Community
 
vocedimegar...
   
Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« I "prodigi" di SangiovanniDietro le quinte di "Ant... »

“NAPOLI CHE CANTA”

Post n°142 pubblicato il 30 Gennaio 2007 da vocedimegaride
 

L'ULTIMO CANTO DI UNA SIRENA

di Antonio Mocciola
immagine
C’è una parola di cui troppo spesso si abusa, svilendone il significato e la portata emotiva. Questa parola è: miracolo. La musica alle volte è più potente della vita umana, e ha una forza superiore ed insondabile che va oltre il respiro, il battito, gli umori prettamente terreni. “Napoli che canta”, l’ultimo lavoro in vita di Giuni Russo, è un miracolo. Intanto perché le previsioni di vita della cantante palermitana, colpita da un tumore all’inizio del 2000, non le davano che pochi mesi. E poi perché il ritrovamento dell’omonimo film di Roberto Roberti Leone, padre del più noto Sergio, ha davvero qualcosa di magico. Confinato per decenni nei magazzini di uno studio americano, “Napoli che canta”, piccola perla muta ambientata nella Napoli del ventennio miserabile ed emigrante, uscì dall’oblio a cui l’aveva destinata la censura fascista, poco incline a tollerare immagini perdenti dell’Italia giovane e colonialista. Ma a quel film mancava la parola, anzi la Voce. E quando Paolo Cerchi Usai, direttore della George Eastman House, completò il restauro della pellicola, decise di affidare il commento musicale alla sua compatriota Giuni Russo, che con forza e volontà combatteva il suo male riuscendo ad inanellare, nel frattempo, una trionfale performance sanremese e rari, indimenticabili concerti nei luoghi più prestigiosi d’Italia. Era il 2003, per i medici Giuni sarebbe già dovuta essere Altrove.
“Napoli che canta” omaggiaimmagine Napoli, la sua solarità, la sua penombra, i suoi capricci e la sua voluttuosa vitalità. Tra i tanti omaggi che artisti non napoletani hanno reso alla città del sole, questo è sicuramente uno dei più fulgidi per spessore artistico ed umano. Non solo per la dizione quasi perfetta, non solo per la vocalità insuperabile, e neanche per una certa “fratellanza sudista” che accomuna la cantante palermitana (ma di nonno partenopeo) a Napoli. E’ che in quest’opera c’è un’Anima; un’ Anima che aveva già preso contatto con l’Eterno, e che ha tradotto in musica un messaggio superiore. Chi ha un certo tipo di sensibilità non ha difficoltà a sintonizzarsi con queste sensazioni, ma anche chi non ce l’ha può trovare in queste 30 tracce, e nelle immagini del film, diversi motivi di soddisfazione. Intanto perché si tratta di una vera e propria “suite”, composta dalla stessa Giuni con l’inseparabile Maria Antonietta Sisini, e già questo basterebbe per incuriosire un pubblico anestetizzato da prodotti industriali e tutti uguali. Ma come non apprezzare il ripescaggio di pezzi splendidi e poco noti come “Sotto ‘e cancelle” e “Serenatella a mare”, la reinterpretazione di classici come “Torna a Surriento” e “’O sole mio”, le garbate incursioni elettroniche che nulla tolgono alla classicità dell’opera (già sperimentate con il prezioso “A casa di Ida Rubistein”, L’Ottava, 1988), oppure le toccanti “O vos omnes” e “A cchiù bella”, che Giuni presta dal suo repertorio per impreziosire un disco già così intenso. E proprio “’A cchiù bella”, tratta da “’A livella” di Totò, è stata l’ultima composizione di Giuni, l’ultimo atto d’amore. Ma c’è un momento, inatteso e folgorante, che prende il cuore e lo stomaco. E’ “Invocazione”, una trama di vocalizzi di rara, struggente intensità, composta dal maestro Fedrigotti e dalla stessa Giuni.  C’è posto anche per due “ghost track”, la leggiadra “Mediterranea” e l’orientale “Sakura”, eseguite dal vivo al Teatro Zancanaro di Sacile, in Friuli, il 18 ottobre 2003 in occasione del Festival Internazionale del Cinema Muto. Fu l’ultima, grandiosa, esibizione di Giuni, una “standing ovation” indimenticabile per chi c’era, ma ben testimoniata anche dalle immagini del Dvd.
Quanto Napoli abbia saputo apprezzare quest’estremo omaggio di una grande artista non è dato sapere. Nel 2004 Giuni avrebbe dovuto esibirsi nel Chiostro di Santa Chiara, e mai “location” sarebbe stata più adatta. Ma, unitamente al Festival di Taormina, la tappa fu cancellata per colpa di una salute sempre meno salda. Resta, preziosa e immutabile, un piccolo grande capolavoro. L’amore, ricambiato, della gente ha accompagnato la vita e la carriera di Giuni Russo. A compensare questo affetto a volte persino morboso, le Istituzioni Culturali hanno sempre avuto difficoltà a riconoscere il valore artistico di Giuni, e di altri artisti meno catalogabili, meno addomesticabili alle turpi leggi di mercato. In una città che mastica con la stessa apatia delitti e canzonacce neo(?)melodiche, Giuni ha offerto un’oasi di purezza acustica, di magia rarefatta, di fulgida poesia.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: