Granma erano: 78 cubani, più un argentino (Che), più un messicano (Alfonso), più un domenicano (Ramon), più Gino (detto El Italiano). Sul passaporto italiano c’è scritto Gino Donè, ma all’anagrafe cubana, quando si è sposato, è stato registrato col nome di Gino Donè Paro, cioè anche con il cognome materno. Dopo lo sbarco del 2 dicembre 1956, ai piedi della Sierra Maestra, e dopo il massacro di Alegria de Pio (dove circa la metà degli 82 vengono catturati e assassinati dai batistiani) Gino torna a Santa Clara, dove durante le festività natalizie partecipa ad alcune azioni di sabotaggio assieme alla guerrigliera Aleida March. Ma nel gennaio 1957 riceve l’ordine dal “M-26-7” di andare all’estero salpando con una barca da Trinidad. Dopo mezzo secolo Gino ha rilasciato un’intervista al giornale italiano Liberazione, pubblicata il 5 ott. 2006, dove egli ha detto che: “Dopo il Desembarco del Granma, noi superstiti abbiamo fatto quello che abbiamo potuto, chi in una forma e chi in un’altra. Io che ero straniero ero il più indicato per starmene lontano e fare ciò che nella Sierra non avrei potuto fare. C’era bisogno di collegamenti, notizie, informazioni, soldi, armi, e di molte altre cose ancora. Così, chi con armi e chi senza armi ha fatto quello che doveva fare. E anch’io”.  …....... Nel maggio 1996, alla Fiera Turistica di Varadero, a Cuba, il Comandante Jesús Montané Oropésa, “moncadista-granmista” da sempre assistente di Fidel, durante una breve intervista con Gianfranco Ginestri, disse di lui: "Gino era il più adulto, il più serio, il più disciplinato; e dopo la nostra vittoria non ha mai cercato privilegi; e ogni tanto ci telefoniamo". L’ultima volta che Gino è andato ospite a casa di Montanè è stato in occasione del 40° del Desembarco, nel novembre-dicembre 1996. Poi Montanè è morto all’Avana nel 1999. .......... Nel 2003  (senza figli e vedovo due volte: della cubana Olga Norma e della portoricana Tony Antonia) Gino è andato a vivere a Noventa di Piave, vicino a San Donà, in provincia di Venezia, dalla nipote Silvana. All’Avana è in contatto con il suo amico granmista Arsenio Garcia Davila, con il quale è andato alla sfilata del 1° Maggio 2004 (dov’è stato decorato) : poi il 18 maggio è tornato a Venezia dov’è stato festeggiato il suo 80° compleanno dai Circoli Italia-Cuba del Veneto, da diverse organizzazioni amiche di Cuba, e dall’Anpi. Per il suo 81° compleanno, nel 2005, è stato ospite a Firenze della Fondazione Italiana Ernesto Guevara. Per l’ 82° compleanno, nel 2006 a Bologna, è diventato socio onorario del locale circolo dell’Ass-Italia-Cuba.
Nel 2006 si è recato spesso a Cuba, per partecipare alle celebrazioni del 50° del Desembarco del Granma.
Nel 2007 a Cuba e in Italia usciranno due dvd sul tema “Gino Donè Paro: dalla Resistenza alla Revoluciòn”.

 
 
 
Successivi »
 

CUZCO - PLAZA DE ARMAS

 

EASTER ISLAND - CHILE

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG PREFERITI

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Jamila_86frenzolcincottafrancesco2802962RaffaellaParullo.mrkatiastioloceneredirosesmumoluckyshot0lLittle_Lebowskyiannaconematteomexvaquitamaura.pizzonilibertino4481
 

ULTIMI COMMENTI

Mah, un'opera che fa acqua da tutte le parti!
Inviato da: indianina67
il 28/10/2008 alle 13:47
 
Grazie!Era solo uno scopiazzamento e non sarò affatto...
Inviato da: ciombotto
il 22/10/2008 alle 13:48
 
Bellissima davvero! Lillììì, bentornato pure di qua... (Ho...
Inviato da: indianina67
il 20/10/2008 alle 14:12
 
No...abbi pietà di me...
Inviato da: ciombotto
il 10/06/2008 alle 14:06
 
Ahò, ma te devo menà???
Inviato da: indianina67
il 05/06/2008 alle 11:33
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom