¤GIUSTIZIA POETICA*°

Penso dove non sono, e sono dove non penso.

Creato da poeticjustice il 07/07/2005
 

Statistiche di oggi

 

Vedi com'è piccolo il mondo! 
Cliccare sulle immagine per
avere maggiori dettagli
inerenti le Visite

 

Ultime visite al Blog

hurricane.67Acquamarina.0psicologiaforenseteresaf_1poeticjusticeQUELSETTIMONICKpigiucaracqua.azzurra.ffudinamiteblaIltuocognatinosara_1971signora_sklerotica_2alessias.lorenzigiaspo64Roberta_dgl8
 

Previsioni

 

Oroscopo di Oggi

immagine
Clicca sull'immagine
per leggere l'Oroscopo

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultimi commenti

VOI SIETE QUI

á
 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cats

 

I miei tesssssori!

 
á
 

MY LOVE

Ilámio Ammmore!

Il mio cucciolotto quando era piccino! (Che tenero)

Ecco il mio cucciolino da piccolo a Rimini pronto per il bagnetto!

 

 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

 

LA MIA SERA

Post n°1151 pubblicato il 01 Marzo 2015 da poeticjustice
 
Tag: Poesie

Il giorno fu pieno di lampi;
ma ora verranno le stelle,
le tacite stelle.
Nei campic'è un breve gre gre di ranelle.
Le tremule foglie dei pioppitrascorre una gioia leggiera.
Nel giorno, che lampi! che scoppi!
Che pace, la sera!
Si devono aprire le stelle
nel cielo sì tenero e vivo.
Là, presso le allegre ranelle,
singhiozza monotono un rivo.
Di tutto quel cupo tumulto,
di tutta quell'aspra bufera,
non resta che un dolce singulto
nell'umida sera.
E', quella infinita tempesta,
finita in un rivo canoro.
Dei fulmini fragili restano
cirri di porpora e d'oro.
O stanco dolore, riposa!
La nube nel giorno più nera
fu quella che vedo più rosa
nell'ultima sera.
Che voli di rondini intorno!
Che gridi nell'aria serena!
La fame del povero giorno
prolunga la garrula cena.
La parte, sì piccola, i nidi
nel giorno non l'ebbero intera.
Nè io ... che voli, che gridi,
mia limpida sera!
Don ... Don ... E mi dicono, Dormi!
mi cantano, Dormi! sussurrano, Dormi! bisbigliano, Dormi!
là, voci di tenebra azzurra
...Mi sembrano canti di culla,
che fanno ch'io torni com'era
...sentivo mia madre
... poi nulla
...sul far della sera.

(Giovanni Pascoli)

 
 
 

Etty Hillesum

Post n°1150 pubblicato il 25 Febbraio 2015 da poeticjustice
 

Il dolore ha sempre preteso il suo posto e i suoi diritti, in una forma o nell'altra.
Quel che conta è il modo con cui lo si sopporta, e se si è in grado di integrarlo nella propria vita e, insieme, di accettare ugualmente la vita.

Talvolta le molte preoccupazioni ci saltano addosso come parassiti.
Bene, allora bisogna grattarsi un po' e si diventa anche più brutti, ma uno deve pur togliersele di dosso.

 

Lasciar completamente libera una persona che si ama, lasciarla del tutto libera di fare la sua vita, è la cosa più difficile che ci sia.

La gente non vuol riconoscere che a un certo punto non si può più fare, ma soltanto essere e accettare.

 


C'è differenza tra «temprato» e «indurito».
Spesso non se ne tiene conto, oggi.

Mi sembra che si esageri nel temere per il nostro povero corpo.
Lo spirito viene dimenticato, s'accartoccia e s'avvizzisce in qualche angolino.

 

...so tutto, sono in grado di sopportare tutto, sempre meglio, e insieme sono certa che la vita è bellissima, degna di essere vissuta e ricca di significato.
Malgrado tutto.

Non sono mai le circostanze esteriori, è sempre il sentimento interiore - depressione, insicurezza, o altro - che danno a queste circostanze un'apparenza triste e minacciosa.

 

Ogni volta vorresti rifare il mondo,
invece di goderlo com'è.
È un atteggiamento alquanto dispotico.

È forse la cosa più difficile...: sapersi perdonare per i propri difetti e per i propri errori.
Il che significa anzi tutto saperli generosamente accettare.


Diario 1941-1943

 
 
 

RICORDO

Post n°1149 pubblicato il 21 Febbraio 2015 da poeticjustice
 
Tag: Dediche

 

Non mi chiedo mai dove tu sia,
è una cosa che so da sempre...
Non sei mai lontana, 
..sei qui, nel mio cuore 


PJ

 
 
 

J. Martin Kohe

Post n°1148 pubblicato il 16 Febbraio 2015 da poeticjustice
 


Il potere più grande che una persona possiede è la possibilità di scegliere.

 
 
 

Passionale

Post n°1147 pubblicato il 10 Febbraio 2015 da poeticjustice
 


WORKING HARD
FOR SOMETHING
WE DON'T CARE ABOUT
IS CALLED STRESS.

WORKING HARD
FOR SOMETHING
WE LOVE IS
CALLED PASSION.

 
 
 

LET IT SNOW

Post n°1146 pubblicato il 05 Febbraio 2015 da poeticjustice
 
Tag: Dediche

Cielo quanto adoro la neve, mi crea serenità nel profondo...

.. E poi, proprio oggi, penso sia un tuo dono! 

Auguri a te che ci sei sempre, anche se in un modo diverso.

Comunque riesci a farti sentire.

e spero tu possa ascoltare me: buon onomastico!

PJ

 
 
 

Penso, dunque sono

Post n°1145 pubblicato il 30 Gennaio 2015 da poeticjustice
 

Non c'è nulla interamente in nostro potere, se non i nostri pensieri.


(René Descartes)

 
 
 

Vincent Van Gogh

Post n°1144 pubblicato il 26 Gennaio 2015 da poeticjustice
 

Se una voce dentro di te continua a ripeterti "non sarai mai in grado di dipingere", allora dedicati alla pittura con tutto te stesso, e vedrai che quella voce sarà messa a tacere.

 
 
 

&

Post n°1143 pubblicato il 20 Gennaio 2015 da poeticjustice
 
Tag: Poesie

Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.

(Salvatore Quasimodo)

 
 
 

Mark Twain

Post n°1142 pubblicato il 15 Gennaio 2015 da poeticjustice
 

Tra vent'anni non sarete delusi dalle cose che avete fatto, ma da quelle che non avete fatto.
Allora levate l'ancora, abbandonate i porti sicuri, catturate il vento nelle vostre vele.
Esplorate.
Sognate.
Scoprite.

 
 
 
Successivi »