Creato da delfino.1970 il 29/12/2006

Caro diario.

2006

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

LIBRI

immagine

 

Scusa ma ti chiamo amore

Niki e le sue amiche sono all’ultimo anno di scuola. Malgrado abbiano la maturità ne combinano ogni giorno di tutti i colori. Sfilate, feste, rave e tutti i possibili eventi anche fuori Roma. Alex è un “ragazzo” di quasi trentasette anni. Si è lasciato da poco e senza un vero perché con la sua fidanzata storica. Intorno a lui ruota un mondo complicato e divertente: i suoi genitori, le sue sorelle sposate e con figli e poi i suoi tre amici Enrico, Flavio e Pietro, anche loro tutti già sposati ma ognuno con le proprie particolarità. Enrico è geloso, Flavio metodico, Pietro invece è in fissa con tutte le donne del mondo. Alex è un pubblicitario e ha delle grandi responsabilità all’interno della sua azienda. Ma è appena arrivato un giovane rampante che mette a repentaglio il suo lavoro. E tutto questo non sarebbe niente se quella mattina Alex non incontrasse Niki. O meglio, se i due non si scontrassero. Niki è una bella ragazza, è divertente, è intelligente, è spiritosa, è allegra. C’è solo un piccolo dettaglio. Ha diciassette anni. Vent’anni meno di Alex. E dopo l’incontro di quella mattina, nulla sarà più come prima. Il mondo adulto si scontra con quello degli adolescenti. Ed ecco mamme e figlie in una discussione continua, papà che sono ancora ragazzini e ragazzi giovanissimi che sono già troppo adulti. E ancora ragazze sognatrici, ragazze deluse, ragazze romantiche e ragazze troppo folli. E adulti che invece hanno messo da parte tutti i loro sogni e vivono, o meglio sopravvivono, senza avere il coraggio di fermarsi a riflettere. Questo romanzo è la voglia di ritrovare la propria libertà, la voglia di avere sentimenti veri, di amare senza convenzioni e senza troppi perché. È la quotidianità ma è anche il sogno. È la voglia di dire basta a quel domani che ogni giorno ci raccontiamo, nel quale siamo sempre sicuri che faremo qualcosa di speciale. Ma intanto i giorni passano e quel domani non arriva. Di lui non c’è traccia. E allora ecco la nostra fuga, la più bella, la più folle, la più pazza. Una fuga d’amore. E poi quel faro... Insomma, un tuffo dove l’acqua è più blu. Niente di più.

 

immagine

 

CERCASI BAMBINO DISPERATAMENTE

immagine

Pochi processi nel corpo femminile sono allo stesso tempo così semplici e così gravidi di conseguenze come l’ovulazione, e quando per Judith Uyterlinde comincia il grande amore, «quasi come in un film», ciò che proprio non può immaginare è che un giorno tutta la sua vita finirà col ruotare intorno a quella semplice alchimia. Judith rimane incinta, e si gode tre mesi di gravidanza meravigliosi. Poi, improvvisamente, strani dolori, un aborto spontaneo e un raschiamento: Judith perde due gemelli. Passata la fase del lutto, nascono nuove speranze, ma arrivano anche altri aborti spontanei, una gravidanza extra uterina, vari tentativi di fecondazione assistita. Il desiderio di avere un figlio sembra portare soltanto lacrime, paura e disperazione. Judith però è una donna troppo forte, troppo passionale e troppo impegnata per farsi sopraffare dal dolore e dalle avversità. Una testimonianza commovente, scritta a cuore aperto e che si legge come

 

 

« -1 Messaggio #118 »

37

Post n°117 pubblicato il 30 Marzo 2007 da delfino.1970

e si e' arrivato il mio giorno

passato la serata con la famiglia e sorridendo con i miei dolci nipotini

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

EssenzaDominantemundi35delfino.1970jola2010strong_passionopposti_incongruentidoublellecassetta2unamamma1eliodochopebaby21adoro_il_kenyavirgola_dfsidopaulPENSIEROSCURO
 

I MIEI LINK PREFERITI

ULTIMI COMMENTI

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
immagine