Creato da luste.ig il 03/04/2009

fingerprint

fatti d'amore e di anarchia

 

 

« UN UOMO CHE RESTITUISCE ...ATEI CHE NON BESTEMMIANO: »

MALASANITA’?....NON SOLO!

Post n°32 pubblicato il 22 Settembre 2010 da luste.ig
 

Nell’arco di pochi giorni, veniamo informati dai media su casi di cesarei non eseguiti in tempo utile ad evitare tragiche conseguenze, sia per le madri sia per i nascituri. Sono casi che ora fanno notizia sulla scia del primo episodio, particolarmente tragico, verificatosi come conseguenza di una rissa tra due medici in sala parto; fra un po’, come in passato, casi analoghi torneranno ad essere considerati degni al massimo della cronaca condominiale. I medici vengono accusati di ricorrere troppo spesso al parto cesareo per incrementare i propri guadagni, questo potrebbe essere vero in strutture private, non ha senso in strutture pubbliche ma spinge forse i sanitari a “pensarci troppo”; non si considera che l’incremento percentuale dei parti cesarei è inevitabile nelle società dove la sanità funziona. I rari parti cesarei che venivano praticati in passato portavano frequentemente, per imperizia e scarse condizioni igieniche, al decesso della puerpera, del nascituro o di entrambi, comunque, le donne più fortunate potevano far nascere al massimo un paio di figli mentre le donne che riuscivano a partorire naturalmente spesso mettevano al mondo almeno una decina di  pargoli. Nelle nostre “civiltà occidentali”, dove la sanità funziona, sia chi partorisce col cesareo sia chi lo fa con parto naturale difficilmente fa più di due figli. Poiché una delle cause che richiedono il parto cesareo è una conformazione  a “bacino stretto”  è facile capire quali siano le conseguenze nelle generazioni successive: un aumento della frequenza (%) nella popolazione di donne con il carattere “bacino stretto” e che partoriranno con il cesareo. I medici non dovrebbero lasciarsi condizionare da accuse da parte dell’opinione pubblica se sono infondate e dovrebbero poter ricorrere al parto cesareo con la serenità necessaria a valutare correttamente i fattori di rischio legati al non intervento. Nell’opinione pubblica e quel che è più grave nella classe medica e sanitaria in generale, sono presenti, però, nei confronti delle donne che partoriscono, atteggiamenti pericolosi che risalgono ad una “cultura  arcaica” legata alla religione del ”partorirai con dolore” ed al concetto che tutto ciò che è naturale è giusto e non fa male. Il dolore del parto può e deve essere facilmente eliminato, chi soffre non può essere considerato con sufficienza, non si può imporre di partorire e di dover sopportare anche la derisione e il sarcasmo di medici, ostetriche e infermiere  che considerano  le richieste di aiuto delle esagerazioni per poi dover in fretta cercare di porre riparo ai danni procurati con la propria superficialità. Si va nelle strutture ospedaliere per essere assistite non per essere abbandonate a soffrire in un letto. Questa è l’ennesima violenza che viene ripetutamente subita dalle donne.  Mi riesce, quindi, difficile incasellare questi casi nella “malasanità”; non sono dovuti a carenze strutturali, a mancanza di personale o di presidi sanitari, sono dovuti prima di tutto a carenze culturali che considerano il parto un evento naturale che si risolve da solo, lo è ma nelle civiltà primitive dove perlomeno è un rito collettivo, nella nostra civile società diventa una violenza da sopportare in solitudine.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/lusteig/trackback.php?msg=9299270

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
frankos0
frankos0 il 23/09/10 alle 09:15 via WEB
Lavorando si sbaglia. Anche i medici ed il personale paramedico possono sbagliare, è umano. Quando pero' in un centro, in un ospedale,in una struttura sanitaria si CONTINUA a sbagliare allora si puo' parlare di malasanità. In Italia questo male è diffuso in quanto proprio CULTURALMENTE non siamo preparati. Sia come cittadini e sia come personale addetto. Con personale addetto mi riferisco a tutti i livelli anche quelli piu' bassi dove, il "posto di lavoro" non viene vissuto come al servizio della collettività ma come la collettività a servizio del proprio posto occupato. Non so se mi sono spiegato. Cioè, una volta trovato, occupato il "posto fisso" basta ! fine della storia. Poi se vado a lavorare se salto un giorno per farmi i fatti miei senza preavvisare, se i malati chiamano con il campanello chi se ne frega.Certo e per fortuna non tutta la sanità è in queste condizioni , ma si sa che fa piu' rumore un albero che cade che una foresta che cresce. Per quanto riguarda i medici anche essi fanno parte di una casta soprattutto in quelle regioni dove puo' studiare solo il figlio del facoltoso,il figlio "d'arte" che passa gli esami perchè'...non perchè meritevole. Gli infermieri entarno in base alle classifiche di don calogero e così via. Da un paese oramai sposato solo al Dio denaro e in unsettore umano come quello sanitario cosa vogliamo aspettarci? Questo è quanto si è seminato in questi anni di PESSIMA POLITICA. Svegliamoci e continuiamo a lottare per migliorare questo nostro paese anche se sto perdendo un po' di speranza in verità. Un saluto. Franco
 
 
luste.ig
luste.ig il 23/09/10 alle 16:08 via WEB
Sono completamente d'accordo con te corruzione, clientelismo e mafia non sono "altro da noi" e non saranno sconfitti finchè non cambieremo la nostra "CULTURA", un abbraccio, Ivana
 
dolly.1
dolly.1 il 23/09/10 alle 15:43 via WEB
Continuiamo a lottare per costruire un mondo giusto e vivibile.. un'impresa ardua ma fattibile. Un caro abbraccio. Dolly
 
 
luste.ig
luste.ig il 23/09/10 alle 16:12 via WEB
... gli instacabili...;-)))) un abbraccio.
 
ormalibera
ormalibera il 25/09/10 alle 22:52 via WEB
Un bel guaio oltre a tutti quelli riportati sul post, deve aggiungersi il fatto che la gravidanza oggi l'hanno trasformata in una vera e propria malattia per impinguare enormemente gli introiti dei medici che sovente possono ricorrere al cesareo programmato per assistere la propria cliente e non abbandonarla nelle mani di un "rivale". Già! per quanto ne so dalle mie parti se non sei "cliente" di xy quanto vieni ricoverata il medito yy non ti guarda neppure. La gravidanza è qualcosa di naturale ma ciò non toglie che si debba assistere le donne con parti indolore e cure e attenzione e rispetto. Un caro saluto
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 
Citazioni nei Blog Amici: 12
 

ULTIME VISITE AL BLOG

xavy10ITALIANOinATTESAPerturbabilexavier1962fioreselvatico8madame.rmclason6160manug69ormaliberaunamamma1Halmvdolly.1etnegosyrius8oessg.scafati
 

ULTIMI COMMENTI

Ieri ho perso una cara persona, ma non potevo donarti i...
Inviato da: dolly.1
il 03/07/2012 alle 21:42
 
Ti auguro ogni bene. Dolly
Inviato da: dolly.1
il 08/05/2012 alle 21:05
 
Per questo Natale voglio fare ai miei amici degli...
Inviato da: ITALIANOinATTESA
il 25/12/2011 alle 21:10
 
DOLCE SERATA. UN ABBRACCIO DAL CUORE. DOLLY
Inviato da: dolly.1
il 01/11/2011 alle 20:28
 
Purtoppo anche oggi abbiamo avuto una dimostrazione indegna...
Inviato da: dolly.1
il 14/10/2011 alle 20:46
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Le immagini inserite in questo blog sono tratte in massima parte da Internet.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

UN UOMO

 

COMUNISTI

 

IL PIÙ GRANDE

 

UN POSTO DOVE TUTTO SARÀ GIUSTO....

 

NOI NON.... SIAMO DEI

 

TU LO CHIAMI DIO

 

IN QUESTO MONDO DI LADRI

 

STUPENDA

 

A CRISTO

 

ATEI...

 

BRIGANTI...?