Community
 
demo_cratico
Sito
Foto
   
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Creato da: demo_cratico il 25/10/2007
Il nuovo modo di dare le notizie..

 

 

Intercettazioni, la Rai si tutela"Azione disciplinare contro Saccà"

Post n°35 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

La Rai corre ai ripari e, dopo la pubblicazione della telefonata ottenuta da l'Espresso e pubblicata sul sito del settimanale e su Repubblica.it., tra Silvio Berlusconi e Agostino Saccà (su cui il Garante della Privacy ha annunciato l'apertura di un'inchiesta chiedendo elementi di valutazione alla Procura di Napoli), i vertici di viale Mazzini si muovono. "In questi giorni, prima di Natale, partirà una contestazione disciplinare nei confronti di Saccà" annuncia il direttore generale della Rai, Claudio Cappon. Dal presidente Claudio Petruccioli, invece, arriva una netta critica nei confronti del responsabile delle fiction: "Ho trovato l'etica, lo stile, l'atteggiamento della telefonata di Saccà a Berlusconi incompatibili con lo svolgimento della sua funzione di direttore nel servizio pubblico". Petruccioli, poi, lancia l'allarme per il il futuro del servizio pubblico radiotelevisivo in Italia: "Siamo in un momento in cui o la classe dirigente e l'opinione pubblica decidono di avviare la ricostruzione del servizio pubblico e prendono le decisioni conseguenti del caso, o le tendenze spontanee vanno verso un disfacimento".

Le critiche di Bertinotti
. Da una parte critica la pubblicazione delle intercettazioni. "Che - dice il presidente della Camera - sono tutte cattive e che non devono essere usate per scopi politici". Dall'altra ammette, però, che lo scenario che emerge dalla telefonata Berlusconi-Saccà, serve come utile "indicatore del costume di un paese" e come segnalatore di un "degrado del sistema". Invocando una riforma del servizio pubblico "non più rinviabile".

E proprio alla Rai Bertinotti dedica parte del suo ragionamento. Chiedendo una svolta: "Da anni il servizio pubblico non ha una politica e una linea culturale originale e autonoma che la differenzi dalla tv commerciale". Una situazione, insomma, che è necessario ridefinire. Una sfida "non è più rinviabile altrimenti il servizio pubblico entra in crisi irreparabile".

Gentiloni: "Quadro negativo".
Ma è il mondo politico in generale a fare i conti con la pubblicazioni del colloquio Berlusconi Saccà. E mentre il centrodestra si schiera in difesa del Cavaliere, dal Governo arriva la riflessione preoccupata del ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni: "Viene fuori un quadro che conferma le maggiori preoccupazioni sul conflitto di interessi". Dalle intercettazioni, secondo Gentiloni, "affiora un quadro collusivo tra dirigenti e personalità politiche che hanno un rapporto con la televisione commerciale, un quadro molto negativo su cui bisogna fare chiarezza".

Casini: "Che squallore"
. Queste intercettazioni sono uno squallore, e debbo dire che è un grande squallore anche che il principale telegiornale del servizio pubblico le abbia riportate integralmente" commenta il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini.

Mastella: "Serve una legge".
Il Guardasigilli Clemente Mastella, invece, torna sull'uso delle intercettazioni. Ipotizzando un giro di vite sulla loro diffusione: "Serve una legge che ne regolamenti l'uso e che rispetti la privacy dei cittadini".

Palazzo Chigi: No a provvedimenti d'impulso. Palazzo Chigi non chiude all'ipotesi di una trasformazione in decreto legge del disegno di legge sulle intercettazioni. Ma avverte: "Non servono provvedimenti decisi d'impulso". Quindi , se "se ne può discutere" nel quadro di tutte quelle iniziative che consentano di tutelare nel miglior modo possibile i diritti della persona e la privacy.

La Repubblica

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Decisivi i senatori a vita

Post n°34 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Terza e ultima fiducia per il governo Prodi a palazzo Madama: 163 sì, 157 no. Arriva il definitivo semaforo verde ai tre maxiemendamenti posti dal governo sulla finanziaria, lo scoglio più impegnativo per l'esecutivo. Un governo, quello di Prodi, nato traballante, visto che, in un anno e mezzo, ha già fatto ricorso trenta volte al voto di fiducia. Un escamotage tecnico politico per evitare di cadere.

I senatori a vita Sono ancora loro, i senatori a vita, i perni della maggioranza. Senza di loro il governo sarebbe caduto un'infinità di volte. Giulio Andreotti, Carlo Azeglio Ciampi, Emilio Colombo, Rita Levi Montalcini, Oscar Luigi Scalfaro e Francesco Cossiga anche nel terzo voto di fiducia della Finanziaria hanno votato sì. Unica eccezione, tra i senatori a vita, Sergio Pininfarina, risultato assente.

Il terzo articolo approvato contiene ben 164 commi, dal tetto ai salari dei manager pubblici al rifinanziamento del 5 per mille, fino alla misura fiscale che sostiene le onlus e la ricerca. L’art. 3 stanzia anche le risorse per il rinnovo dei contratti di lavoro del pubblico impiego. Per quanto riguarda il freno alla crescita degli stipendi dei manager, si stabilisce che gli emolumenti non possano superare il trattamento riservato al primo presidente della Cassazione. Molte le eccezioni: le autorità indipendenti, la Banca d’Italia e 25 super-manager che saranno individuati dal governo.

Il Giornale

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Alitalia, il Cda ha scelto Air France

Post n°33 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Dopo quasi otto ore di riunione, il consiglio di amministrazione dell'Alitalia, ha fatto la sua scelta, all'unanimità: Air France-Klm è il candidato favorito con cui trattare in esclusiva la vendita della quota detenuta dall'azionista Tesoro, pari al 49,9%. Escluse quindi le due altre alternatitive di AirOne e della cordata guidata da Baldassarre.

«SOLUZIONE APPROPRIATA» - Il consiglio di amministrazione di Alitalia ha così deliberato all’unanimità di ritenere la proposta non vincolante di Air France-Klm quella che offre alla società «nell’attuale stato la soluzione appropriata per la salvaguardia del complessivo patrimonio dell’azienda e per promuovere il suo rapido e duraturo risanamento grazie al beneficio delle sinergie derivanti dall’integrazione in un contesto internazionale». Lo afferma una nota della compagnia diffusa al termine del consiglio di amministrazione che spiega anche come il piano industriale presentato da Air France-Klm è stato ritenuto in grado di «risolvere le criticità di tipo strategico, industriale e finanziario di Alitalia».

GOVERNO - Il parere del cda di Alitalia non è comunque definitivo, visto che non segna la conclusione del processo di vendita: il governo infatti - che attraverso il ministero dell'economia è il primo azionista - definirà soltanto a gennaio la propria posizione.

IN BORSA - Il titolo nel frattempo ha chiuso in calo del 2,42% a 0,7583 euro, maglia nera del paniere dei titoli più capitalizzati di Milano, l'S&P/Mib. Scambi vorticosi e tre volte superiori alla media giornaliera. è passato di mano il 3% del capitale della compagnia. Sulla scia di speculazioni circa un via libera all'offerta di Air France (che, tra l'altro, offrirebbe secondo indiscrezioni, 35 cent per azione contro il solo centesimo, offerta praticamente simbolica, messa sul piatto da Air One-Intesa) il titolo Alitalia nella mattinata aveva corso parecchio, arrivando a guadagnare circa il 2,5% a quota 0,795 euro. In prossimità dell'inizio del cda della compagnia, però, il titolo ha cambiato rapidamente rotta, passando in rosso e chiudendo, come detto, in calo, con un minimo a -4%. Nell'ultima settimana le azioni Alitalia hanno perso quasi il 20%.

Corriere della Sera

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

RAI piena di prostitute

Post n°32 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da demo_cratico
 
Tag: Libero

di VITTORIO FELTRI

Complimenti vivissimi ai colleghi dell'Espresso e di Repubblica che hanno schiaffato in rete l'integrale della conversazione telefonica fra Berlusconi e il dirigente Rai Saccà. Sia detto senza ironia. Loro, i colleghi, hanno fatto il mestiere dei cronisti e basta. Qualcuno avrà consegnato in redazione (o a un redattore) la cassetta con la registrazione della chiacchierata e i giornalisti cos'altro potevano fare se non renderla nota al pubblico? Semmai c'è da chiedersi chi abbia donato il prezioso materiale alla nostra riverita concorrenza. Un ladro, una spia o magari un magistrato o cancelliere non estraneo alla inchiesta sulle raccomandazioni nell'azienda ex di Stato? Calmatevi, cari lettori. Non lo sapremo mai. Non è mai successo che la manina birbona capace di sottrarre a un fascicolo giudiziario una intercettazione, e di regalarla a un giornale, sia stata scoperta. Al massimo si è arrivati a una bella denuncia contro ignoti e buona notte. 
Libero

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Intercettazioni, nuove telefonate Tutta la Rai contro Saccà

Post n°31 pubblicato il 21 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Dopo la conversazione telefonica tra Saccà e Berlusconi diffusa dall'Espresso, arrivano gli audio di altre due telefonate che illustrano ancora meglio i piani di Berlusconi per far passare alcuni senatori dalla sua parte. Stavolta è solo Agostino Saccà al telefono con il commercialista Pietro Pilello e poi con il produttore tv Guido De Angelis. Entrambe le chiamate sono state diffuse dal Corriere.

Ma a tenere banco sono le reazioni alla telefonata il cui il leader politico "gestiva" assunzioni e progetti Rai, in un mix in cui finaivano dentro i suoi giochi politici, la compravendita di senatori e i letti con starlette annesse che passavano da una mano all´altra. Lo sdegno è più forte in Rai, accusata dal Cavaliere di essere piena di comunisti e prostitute. «A mio avviso - ha detto il presidente della Rai Claudio Petruccioli - lo stile, l'atteggiamento, il profilo etico della telefonata di Saccà a Berlusconi è incompatibile con lo svolgimento della sua funzione di direttore del servizio pubblico e credo che questo sia un dato difficilmente controvertibile». Secondo il presidente della Rai dalla telefonata emerge «l´immagine di una pentola a pressione che inizia a fischiare quando sta per scoppiare. Ascoltare quella telefonata mi ha messo in una condizione di fortissimo disagio, come chi è costretto controvoglia a guardare un'intimità sgradevole». «Non l'abbiamo fatta noi, non l'abbiamo registrata noi, non l'abbiamo pubblicata noi, non l'abbiamo messa in rete noi- ha sottolineato Petruccioli - Ma l'abbiamo ascoltata e non possiamo fare finta di niente».

Arriverà quindi a breve, «prima di Natale», ha assicurato subito il direttore generale della Rai Claudio Cappon, la «formalizzazione della contestazione disciplinare ad Agostino Saccà, che avrà una settimana per replicare e poi seguirà la decisione finale». «I tempi saranno molto rapidi», ha aggiunto Cappon spiegando che «la diffusione della telefonata tra Berlusconi e Saccà su internet non ha cambiato nulla in questo senso». Il direttore generale ha anche detto che la Rai «ha già acquisito gli atti dalla Procura di Napoli che però sono estremamente corposi, giganteschi e quindi devono essere esaminati a fondo».

La destra attacca sviando l´attenzione dallo squallore del dialogo tra Berlusconi e Saccà. Il dito è puntato contro la diffusione delle intercettazioni, che sono una violazione della privacy. «Queste erano delle intercettazioni che doverosamente dovevano essere date – risponde il presidente dell'Ordine nazionale dei giornalisti, Lorenzo Del Boca, - Ma la domanda è: si tratta delle uniche? Purtroppo no e quelle che non ci sono nascondono comunque interventi poco chiari». «Già - ha sottolineato Del Boca - abbiamo un problema di censura e dovremmo risolverlo autocensurandoci?». Chiara la posizione del presidente dell'Ordine: «Non chiedete questo a noi; se il Parlamento - ha detto - vuole fare una legge-bavaglio che per fortuna al momento sembra un po´ insabbiata, la faccia, ma non chiedano la nostra collaborazione. Noi - ha concluso Del Boca - dobbiamo dare quello che abbiamo e dobbiamo farlo con evidenza ed enfasi, cercando naturalmente di inquadrare il contesto».

«Non credo che si debbano fare processi sommari - dice il ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni -, ma viene fuori un quadro che conferma le peggiori preoccupazioni sul conflitto di interessi». «Affiora un quadro collusivo tra dirigenti e personalità politiche che hanno un rapporto con la televisione commerciale - ha aggiunto Gentiloni -, tra l'altro intrecciato anche con discorsi che riguardano le espressioni di voto di senatori, insomma davvero un quadro molto negativo su cui bisogna fare chiarezza». Quanto alle affermazioni di ieri di Silvio Berlusconi sulla Rai, per Gentiloni «quello che non bisogna fare, invece, è buttare fango su tutta l'azienda e su tutte le persone che ci lavorano con onestà».

«L´uso politico delle intercettazioni va bandito», dice il presidente della Camera Fausto Bertinotti, « perché le intercettazioni rese pubbliche sono una violazione dei diritti individuali di tutti i cittadini e delle persone». «Dobbiamo uscire - sostiene Bertinotti - da questa condizione. Non c'è intercettazione buona e intercettazione cattiva, sono tutte cattive». Tuttavia, al di là della contrarietà all'uso delle intercettazioni, il presidente della Camera individua nella vicenda emersa «elementi di degrado del costume e il riemergere di fenomeni trasformistici che sono stati tanta parte della storia italiana e la cui storia è stata interrotta dalla nascita di grandi partiti di massa».

Ma sono in molti a reagire alle offese di Berlusconi. Primi fa tutti i vertici dell'Associazione nazionale magistrati. Soltanto attraverso «la prudente e responsabile applicazione delle norme e delle garanzie» i magistrati segnano la loro «indipendenza», qualificando così «positivamente il doveroso controllo di legalità». L´Anm risponde al Cavaliere con una nota, nella quale fanno riferimento sia alla pubblicazione delle intercettazioni tra Silvio Berlusconi e Agostino Saccà, coperte da segreto d'indagine, che alla puntata di ieri sera di "Annozero" dedicata al caso del gip di Milano Clementina Forleo. «Alcuni media pubblicano gli audio - rilevano il presidente e il segretario dell'Anm, Simone Luerti e Luca Palamara - di intercettazioni telefoniche interne ad una indagine penale ancora in corso e altri trasmettono versioni sceneggiate di note vicende oggetto di procedimenti penali e disciplinari che coinvolgono attualmente magistrati». L'Anm «stigmatizza operazioni mediatiche e spettacolari che possano alimentare il pericolo così autorevolmente segnalato».

«La conversazione Berlusconi-Saccà prende lo stomaco - afferma Franco Monaco (Pd) - e dovrebbe rinfrescare la memoria ai cantori della democrazia normale, ai censori dell'antiberlusconismo, a quelli che hanno sostituito la sacrosanta indignazione con la stanca assuefazione alla politica ridotta ad asservimento e mercimonio». «D'accordo, le regole si discutono con tutti, ma rammentando con chi si ha a che fare. Ci sono - conclude Monaco - anche i principi e la dignità».

«È un quadro già di per sé estremamente sconfortante. Di fronte a tale situazione è ormai fuori luogo parlare di sospensione – è più esplicito Antonio Borghesi, deputato dell`Italia dei Valori - Bisognerebbe pensare al licenziamento per l`ex direttore generale e ad una richiesta di risarcimento danni per l`azienda, che ha subito le conseguenze di un operare assolutamente deviato e collusivo con l`unico vero concorrente».

Dall'interno della Rai è intervenuta la conduttrice di Piazza Grande, Monica Leofreddi. «Parlare di raccomandazioni politiche può essere una generalizzazione - dice la Leofreddi - che lede l'immagine e il curriculum di una persona ma definire le donne "prostitute", con tutto il rispetto per le prostitute, è una discriminazione inaccettabile. A un uomo dici "raccomandato" e a una donna "prostituta": non lo trovo giusto. È un messaggio negativo, da denuncia». Secondo Monica Leofreddi, Berlusconi avrebbe dovuto «avere il coraggio di fare nomi e cognomi, se avesse voluto rendere un servizio alla televisione spingendo viale Mazzini a fare pulizia».

L'Unità

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Istat, disoccupazione ai minimi dal '92L'occupazione cresce con gli stranieri

Post n°30 pubblicato il 20 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Il tasso di disoccupazione in Italia è sceso nel terzo trimestre al 5,6%, ai minimi dal '92. Lo comunica l'Istat.

L'occupazione è cresciuta dell'1,8% rispetto allo stesso periodo del 2006. L'Istat precisa che si tratta di 416 mila occupati in più, grazie soprattutto alla componente straniera (+200 mila unità).

La Repubblica

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Berlusconi: "Alla Rai chi si prostituisce"

Post n°29 pubblicato il 20 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Dopo la pubblicazione online delle intercettazioni, addirittura dell'audio della conversazione telefonica con Saccà, Silvio Berlusconi è su tutte le furie: "Non ho sentito le intercettazioni" pubblicate sui siti del gruppo Espresso "ma non c’e nulla di preoccupante salvo che siamo in un paese dove non c’è più la libertà". Così il Cavaliere poco prima di pranzare con gli eurodeputati di Forza Italia ha commentato la pubblicazione delle sue conversazioni con il responsabile di Rai Fiction. Si tratta, ha aggiunto, "di una entrata violenta, di un attacco violento" e di "una cosa veramente criminale".

"Alla Rai o ti prostituisci o sei di sinistra" "Voglio essere chiaro - ha tenuto a precisare il leader di Forza Italia -. Lo sanno tutti nel mondo dello spettacolo, in certi situazioni, in Rai, si lavora soltanto se ti prostituisci oppure se sei di sinistra. In Rai non c’è nessuno che non sia stato raccomandato, a partire dal direttore generale che non è certo stato scelto attraverso una ricerca di mercato o mediante un concorso pubblico. Io - ha aggiunto - ho fatto diversi interventi solo per segnalare personaggi che non sono di sinistra e che sono stati messi completamente da parte in Rai".

"Italiani spiati, votate Pdl" Berlusconi approfitta dell'attenzione dei media per invitare gli italiani a dare forza al nuovo soggetto politico. "Lancio un appello a tutti gli italiani che non si sentono più né liberi né sicuri quando parlano al telefono: li invito a unirsi insieme per portare al governo del Paese con il Popolo della Liberta, che come prima legge porterà la possibilità, per questi signori della pubblica accusa, di disporre intercettazioni solo per i reati veramente gravi, quelli con pene dai 15 anni in su". "Bisogna andare a votare - prosegue il Cavaliere - e votare tutti per chi difende la libertà da sempre dei liberali, crede nella privacy da sempre e lo dimostra con tutta la sua vita. Chi non è mestierande della politica, uno che potrebbe fare cento e mille cose migliori ma che si impegna solo perchè ama la libertà e il suo Paese".

Il Giornale

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Le intercettazioni al centro dell'inchiesta di Napoli

Post n°28 pubblicato il 20 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Ecco il testo della telefonata tra il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, e l'ex direttore di Rai Fiction, Agostino Saccà, al centro dell'inchiesta della Procura di Napoli. La conversazione dura circa sette minuti e inizia con l'annuncio della segretaria di Saccà che avvisa il manager che l'ex premier è in linea.

B: Agostino!
S: Presidente! Buonasera ..come sta ... Presidente...
B: Si sopravvive...
S: Eh .. vabbè, ma alla grande, voglio dire, anche se tra difficoltà, cioè io ... lei è sempre più amato nel paese ...
B: Politicamente sul piano zero ...
S: Si.
B: ... Socialmente, mi scambiano ... mi hanno scambiato per il papa..
S: Appunto dico, lei è amato proprio nel paese, guardi glielo dico senza nessuna piangeria ...
B: Sono fatto... oggetto di attenzione di cui sono indegno ...
S: Eh .. ma è stupendo, perchè c'era un bisogno ... c'è un vuoto ... che .. che lei copre anche emotivamente ... cioè vuol dire ... per cui la gente .. proprio ... è cosi ... lo registriamo...
B:
E' una cosa imbarazzante ..
S: Ma è bellissima, però
B: Vabbè .. allora?
S: Presidente io la disturbo per questo, per una cosa fondamentale, volevo dirle alcune cose della Rai importanti in questo momento, perchè abbiamo faticato tanto per conservare la maggioranza .. eh, la maggioranza cinque è importante anche in questo passaggio, riusciamo a conservarla per un anno dopo la ... ma è strategica questa cosa, ma se la stanno giocando in una maniera .. stupida ... proprio, cioè ... quindi, volevo.. lei già lo sa ... perchè le avevo... volevo darle questo allarme, perchè, allora, se abbiamo la maggioranza in consiglio, e quindi abbiamo una forte importanza, questa maggioranza non la smonta più nessuno ormai dopo la decisione...
B: si, ... non capisco Urbani che fa lo stronzo, no?!
S: Mah! Allora ... Urbani, io non .. non lo so .. penso che in questi giorni sono stati più i nostri alleati ... che hanno un pò .. no! ... lui forse ha fatto un errore su Minoli ...e l'altra volta ... eh .. però sono stati un pò .. An e anche la Lega, che per un piatto di lenticchie hanno spaccato la maggioranza ... dopo quindici giorni, in cui la maggioranza era uscita saldissima dalle aule giudiziarie, cioè quello che non è riuscito con specie ...
B: Mamma mia, vabbè, adesso io ho dovuto ... interessarmi di questa cosa....
S: Gli è riuscito con Speciale .. gli è riuscito forse con quello della Polizia ...
B: .. adesso li richiamo .. a ..(parola incomprensibile) ...
S: Li richiami lei all'ordine .. Presidente ...
B: D'accordo.
S: .. perchè abbiamo una grande vittoria .. qui in azienda stavamo riprendendo ...anche con Sensi ... Ingiro (fonetico) ..
B: vabbè .. va bè .. adesso vediamo, vediamo un pò. Senti, io ... poi avevo bisogno di vederti ..
S: Si.
B: perchè c'è Bossi che mi sta facendo una testa tanto ..
S: si .. si ..
B: .. con questo cavolo di .. fiction .. di Barbarossa ..
S: Barbarossa è a posto per quello che riguarda .. per quello che riguarda Rai fiction, cioè in qualunque momento ...
B: allora mi fai una cortesia ...
S: si
B: puoi chiamare la loro soldatessa che hanno dentro il consiglio ..
S: si.
B: .. dicendogli testualmente che io t'ho chiamato ...
S: vabbene, vabbene ..
B: ...che tu mi hai dato garanzia che è a posto ..
S: si, si è tutto a posto ..
B: .. chiamala, perchè ieri sera ..
S: la chiamo subito Presidente ...
B: ... a cena con lei e con Bossi, Bossi mi ha detto, ma insomma .. di qui di là ... dice ... Ecco, se tu potevi fare sta roba ...mi faresti una cortesia.
S: allora diciamola tutta ... diciamola tutta Presidente .. cosi lei la sa tutta, intanto il signor regista ha fatto un errore madornale perchè un mese fa ... ha dato .. e loro lo sanno .. ha dato un'intervista alla Padania, dicendo che aveva parlato con Bossi e che era tutto... io, ero riuscito a rimetterla in moto la cosa, che era tutto a posto perchè aveva parlato col Senatur .. bla, bla, bla ... il giorno dopo il corriere scrive ...
B: esiste ... (parola incomprensibile) ...
S: in due pezzi, dicendo, Saccà fa quello che gli chiede la ..(parola incomprensibile) le mando poi gli articoli ... così...
B: chi è il regista?
S: il regista è Martinelli, che è un bravo regista, però è uno stupido,un ingenuo, un cretino proprio...
B: uhm ...
S: un cretino, mi ha messo in una condizione molto difficile, perchè mi ha scritto un articolo sul Corriere della sera ... e poi non contento, Grasso sul Magazine del Corriere della sera scrive: il potente Saccà fa quello che gli dice Berlusconi e basta ... ecc. .. che poi, non è vero, lei non mi ha chiesto mai ...
B:
allora ascoltami...
S: lei è l'unica persona che non mi ha chiesto mai niente ... vogliodire ...
B: io qualche volta di donne ... e ti chiedo ... perchè ..
S: si, ... ma mai ...
B: ... per sollevare il morale del capo .. (ridendo) S: eh esatto, voglio dire ... ma, mi ha lasciato una libertà culturale di ... ideale totale .. voglio dire .. totale .. e questo lo sanno tutti, allora perchè, e, malgrado questo, io sono stato chiamato poi dal Presidente, dal Direttore Generale: "Mah! Com'è sta cosa!?" Questa cosa vale perchè, vale perchè Barbarossa è Barbarossa, perchè Legnano è Legnano...
B: certo, certo ..
S: perchè i Comuni a Milano hanno segnato la civiltà dell'occidente .. voglio dire ..
B: daccordo .. vabbene ...
S: Quindi, adesso io la chiamo subito ecc. ... Presidente, poi quando lei ha un attimo di ...
B: la settimana prossima sto a Roma ... vieni a trovarmi quando vuoi ..
S: eh .. vediamo ..
B: ... chiama la Marinella lunedi ... S: mi metto daccordo con Marinella ...
B: .. lunedi che ci mettiamo daccordo, vabbene. Senti, tu mi puoi fare ricevere due persone ...
S: assolutamente...
B: .. perchè io sono veramente dilaniato dalle richieste di coso ....
S: assolutamente ..
B: con la Elena Russo non c'era più niente da fare? Non c'è modo...?
S: no .. c'è un progetto interessante .. adesso io la chiamo ..
B: gli puoi fare una chiamata? La Elena Russo; e poi la Evelina Manna. Non centro niente io, è una cosa ... diciamo ... di...
S: chi mi dà il numero?
B: Evelina Manna ... io non c'è l'ho ...
S: chiamo ..
B: no, guarda su Internet .. S: vabbè, la trovo, non è un problema ... me la trovo io ..
B: ti spiego che cos'è questa qui ..
S: ma no, Presidente non mi deve spiegare niente ..
B: no, te lo spiego: io stò cercando di avere ...
S: Presedente, lei è la persona più civile, più corretta..
B: allora ... è questione di .. (parola incomprensibile, le voci si accavallano) ....
S: ma questo nome è un problema mio ...
B: io stò cercando ... di aver la maggioranza in Senato ...
S: capito tutto ...
B: eh .. questa Evelina Manna può essere .. perchè mi è stata richiesta da qualcuno ... con cui sto trattando
S: presidente ... a questo proposito, quando ci vediamo, io gli posso dire qualcosa che riguarda la Calabria .. interessante
B: molto bene...
S: .. perchè c'è stato un errore, in una prima fase c'è stato un errore per la persona che ha mediato il rappor ... poi glielo dico a voce ...
B: .. che non andava bene?
S: .. non andava bene ..
B: devo farlo io direttamente.
S: esatto, non andava bene per nulla ..
B: va bene ...
S: poi le dico meglio ... Presidente ..
B: va bene, io sto lavorando in operazione libertaggio .. l'ho chiamata così, va bene?
S: va bene ...
B: va bene .. se puoi chiamare questa signora qui ...
S: la chiamo .. e poi quando ...
B: Evelina Manna ...
S:
.. ci vediamo le riferisco ..
B: .. e anche Elena Russo ... grazie, ci sentiamo ..
S: vabbene ... allora arrivederla Presidente ...
B: la settimana prossima ci vediamo ...
S: .. oh .. metta le mani però su sta maggioranza ... perchè veramente io ho rischiato tanto per avere la maggioranza in consiglio ....
B: faccio questo .. anche se ...
S: ... e si è sciolta dopo la set ... abbiamo fatto una figura barbina!
B: va bene ...
S: .. ma non per colpa .. mi creda ... di Urbani ....
B: daccordo ...
S: Urbani fa altre cazzate ...
B: Si, si va bene!
S: grazie Presidente ..
B: grazie ciao ... ci vediamo la settimana prossima.

«Aiutami con quell'attrice, ricambierò»La trascrizione della telefonata tra Berlusconi e Saccà. «Marano? Accordo per non sostituirlo»

ROMA - Ecco la trascrizione di una seconda conversazione telefonica tra Silvio Berlusconi e Agostino Saccà, intercettata su disposizione della Procura di Napoli il 6 luglio scorso.

B: Agostino
S: Eccomi presidente
B: Niente, lì c'è stato un fatto che Alleanza nazionale e la Lega hanno voluto dare un messaggio mafioso all'Udc dicendo: guardate che se Casini sta tentando di fare un... un accordo con la sinistra siamo capaci di farlo anche noi e... lo facciamo prima di voi!
S: chiarissimo
B: Quindi praticamente hanno distetto tutto quello che avevano detto a me. Io stamattina non mi sono fatto trovare, Letta ha fatto una telefonata di fuoco a quelli di An: An gli han detto:"ma non c'entrate niente voi... Il palinsesto non lo abbiamo tolto a voi perché abbiamo dato a Nardella una cosa importante. Era già da Leone". Han cercato di scusarsi, però questa è la situazione...! E quindi io ho degli straccioni di alleati che si comportano con la slealtà che si è dimostrata anche in questa occasione.
S: Questa è la verità e sono sciocchi perché in questo modo poi alla fine rischiano se... coso, Staderini come pure ha minacciato di fare...
B: E adesso Staderini... Se loro han fatto l'accordo con la sinistra, Staderini chiede che sostituiscano Marano, ma se la sinistra si è impegnata con loro, non lo sostituiscono, no? Eh!
S: Però gli sarà... Gli scatterà una bella contraddizione dentro perché a quel punto Prodi tutti gli altri diranno: "No, lo dovete sostituire", quindi è una bella... L'importante, presidente, è, come dire, da adesso in poi stare con gli occhi un po' aperti perché essendo un anno pre-elettorale se non...
B: eh lo so! Stiamlo con gli occhi apertissimi, però questa è... Purtroppo ho a che fare con questa gente.
S: ah, è assurdo!.
B: Comunque senta, io la chiamo e le chiedo scusa anche se... ti chiedo scusa se insisto anche su quell'altra cosa. Ho quel problema anche che avevo accennato di Elena Russo. E tu mi avevi detto della produzione Bixio "Questo è amore" e "Betti la Fea" (fonetico)
S: esatto
B: E' una cosa possibile? Io ci terrei molto che si concretizzasse, perché...
S: Allora presidente su una delle due cose è ragionevole pensare... io mi impegno che si realizzerà sia su... soprattutto su "Betti la Fea" che è un ruolo che a lei piace, piace molto, ecc, quindi su questo non ci sono dubbi io poi la rivedo anche lei per confermarglielo la ragazza, quindi... la Elena.. non ci sono problemi su questo
B: Ecco Agostino, io ti ringrazio su questo perché, siccome ha avuto una delusione per una cosa che doveva essere fatta da un altro produttore che è andata a zero, è rimasta praticamente senza lavoro e siccome è una persona molto orgogliosa non è che si possa aiutare in altro modo che darle lavoro.
S: Ah sì è una persona serissima, sono d'accordo con lei presidente, molto:
B: Allora se tu mi puoi fare questa cortesia è come se la facessi proprio a lei ma la fai a me direttamente, te ne sono grato.
S: Va bene, me ne occupo e visto che i tempi di queste cose non sono immediate perché "Questo è amore" le riprese inizieranno a dicembre e l'altra roba, nel frattempo vedo di farle fare altre cose, qualche altra cosa in attesa di... Adesso la curo con attenzione
B: Ecco, guarda, ti ringrazio molto perché io veramente ci tengo perché è una situazione veramente dolorosa
S: Va bene
B: Io sai che poi ti ricambierò dall'altra parte, quando tu sarai un libero imprenditore, mi impegno a... eh! A darti un garande sostegno
S: Sì
B: Agostino grazie
S: Grazie presidente
B: Un abbraccio forte, ciao
S: Va bene, grazie.

Corriere della Sera

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il cabaret di Berlusconi

Post n°27 pubblicato il 20 Dicembre 2007 da demo_cratico
 
Tag: Libero

Altro che il teatrino della politica: quello è mesto e incomprensibile. Qui siamo al cabaret fantasmagorico, dove ridendo si dice la verità. Questo è stato il Berlusconi dell'altra sera: una crema natalizia bagnata di champagne e di melodie napoletane. Un funambolo. C'era da festeggiare il compleanno di Mara Carfagna, la creatura partenopea corteggiata come la più bella del Parlamento, e il nostro uomo è stato se stesso: una specie di Totò le Moko della Brianza. Ad un certo punto ha ricordato di aver cantato e ballato nei locali parigini di Pigalle, a torso nudo per sembrare un caraibico, ma la performance è stata solo evocata, in fondo eravamo a Roma, la città eterna. C'erano pochi tavoli con ospiti scelti, tra cui si era imboscato il nostro cronista Salvatore Dama. Il suo resoconto è avvincente. Trascura i cappelletti in brodo e si tuffa nella trama della recita di Silvio. Sembra un altro rispetto a quello dei giorni scorsi.

Libero

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Intercettazione Berlusconi-Saccà: Prendi Manna mi serve in Senato

Post n°26 pubblicato il 20 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

«Sto cercando di avere la maggioranza al Senato... Questa Evelina Manna può essere un aiuto...perchè mi è stata richiesta da qualcuno..con cui sto trattando». La voce è Silvio Berlusconi, la richiesta è fatta ad Agostino Saccà, direttore di Rai fiction.

L'audio integrale della conversazione tra Berlusconi e il direttore della fiction Rai, intercettata dalla procura di Napoli è stato reso pubblico dopo il deposito degli atti d'inchiesta.

Un documento unico sulla gestione della Rai e non solo, tra fiction che vanno sbloccate su richiesta della Lega, registi come Martinelli definiti da Saccà "cretini" e soprattutto, al termine della telefonata, l'allusione del Cavaliere al suo tentativo «di avere la maggioranza al Senato».

La telefonata, che dura poco più di sette minuti, ha un'ottima qualità audio: si distinguono chiaramente le voci di Saccà, che a più riprese elogia Berlusconi, definito «la persona più civile e più corretta», e dell'ex premier, che risponde a voce bassa e lievemente roca, forse per stanchezza. Il dialogo tra i due si svolge tra la discussione sulla maggioranza in Cda Rai («Una cosa strategica - spiega Saccà - ma se la stanno giocando in maniera stupida»), su cui Berlusconi dimostra idee chiare («Lì è Urbani che fa lo str...»), la fiction sul Barbarossa («Bossi mi sta facendo una testa tanta», confessa Berlusconi), e due segnalazioni del Cavaliere al potente direttore di Rai Fiction, una per Elena Russo e una per Evelina Manna.

Qui Berlusconi vuole soffermarsi meglio, sebbene Saccà si affretti a chiarire «Lei Presidente non mi deve spiegare niente», e alla fine chiarisce: «Sto cercando di avere la maggioranza al Senato... Questa Evelina Manna può essere...perchè mi è stata richiesta da qualcuno..con cui sto trattando».

Gli avvocati di Silvio Berlusconi Niccolò Ghedini e Michele Cerabona annunciano un esposto al garante della Privacy e l'avvio di una azione giudiziaria dopo la pubblicazione audio sul sito di Repubblica e sull'Espresso di una intercettazione telefonica tra il presidente di Fi e il direttore di Rai Fiction Agostino Saccà.

«Ad appena 24 ore dal deposito degli atti alla difesa - affermano i due avvocati in una nota congiunta - sul sito del quotidiano La Repubblica e del settimanale L'Espresso, vi sono già delle intercettazioni di conversazioni, addirittura in audio, fra il presidente Berlusconi ed il dottor Saccà.

Dopo la clamorosa ed evidente violazione del segreto d'indagine avvenuta nei giorni scorsi e sulla quale sta investigando la Procura della Repubblica di Napoli, non è dato comprendere come sia pervenuta anche la versione audio al quotidiano, in ulteriore violazione di legge».

«Abbiamo provveduto ad un immediato esposto al Garante della Privacy e - concludono - provvederemo altresì ad ogni conseguente azione giudiziaria in merito».

Berlusconi furente promette azioni legali. «Esposto a ludibrio», ha detto, «è un attacco criminale alla privacy». E poi, «In Rai sono tutti raccomandati a partire dal Direttore Generale», che è Claudio Cappon, perché in Rai - continua Berlusconi - «lavora solo chi si prostituisce o è di sinistra».

Il consigliere Rai Giuliano Urbani si affida a «una battuta» per commentare un brano delle intercettazioni Berlusconi-Saccà in cui viene citato direttamente. «Se ho fatto lo stronzo? La risposta è in tutto quello che è successo nei mesi successivi».

«Oggi potrei dire: avete visto? Avevo anticipato - dice Urbani - quello che è successo dopo, e mi riferisco a tutte le vicende dei rapporti tra Forza Italia e i partiti alleati. Ho fatto proprio lo stronzo, ma quando uno fa un certo mestiere le cose le capisce prima degli altri. Ecco, questo merito me lo arrogo, di aver capito prima degli altri».

L'Unità

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il nuovo Berlusconi non decollaBene An e Udc, Cosa Rossa al palo

Post n°25 pubblicato il 18 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

La fiducia a Prodi è bassina ma stabile, e l'azione di governo resta lontana dalla sufficienza anche se la si "scompone" per temi. Ma è nei partiti che molto si muove, a dimostrazione che la vita politica del Paese si muove ormai su due binari paralleli: quello dell'esecutivo, con le sue difficoltà di consenso, e quello del movimento delle singole forze politiche che si riposizionano per le sfide future.

E' questa la fotografia del sondaggio mensile di Ipr Marketing per Repubblica. it. Una istantanea che riserva sorprese, come il surplace della nuova creaura di Silvio Berlusconi, che per ora non sembra sfondare nel mercato della fiducia degli elettori, o le difficoltà dei partiti della sinistra radicale impegnati nella costruzione della "Cosa Rossa".

TABELLA 1: LA FIDUCIA IN PRODI E NEL GOVERNO

TABELLA 2: LA FIDUCIA NEI PARTITI

Ex Cdl, la rivincita degli alleati
. E' forse il dato più significativo della rilevazione Ipr Marketing di dicembre. E dice che il Berlusconi numero 2, quello dei gazebo e del Popolo delle libertà, ha ancora parecchia strada da fare. Nella classifica della fiducia nei partiti, infatti, il Pdl si piazza al settimo posto, a quota 35. Un dato sorprendente se si tiene conto del fortissimo impatto mediatico della "svolta del predellino" del Cavaliere, e che diventa oltremodo significativo se si tiene conto che i due ex alleati della Cdl, An e Udc, vedono i loro indici salire di due punti in un mese.

Entrambi, presso l'elettorato, raccolgono più fiducia della "vecchia" Forza Italia (al sesto posto, 35), con la formazione di Fini che resta al primo posto (48) davanti al Pd di Veltroni (44), all'Italia dei Valori (40) e al partito di Casini, in crescita al 39. Segnali che attendono conferme e che il dinamismo berlusconiano potrebbe smentire fin dalle prossime settimane. Ma che intanto dicono che la partita nel centrodestra è ancora tutta da giocare.

Anche nello schieramento opposto la novità dell'ultimo mese, la Cosa Rossa di Giordano, Diliberto, Pecoraro e Mussi, non sembra trovare la strada spianata. Mentre il Partito democratico resta stabile, i partiti della sinistra radicale perdono tutti terreno, con la nuova creatura arcobaleno staziona al decimo posto a quota 20. Unica eccezione il grado di fiducia dei Verdi, che crescono di due punti e si piazzano quarti in classifica.

Prodi e governo, dicembre senza scosse. Il Professore resta lontano dal profondo rosso dello scorso febbraio, quando il suo indice toccava quota 36. Ma la fiducia che riscuote rimane al di sotto della maggioranza: 45. Per il premier nessuna variazione, dunque, mentre minima (+1) è la differenza sul mese per l'esecutivo nel suo complesso, che tocca quota 34. Due dati sostanzialmente stabili, come se i successi parlamentari delle ultime settimane (a cominciare dalla finanziaria al Senato) fossero stati compensati al ribasso dal perdurare dei dissidi interni alla coalizione e dalla complessiva sensazione di debolezza della compagine che guida il Paese.

Sorpasso Ferrero. Piccoli movimenti, ma in qualche caso significativi, per la pattuglia di ministri che da mesi stazionano nei "quartieri alti" della fiducia. Sul podio poche novità: guida Bersani (59), seguono Di Pietro (che cede due punti e si ferma a quota 56) e poi D'Alema (51). Interessante, invece, nel mese delle polemiche sul Dl sicurezza e della tragedia della Thyssen, il "sorpasso" di Ferrero (ora al quinto posto) sul ministro del Lavoro Damiano (-3) e su quello degli Interni Giuliano Amato, che sul mese cede 2 punti.

Evasione, ma il resto... Per il governo la sufficienza è una chimera. E' il verdetto della "pagella" sui singoli temi stilata dal campione del nostro sondaggio. Nella quale solo sul tema della lotta all'evasione fiscale l'esecutivo riceve dagli elettori un "quasi sufficiente". Ma a scendere, fin dalla politica estera, dai diritti e dalla scuola, il voto si abbassa, fino a toccare i voti in media più bassi sui grandi temi economici (lavoro, fisco, sviluppo, pensioni) e sulle questioni sociali (immigrazione, sicurezza). L'ennesimo campanello di allarme per un governo che ha agito con diversa efficacia e determinazione nei diversi campi di intervento, ma evidentemente viene punito da una generale immagine di inconcludenza.

Quanto all'attività complessiva del governo, il voto è in lieve ascesa: ma siamo a un "quattro meno" (38) rispetto al "tre e mezzo" (34) del maggio 2007.

La Repubblica

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Fini: "Cara Forza Italia..."

Post n°24 pubblicato il 18 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Il leader di An Gianfranco Fini affida al Giornale la sua risposta alla lettera dei vertici di Forza Italia, che lo invitavano per l’ultima volta ad aderire al Pdl e a fermare la contrapposizione. Ecco l’intervento.

Qualche osservazione alla lunga nota degli onorevoli Bondi e Cicchitto. Per amore di chiarezza e con intento costruttivo. Spero.

1. Scrivono i dirigenti di Forza Italia «il progetto del partito unitario inizialmente sottoscritto nel novembre 2005 da tutti i componenti della Cdl, si è arenato su alcuni nodi politici... Mosse politiche (di Fini e di An) controproducenti, dall'astensione nella fiducia al governo Dini, al rifiuto di formare il governo Maccanico fino all'iniziativa del cosiddetto elefantino... dalla richiesta di dimissioni di Giulio Tremonti, alla cabina di regia, alle ripetute richieste di verifica, alla contestazione della riduzione dell'Irpef, fino alla dissennata scelta di andare alle elezioni con le cosiddette tre punte e divisi sui candidati all'estero». Sono tutti avvenimenti politici antecedenti il progetto unitario sottoscritto nel novembre 2005. È troppo chiedere come sia possibile sottoscrivere un progetto e poi archiviarlo non per quello che è successo dopo bensì per quello che era successo... molti anni prima?

2. Sempre secondo Bondi e Cicchitto «il doveroso tentativo del presidente Berlusconi di far cadere Prodi in Parlamento è stato considerato (da An) con un misto di ironia e sufficienza ». Le ragioni del severo giudizio mi risultano misteriose, mentre è noto a tutti che in Parlamento An ha sempre votato insieme a Forza Italia per far cadere Prodi e, a differenza degli azzurri, ha organizzato una manifestazione popolare con almeno cinquecentomila persone scese in piazza contro il governo.

3. Bondi e Cicchitto sembrano non capire che per noi il problema non è certo il confronto sulla legge elettorale tra Berlusconi e Veltroni che, come gli stessi ricordano correttamente, avevamo auspicato. Il problema è l'ipotesi di accordo che si profila tra Pd e Forza Italia, è il merito della cosiddetta bozza Bianco. Perché senza l'obbligo per i partiti di dichiarare prima del voto alleanze, programma di governo e candidato premier si tornerebbe davvero alla Prima Repubblica, alle mani libere e alla logica dei due forni. Altro che «infondata propaganda»! È questo l’aspetto della proposta Bianco che contestiamo duramente, non la soglia di sbarramento. E Bondi e Cicchitto hanno ragione quando dicono che la proposta non penalizza An come partito. Difatti la contestiamo perché crediamo nelle coalizioni fatte prima del voto, non perché vogliamo disfarcene!

4. Il referendum non è la panacea, ma rafforza il bipolarismo (che rappresenta il vero capolavoro politico di Berlusconi e che funziona ottimamente per Comuni, Province e Regioni) perché porta i partiti a fare una lista unitaria, basata su un programma comune, prima del voto. Comprendiamo che la bozza Bianco piaccia a Veltroni che prima del voto potrebbe dire «mai il Pd alleato con la Cosa rossa» e poi, se necessario, con Bertinotti potrebbe allearsi dopo il voto. Ma non capiamo perché piaccia a Berlusconi. Se vuole tanto bene agli alleati e li aspetta a braccia aperte, perché non si vuole impegnare a governare con loro prima del voto e sulla base di un programma concordato? Che cosa teme dal referendum?

5. Se la nuova legge elettorale lascerà i partiti liberi di scegliere in Parlamento (e non davanti agli elettori) con chi governare, è prevedibile che si possano formare intese anomale, opposte a quelle naturali. Ma insinuare, come fanno Bondi e Cicchitto, che possa farlo An con il Pd, assomiglia tanto al bue che dice cornuto all'asino!

6. Infine sul nuovo Pdl. I due dirigenti di Forza Italia affermano che «tutto della nuova forza politica va definito con il concorso di tutti. Dalla carta dei valori al programma, alle regole, allo statuto, sempre nell' ambito di una consonanza con il Partito popolare europeo e dell'esperienza di governo della Casa delle libertà ». Bene. Ma di grazia si può sapere dove dovrebbe avvenire tutto ciò? Certo non nei gazebo. E se, come penso, la risposta è nell' assemblea costituente del nuovo soggetto, è mistificatorio sapere chi ne dovrebbe far parte, con quali regole dovrebbe decidere, sulla base di quale documento politico discutere e su quali meccanismi democratici di funzionamento e di selezione della classe dirigente dovrebbe articolarsi il nuovo partito?

Gianfranco Fini
*presidente di Alleanza Nazionale

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Carceri fuori norma, addio effetto indulto

Post n°23 pubblicato il 18 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

A settembre del 2000 il governo di centrosinistra varò il nuovo regolamento di esecuzione dell'ordinamento penitenziario che prevedeva la ristrutturazione di buona parte dei 214 istituti di pena, con un occhio di riguardo agli standard igienico- sanitari e ai diritti dei detenuti: acqua calda nelle celle, toilette separate, celle per non fumatori, parlatori senza vetri divisori, cucine per un massimo di 200 coperti, etc. Tempi previsti per la realizzazione delle opere: 5 anni, come stabilito dalla norma transitoria. Investimento stimato dal Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria): 400 milioni di euro. Sette anni dopo la pubblicazione di quello che fu definito «un libro dei sogni», basta scorrere i dati del monitoraggio sollecitato al Dap dal sottosegretario Luigi Manconi (Giustizia) per capire cosa non è cambiato nelle carceri italiane. Nonostante l'indulto, si parte già da una situazione di sofferenza: oltre 49.442 detenuti a fronte di una capienza regolamentare di 43.213 posti. In questo quadro, solo il 16% delle celle sono a norma: 4.763 su 28.828, mentre circa 1.750 sono in via di ristrutturazione. Ma le medie nazionali non rappresentano i casi limite: se, infatti, a San Vittore (Milano) 242 celle su 590 hanno disponibilità di servizi igienici, a Secondigliano (Napoli) nessuna delle 802 celle ha l'acqua calda e solo 11 hanno la doccia.

I detenuti che non tollerano le sigarette, poi, devono soccombere in Campania (zero celle per non fumatori su 2.820) e Lazio (zero su 3.297). I tassi di crescita C'è da aggiungere che la ristrutturazione mancata — anche nei 5 anni in cui ha governato la Cdl è stato fatto molto poco per mancanza di fondi — ha, per così dire, perso il treno straordinario dell'indulto varato nel-l'estate del 2006 con il voto di due terzi del Parlamento. Al 31 luglio del 2006, con 60.710 detenuti presenti (quasi 18 mila in più rispetto alla capienza regolamentare) sarebbe stato impensabile avviare grandi lavori di ristrutturazione. Ma già il 31 agosto dello stesso anno, quando le presenze erano scese drasticamente a 38.847 unità, avrebbe avuto un senso avviare la manutenzione straordinaria. Da quel momento in poi le carceri italiane hanno iniziato a riempirsi nuovamente. Dal mese di ottobre 2007, i tassi di crescita della popolazione carceraria (emergenza romeni, decreto sicurezza, etc) hanno sfondato quota mille al mese per raggiungere la ragguardevole cifra di 1.308 detenuti in più registrati tra 5 novembre e il 3 dicembre. E questo vuol dire che alla fine della prossima primavera si tornerebbe a superare il tetto dei 60 mila in carcere raggiunto nella fase pre-indulto. Fine del «libro dei sogni» voluto dall'allora Guardasigilli Oliviero Diliberto? Il ministro Clemente Mastella, quando è stato tirato in ballo per gli istituti di pena non utilizzati e quelli mai costruiti, ha accusato il collega Antonio Di Pietro: «I fondi sono del ministro delle Infrastrutture, io posso indicare la collocazione dei nuovi istituti. Ma i fondi li deve destinare Di Pietro». E lo stesso Mastella ha illustrato quali e quante siano le difficoltà dell'edilizia carceraria quando, lo scorso 26 novembre, ha inaugurato l'istituto di Gela (48 celle, tutte con bagno): il carcere progettato nel '59, finanziato nel '78 con cantiere aperto nell'82, ultimato mezzo secolo dopo grazie all'impegno dei sindaci Franco Gallo e Rosario Crocetta. «Sono dieci le nuove carceri in costruzione e 28 quelle in cui ci sono lavori di ristrutturazione», riferisce il sottosegretario Luigi Manconi che cita le Finanziarie del 2001, del 2002 e del 2007 «con evidente buco nei 5 anni di governo del centrodestra». Il Dap — guidato dal direttore Ettore Ferrara e dal vicedirettore «interno» Emilio Di Somma, con la direzione detenuti affidata ancora per qualche mese a Sebastiano Ardita (magistrato) — ha fornito tempestivamente i dati sull'attuazione del nuovo regolamento del 2000 e questo, in via Arenula, viene letto come l'indice di una vera e propria rivoluzione culturale. Spiega, dunque, Manconi: «Per la prima volta il Dap fa un'autoanalisi e questo consente di immaginare una riforma dopo l'indulto perché, oggi, senza l'indulto noi saremmo a una cifra stimabile di circa 80 mila detenuti. Ovvero uno stato di totale illegalità, una situazione invivibile per quanti lavorano dentro le carceri, un inferno per i detenuti e, quindi, una situazione ad alto rischio, al limite di un possibile collasso o esplosione».

Il punto di vista del governo non collima con quello del maggiore sindacato degli agenti penitenziari (Sappe) che pure riconosce a Mastella un impegno straordinario per affidare al Corpo la creazione dei nuclei di verifica esecuzione penale esterna: ovvero le pattuglie (5-6 mila agenti in tutta Italia) che a regime controlleranno i detenuti che usufruiscono delle misure alternative. Tuttavia sul lavoro fin qui svolto nelle carceri, il segretario del Sappe Donato Capece è assai critico con il governo: «Quella dell'indulto è un'occasione perduta perché il governo si era impegnato a cambiare la faccia organizzativa del carcere. Ma qui non c'è un soldo neanche per imbiancare le celle o per pagare i "Mof" (i detenuti che attuano la manutenzione ordinaria fabbricati, ndr)». E ancora, per rimodernare gli alloggi e le mense degli agenti di Bollate (Milano), il provveditore per le carceri della Lombardia, Luigi Pagano, ha stipulato una convenzione con l'Alitalia per fare issare sul tetto del-l'istituto un grande cartellone pubblicitario visibile dalla Milano-Laghi. Ma tutto questo non basta. I diritti negati In questa situazione di precarietà, denuncia l'ong Antigone, non diminuiscono gli eventi critici. Nei primi 11 mesi del 2007 ci sono stati 52 suicidi tra i detenuti (43 quelli comunicati dagli istituti penitenziari al Dap) contro i 50 del 2006 e l'altro giorno si è suicidato nei pressi della stazione di Bologna il capo degli agenti del carcere di Modena. Nelle celle i tentativi di suicidio sono stati 116 e gli atti di autolesionismo 3.413. Se il Dap di Ferrara ha posto particolare attenzione ai «nuovi giunti» (la circolare sul trattamento dei nuovi ingressi è della scorsa estate), un carcere in cui il detenuto rimane mediamente pochi giorni ha bisogno di figure terze di controllo. Per Patrizio Gonnella («Antigone ») il Parlamento ora deve fare un altro sforzo per approvare due ddl: quello che istituisce il reato di tortura (testo già passato alla Camera e modificato in commissione al Senato) e quello del garante nazionale dei detenuti (approvato a Montecitorio).

Corriere della Sera

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mossa disperata

Post n°22 pubblicato il 18 Dicembre 2007 da demo_cratico
 
Tag: Libero

di Vittorio Feltri
A parte le solite beghe nel centrodestra e nel centrosinistra, nelle quali anche noi abbiamo inzuppato il biscotto amaro, c'è in giro un'aria strana, un cattivo olezzo. Una sorta di dire e non dire, soprattutto non dire. Un desiderio strisciante di nascondere qualcosa, di non svegliare il can che dorme. E in sottofondo un brusio. C'è chi lavora sott'acqua? Eccetto la Stampa, su cui è apparso un articolo di Federico Geremicca allarmato e allusivo, i giornali si sono adeguati parlando troppo di tutto e troppo poco della Cosa Terribile: il referendum. Che non è un vocabolo eccitante per i lettori: i plebisciti sono un genere inflazionato e improduttivo, nel senso che spesso - siano passati oppure no hanno lasciato il tempo trovato, alimentando la sensazione che non servano a un accidenti. Colpa dei radicali i quali, avendone vinti alcuni di storica importanza, si sono convinti che essi siano il loro cavallo di battaglia. Errore. Sta di fatto che fra un mese, il 16 gennaio, la Corte Costituzionale (dopo il sì della Cassazione alle firme raccolte dal comitato Segni) esaminerà e deciderà l'ammissibilità o meno dei quesiti.
Libero

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Veltroni, alt ai veleni: «Niente patti della frittata»

Post n°21 pubblicato il 18 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Nessuna frittata è prevista dal menu di Veltroni e anzi «l’alternatività a Forza Italia è un valore per la democrazia italiana». Il segretario del Partito democratico lancia un messaggio urbi et orbi: se i «piccoli» dell’Unione hanno gridato all’«inciucio» con Berlusconi e se Fini, subito spalleggiato da Casini, ha richiamato, degradandolo, il «patto della crostata», Veltroni assicura che sulla legge elettorale «non c’è un’intesa a due, nessun “patto della frittata”, c’è solo un dialogo, come succede in tutti i Paesi civili, tra forze politiche che restano alternative». Non solo. Il confronto di oggi serve proprio a «creare le condizioni» per avere in futuro «una competizione ancora più vigorosa e netta». Perché «l’alternatività fra noi e Fi è un valore, Dio ci scampi da una nebulosa confusa». E perché il bipolarismo che va affermato con la riforma elettorale, dice Veltroni smentendo ulteriormente l’ipotesi di un asse privilegiato tra Pd e Fi, «è l’esatto contrario di una confusione un po’ nebulosa dei confini, ma è un’idea anglosassone del rapporto tra interessi nazionali e contrasto politico».

Il leader del Pd presenta insieme a Prodi il libro di Antonello Soro “Sono partito democratico”, ma è inevitabile che la discussione, coordinata Lucia Annunziata, finisca per toccare il delicato tasto della legge elettorale. Prodi mette subito in chiaro che una riforma in questo campo va fatta, per garantire la governabilità, e riconosce il «valore positivo del dialogo avviato da Walter». Ma il premier aggiunge anche che in questa operazione bisogna stare attenti a non «calpestare» nessun alleato: «Il problema è garantire che questo passaggio avvenga nel rispetto della necessità di ricomposizione, di avere una voce delle forze minori esistenti». Parole accolte con soddisfazione dai “cespugli” dell’Unione, che invece apprezzano decisamente meno quanto dice di lì a poco Veltroni, e cioè che per riuscire ad approvare una nuova legge elettorale occorre che «ciascuno sia più duttile e non assuma atteggiamenti infantili del tipo “o si fa così o porto via il pallone”, come succede soprattutto da parte dei partiti più piccoli».

Gavino Angius parla di «discrepanze» tra i due, e sono in molti, nell’Udeur come nei Verdi, nel Pdci come nell’Idv e nei socialisti, a elogiare Prodi e criticare Veltroni. Il premier vuole mettere al riparo dalle tensioni provocate dalla riforma elettorale la Finanziaria, come dimostra l’aver fissato in agenda per il 10 gennaio il vertice su questo tema. Veltroni a quel vertice ci andrà chiedendo come «unica condizione» la definizione di «un sistema proporzionale che garantisca il bipolarismo». Il Vassallum non va bene? «Si parta allora dalla bozza Bianco e si lavori in Parlamento», è la proposta del leader del Pd. Perché va bene la difesa del pluralismo, ma non è possibile continuare con questo livello di frammentazione. E quindi attenzione anche al «proporzionale puro», che rischia di creare alleanze ancora più larghe.

È proprio questo sistema di alleanze eterogenee che Veltroni vuole superare. Fino al punto da ipotizzare che il Pd possa correre da solo alle prossime elezioni, a prescindere da quale sarà la legge in vigore in quel momento. «Rompere il sistema di vincoli che sono discesi per tredici anni da quel modello di mondo politico separato dalle due contrapposizioni», come dice il segretario del Pd in un’intervista al “Foglio” di oggi, servirebbe anche a segnare l’elemento di «discontinuità» necessario al Paese per superare l’attuale «crisi del sistema democratico». Da qui la sfida che Veltroni lancia a Fi e An: «Se i miei avversari dicessero in presenza del referendum, “ciascuno di noi va da solo”, introducendo per virtù personale ciò che l’assetto non ci consentirebbe, questo sarebbe un fatto molto importante». In tema di riorganizzazione delle forze politiche, inoltre, Veltroni dice al Foglio di dubitare che possa nascere una “Cosa bianca”, anche perché ha dei dubbi sul fatto che «la chiesa italiana, che ha avuto come riferimento politico un grande partito come la Dc, voglia avere come riferimento politico una forza dell’8 o 9 per cento». E anche che sarebbe molto importante che Pse e Internazionale socialista cambiassero nome aggiungendo «e dei democratici», soprattutto perché «non è vero che oggi è solo l’identità socialista che identifica il campo del centrosinistra in Europa».

L'Unità

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Veltroni: "Discutiamo sulle riformema siamo alternativi a Forza Italia"

Post n°20 pubblicato il 17 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

"L'alternatività fra noi e Forza Italia è un valore per la democrazia italiana. Dio ci scampi da una nebulosa confusa". In questi termini il leader del Pd, Walter Veltroni, smentisce l'impressione di un asse privilegiato tra Pd e Forza Italia sulle riforme. "La mia idea di bipolarismo - afferma Veltroni - è l'esatto contrario di una confusione un po' nebulosa dei confini ma è un'idea anglosassone del rapporto tra interessi nazionali e contrasto politico". Per il segretario del Pd, è il momento "di essere chiamati tutti insieme a scrivere le regole del gioco ma poi l'alternativa è ancora più netta".

Al richiamo di Veltroni ha risposto immediatamente Romano Prodi, ribadendo due punti a suo avviso ineludibili nell'attuale confronto politico. Da un lato il presidente del Consiglio mette in guardia il nuovo Partito democratico dalla tentazione di organizzarsi in correnti, dall'altro, seppure giudicando molto positivo il lavoro avviato sulla legge elettorale dal sindaco di Roma, avverte che "la riforma non può calpestare le forze minori".

"Non ho parlato di partito senza tessere - mette in chiaro il Professore - Ho parlato di evitare correnti organizzate", aggiungendo poi di aver in passato usato l'espressione "partito liquido" nel senso "che non si devono formare blocchi impermeabili, ma non senso di opacità per quanto riguarda chi ne fa parte". Il lavoro sulla legge elettorale, aggiunge, deve garantire l'obiettivo "dell'alternanza e il necessario accorpamento delle forze politiche, ma senza calpestare le forze minori e dando tempo ai vari partiti di affermare la loro identità".

La Repubblica

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Fini a FI: "Noi nel Pdl? Ma con quali regole?"

Post n°19 pubblicato il 17 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

«Ultima chiamata per Fini» ha titolato oggi "il Giornale", pubblicando un documento firmato Sandro Bondi e Fabrizio Cicchitto. E domani, sempre sul "Giornale" in edicola, il presidente di An risponde alle accuse dei dirigenti di Forza Italia che l’avevano soprattutto invitato a porre fine alle contrapposizioni e a guardare al futuro del Partito delle Libertà.

Fini replica punto per punto ma lascia solo un piccolo spiraglio al dialogo: «Dove dovrebbe avvenire - si chiede il leader di An - nei gazebo? Se, come penso la risposta è nell’assemblea costituente del nuovo soggetto, è mistificatorio sapere chi ne dovrebbe fare parte, con quali regole dovrebbe decidere, sulla base di quale documento politico discutere e su quali meccanismi democratici di funzionamento e di selezione della classe dirigente dovrebbe articolarsi il nuovo partito?».

«Se la nuova legge elettorale lascerà i partiti liberi di scegliere in Parlamento, e non davanti agli elettori, con chi governare, è prevedibile che si possano formare intese anomale, opposte a quelle naturali. Ma insinuare, come fanno Bondi e Cicchitto, che possa farlo An con il Pd, assomiglia tanto al bue che dice cornuto all’asino». Così il leader di Alleanza nazionale, in un passaggio della lettera che sarà pubblicata sul "Giornale" domani in edicola in cui replica ai dirigenti di Forza Italia che oggi hanno mosso dure critiche all’ex ministro degli Esteri.

Il Giornale

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Speciale si dimette. Prodi: «Irrituale»

Post n°18 pubblicato il 17 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Colpo di scena nel caso Speciale. Il generale si è dimesso dall'incarico di comandante della Guardia di Finanza, con una lettera inviata al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. La scorsa settimana, il Tar aveva accolto il ricorso di Speciale contro la rimozione dall'incarico decisa dal governo. A dare la notizia delle dimissioni è stato lo stesso generale della Guardia di Finanza. «Questa mia scelta, con la quale auspico di porre fine, nell'interesse del Paese, ad una inutile e vergognosa polemica - si legge nella missiva - è l'ultimo atto che, da militare, intendo fare a servizio della Guardia di Finanza e dello Stato, non desiderando più collaborare con il governo in carica». Il generale Cosimo D’Arrigo dunque è tecnicamente il nuovo (e di nuovo) comandante della Guardia di Finanza. Lo rendono noto ambienti delle Fiamme Gialle, spiegando che, benchè il Tar avesse stabilito la reintegrazione di Speciale al comando del corpo, le sue dimissioni hanno de facto riportato la situazione allo stato precedente.

«LETTERA IRRITUALE» - Duro il commento del premier Romano Prodi in merito alla missiva inviata da Speciale al Capo dello Stato. «È una lettera irrituale nella forma e nei modi che non cambia la posizione del governo. Vedremo nelle prossime ore gli aspetti procedurali da seguire» ha annunciato il premier Prodi.

INCONTRO PRODI-PADOA SCHIOPPA - La notizia delle dimissioni di Speciale era arrivata in mattinata a pochi minuti dalla conclusione di un incontro a Palazzo Chigi tra il premier Romano Prodi e il ministro del Tesoro Tommaso Padoa Schioppa proprio sull'argomento. Secondo quanto aveva preannunciato lo stesso Prodi domenica sera alla trasmissione «Che tempo che fa», l'incontro sarebbe servito serve a stabilire i termini del ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar, che ha dato ragione all'ex comandante della Guardia di finanza, il generale Roberto Speciale, contro la revoca dell'incarico.

LA LETTERA DI PADOA SCHIOPPA - Successivamente però lo Stesso Padoa-Schioppa rendeva nota la lettera di risposta a Speciale con cui accettava le sue dimissioni: «Ho ricevuto la sua lettera di dimissioni irrevocabili» e «accetto la sua manifestazione di volontà». Così ha scritto il ministro dell'Economia. Il ministro ha scritto poi che il governo «si riserva di valutare» se fare ricorso contro la sentenza del Tar e osserva che, «quand'anche si ritenesse automaticamente applicabile tale sentenza, ella avrebbe dovuto essere ricollocato in servizio, al fine di poter riprendere l'esercizio del comando. Il suo ordine indirizzato al Capo di stato maggiore della Guardia di finanza, con lettera in data 17 dicembre, è pertanto invalido».

INGRESSO IN POLITICA? - Speciale non esclude ora un suo ingresso in politica. «Finalmente sono in pensione - dice il generale ai microfoni di Agr -. Ora sto accarezzando dei progetti che valuterò in seguito» spiega, ammettendo appunto che tra le idee per il futuro c'è proprio quella di un ingresso in politica.

(audio )

Ai microfoni del Giornale Radio Rai Speciale taccia inoltre come «falsità» il presunto uso privato di aerei ed elicotteri della Guardia di Finanza. «Tutta la mia attività di servizio è documentata missione per missione. Vedranno che io ho fatto soltanto attività di servizio» ha dichiarato il generale. Dunque, nessuna leggerezza? «Ho fatto semplicemente il mio dovere rispettando le regole. Non ho niente da rimproverarmi» ha detto Speciale.

RISCATTO MORALE - Nella lettera a Napolitano Speciale parla di immagine «finalmente, risarcita e onorata». «Per me - scrive il generale - l'annullamento giurisdizionale della mia rimozione vale più di qualunque somma, perché un riscatto morale non ha prezzo. Attendo, con eguale pazienza, l'ora in cui saranno smentite le calunnie violentemente indirizzatemi contro nel tentativo, indegno, di condizionare la magistratura che doveva giudicarmi».

RISARCIMENTO - E a proposito degli scenari aperti dalla decisione del Tar, gli esperti di diritto amministrativo avevano spiegato che dopo la sentenza del Tar il generale Roberto Speciale avrebbe potuto puntare solo al risarcimento dei danni che ritiene di aver subito, ma non a tornare alla guida della Guardia di finanza, essendo andato in pensione. «Astrattamente e teoricamente - avevano sottolineato i legali di Speciale - la sentenza del Tar del Lazio dice che il generale avrebbe diritto a essere reintegrato». Secondo i legali, per reintegrare il generale Speciale «non è sufficiente il puro e semplice annullamento della revoca e la nomina del generale D'Arrigo, ma sono indispensabili atti dell'Amministrazione che riorganizzino il rientro».

DI PIETRO - Il caso Speciale ha scosso la maggioranza. Contro l'ipotesi di un ricorso del governo contro la sentenza del Tar si era espresso in mattinata Antonio Di Pietro. «Sbagliare è umano, perseverare è diabolico» ha detto il ministro delle Infrastrutture ospite a Gr Parlamento, confermando dunque il suo giudizio negativo su tutta la vicenda. «Chiedere il trasferimento - ha sostenuto - è stato un atto scorretto politicamente. Il trasferimento è stato chiesto per la sua condotta, non perchè si era opposto al trasferimento chiesto da Visco, è un'altra faccenda». «La responsabilità per quel che è successo - ha quindi aggiunto - è di tutto il governo, non solo di Padoa Schioppa. L'unica a votar contro sono stato io, la responsabilità è collegiale».

Corriere della Sera

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

«VI SPIEGO GLI ERRORI DI SILVIO»

Post n°17 pubblicato il 17 Dicembre 2007 da demo_cratico
 
Tag: Libero

di VITTORIO FELTRI

Non so se in questo periodo vi sia una cosa chiara in politica, però non c'è dubbio che se esiste uno capace di parlare in modo diretto questi è Gianfranco Fini. Che ha cominciato a frequentare la segreteria del vecchio Msi quando aveva i calzoni corti, si fa per dire. Molti conoscono le motivazioni che lo indussero a virare verso destra in un'epoca in cui la moltitudine beota approdava all'estrema sinistra spinta dal fascino irresistibile del conformismo. Casomai qualcuno non ricordasse o non sapesse, meglio precisare: Fini non è mai stato fascista, ma è sempre stato insofferente agli intruppamenti. Forse proprio per questo ha una certa ritrosia a farsi inghiottire dal partitone popolarliberale di Silvio Berlusconi. Non c'è verso di convincerlo che sarebbe magari vantaggioso. D'altronde non tocca a me farlo. Non sono neanche un Bondi o un Cicchitto né ho le gambe della Brambilla. Sicché mi sono limitato a quattro chiacchiere con lui al telefono. 

Libero

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il decreto sicurezza non cambia Napolitano forse non lo firmerà

Post n°16 pubblicato il 17 Dicembre 2007 da demo_cratico
 

Riunione di maggioranza sul decreto sicurezza nello studio di Luciano Violante, presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, alla quale ha partecipato il ministro dell'Interno Giuliano Amato. «Il governo intende approvare il decreto sicurezza senza modifiche», ha detto Amato nel corso dell'incontro con i componenti delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia, compreso la norma anti-omofobia sbagliata: nella norma, infatti, si farebbe riferimento all'articolo sbagliato del Trattato europeo (il 13 anziché l'art. 2 comma 7).

Ma secondo quanto si è appreso, il capo dello Stato Giorgio Napolitano non sarebbe intenzionato a firmare il decreto con la norma anti-omofobia sbagliata. In una lettera ai senatori della opposizione, Napolitano ha - tra l'altro - detto che la norma anti-omofobia «votata dal Senato, che contiene riferimenti erronei merita da parte mia un esame attento e rigoroso».

Martedì il provvedimento andrà all'esame dell'aula di Montecitorio. A questo punto, sul fronte del dl sicurezza le ipotesi allo studio di maggioranza e governo sono sostanzialmente due: o si lascia decadere il testo con la norma anti-omofobia sbagliata, che comunque piace sempre meno alla sinistra per quanto riguarda le espulsioni; oppure, prima che il decreto venga approvato dall'Aula alla Camera, il governo potrebbe riproporre con un altro provvedimento d'urgenza il testo della legge Mancino su "misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa" per evitare che quando entrerà in vigore il dl sicurezza si crei un vuoto legislativo e decadano tutti i processi in corso.

«Norma anti-omofobia determinante», dice il capogruppo dei Verdi-Pdci in Senato, Manuela Palermi. «Per me - dichiara il socialista Franco Grillini - la soluzione migliore sarebbe quella di far decadere questo decreto. Si avrebbero meno problemi e si eviterebbe di fare tutto questo can-can».

L'Unità

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

Contatore

Contatore utenti connessi

 
 
 

Ultime visite al Blog

ormaliberaunamamma1ninograg1sarchiaponicamenteAdelissimamanolaengelsidopaulgiomichietreceregiancarlobalduzzicacao2010akirofudoRmVoglioso72falco58dglpls_help_me
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag