Creato da genitoridiunastella il 12/03/2007

genitoridiunastella

BACHECA * Morte perinatale, intrauterina: Avvisi associazione, attività svolte, novità e tutto quello che riguarda queste meravigliose stelle.

HOME PAGE

immagine

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

GIORNATA DEL RICORDO

Il 15 0ttobre - ore 19.00
accendiamo una candela, per ricordare i nostri bambini, quelle stelle che hanno fatto parte della nostra vita e che occupano parte del nostro cuore tutti i giorni.

http://www.babyloss-awareness.org

Diffondi l'iniziativa:
banner per il tuo blog

 

TELEFONO ROSSO

06-3050077
Una linea telefonica dedicata a future e neo mamme.
E’ lo speciale servizio telefonico gratuito, il suo nome è Telefono Rosso, attivo presso l’Istituto di Ginecologia e Ostetricia dell’Università Cattolica, con il sostegno della Regione Lazio, che offre informazioni e chiarimenti “a domicilio” per la prevenzione dei difetti congeniti del neonato e una valutazione dei rischi teratogeni (fattori che possono causare malformazioni dell’embrione), per esempio derivanti dall’assunzione di farmaci in gravidanza.
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ildiariodellalindaSarettaStanto_pagliu1cassetta2peppe_randazzo2015ghionnamarcoshan.arcosimona_77rmmoon_IgenitoridiunastellaAPRIL61nonnofoffoannad93pasqualinadecesareanna85dgl9
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Quando un bambino muoreConvegno 7 e 8 settembre »

Uno spazio per la nascita, uno spazio per la morte

Post n°15 pubblicato il 23 Luglio 2007 da genitoridiunastella
 
Foto di genitoridiunastella

EDITORIALE del N.24
MARZO 1999

Ci mancano tutti e due. La nascita è compressa e rimossa nei suoi aspetti più significativi, laddove ci contamina con le sue sensazioni forti, la morte ci terrorizza e ci chiudiamo alle emozioni altrettanto forti che ci impone, rimuovendola e fuggendo.
Forse è come dice la filosofa tedesca Katharina Schenk-Mair che "la rimozione della nascita porta all'ossessione dalla morte", ma, continua, interpretando il mito di Demetra, quando rifiuta la fertilità e il rinascere della vita,  "l'atto del dare la vita, l'atto del nascere è più forte, più potente della morte, poichè la morte può nutrirsi solo di quello che è nato".
Distingue tra il "portare al mondo" e il "venire al mondo", di cui sono protagonisti due soggetti diversi e in cui vengono espressi due potenzialità diverse. La donna che perde un bambino ha comunque dato la vita, senza la quale non vi poteva essere la morte. Chi è venuto al mondo per morire, o non ha completato il suo venire al mondo, limitandolo alla vita intrauterina ha incrociato il suo percorso personale con chi l'ha accolto e gli ha offerto di essere canale per lui. Non abbandona sua madre, i suoi genitori, sempre fa sentire loro la sua vicinanza e il suo amore, e sempre lascia loro un dono. Un dono difficile da scoprire, a volte subito, a volte dopo molto tempo, alla conclusione dell'elaborazione del processo di lutto.
Altrettanto si può distinguere tra l'accompagnare nella morte e il morire.
Questo numero offre spunti per le diverse soggettività coinvolte nell'esperienza della morte: per l'ostetrica e gli altri operatori, per i genitori e i loro familiari, per il bambino deceduto. Affronta anche il tema di altre perdite come quella del handicap, quella dell'aborto volontario, mettendole in una luce un po' diversa che può, ma non deve, dare possibili punti di vista, ma che spero aiuti comunque ad ampliare lo sguardo su tematiche così vaste e incontenibili nei comuni schemi mentali.
Offre uno spazio ampio alla nascita e all'accompagnamento nella perdita, ai bisogni e diritti di tutte le soggettività coinvolte, alle emozioni profonde che le accompagnano. Nella rubrica "Il parto extraospedaliero" abbiamo riportato un'esperienza coraggiosa i cui protagonisti però hanno saputo tenere conto di una situazione di fatto e sono riusciti a viverla in prima persona tutti e tre: i genitori, l'ostetrica, il bambino morente. L'intensità del racconto con le sue valutazioni anche razionali, la coerenza espressa, non possono che toccare profondamente.
Nel centro del giornale troverete una guida per i genitori che affrontano una perdita. E' pensata come vostro strumento da dare ai genitori nel momento in cui si trovano in questa situazione. Chi ne volesse un certo numero (anche tramite la propria ASL), può ordinarla presso la redazione.
E infine questo numero vi accompagna oltre la comprensione all'accettazione e alla possibile risoluzione del lutto con la sua nuova creatività.

Verena Schmid

http://www.catpress.com/marsupioshop/index

 
 
 
Vai alla Home Page del blog